PUGLIA IN DIGITALE

______________________________________________________________________________________________



ARCHIVIO NEWS PUGLIA
2012


 13 DICEMBRE 2012 - Giovedì 

Ore 22.30 - ANTENNA SUD, LAVORATORI IN SCIOPERO PER TRE GIORNI: "NON CI PAGANO DA SETTEMBRE".
Lavoratori in sciopero all'emittente pugliese Antenna sud. I dipendenti lamentano di non ricevere lo stipendio ormai dalla scorsa estate e di trovarsi in forti difficoltà. Per questo motivo «garantendo comunque l’emissione delle tre edizioni giornaliere del telegiornale in forma ridotta e senza filmati - si legge in una nota - i lavoratori e i collaboratori dell'emittente dichiarano tre giorni di sciopero: il 13, 14 e 15 dicembre».
La situazione critica della telelevisione locale, i cui dipendenti devono ancora avere lo stipendio di settembre, era già emersa in tutta la sua gravità già in seguito ad una assemblea che i lavoratori avevano tenuto il 5 dicembre scorso. «Pur riconoscendo la crisi del settore - si leggeva in un comunicato - sono emerse critiche nei confronti delle scelte editoriali del nostro management negli ultimi anni». Nell'occasione dell'assemblea fu chiesto con determinazione all'azienda di pagare almeno lo stipendio di settembre «per la sopravvivenza alimentare delle proprie famiglie e per rifornire le auto di carburante», dando come limite il 12 dicembre per effettuare il pagamento. Gli stipendi non sono stati versati ed i lavoratori hanno deciso per lo sciopero.
Nei tre giorni di agitazione durante le andate in onda del telegiornale sarà fatta scorrere una scritta: «A causa del mancato pagamento degli stipendi dei mesi di Settembre Ottobre e Novembre, i lavoratori di Antenna Sud sono in sciopero fino al 15 dicembre. Scusandosi per il disservizio creato, contano sulla comprensione dei telespettatori»

Tratto da: http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia


 03 DICEMBRE 2012 - Lunedì 

Ore 15.50 - GAME OVER: LA BOLLA TELEVISIVA LOCALE E' SCOPPIATA.
Televisioni locali nel Salento: game over! Siamo all’anno zero. «Cos’è accaduto?», si chiedono alcuni politici locali. I nostri “operatori della politica”, frastornati da un’implosione improvvisa, con lo sguardo perso nel vuoto durante le conferenze stampa, amareggiati dalla deminutio di microfoni o “reggi-microfoni”, che li fa sentire più soli durante alcuni appuntamenti di propaganda, mentre un tempo li avrebbero fatti sentire dei re della ‘videocrazia’. Non bastano le mille web-tv, sorte in pochi anni, a colmare il vuoto dei nostri conferenzieri smarriti: le loro facce non vanno in tv. È finita così, con L’Atv che ci saluta, con l’addio di un altro direttore: sparisce quel terzo polo televisivo-informativo che doveva inserirsi tra Telerama, leader a Lecce e provincia, e Canale 8, leader nel sud Salento.Qualche anno fa ci eravamo illusi con le reti regionali attente al mercato salentino: venivano tutti a investire, ad aprire redazioni e televisioni, ma poi la bolla è scoppiata. Telenorba aveva aperto una mega-redazione, lanciando il suo Tg Salento: una rete quasi nazionale che aveva un grande progetto per Lecce. La storia è finita con la cassa integrazione e un ridimensionamento spaventoso della struttura: si torna ai tre giornalisti di un tempo, per dare giusto le notizie più importanti al tg di Bari. La bolla di Studio 100 è stata la prima a esplodere: dirette continue, mega-redazione, struttura all’avanguardia e tanti giornalisti (che fa sempre bene per i contributi Corecom!). Poi, niente più stipendi per mesi, i giornalisti si fermano e la proprietà li manda tutti a quel paese: cassa integrazione anche per loro e smantellamento della sede leccese, senza contare le incursioni della finanza. Ci ha provato anche Teleregione a investire nel Salento, ma è scappata via subito.
E le reti storiche? Mentre sul crollo della redazione di Canale 8 si è già detto abbastanza(stipendi non pagati, irregolarità contributive riscontrate dagli ispettori e tanto altro), Telerama resta in piedi con un piede solo, perché ha fatto ricorso alla cassa integrazione e alcune redazioni, come quella di Francavilla, hanno subito un drastico ridimensionamento. Tutto svanito, mentre la Facoltà di Scienze della Comunicazione continua a sfornare ‘presunti giornalisti’, o aspiranti tali, che non si sa dove andranno a lavorare.

La professione giornalistica sembra un hobby, popolata da zombies super titolati(con master e lauree), che lavorano gratis per siti di informazione improvvisati o per giornali nati per intascare contributi statali (senza nessuna pretesa di vendita in edicola), mentre continua a mantenerli la “borsetta di mammà”. Inutile aprire la ferita dei mille collaboratori, pagati due lire, che in realtà sono i veri autori dei grandi giornali.
Ma come siamo finiti così? Forse tutto è cominciato con la deregolamentazione, col chiudere un occhio, con una legislazione sul lavoro scandalosa, con la mancanza di controlli. Forse una mano a questa crisi dell’editoria locale l’hanno data anche le mille agenzie di comunicazione allacciate al politico di turno che, facendo da filtro, si sono mangiate gran parte delle risorse che gli enti destinano alla comunicazione, dando le briciole agli operatori dell’informazione locale. Ci sono tante concause, ma sulla crisi dell’emittenza televisiva locale è impossibile non puntare il dito sulle leggi che non hanno tutelato il pluralismo dell’informazione e la dignità della professione giornalistica e che hanno consentito a molti pseudo-imprenditori, in giro per l’Italia, di conservare frequenze e posizioni che avevano immeritatamente ottenuto con gli agganci politici della prima Repubblica.
Le tv locali dovevano essere il baluardo della controinformazione e, invece, nella migliore delle ipotesi dovranno cedere alle televendite, a redazioni esigue e a buon mercato, che produrranno notizie riciclate e di seconda mano. Un depauperamento fatale: nel Salento, attualmente, c’è un solo notiziario televisivo, prodotto con notizie di "prima mano", quello di Telerama, alla faccia del pluralismo dell’informazione e delle promesse del digitale. L’era del digitale terrestre ha spazzato via migliaia di posti di lavoro. A babbo morto qualcuno vuole interrogarsi sul perché. Forse il legislatore avrebbe dovuto riflettere sulle leggi aberranti che ha prodotto nel campo della comunicazione.
Per entrare nel digitale terrestre si richiedevano 20 dipendenti, ma si sarebbero dovuti tutelare i livelli occupazionali anche dopo, richiedendo la salvaguardia delle redazioni e bloccando sul nascere certi escamotages. Queste leggi istigano all’esercizio abusivo della professione giornalistica: in varie parti d’Italia abbiamo editori che s’improvvisano giornalisti, confezionando, con l’aiuto dei familiari, telegiornali da incubo. Intanto aspettiamo i nuovi investitori, anche nel Salento. La speranza è che qualcuno metta dei soldi su un progetto nuovo: le frequenze disponibili sono tante, ma c’è la crisi che incombe. Sarebbe stato utile, in alcuni casi, mettere all’asta le concessioni detenute da personaggi senz’arte né parte, dei veri e propri “prenditori”, che hanno pensato sempre a intascare, caricando i costi del passaggio al digitale sui lavoratori. Un’occasione mancata.
Tratto da:
http://www.corrieresalentino.it/attualita/46815-gaetano-gorgoni


 22 NOVEMBRE 2012 - Giovedì 

Ore 14.45 - TELENORBA MUX 3: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 33 TELENORBA
Mux 3:
Vi proponiamo la nuova pagina con la composizione del terzo mux dell'emittente di Conversano (Bari) TELENORBA. Da segnalare, rispetto agli altri due multiplex già pubblicati, la presenza della versione in alta definizione del canale all news Tgnorba 24 HD (LCN 512), della lombarda Top Calcio 24 (LCN 274) e della religiosa Telepace, senza numerazione LCN. Inoltre Telenorba Folk (LCN 625) non trasmette, è a schermo nero. Visualizza tutti i canali trasmessi da TELENORBA Mux 3, consultando la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping tv, con le immagini di tutti i canali. Sono disponibili anche sulle nostre pagine di PUGLIA IN DIGITALE le composizioni di TELENORBA Mux 1 (PUGLIA) e TELENORBA Mux 2 .





 13 NOVEMBRE 2012 - Martedì 

Ore 20.50 - RADIO PADANIA SBARCA IN PUGLIA, MA INTERFERISCE IDEA RADIO.
L’emittente locale Idea Radio denuncia interferenze da parte dell’emittente radiofonica della Lega Nord.
«Mentre si discute sul riordino delle province – si legge in una nota diffusa dell’emittente radiofonica Idea Radio -, se appartenere a Lecce, Taranto o Bari, mentre si discute se realizzare un’unica macro provincia o la Regione Salento, il partito di Bossi, dalla Padania per mezzo della sua espressione più diretta “RADIO PADANIA” sbarca e colonizza quella che ancora risulta essere la provincia di Brindisi, occupando e fortemente disturbando le trasmissioni di Idea Radio nel comune di Brindisi sulla frequenza dei 97.800 Mhz».
Non è la prima volta che Radio Padania attiva un impianto nel Salento per le proprie trasmissioni. Questa volta l’emissione partirebbe dal comune di Villa Castelli, che per la sua posizione sopraelevata è noto per la grande concentrazione di impianti di diffusione radiotelevisivi, di telefonia e di altri soggetti, anche militari.
Radio Padania trasmette in qualità di Radio Comunitaria Nazionale, status giuridico che le permette di attivare impianti su tutto il territorio nazionale senza acquistare le frequenze, ma semplicemente comunicando l’attivazione delle trasmissioni al Ministero delle Comunicazioni.
Unico obbligo è quello di non interferire con altri legittimi utilizzatori delle stesse frequenze. Così sorgono i problemi per le emittenti interferite, le quali, con notevole aggravio di spese, devono documentare con campagne di misure radioelettriche e perizie, le interferenze subite nell’ascolto delle proprie trasmissioni.
Idea radio si è già attivata presso il competente Ministero dello Sviluppo Economico-Comunicazioni per tutelare le proprie trasmissioni. Al contempo ha invitato il Sindaco di Villa Castelli e l’Arpa Puglia sezione di Brindisi a voler verificare se Radio Padania abbia mai inoltrato istanza per l’installazione delle antenne e dell’impianto nel comune di Villa Castelli, pregando in caso negativo di intervenire con urgenza disponendo la rimozione dell’impianto.



Tratto da:  http://news.oria.info/radio-padania-libera-sbarca-a-brindisi-radio-locale-denuncia-interferenze


 10 NOVEMBRE 2012 - Sabato 

Ore 11.00 - MUX TELEBARI: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 22 Mux TELEBARI
Pubblichiamo nella sezione PUGLIA IN DIGITALE, aggiornando le liste delle TV A BARI e delle TV A MANFREDONIA (FG), la composizione dei canali diffusi in questa regione dal mux TELEBARI, che trasmette sulla frequenza UHF 22 dalle postazioni di Via San Giorgio a Bari e di Monte Ripanno a Corato (Bari). Il multpiplex è composto da cinque canali tv, trasmette la sola TELEBARI, con LCN 12. Sulle altre quattro emittenti, TELEBARI SPORT (LCN 188), RADIOBARI TV (LCN 604), TELEBARI +1 (LCN 654) e TELETRANI (LCN 655), è presente un cartello informativo sulla loro prossima attivazione. Per conoscere tutti i dettagli consulta la nuova pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEBARI.




 08 NOVEMBRE 2012 - Giovedì 

Ore 15.25 - MUX TELE A (PUGLIA): REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 31 Mux TELE A (PUGLIA)
Pubblichiamo nella sezione PUGLIA IN DIGITALE la composizione dei canali diffusi in questa regione dal multiplex della napoletana TELE A, che trasmette sulla frequenza UHF 31. E' composto da sei canali tv e una radio, oltre alle tre emittenti presenti in tutte le regioni dove è sintonizzabile questo mux, Tele A+ (LCN 79), Tele A (LCN 80) e TV CAPITAL (LCN 118), vi sono altre tre tv partenopee CANALE 21 (LCN 117), IRIDE (LCN 292) e GRANBAZAR (LCN 635), e in più Radio Marte, senza LCN. Consulta la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux TELE A (PUGLIA).




 07 NOVEMBRE 2012 - Mercoledì 

Ore 22.50 - VIDEO-EDITORIALE DI ANTENNA SUD: LA TV LOCALE RISCHIA IL TRACOLLO TRA INDIFFERENZA E IPOCRISIA.
Vi proponiamo l'editoriale del direttore dell'emittente pugliese Antenna Sud, Mauro Denigris che racconta la difficile situazione che sta vivendo l'emittenza locale. "Molte emittenti storiche, compresa Antenna Sud, sono in grave difficoltà a causa di una serie di problemi: dalla crisi economica, al passaggio al digitale terrestre, agli enormi ritardi con cui vengono erogate le provvidenze pubbliche. Il tutto nell'indifferenza, o quasi, delle istituzioni. Una situazione drammatica non solo per chi lavora nell'emittenza, ma anche perchè a repentaglio c'è la pluralità dell'informazione".



Ore 13.25 - MUX 7 GOLD PUGLIA: ARRIVA RADIO ITALIA TV.
UHF 35 Mux 7 GOLD PUGLIA
Nei giorni scorsi nel mux 7 GOLD PUGLIA è stato attivato il canale televisivo musicale RadioItaliaTV, con LCN 70. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del multiplex 7 GOLD PUGLIA.





 03 NOVEMBRE 2012 - Sabato 

Ore 10.50 - NIENTE STIPENDIO AD ANTENNASUD, GIORNALISTI IN SCIOPERO.
I giornalisti di Antenna Sud sono in sciopero a causa del mancato pagamento di alcuni stipendi. L’Associazione della Stampa di Puglia, in un comunicato a firma del presidente Raffaele Lorusso, si dichiara al fianco dei giornalisti di Antenna Sud, che rivendicano il sacrosanto diritto alla retribuzione.
La crisi economica, che ha messo in ginocchio anche il comparto dell’emittenza locale, non può diventare l’alibi per nessuno per venir meno agli obblighi derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva. L’editore di Antenna Sud sa bene che soltanto il senso di responsabilità che ha sempre contraddistinto la redazione giornalistica, e l’azione del sindacato dei giornalisti, ha permesso di affrontare passaggi difficili e delicati della vita dell’azienda.
Nonostante la decurtazione delle retribuzioni, frutto dell’accordo sulla Cassa integrazione guadagni in deroga, i giornalisti di Antenna Sud hanno accettato con passione e dedizione la sfida del nuovo palinsesto dell’informazione, convinti che la qualità del prodotto possa rilanciare l’azienda sul mercato.
Tutto questo, purtroppo, non ha trovato riscontro nell’azione dell’editore, chiamato a rispettare i propri obblighi e gli accordi sottoscritti, e a dare certezze sulle strategie future. Il sindacato dei giornalisti pugliesi sarà al fianco dei colleghi di Antenna Sud nel tentativo di riavviare con l’azienda un dialogo senza pregiudiziali, con il solo obiettivo di consentire all’emittente di continuare a vivere in un mercato pure fortemente condizionato dal duopolio Rai-Mediaset.
In tal senso, il sindacato dei giornalisti continuerà la propria battaglia per far sì che il pluralismo dell’informazione nel settore radiotelevisivo sia effettivamente garantito dall’approvazione di riforme non più rinviabili e mirate ad impedire qualsiasi abuso di posizione dominante, soprattutto nel mercato pubblicitario.
Il sindacato giudica inoltre grave e ingiustificabile il comportamento del ministero dello Sviluppo economico, che ritardando oltre ogni ragionevole misura l’erogazione dei contributi per l’emittenza radiotelevisiva locale, relativi a parte del 2010, e a tutto il 2011, sta costringendo molti editori a chiudere i battenti, lasciando senza lavoro giornalisti e maestranze.

Tratto da: http://www.giornalisticalabria.it/2012/11/02/niente-stipendi-ad-antenna-sud-giornalisti-in-sciopero


 02 NOVEMBRE 2012 - Venerdì 

Ore 11.50 - MUX TELEFOGGIA: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 22
Mux TELEFOGGIA
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo aggiornato le liste delle tv sintonizzabili nelle località di FOGGIA, CERIGNOLA (FG) e SAN SEVERO (FG), inserendo la composizione del mux TELEFOGGIA, che trasmette sulla frequenza UHF 22 dalla postazione di Toppo della Guardia a Volturino (Foggia). Il multiplex è composto da sette canali ma trasmette solo la stessa TELEFOGGIA che è visibile con una doppia numerazione LCN, la 12 e la 73. Gli altri cinque canali TELEFOGGIA NEWS (LCN 198), TELEFOGGIA SPORT (LCN 614), TELEFOGGIA CINEMA (LCN 677), TELEFOGGIA CULTURA (LCN 679) e TELEFOGGIA ISTITUZIONI (senza LCN) non trasmettono, sono a schemo nero. Consulta la pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEFOGGIA.



 28 OTTOBRE 2012 - Domenica 

Ore 14.10 - TELENORBA MUX 2: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 59 TELENORBA
Mux 2:
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo realizzato la nuova pagina con la composizione dei canali di TELENORBA Mux 2, secondo multiplex dell'emittente di Conversano (Bari), che trasmette sull' UHF 59. Da segnalare che Telenorba 7 HD (LCN 510), Telenorba 8 HD (LCN 511), Telenorba Drink Food (LCN 641) e Telenorba Fiction (LCN 642) non trasmettono, sono a schermo nero. Per conoscere tutti i canali sintonizzabili consulta la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV di TELENORBA Mux 2.





 08 OTTOBRE 2012 - Lunedì 

Ore 22.35 - MUX TELEDAUNA: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 28 Mux TELEDAUNA:
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo aggiornato le liste delle TV A FOGGIA, delle TV A CERIGNOLA (FG), e delle TV A SAN SEVERO (FG), inserendo la composizione del mux dell'emittente foggiana TELEDAUNA, che trasmette sulla frequenza UHF 28. Il multiplex è composto per il momento da un solo canale, la stessa TELEDAUNA, con la numerazione LCN 87. Consulta la nuova pagina con la griglia canali e lo z@pping TV del mux TELEDAUNA.



 06 OTTOBRE 2012 - Sabato 

Ore 19.50 - MUX TELEDEHON: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV, ARRIVA TRM MATERA.
UHF 53 Mux TELEDEHON:
Continuiamo ad implementare con i mux locali le liste delle tv ricevibili nelle varie località che potete visualizzare nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE, questa volta abbiamo realizzato la griglia dei canali e lo z@pping TV dell'emittente TELEDEHON di Andria (Bari), che trasmette sulla frequenza UHF 53. Da pochi giorni su questo multiplex è arrivata la materana TRM, con la numerazione LCN 171, dopo aver abbanodonato il mux VIDEO ITALIA PUGLIA (CONSORZIO DVB-T). Sono presenti oltre Tele Dehon (LCN 18) anche TR San Severo (LCN 99), TR Acli (LCN 112), e cinque canali tematici di Tele Dehon (con LCN 191, 607, 661, 662, 663), ma non trasmettono, sono a schermo nero. Consulta la nuova pagina con i dettagli tecnici e le immagini dei canali del mux TELEDEHON.



Ore 19.20 - MUX VIDEO ITALIA PUGLIA (CONSORZIO DVB-T): REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV, ARRIVANO DUE NUOVI CANALI DI TRM MATERA.
UHF 29 Mux VIDEO ITALIA PUGLIA (CONSORZIO DVB-T):
Abbiamo realizzato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux VIDEO ITALIA PUGLIA (CONSORZIO DVB-T), che trasmette sulla frequenza UHF 29, segnalando che da alcuni giorni è stata ampliata l'offerta digitale della tv materana "TRM Radiotelevisione del Mezzogiorno" con l'aggiunta delle due nuove emittenti TRM Show (con LCN 296) e TRM Story (con LCN 638). E' stato eliminato il canale principale TRM, che aveva la numerazione LCN 171, ma ha cambiato soltanto mux, si è spostato, sempre con la stessa LCN 171, in quello di TELEDEHON, che irradia sulla frequenza UHF 53. Vi alleghiamo un video nel quale si mostra l'annuncio in sovrimpressione su TRM dei due nuovi canali. Tutto questo vale solo per la regione Puglia, per quanto riguarda la Basilicata le trasmissioni continuano nel loro mux come scritto nel proprio sito ufficiale: www.trmtv.it/home/canali-digitali. Consulta la nuova pagina con i dettagli tecnici e le immagini dei canali del mux VIDEO ITALIA PUGLIA (CONSORZIO DVB-T).





 03 OTTOBRE 2012 - Mercoledì 

Ore 11.20 - MUX DELTA TV: STUDIO 100 DIVENTA PROVVISORIO.
UHF 21 Mux DELTA TV:
A breve il canale STUDIO 100 verrà eliminato dal mux DELTA TV, sintonizzabile sull' UHF 21, ed è già stato ridenominato STUDIO 100 PROVVISORIO, copiando l'idea da Mediaset. Da segnalare che STUDIO 100 ha un volume più basso e un ritardo di 4 secondi rispetto a quello che viene trasmesso nel mux CANALE 7.


Ore 10.45 - MUX CANALE 7: ARRIVANO STUDIO 100 E LA TV DEL BENESSERE.
UHF 28 Mux CANALE 7:
Il mux di CANALE 7, sintonizzabile sull' UHF 28, da qualche giorno vede la presenza di quattro nuovi canali, oltre a Canale 7 (LCN 74) e a 7 Plus (LCN 195): si tratta dell'emittente tarantina STUDIO 100 (LCN 15), presente anche nella sua versione "splittata" per il pubblico Brindisino con STUDIO 100 UNO (LCN 187) e STUDIO 100 TRE (LCN 651), differenziata per alcune trasmissioni come ad esempio alcune edizioni del telegiornale; e di TVB, La Tv del Benessere, nuovo canale tematico con LCN 87.
Il multiplex ha anche cambiato la modulazione da QPSK in 64QAM, ed è ora composto così:



15 - STUDIO 100
74 - Canale 7
87 - TVB
187 - STUDIO 100 UNO
195 - 7 Plus
651 - STUDIO 100 TRE

Consulta la pagina la griglia dei canali aggiornata del mux CANALE 7.


 30 SETTEMBRE 2012 - Domenica 

Ore 23.55 - MUX ANTENNA SUD: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 45 Mux ANTENNA SUD:
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo aggiornato le liste delle tv inserendo la composizione del mux dell'emittente radio televisiva barese ANTENNA SUD, che trasmette sulla frequenza UHF 45. Il multiplex contiene undici emittenti tv e una radio. Consulta la nuova pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux ANTENNA SUD.



 29 SETTEMBRE 2012 - Sabato 

Ore 14.35 - IL DIRETTORE DI CANALE 8 SI DIMETTE IN DIRETTA TV.
LECCE – Clamorose dimissioni in diretta televisiva per il direttore del “Tg8”, Gaetano Gorgoni. Al grido “E’ venuta l’ora di dire la verità”, in apertura di telegiornale il giornalista ha annunciato le proprie dimissioni da direttore responsabile dell’emittente salentina “per difendere la mia dignità di giornalista e per dire no alla precarizzazione del lavoro e alle ingiustizie che in questo ultimo anno hanno dovuto subire tutti i lavoratori di Canale 8. C’è chi è stato sfrattato da casa – ha detto Gorgoni – perché qualcuno ha deciso di arretrarsi con gli stipendi di ben otto mesi. La proprietà ha deciso di far pagare a noi il prezzo di una gestione fallimentare”.
Nella sua lunga lettera d’addio, dopo cinque anni di lavoro, Gaetano Gorgoni, giornalista professionista dal 20 dicembre 2010, ha denunciato, tra l’altro, “il mancato pagamento degli stipendi da dicembre 2011, la mancata corresponsione delle ultime due tredicesime mensilità e del rimborso richiesto nella dichiarazione dei redditi, l’utilizzo in redazione di due “redattrici” non iscritte all’Ordine dei giornalisti e pagate con ritenuta d’acconto di 300 euro al mese”.
Gorgoni ha, inoltre, annunciato che gli ultimi due giornalisti in servizio non si presenteranno più al lavoro per via del mancato pagamento delle spettanze. Nata nel 1986, su iniziativa dell’editore Antonio Cazzato, Canale Otto è un’emittente televisiva del Salento di proprietà dell’omonimo gruppo che comprende anche la radio “Rete Otto”.




 22 SETTEMBRE 2012 - Sabato 

Ore 18.20 - TELENORBA MUX 1 (PUGLIA): REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 27 TELENORBA
Mux 1 (PUGLIA):
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo realizzato la nuova pagina con la composizione di TELENORBA Mux 1 (PUGLIA), emittente radio televisiva di Conversano (Bari), che trasmette sull' UHF 27. Per conoscere tutti i canali sintonizzabili consulta la griglia canali e lo z@pping TV del multiplex TELENORBA Mux 1 (PUGLIA).



 14 SETTEMBRE 2012 - Venerdì 

Ore 10.00 - MUX 7 GOLD PUGLIA: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 35 Mux 7 GOLD PUGLIA:
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo aggiornato la lista delle TV A BARI, delle TV A FOGGIA, delle TV A CERIGNOLA (FG), delle TV A MANFREDONIA (FG), e delle TV A SAN SEVERO (FG), inserendo la composizione del mux regionale 7 GOLD PUGLIA, che trasmette sul canale 35 UHF. Il multiplex contiene dieci emittenti tv, di cui un duplicato di 7GOLD senza numerazione LCN, e due canali dati a schermo nero, senza nominativo e senza LCN. Consulta la nuova pagina con la griglia dei canali, i dettagli tecnici, i loghi e le immagini con lo z@pping TV del mux 7 GOLD PUGLIA.



 13 SETTEMBRE 2012 - Giovedì 

Ore 12.55 - MUX CANALE 7: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 28 Mux CANALE 7:
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo aggiornato la lista delle TV A BARI inserendo la composizione del mux CANALE 7, emittente televisiva di Monopoli (Bari). Il multiplex trasmette dalla postazione di Pozzo Maccheroni a Cassano delle Murge (Bari) e da Impalata a Monopoli (Bari) sul canale 28 UHF e contiene due emittenti tv, Canale 7 con la numerazione LCN 74 e 7 Plus con LCN 195. Consulta la nuova pagina con la griglia dei canali, i dettagli tecnici, i loghi e le immagini con lo z@pping TV del mux CANALE 7.


Ore 12.45 - MUX AMICA 9 TV: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 28 Mux AMICA 9 TV:
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo aggiornato la lista delle TV A MANFREDONIA (FG) inserendo la composizione del mux AMICA 9 TV, emittente televisiva di Barletta (BAT). Il multiplex trasmette dalla postazione di Monte Ripanno a Corato (Bari) sul canale 28 UHF e contiene una sola emittente tv, la stessa AMICA9 TV con la numerazione LCN 91. Consulta la nuova pagina con la griglia dei canali, i dettagli tecnici, i loghi e le immagini con lo z@pping TV del mux AMICA 9 TV.



 12 SETTEMBRE 2012 - Mercoledì 

Ore 20.15 - PROVINCIA DI FOGGIA: REALIZZATE LE LISTE DELLE TV A CERIGNOLA, MANFREDONIA E SAN SEVERO.
Nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo realizzato le pagine con l'elenco dei mux sintonizzabili in tre località della provincia di Foggia.
Nelle
nuove liste delle TV A CERIGNOLA (FG), delle TV A MANFREDONIA (FG), e delle TV A SAN SEVERO (FG), potete consultare le composizioni e lo z@pping TV di tutti i mux nazionali e di alcuni
mux locali; quelli mancanti sono in corso di realizzazione e saranno aggiunti nelle prossime settimane.
Segnaliamo che sull' UHF 34 del Mux RADIO NORBA TV è presente il segnale ma non viene sintonizzato nessun canale.




 06 SETTEMBRE 2012 - Giovedì 

Ore 23.40 - GUAGNANO (LE): E' ARRIVATA TV ELLE SUL 186.
TV Elle, l’emittente di Guagnano Informa, è finalmente sbarcata sui vostri televisori.
A seguito degli accordi intercorsi con TeleRegione, stanno per giungere a termine i lavori che faranno apparire la “costola” televisiva di Guagnano Informa sul digitale terrestre.
Le news, l’attualità, la cronaca, lo sport, gli appuntamenti più importanti riguardanti le province di Lecce, Brindisi e Taranto, saranno le prerogative di TV Elle, il cui logo, completamente rinnovato, è già ben visibile sul canale 186 del vostro apparecchio.
Preparatevi, dunque, ad accogliere le nuove rubriche d’informazione di TV Elle sul canale 186.
Tutti coloro che non riescono a visualizzarlo, possono procedere alla risintonizzazione del proprio decoder.

Tratto da: http://www.guagnanoinforma.net


 03 AGOSTO 2012 - Venerdì 

Ore 11.50 - ACCESO IL MUX 1 RAI DA SCIALE DEGLI ZINGARI A MANFREDONIA.
PROBLEMI digitale a Manfredonia: “acceso ieri mattina in via sperimentale, dalla postazione Mediaset di Sciale degli Zingari, il Mux 1 RAI, sul ch 32″. A dirlo gli esperti del sito digitale terrestre Manfredonia.
“Dopo mesi di misure prove e vari disservizi, la RAI ha deciso di trovare la soluzione, probabilmente la più ottimale, installando un Gap filler, mini ripetitore, nelle vicinanze, per coprire Manfredonia in modo uniforme ed evitare quelle fastidiose assenze di segnale, che tanto in questi mesi hanno fatto irritare i sipontini”.

“Aveva visto bene Mediaset, che fin dal 24 Maggio, per evitare problemi di copertura su Manfredonia, aveva installato spendendo non poco, il mini ripetitore a Sciale degli Zingari, che ad oggi dopo vari aggiustamenti, copre perfettamente Manfredonia, tutti i giorni interrottamente senza problemi. Ora arriva anche la RAI, che per evitare ulteriori spese, a tempo di record è riuscita a farsi ospitare proprio sul quel ripetitore, col il suo MUX 1 ch 32, quello per cui ha l’obbligo di copertura, quasi totale dell’intero territorio italiano”.

Se la sperimentazione avrà esito positivo l’intervento dovrebbe rimanere stabile; in caso contrario “si cercheranno altre soluzioni”, chiudono gli esperti di digitale terrestre a Manfredonia, i quali ricordano che “per avere una visione ottimale dei canali Mediaset e da oggi anche del Mux 1 RAI, bisogna puntare, con strumentazione opportuna, un antenna direttiva sul sciale degli Zingari a 180 gradi, altrimenti ci potrebbero essere dei disservizi e la colpa di certo non sarà più della cara Mamma RAI”.

Tratto da: http://www.statoquotidiano.it/02/08/2012/problemi-digitale-acceso-il-mux1-rai-da-sciale-degli-zingari-focus


 31 LUGLIO 2012 - Martedì 

Ore 23.25 - TELEBLU: LICENZIATO UN GIORNALISTA.
FOGGIA – Il giornalista Piero Russo rifiuta la riduzione del 30 percento dello stipendio, proposta dall’editore di Teleblu, Potito Salatto, e viene licenziato in tronco.
A denunciare “il comportamento dell’editore di Teleblu, che dopo aver cercato invano di convincere il sindacato dei giornalisti a sottoscrivere una deroga al contratto nazionale di lavoro che avrebbe peggiorato il trattamento economico dei giornalisti, ha licenziato in maniera illegittima e arbitraria il collega Piero Russo” è l’Associazione della Stampa di Puglia presieduta da Raffaele Lorusso.
“Interrotta la trattativa – ricorda Lorusso – l’editore ha deciso di testa propria, senza neanche fare ricorso agli ammortizzatori sociali già utilizzati da altre emittenti in difficoltà”.
“Evidentemente – afferma il presidente dell’Assostampa – il signor Salatto crede di essere il padrone delle ferriere, ma scoprirà presto che si sbaglia. Del suo comportamento e di un licenziamento chiaramente illegittimo risponderà infatti nelle sedi competenti”.
Il sindacato dei giornalisti sosterrà, infatti, “ogni azione a tutela dei diritti e della dignità professionale del collega Piero Russo e degli altri giornalisti di Teleblu, denunciando in ogni sede l’atteggiamento prevaricatore dell’editore”.

Tratto da: http://www.giornalisticalabria.it/2012/07/28/%E2%80%9Cillegittimo-licenziamento-del-giornalista-piero-russo


 29 LUGLIO 2012 - Domenica 

Ore 23.30 - MUX DELTA TV: ELIMINATE LE LCN DAI CANALI A SCHERMO NERO.
UHF 21 Mux DELTA TV:
Abbiamo modificato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux DELTA TV in quanto ai sei canali a schermo nero è stata tolta la numerazione LCN, SPAZIO DELTA non ha più il 19, DELTA MARKET rinominato in MARKET TV non ha più il 216, e i quattro canali TEST ora non occupano più le posizioni 20, 21, 22 e 23.



 21 LUGLIO 2012 - Sabato 

Ore 21.55 - MUX TBM CITY: ATTIVATO A VOLTURINO (FG).
UHF 41 Mux TBM CITY:
Da alcuni giorni è stato attivato sul canale 41 UHF dalla postazione di Volturino (Foggia) il mux TBM CITY, che contiene i seguenti sette canali:
71 - Teleradiopadrepio (Barre colorate)
92 - Canale 88 teleradioerre (Segnale di Teleradioerre)
212 - TBM City
618 - teleradioerre TNEWS
687 - TSPORT teleradioerre (Schermo nero)
688 - Tshop
689 - TNET (Schermo nero)

Abbiamo aggiornando la lista delle TV A FOGGIA.



 20 LUGLIO 2012 - Venerdì 

Ore 17.00 - MUX DELTA TV: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 21 Mux DELTA TV:
Grazie alla collaborazione di Filippo di Bari, nella sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE abbiamo realizzato, aggiornando le liste TV A BARI e TV A FOGGIA, la nuova pagina con la composizione del mux DELTA TV di Casamassima (Bari), che trasmette sul canale 21 UHF. Da segnalare che sono presenti 4 canali TEST a schermo nero che occupano abusivamente le posizioni LCN 20, 21, 22 e 23. Sono a schermo nero anche SPAZIO DELTA (LCN 19) e DELTA MARKET (LCN 216), inoltre SPAZIO TV (LCN 631) trasmette senza logo. Per conoscere gli altri canali presenti consulta la griglia canali e lo z@pping TV del multiplex DELTA TV.



 17 LUGLIO 2012 - Martedì 

Ore 14.05 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A FOGGIA.
Nella nostra sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE, grazie alla collaborazione di Fabrizio di Foggia, abbiamo realizzato la lista delle tv ricevibili nel capoluogo pugliese. Per il momento è possibile consultare la composizione dei mux nazionali, nei prossimi giorni la implementeremo con la griglia e gli z@pping tv di tutti i multiplex locali. Consulta la nuova pagina delle TV A FOGGIA.


 10 LUGLIO 2012 - Martedì 

Ore 11.00 - COMUNE MANFREDONIA (FG) CONFERMA: DIFFICOLTA' PER SEGNALE DIGITALE; NUOVO RIPETITORE.
Manfredonia – “IL segnale del Digitale Terrestre ha notevoli difficoltà nel raggiungere le abitazioni dei sipontini. I tecnici intervenuti hanno suggerito di installare in zona un ripetitore più confacente alle necessità dell’area, ma ogni decisione al riguardo potrà essere presa solo dalla sede centrale”. Così da una nota dell’Ente, dopo le proteste da giorni dei cittadini.
Proteste inviate al Sindaco Riccardi che ha scritto alla RAI ed a Mediaset per chiedere se fosse possibile intervenire per assicurare una fruizione più consona dell’apparecchio televisivo, tramite segnale digitale. I dirigenti del servizio pubblico rappresentato dalla RAI hanno mostrato “solerzia e tempestività” e si sono recati a Manfredonia per “verificare la qualità del segnale”. Da qui è stata installata un’antenna commerciale, sul tetto del Municipio, collegata ad un registratore automatico dei parametri del segnale digitale terrestre RAI che è rimasto attivo per una buona decina di giorni, 24 ore su 24, per verificare l’andamento nel tempo della qualità del segnale.

La strumentazione è stata portata via proprio in questi giorni dai tecnici RAI, guidati da Vincenzo Tesoro, ed ora i dati raccolti saranno interpretati in ogni loro aspetto dalla direzione centrale di Roma. Le prime risultanze, per le quali non c’è bisogno di attendere quanto sarà valutato dalla sede centrale, sono comunque chiare e non danno adito a dubbi, dicono da Palazzo San Domenico: “il segnale del digitale terrestre ha notevoli difficoltà nel raggiungere le abitazioni dei sipontini. I tecnici intervenuti hanno suggerito di installare in zona un ripetitore più confacente alle necessità dell’area, ma ogni decisione al riguardo potrà essere presa solo dalla sede centrale”.

Salta incontro tra tecnici RAI ed antennisti installatori locali. Saltato al momento l’incontro tra i tecnici RAI stessi e gli antennisti installatori manfredoniani. La priorità è quella di risolvere gli acclarati problemi di trasmissione del segnale, soltanto successivamente si potrà rinnovare tale richiesta e trovare il momento più propizio per uno scambio di informazioni e suggerimenti.


Segnale tv RAI; antenna per testing sopra palazzi Comune Manfredonia.
Tratto da: http://www.statoquotidiano.it/09/07/2012/comune-conferma-difficolta-per-segnale-digitale-nuovo-ripetitore

Ore 10.40 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A BARI.
Nella nostra sezione regionale PUGLIA IN DIGITALE, grazie alla collaborazione di Filippo di Bari, abbiamo realizzato la lista delle tv ricevibili nel capoluogo pugliese. Per il momento è possibile consultare la composizione dei mux nazionali, nei prossimi giorni la implementeremo con la griglia e gli z@pping tv di tutti i multiplex locali. Consulta la nuova pagina delle TV A BARI.


 07 LUGLIO 2012 - Sabato 

Ore 11.20 - MONOPOLI (BA): EMITTENTE TV EVADE IL FISCO PER 4,3 MILIONI DI EURO.
MONOPOLI (Bari) – Militari della compagnia di Monopoli della Guardia di Finanza in una verifica fiscale nei confronti di un’emittente televisiva della zona hanno scoperto un’ingente evasione fiscale finalizzata anche al conseguimento dei contributi pubblici per l’editoria erogati tramite il Comitato regionale per le comunicazioni.
I militari hanno eseguito una minuziosa ricostruzione delle movimentazioni tra le tre società, accertando l’emissione e l’utilizzazione di fatture false per spot pubblicitari e prestazioni di servizio mai avvenute, per un totale di oltre 4,3 milioni di euro.
A conclusione degli accertamenti, è stato proposto il recupero a tassazione di un imponibile pari a 1,5 milioni di euro ai fini delle imposte dirette e oltre 450.000 euro ai fini Iva.

Tratto da: http://www.giornalisticalabria.it/2012/07/05/monopoli-tv-locale-evade-il-fisco-per-43-milioni-di-euro


 01 LUGLIO 2012 - Domenica 

Ore 06.40 - PER IL SEGNALE TV LA RAI INTERVIENE A MANFREDONIA (FG).
MANFREDONIA – Fscendosi interprete delle lamentele avanzate da una buona parte della cittadinanza circa il segnale digitale terrestre TV, ora distorto ora assente del tutto, il Sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, aveva inviato una lettera di protesta alla RAI chiedendo di intervenire rapidamente per non privare i cittadini di un servizio pubblico assai seguito.
E la RAI non si è fatta attendere. Una squadra di tecnici è stata inviata a Manfredonia per studiare la situazione e predisporre gli eventuali interventi correttivi. A tal fine è stata installata sul tetto del Municipio una antenna commerciale collegata ad un registratore automatico dei parametri del segnale digitale terrestre RAI che resterà attivo per diversi giorni, 24 ore su 24, in modo da verificare l’andamento nel tempo della qualità del segnale.

Sempre su richiesta del Sindaco Riccardi, i tecnici RAI guidati da Vincenzo Tesoro, si sono detti disponibili ad incontrare gli installatori antennisti abilitati per informarli sull’uso delle nuove tecnologie adottate. Gli interessati potranno far pervenire le proprie adesioni all’Associazione Artigiani o al vice Sindaco Matteo Palumbo

Tratto da: http://www.statoquotidiano.it/27/06/2012/per-il-segnale-tv-insufficiente-la-rai-interviene


 24 GIUGNO 2012 - Domenica 

Ore 17.25 - CERIGNOLA (FG): IL SEGNALE RAI C'E', BISOGNA CHIAMARE L'ANTENNISTA.
Sono terminati nella serata di ieri i controlli effettuati dai tecnici della Rai a Cerignola, accompagnati anche da un funzionario del Ministero per lo sviluppo economico. Così come successo nella mattinata la ricezione del segnale del digitale terrestre sembra essere abbastanza buona nella nostra città. Eppure sono in molti a lamentare una serie di disguidi che stanno costringendo, tra le altre cose, a rinunciare alle partite dell’ Europeo di calcio. E proprio a poche ore dall’attesissima Italia – Inghilterra, vi proponiamo le dichiarazioni di uno dei tecnici della Rai che, agli utenti del servizio pubblico, ha rilasciato i seguenti consigli: «Abbiamo appurato che il segnale a Cerignola sostanzialmente c’è ed è anche di buon livello. – dichiara a Lanotiziaweb - Il consiglio che posso dare è questo: chiamate un antennista. Fatelo venire munito di un misuratore di campo. Con questo strumento sarà possibile capire verso che direzione orientare la vostra antenna: o verso Monte Caccia o verso Monte Sambuco, che sono i due ripetitori dai quali Cerignola riceve il segnale. Penso che gran parte dei problemi si risolveranno in tal modo». Chi lo doveva dire… ? Italia – Inghilterra dipenderà da Monte Caccia – Monte Sambuco.
Tratto da: http://www.lanotiziaweb.it/24/06/2012/digitale-il-segnale-ce-secondo-la-rai-bisogna-chiamare-lantennista


 23 GIUGNO 2012 - Sabato 

Ore 22.10 - TECNICI RAI A CERIGNOLA: SI PROVA A RISOLVERE IL PROBLEMA DEL DIGITALE.
Sono arrivati in mattinata e rimaranno a Cerignola almeno fino a stasera. Sono i tecnici della Rai che, giunti direttamente da Bari, a bordo di un furgoncino dotato dell’apparecchiatura adatta a captare la presenza e la qualità del segnale, stanno monitorando la nostra città per capire se l’allarme digitale terrestre sia una bufala o se, invece, ci sia un problema reale ed eventualmente trovare le soluzioni più adatte. Per una città, Cerignola, che, lo ricordiamo, si “appoggia” su due ripetitori: quello di Monte Sambuco (in direzione Volturino) e quello di Monte Caccia (tra Minervino e Spinazzola). Stamattina i tecnici Rai hanno cominciato il loro tour da via Maria Ausiliatrice, per poi passare per via Stresa ed, infine, arrivare in via Anagni (traversa di via Melfi). La procedura è semplice: il furgoncino resta giù per captare il segnale nella zona di riferimento, mentre due tecnici si recano direttamente nelle abitazioni per verificare il singolo apparecchio. Una procedura utile sopratutto per capire se sia il segnale a mancare o se, semplicemente, ci sia stato un non corretto utilizzo del televisore. Ed in effetti, proprio nella mattinata, diversi sono stati i casi in cui una semplice risintonizzazione dei canali ha risolto la faccenda. Eppure l’allarme resta.
Uno degli abitanti di via Maria Ausiliatrice dichiara a Lanotiziaweb: «Devono venire la sera, non adesso. Noi la mattina riusciamo a vedere sempre tutto, poi in serata, proprio quando stanno per cominciare le partite dell’Europeo di calcio, il segnale va via». Ed è per questo che proprio stasera i tecnici torneranno nelle abitazioni perlustrate in mattinata, per controllare se, nel frattempo, la qualità del segnale ha subito delle oscillazioni. San Samuele e Cimitero sembrano essere nelle stesse condizioni. «Ieri, finalmente, ho visto Germania – Grecia, la mia prima partita di questo Europeo» – ci racconta un residente di San Samuele. Mentre la zona Castello dimostra come il segnale copra la città davvero a macchia di leopardo: «Dove abito io è la parte più alta di Cerignola – si lamenta un giovane commerciante -, si dovrebbe vedere meglio che da altre parti. Eppure non ho visto niente, nemmeno ieri sera. Il bello è che il mio vicino, invece, si sta vedendo in beata tranquillità tutto l’ Europeo. O vado a casa sua o mi collego ad Internet».
I controlli di stamattina, lo ricordiamo, giungono dopo che il Comune di Cerignola, nelle persone del sindaco Antonio Giannatempo e dell’assessore Rosario Spione, avevano diffidato la Rai e il Ministero per lo Sviluppo Economico a risolvere il problema. E proprio Rosario Spione si è dimostrato il più attivo in tal senso seguendo le operazioni di stamani passo dopo passo: «Ho chiamato in continuazione in questi giorni al centralino del Ministero – rivela il neo assessore -, mi hanno fatto aspettare diverso tempo, rimbalzandomi da un numero all’altro. Ho insistito, però, e ieri mi è arrivata la notizia che i tecnici Rai avrebbero effettuato un sopralluogo. Siamo riusciti a smuovere qualcosa: ci dicano loro,adesso, se il problema dipende dal segnale del digitale e se sono in grado d’intervenire». Noi, intanto, vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

Tratto da: http://www.lanotiziaweb.it/23/06/2012/tecnici-rai-a-cerignola-si-prova-a-risolvere-il-problema-del-digitale

Ore 10.40 - IL TAR DEL LAZIO RESPINGE L'ANNULLAMENTO LCN INTENTATO DA TELENORBA.
Il TAR del Lazio ha respinto la domanda incidentale di sospensione
della numerazione LCN per il Molise, Puglia e Basilicata, intentato dalla superstation di Conversano (BA) TeleNorba. Pubblichiamo l'estratto della sentenza datato 21 giugno 2012. Ad oggi comunque i canali TeleNorba 7 e TeleNorba 8 continuano comunque ad occupare le LCN 7 ed 8.



Update ore 16.00: TELENORBA 7 e TELENORBA 8 hanno liberato le LCN 7 ed 8, ora occupano rispettivamente le LCN 10 ed 11.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Roma/Sezione%201/2012/201203606/Provvedimenti/201202171_05.XML





 22 GIUGNO 2012 - Venerdì 

Ore 12.50 - SWITCH OFF: CERIGNOLA DIFFIDA RAI E MINISTERO.
Che qualcosa fosse andato storto l’utenza televisiva di Capitanata se n’era accorta sin dal 18 maggio scorso, giorno del passaggio ufficiale al digitale terrestre. E se in alcuni comuni (Alberona e zona di Volturino) i canali sono subito spariti del tutto, nei giorni successivi la reale situazione di ricezione del segnale è divenuta chiara anche a Lucera, dove non tutte le antenne ricevono alcuni canali, specie quelli Rai e delle emittenti foggiane, e Mediaset in misura minore. Col passare del tempo si è avuto anzi un peggioramento, con un ulteriore indebolimento del segnale, soprattutto quando a passare al digitale è stata la provincia di Bari. Anche ieri mattina Luceraweb ha ricevuto nuove segnalazioni dal quartiere Porta Foggia, dove ormai i canali Rai sono non visibili da oltre un mese. Ma sono tante le strade della città, dal centro storico alla periferia, dove una specie di cono d’ombra impedisce la corretta ricezione ad interi stabili.
E se i tecnici continuano a ripetere che il problema principale è sempre riconducibile allo spegnimento del ripetitore di Monte Celano, che bisogna avere pazienza e che si sta lavorando all’adeguamento (anche se ancora non è chiaro perché non sia stata effettuato per tempo), c’è chi nei giorni scorsi ha deciso di ricorrere alle vie legali. È il caso di Cerignola, dove il sindaco Antonio Giannatempo denuncia il grave disagio che stanno vivendo i suoi concittadini, specie in questo periodo, non riuscendo a godersi nemmeno le partite degli Europei.
Pertanto ha inviato al Dipartimento per le Comunicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico e alla Rai una “Diffida per possibile interruzione di Pubblico Servizio – art. 18 Regolamento del MSE 14/11/2008 e del D.Lgs. n.262/1999″, firmata a suo nome e dell’assessore ai Servizi sociali del Comune ofantino Rosario Spione.
“Anche l’amministrazione comunale di Cerignola, dopo quella di Manfredonia – spiega in una nota il primo cittadino - si ‘ribella’ al carente servizio offerto dalla piattaforma digitale terrestre. Nella fattispecie detto fenomeno di drastica interruzione delle trasmissioni, prevalentemente di quelle relative ai canali Rai e Mediaset, per la quasi interezza del territorio del Comune di Cerignola, ha trovato la sua punta di massimo allarme sociale, in concomitanza della partita degli Europei 2012 di calcio Italia-Irlanda, trasmessa dalla RAI dalle ore 20,30 di lunedì 18 giugno 2012, quando quasi l’80% dei cittadini di Cerignola, possessori di televisori muniti di digitale terrestre, i quali, pur avendo regolarmente pagato il canone Rai, non hanno potuto vedere l’incontro di calcio, in quanto le trasmissioni sono state interrotte a causa proprio dell’inefficacia e/o inefficienza dell’attivazione dello switch-off”.
L’amministrazione comunale cerignolana, dunque, “si riserva di costituirsi parte civile in rappresentanza dei propri cittadini contribuenti e titolari di abbonamento Rai per il risarcimento danni scaturenti da tutti i disservizi passati e futuri, con precisazione che quanto denunciato con la presente, rappresenta all’interno della comunità cittadina un forte ‘allarme sociale’ e che ciò è comunque riconducibile, ove non sono state attivate le opportune misure cautelative, al reato di ‘Sospensione di Pubblico Servizio’”.

Tratto da:
http://www.luceraweb.eu/Giornale


 19 GIUGNO 2012 - Martedì 

Ore 19.25 - MONTE SANT'ANGELO (FG): PROBLEMI DI RICEZIONE CON IL DIGITALE TERRESTRE.
Il Ministero, la Rai e Mediaset assicurano che, in pochissimo tempo, saranno risolti i problemi di ricezione.
A seguito del passaggio della trasmissione del segnale televisivo dall'analogico al digitale terre-stre, numerosi cittadini lamentano che, nel territorio di Monte Sant'Angelo, si verifica l'assenza, spesso anche totale, del segnale di ricezione. L'Amministrazione Comunale, facendo proprie tali lamentele, per il tramite del Vicesindaco, Felice Scirpoli, si è attivata dapprima contattando il Ministero dello Sviluppo Economico, poi la RAI ed infine MEDIASET.
Tutti questi Enti hanno rassicurato l'Amministrazione sottolineando che, in tempi brevi, la problematica sollevata sarà risolta. Mentre la RAI sta già provvedendo a ciò, MEDIASET ha suggerito che, in attesa che i propri tecnici intervengano per ulteriori aggiustamenti, l'antenna televisiva venga posizionata in direzione "Murgetta", località sita a sud-ovest della pro-vincia di Bari, dove è posto il trasmettitore di tale azienda.

Tratto da: http://www.ilgrecale.it/news/2012/monte-sant-rsquo-angelo--problemi-di-ricezione-con-il-digitale-terrestre

Ore 10.20 - SAN NICANDRO GARGANICO (FG): LA SITUAZIONE DOPO UN MESE DI SWITCH OFF.
L'unica nota dolente riguarda la visione del Mux 1 Rai.
Ad un mese esatto dallo Switch Off la situazione circa i disservizi dei primi giorni sembra stabilizzarsi. Dalla postazione di "San Giuseppe", ricordiamo, sono irradiati i principali multiplex nazionali, 4 della Rai, 4 di Mediaset (tra cui il Mux 5 inizialmente non previsto nel piano attivazione di Elettronica Industriale), 3 di Telecom Italia Media Broadcasting (Timb) oltre il Mux di Telenorba 7 e di Tele Blu.
Ad essi se ne aggiungeranno altri nel corso delle prossime settimane per cui il quantitativo dei canali visibili è destinato ad aumentare dandoci la possibilità di seguire i tanti canali gratuiti e quelli a pagamento offerti dal Digitale Terrestre.
L'unica nota dolente riguarda la visione del Mux 1 Rai, trasmesso in banda VHF polarizzazione verticale; a causa delle continue interferenze subite dalla postazione Rai di Pescara "San Silvestro" assistiamo a continue interruzioni di segnale; dato che tale multiplex è irradiato con tecnologia MFN (Multi Frequency Network) anziché SFN non è possibile la sincronizzazione automatica della stessa frequenza proveniente da due o più impianti vicini per cui per la risoluzione della problematica occorrono tempi maggiori. I tecnici di Rai Way sono comunque al corrente del disservizio e stanno lavorando al meglio per ridurlo in tempi rapidi.

Tratto da: http://www.sannicandro.org/notizie/Infrastrutture/1786-digitale-terrestre-la-situazione-dopo-un-mese-dallo-switch-off


 08 GIUGNO 2012 - Venerdì 

Ore 20.10 - MUX TELERAMA: TELERAMA 1 DIVENTA TELESALENTO.
UHF 22 Mux TELERAMA:
Novità dal digitale terrestre salentino, Telerama1 è stata rinominata Telesalento. Di seguito il comunicato ufficiale del Gruppo Mixer Media:
” Telerama 1 cambia pelle e si trasforma in Telesalento: cambia nome la seconda rete del Gruppo Mixer Media, che trovate sul tasto 73 del vostro telecomando, e si identifica ancora di più nei suoi telespettatori, ora localizzati nelle province di Lecce, Brindisi e Taranto: fino a qualche giorno addietro, infatti, Telerama 1 in virtù del segnale analogico era
visibile solo nella provincia di Lecce. La nuova piattaforma digitale, invece, ha reso visibile la seconda rete del Gruppo Mixer Media in tutte e tre le province del Salento.
Di qui il nuovo nome Telesalento, per una programmazione sempre più densa e incisiva ed un palinsesto che propone le news, le produzioni e i contenuti della rete ammiragliaTelerama. Telesalento da oggi è visibile sul canale 73 in tutte e tre le province jonico-salentine. “
Tratto da: http://www.radiotvsalento.net/telerama1-diventa-telesalento


 30 MAGGIO 2012 - Mercoledì

Ore 20.15 - SWITCH OFF PUGLIA: L'ULTIMO VIDEO DELLA TV ANALOGICA.
Un nostro lettore di Bari, che ringraziamo, ci ha inviato il video dell'ultima sintonizzazione che ha effettuato prima dello switch off del 24 maggio scorso, in ricordo della vecchia tv analogica.



 29 MAGGIO 2012 - Martedì 

Ore 13.20 - ALBERONA (FOGGIA) E' SENZA CANALI TV.
Dopo qualche giorno di attesa, pensando che si trattasse di un breve periodo necessario all’assestamento del nuovo sistema, la pazienza di alcuni cittadini-utenti televisivi è giunta quasi agli sgoccioli. Cominciano infatti a rimbalzare soprattutto in Internet le lamentele di chi ha ancora problemi con la ricezione dei canali del digitale terrestre. E se c’è chi in alcune zone di Lucera segnala problemi con Rai e Mediaset, probabilmente per un mancato adeguamento delle antenne, ci sono zone dei Monti dauni dove i televisori non trasmettono nulla da giorni.
È il caso di Alberona, da cui sta provenendo la maggior parte delle segnalazioni a Luceraweb, ma la situazione di oscuramento post switch-off interessa un’area estesa e comprende anche il comune di Roseto Valfortore.
Il problema parte dal ripetitore di Monte Celano che tuttora risulta spento. Il disagio deriva dal fatto che, per ora, c'è solo un grande ripetitore a servizio di Foggia e dei Monti Dauni, quello di Monte Sambuco. Anche nel capoluogo le cose non vanno bene: nella zona della stazione, ad esempio, sono moltissime le famiglie che non riescono a vedere le reti Mediaset e la maggior parte delle reti locali.
Proprio ieri la FrT, vale a dire la Federazione Radio Televisioni che raggruppa la maggior parte delle reti televisive private italiane, ha fatto presente al Governo che il controllo del processo di digitalizzazione è ormai sfuggito di mano. La speranza è che si trovino presto delle soluzioni ai disagi vissuti da un'ampia fascia della popolazione italiana, non solo in Capitanata, ma molti credono che il peggio debba ancora venire.
Tornando alla situazione specifica della provincia di Foggia, non è dato sapere quando il ripetitore di Monte Celano sarà riacceso. Dovranno essere compiute delle prove per verificare, ad esempio, che il segnale emesso da Monte Celano non vada in contrasto con i segnali provenienti dal resto della rete. Nessuno, neanche nelle televisioni locali, sa quanto tempo occorrerà per fare in modo che il sistema funzioni perfettamente su tutto il territorio della Capitanata e della Puglia.
Teleblu, per fare un esempio, sul sito internet dell'emittente, sulla propria pagina facebook ufficiale, oltre che su una dedicata alla nuova frequenza, si è messa a disposizione dei telespettatori per dare loro un aiuto nel risolvere i disagi che vengono segnalati a proposito del digitale.

Tratto da: http://www.luceraweb.eu/Giornale


 25 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 16.25 -  IN EVIDENZA  - LCN: TELENORBA, TAR LAZIO SOSPENDE PIANO NUMERAZIONE CANALI IN MOLISE, PUGLIA E BASILICATA.
Con due decreti cautelari monocratici, il presidente del Tar Lazio, Calogero Piscitello, ha sospeso, "nei limiti dell'interesse azionato in giudizio dalla societa' Telenorba SpA", i provvedimenti dell'Agcom e del ministero dello Sviluppo Economico riguardanti il Piano di numerazione automatica dei canali della Televisione digitale terrestre, per le regioni Puglia, Basilicata e Molise, fino alla celebrazione della Camera di Consiglio, gia' fissata per il 20 giugno 2012. Lo rende noto il Gruppo Telenorba comunicand che "sin da oggi le emittenti Telenorba 7 e Telenorba 8, in virtu' della sospensiva, torneranno ad occupare le loro posizioni storiche 7 e 8 del telecomando".
Il Gruppo sottolinea che il decreto presidenziale ha riconosciuto, sia pure in via cautelare, la fondatezza del ricorso proposto dall'emittente pugliese che ha messo in evidenza l'illegittimita' del Piano di assegnazione delle numerazioni "principalmente per violazione del criterio normativo delle abitudini e preferenze degli utenti".
Il presidente della societa', Luca Montrone, ha espresso soddisfazione per la sospensione cautelare concessa dal Tar Lazio, e ha sottolineato che insistera' nell'iniziativa legale intrapresa, anche con riguardo al Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, "al fine di impedire che l'opportunita' rappresentata dalla tecnologia digitale non comporti l'illegittimo ed irreversibile pregiudizio per le Tv locali, il cui contributo alla creazione di un pluralismo effettivo e al sostegno delle piccole e medie imprese in Italia e' stato riconosciuto dalla Corte Costituzionale ancor prima della nascita delle emittenti televisive nazionali private".

Tratto da: Ansa.it


 21 MAGGIO 2012 - Lunedì 

Ore 20.15 - MUX TELERAMA: ARRIVATI NUOVI CANALI.
UHF 23 Mux TELERAMA:
Dal pomeriggio di oggi sono attivi nuovi canali nel mux di TELERAMA, ricevuti con buona qualità dalla postazione di Parabita (LE) sul canale 23 UHF a Melissano (Lecce).
Questa la composizione del multiplex:

Telerama
Telerama 1
Telerama 2
Telerama 3
Telerama story
Terre del Salento

Ringraziamo per la segnalazione Salvatore di Melissano (Le).


 19 MAGGIO 2012 - Sabato 

Ore 17.00 -  IN EVIDENZA  - GRADUATORIA DEFINITIVA PER LE ASSEGNAZIONI DELLE FREQUENZE ALLE TV LOCALI DELLA REGIONE PUGLIA.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni ha predisposto la graduatoria definitiva delle emittenti televisive locali utile per l’assegnazione, nella Regione Puglia, delle frequenze televisive in tecnica digitale ai sensi dell’art. 4, del decreto legge 31 marzo 2011, n. 34, convertito con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75.


Graduatoria definitiva FREQUENZE TV LOCALI - PUGLIA



 15 MAGGIO 2012 - Martedì 


Ore 11.00 - PUGLIA TV SI FA IN TRE E TRIPLICA IL SUO IMPEGNO PER BRINDISI.
Sul digitale terrestre sara' presente dal 25 maggio con tre canali i cui riferimenti sul telecomando sono: Pugliatv 116,Puglia tv news 289,Pugliatv cultura 632. I tre palinsesti saranno diversi e nessuna ripetizione e' prevista tra i vari canali. Brindisi resta quindi sempre piu' presente nel contesto del panorama digitale con la sua unica emittente della citta' che trasmette i suoi programmi ininterrottamente dal 1988. Per essere aggiornato su tutte le notizie e gli avvenimenti del proprio territorio c'e' solo un modo: memorizzare il telecomando ai numeri sopra indicati.

Tratto da: http://www.brindisisera.it/news_dettaglio.asp?di=Attualit%E0&articolo=Puglia+tv+si+fa+in+tre+e+triplica+il+suo+impegno+per+Brindisi



 14 MAGGIO 2012 - Lunedì 

Ore 21.50 -  IN EVIDENZA  - GRADUATORIA PROVVISORIA PER LE ASSEGNAZIONI DELLE FREQUENZE ALLE TV LOCALI DELLA REGIONE PUGLIA.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni ha predisposto la graduatoria provvisoria delle emittenti televisive locali utile per l’assegnazione, nella Regione Puglia, delle frequenze televisive in tecnica digitale ai sensi dell’art. 4, del decreto legge 31 marzo 2011, n. 34, convertito con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75.
Eventuali osservazioni potranno essere inviate entro le ore 20,00 di martedì 15 maggio all’indirizzo di posta elettronica digitale@sviluppoeconomicpo.gov.it.
Il Ministero provvederà successivamente a pubblicare la versione definitiva.


Graduatoria provvisoria FREQUENZE TV LOCALI - PUGLIA



 11 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 01.10 - SWITCH OFF PUGLIA: GRADUATORIA NUMERAZIONE LCN TV LOCALI PUGLIA.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni - ha predisposto la graduatoria per l'attribuzione della numerazione automatica dei canali per la televisione digitale terrestre, relativamente alla Regione Puglia, in previsione dello switch off.
L'attribuzione della numerazione automatica dei canali per la televisione digitale terrestre, relativamente alla regione Puglia, avviene ai sensi della Delibera n. 366/10/Cons dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni del 4 agosto 2010 recante “Piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre, in chiaro e a pagamento, modalità di attribuzione dei numeri ai fornitori di servizi di media audiovisivi autorizzati alla diffusione di contenuti audiovisivi in tecnica digitale terrestre e relative condizioni di utilizzo”.
Il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 31 del 14 marzo 2012 – 5° serie speciale.
In allegato la graduatoria relativa al bando.


- Graduatoria LCN TV LOCALI PUGLIA

Le prime posizioni fino ad LCN 99




 10 MAGGIO 2012 - Giovedì 

Ore 19.00 - TAR LAZIO: SWITCH OFF REGOLARI IN MOLISE E FOGGIANO.
Il Tar del Lazio non ha accolto il ricorso presentato dall'emittente Canale 21 di Napoli, relativo al mancato rispetto dei tempi previsti dalla legge per la definizione delle regole degli switch off in Abruzzo e Molise e provincia di Foggia. Pertanto (con questo articolo approfittiamo per rispondere ai vostri numerosi messaggi) le
operazioni di switch off saranno regolari rispettando il calendario precedentemente pubblicato.


ORDINANZA DEL TAR DEL LAZIO





 04 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 00.55 - SOSPENSIONE SWITCH OFF ABRUZZO, MOLISE E FOGGIANO: ECCO I MOTIVI.
AGBrasc di Digital-Forum ha rintracciato nel mare magnum della rete, la sentenza della sospensione degli switch off in Abruzzo, Molise e provincia di Foggia. Come si legge dal documento, le cause del rinvio sarebbero da attribuire ad una causa intrapresa da Napoli Canale 21 nei confronti di TVI TeleIsernia. Per tutti i dettagli riportiamo per intero la sentenza del TAR.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Roma/Sezione%201/2012/201202941/Provvedimenti/201201562_06

In caso di estrema gravità ed urgenza tale da non permettere di attendere neanche la camera di consiglio, prima della trattazione della domanda cautelare da  parte  del collegio, il ricorrente può,
con la domanda cautelare o con distinto ricorso notificato alle controparti, chiedere al presidente del tribunale  amministrativo regionale,  o  della  sezione  cui  il ricorso è assegnato, di disporre misure cautelari  provvisorie. Il primo comma dell’art. 56 dispone che la domanda cautelare è improcedibile finché non è presentata l'istanza di fissazione d'udienza per il merito, salvo che essa debba essere fissata d'ufficio. A questo punto, il presidente o un magistrato da lui delegato verifica che la notificazione del ricorso si sia perfezionata nei  confronti dei destinatari o almeno della parte pubblica e di uno dei controinteressati e provvede con decreto motivato non impugnabile.
Qualora l’esigenza cautelare non consenta l'accertamento del perfezionamento delle notificazioni, per cause non imputabili al ricorrente, il presidente può comunque provvedere, fatto salvo il potere di revoca. Ove ritenuto necessario il presidente, fuori udienza e senza formalità, sente, anche separatamente, le parti che si siano rese disponibili prima dell’emanazione del decreto. Qualora dalla decisione sulla domanda cautelare derivino effetti irreversibili, il Presidente può subordinare la concessione o il diniego della misura cautelare, alla prestazione di una cauzione (anche mediante fideiussione), determinata con riguardo all'entità degli effetti irreversibili che possono prodursi per le parti e i terzi.
In caso di accoglimento dell’istanza cautelare, il decreto con cui viene disposta la misura cautelare è efficace sino alla camera di consiglio (indicata nello stesso decreto) e perde efficacia se il collegio non provvede sulla domanda cautelare. Fino  a  quando conserva efficacia, il decreto è sempre revocabile o modificabile su istanza di parte notificata. Se l’esigenza cautelare non consenta l’accertamento del perfezionamento delle notificazioni, per cause non imputabili al ricorrente, il giudice può comunque provvedere ma la misura cautelare perderà efficacia comunque se il ricorso non viene notificato per via ordinaria entro 5 giorni dalla richiesta delle misure cautelari provvisorie.







 03 MAGGIO 2012 - Giovedì 

Ore 23.40 - SOSPESO SWITCH OFF ABRUZZO, MOLISE E PROVINCIA DI FOGGIA: IL SERVIZIO DEL TG DI TELEMAX.


Ore 21.55 - SOSPESO DAL TAR LO SWITCH OFF IN ABRUZZO, MOLISE E PROVINCIA DI FOGGIA.
Con provvedimento cautelare monocratico n.1562/2012 reso in data odierna, nell’ambito del giudizio n. 2941/12 avanti il TAR Lazio, è stato sospeso, nei limiti dell’interesse azionato in tale giudizio, fino alla Camera di Consiglio del 23 maggio 2012, alla quale è stata fissata la trattazione in sede Collegiale dell’istanza cautelare, il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico in data 14 dicembre 2011, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17 febbraio 2011.
Detto provvedimento reca, come noto, la “Definizione delle scadenze relative al passaggio definitivo alla trasmissione televisiva digitale terrestre dell’area tecnica dell’Abruzzo e Molise (inclusa la provincia di Foggia)” con il quale le suddette scadenze sono state fissate a partire dal 7 maggio 2012 ed entro e non oltre il 23 maggio 2012. Con l’istanza di sospensiva, che verrà trattata in sede collegiale all’udienza del 23 maggio 2012 avanti la I sezione del TAR Lazio, l’impresa televisiva ricorrente ha chiesto, in particolare, l’emanazione del provvedimento cautelare al fine del riesame del decreto impugnato da parte del Ministro dello Sviluppo Economico affinché quest’ultimo fissi le nuove date dello switch off nell’area tecnica n.11 sul presupposto che dovrebbe intercorrere un intervallo di almeno tre/quattro mesi tra la data di rilascio dei diritti di uso delle frequenze e la data di inizio di tale switch off. Nel ricorso si evidenzia, tra l’altro, che nonostante la fissazione dello switch off dell’area 11 a partire dal 7 maggio 2012, il Ministero non ha ancora provveduto al rilascio dei diritti di uso delle frequenze di trasmissione. Viene inoltre evidenziato che in relazione a ciò la situazione è insostenibile per la tv ricorrente sia che la stessa ottenga l’assegnazione di tali diritti di uso, sia che venga esclusa da detta assegnazione. Infatti, nell’ipotesi di assegnazione, non sarebbe possibile realizzare lo switch off nelle date previste dal decreto ministeriale impugnato poiché non vi sarebbe il tempo per progettare la nuova rete di trasmissione (sulla base delle assegnazioni frequenziali ricevute), per procedere all’acquisto degli impianti, per chiedere le autorizzazioni urbanistiche, ambientali e igienico sanitarie. Nel ricorso si spiega inoltre che la tv ricorrente, in mancanza di sospensiva, sarebbe stata costretta a spegnere gli impianti analogici alla data prevista dal decreto ministeriale impugnato, cessando le relative trasmissioni senza potere, allo stesso tempo, attivare gli impianti digitali prima di alcuni mesi, con ogni evidente conseguenza. Nel ricorso si evidenzia altresì che qualora la tv ricorrente venisse invece esclusa dalle assegnazioni frequenziali, non vi sarebbero i tempi (cinquanta giorni) per la formazione, prima dello switch off, dell’accordo di “must carry” di cui all’art. 27 della delibera n.353/11/CONS della Agcom con un soggetto destinatario di assegnazione. Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo e Maurizio Giunco, presidente dell’Associazione Tv Locali Frt, nell’esprimere soddisfazione per la sospensiva concessa con il suddetto provvedimento cautelare monocratico, hanno dichiarato: “Aeranti-Corallo e Associazione Tv Locali Frt da sempre lamentano l’illegittimità di assegnazioni frequenziali pochi giorni o poche ore prima degli switch off. In tal modo, infatti – hanno proseguito Rossignoli e Giunco – le tv locali non sapendo, fino all’ultimo momento se avranno diritto all’assegnazione delle frequenze, non possono programmare investimenti e installazioni, organizzando le proprie reti per la transizione al digitale secondo i tempi calendarizzati. In relazione a ciò – hanno aggiunto Rossignoli e Giunco – le tv locali spesso non riescono a far sintonizzare i propri programmi al momento dello switch off, rimanendo così escluse dalla ricezione televisiva per tempi indefiniti. Auspichiamo che il provvedimento odierno della Magistratura Amministrativa – hanno concluso Rossignoli e Giunco – riapra la discussione su un tema fondamentale quale è quello della partecipazione a pieno titolo, da parte delle tv locali, al processo di transizione digitale.”
Tratto da: http://www.newslinet.it/notizie/dtt-sospeso-dal-tar-lo-switch-off-dell-abruzzo-del-molise-e-della-provincia-di-foggia

Ore 01.40 - CRISI A TELENORBA-TG NORBA 24.
Il comitato di redazione di Telenorba e l’Associazione della Stampa di Puglia ” respingono il piano di ristrutturazione, notificato nelle scorse ore dall’azienda, che prevede, fra l’altro, la chiusura delle redazioni di Foggia, Brindisi, Taranto e Campobasso e il ridimensionamento della redazione di Lecce, con la messa in mobilità di nove giornalisti, oltre che di tecnici e amministrativi”.  ”Tale piano, che dovrà essere discusso nei prossimi giorni – e’ detto in una nota – è in contrasto con la politica di espansione e di investimenti tecnologici, avviata dall’azienda più di un anno fa, con il varo del Tg Norba 24”. ”Per questo – e’ detto ancora – pur riconoscendo lo stato di oggettiva difficoltà che interessa tutto il comparto dell’emittenza radiotelevisiva locale a causa della crisi economica, comitato di redazione e sindacato dei giornalisti chiedono che il confronto sia avviato in tempi brevi e avvenga senza pregiudiziali”. ”Nel frattempo – e’ detto infine – invitano l’azienda a rivedere l’annunciato piano, mettendo al primo posto la salvaguardia dei livelli occupazionali, soprattutto alla vigilia del passaggio al digitale terrestre, che richiederà a giornalisti e maestranze un impegno sempre maggiore per conservare il primato nell’informazione locale, faticosamente costruito nel corso degli anni”.

Segnalato da: CARLO (Brindisi).


 30 APRILE 2012 - Lunedì 

Ore 13.35 - DIGITALE TERRESTRE: 10 MILIONI ALLE TV. MA CHI CONTROLLA?
Da alcuni giorni è iniziata sui nostri teleschermi la campagna di informazione per il passaggio della nostra Regione al digitale. Per la Puglia la transizione a questo nuovo sistema di trasmissione è prevista entro il 30 giugno 2012 assieme alla Basilicata, Calabria e Sicilia. Per la provincia di Foggia questo switch-off è anticipato al 23 maggio essendo stata associata alla Regione Molise. Per aiutare le TV pugliesi a questa transizione che comporta un notevole adeguamento tecnologico la Regione Puglia ha previsto, con un Bando del 23/6/2011 scaduto il 10/11/2011, uno stanziamento di 10 milioni di euro per contributi fino al 35% per le medie imprese che sale al 45% per le piccole imprese emittenti. E’ uno sforzo economico non insignificante della Regione Puglia a favore delle emittenti televisive pugliesi in una stagione caratterizzata da ben altre emergenze e priorità sociali. Anche in questa occasione i Consiglieri Regionali di ogni latitudine in modo populistico sono intervenuti, ognuno per la propria realtà territoriale, a difesa della variegata famiglia televisiva pugliese. Non sappiamo se per ferma convinzione del ruolo essenziale dell’emittenza locale o per procurarsi un proprio “altoparlante” locale. La nostra Regione vede la presenza di ben 44 televisioni locali che presidiano il territorio regionale dal Tavoliere al Salento. Una nutrita galassia che gode di un sostegno economico annuo che grazie alla Legge Nr. 448 del 23 dicembre 1998 distribuirà nel 2012 alle Tv locali italiane 95 milioni di euro. Così come per le altre Regioni italiane che ci hanno preceduto nel passaggio al digitale, anche per la Puglia, l’AIART (Associazione Italiana Telespettatori) avrebbe auspicato che l’elargizione dei 10 milioni di euro fosse stata preceduta da un importante impegno che la nostra Regione non ha onorato. Ci riferiamo ai risultati, non ancora resi noti, del monitoraggio del sistema televisivo locale. Infatti, nonostante il Co.Re.Com. Puglia (Comitato Regionale per le Comunicazioni), in virtù della delega firmata nel marzo 2009 con l’AGCom (Autorità Garante per le Comunicazioni), si sia dotato di una poderosa struttura tecnologica e umana (pedagogisti, avvocati, ingegneri, convenzione con Università) per adempiere al monitoraggio del sistema televisivo regionale, a oggi non siamo a conoscenza dei risultati che questa radiografia della galassia televisiva pugliese ha prodotto. La realizzazione del sistema di monitoraggio dell’emittenza televisiva pugliese, a seguito appalto di 130.000 euro, era stato aggiudicato alla Dyrecta di Galiano e C. con sede in Conversano in associazione temporanea con la LookUp srl di Cagliari. Ingenti, quindi, sono state le risorse economiche e umane impiegate per non partorire nemmeno un topolino rispetto agli impegni assunti nei confronti dell’Autorità Garante. Eppure la cornice istituzionale era da tempo pronta e definita negli Accordi Quadro del 2003 e del 2008 in sede di Conferenza dei Presidenti delle Regioni. Anche l’Autorità Garante aveva predisposto i criteri con cui le Regioni (Corecom) avrebbero proceduto all’attività di monitoraggio delle emittenti televisive locali diffondendo un Vademecum in cui venivano precisate le aree di monitoraggio: obblighi di programmazione, tutela dei minori, garanzia dell’utenza, limiti di affollamento della pubblicità, posizionamento di questa nella programmazione, i divieti di trasmissione di messaggi pubblicitari, le garanzie per assicurare un pluralismo socio-politico, infine, il regime sanzionatorio che potrebbe arrivare anche all’esclusione o alla riduzione dei contributi alle TV locali. In pratica un sistema di sorveglianza per monitorare la qualità dei contenuti televisivi trasmessi nella nostra Regione. Temiamo che, forse, proprio la possibilità che una moltitudine di TV pugliesi potesse essere privata dei contributi regionali ha impedito la diffusione dei risultati di questo monitoraggio regionale. In presenza di questo scenario e in considerazione del fatto che in Italia la maggior parte delle infrazioni vengono commesse dalle emittenti locali è opportuno che l’associazionismo familiare e genitoriale, i media-educatori, le Scuole Diocesane di Comunicazioni Sociali, i politici particolarmente sensibili all’argomento, mettano in campo tutte quelle iniziative atte a ridurre questa specie di “zona franca” irrispettosa di vincoli e regole. Anche nel campo dell’informazione e dell’intrattenimento televisivo occorre un sussulto di partecipazione attiva dal basso sia con lo stimolo verso le Istituzioni, la vigilanza, ma anche ed essenzialmente con la proposta al fine di incidere su quelle emittenti televisive locali la cui programmazione è farcita di banalità, violenza e volgarità. C’è un’Italia minore, bella, genuina, che nasce dai territori, che merita di essere raccontata. Storie vere che devono sostituire le imperanti televendite, le illusorie e offensive cartomanzie e gli avariati prodotti di magazzino di dubbia importazione che farciscono molti programmi televisivi locali. Solo le emittenti televisive che improntano la loro attività al servizio delle comunità locali e fanno della qualità dei contenuti trasmessi il loro punto di forza vanno sostenute ed incoraggiate con risorse pubbliche. Nemmeno un euro deve andare a quelle emittenti che offendono la dignità e la sensibilità dei telespettatori pugliesi. E’ sconfortante notare come una delle più qualificanti e delicate deleghe, quella del monitoraggio del sistema televisivo locale, affidate dall’Autorità Garante ai Co.Re.Com Regionali è sostanzialmente disattesa vuoi per la soffocante ipoteca dei partiti che grava su queste Autorità di Garanzia Territoriali, vuoi per un diffuso conflitto d’interessi presente nei Comitati Regionali per le Comunicazioni ove non è raro il legame tra i membri designati e la loro provenienza dal sistema editoriale e televisivo locale. I cittadini pugliesi hanno diritto ad essere correttamente informati e dignitosamente intrattenuti da aziende televisive che ricevono risorse pubbliche per adempiere al loro servizio nel rispetto assoluto del telespettatore che non può essere considerato una mera unità di marketing da dare in pasto alla pubblicità.
Tratto da: http://affaritaliani.libero.it/puglia/digitale-terrestre-in-puglia


 29 APRILE 2012 - Domenica 

Ore 15.20 -  IN EVIDENZA  - SWITCH OFF PUGLIA: IL CALENDARIO CON TUTTI I COMUNI COINVOLTI.
Sul sito della Fondazione Ugo Bordoni è possibile consultare il calendario dettagliato delle date e dei comuni coinvolti coinvolti della provincia di Foggia nello switch off che inizierà il prossimo 18 maggio. Clicca sulle immagini per ingrandirle.



 25 APRILE 2012 - Mercoledì 

Ore 22.15 - MUX TELEREGIONE: NOVITA' NEL SALENTO, ARRIVANO EUROSHOPPING TV E L'ATV.
L'etere digitale sempre più in movimento in vista del passaggio. Da ieri nel mux di TELEREGIONE, emittente di Barletta, sul canale 57 UHF da Trazzonara (agro di Martina Franca)  che "illumina" le province di Brindisi, Lecce e Taranto sono scomparsi Bisceglie Tv e Corato Tv. Al loro posto sono comparsi l'emittente di televendite Euroshopping Tv e l'emittente leccese L'Atv che così sbarca oltre i confini della provincia salentina. L'Atv ha sede a Cavallino, paese dell'hinterland del capoluogo.
Fonte: Carlo di Brindisi.


 24 APRILE 2012 - Martedì 

Ore 00.40 -  IN EVIDENZA  - SWITCH OFF PUGLIA: LE DATE DEL PASSAGGIO AL DIGITALE PER COMUNE.
Il sito tv digital divide ha inserito nelle sue pagine le date del calendario del passaggio alla tv digitale in Puglia suddiviso per provincia.

Provincia di FOGGIA (vedi qui il calendario completo comune per comune):

  • 18 maggio: eseguiranno il passaggio i comuni di Foggia, San Severo, San Paolo di Civitate,Chieuti, Apricena, Lesina, Poggio Imperiale, Serracapriola, San Nicandro Garganico, San Marco in Lamis, Rignano Garganico, e aree limitrofe.
  • 21 maggio: eseguiranno il passaggio i comuni di Lucera, Cagnano Varano, Carpino, Rodi Garganico, Peschici, Ischitella, Vico del Gargano, Vieste, Carapelle, Troia, e aree limitrofe.
  • 24 maggio: faranno lo Switch-off i comuni di San Giovanni Torondo, Monte Sant’Angelo, Manfredonia, Ordona, Castelluccio del Sauri, Deliceto, Bovino, Ascoli Satriano, Orta Nova, Cerignola, Stornara, Stornarella, e aree limitrofe.
  • 1 giugno: toccherà al comune di Candela e ai comuni confinanti.

Provincia di BARLETTA-TRANI-ANDRIA (vedi qui il calendario completo comune per comune):

  • 24 maggio: eseguiranno il passaggio i comuni di Barletta, Canosa di Puglia, Margherita di Savoia, San Ferdinando di Puglia, Andria, Bisceglie, Trani, Minervino Murge,
  • 1 giugno: toccherà al comune di Spinazzola e comuni confinanti.

Provincia di BARI (vedi qui il calendario completo comune per comune):

  • 24 maggio: faranno lo Switch-off i comuni di Bari, Corato, Molfetta, Terlizzi, Ruvo di Puglia, Giovinazzo, Bitanto,  Modugno, Noicattaro, Triggiano, Acquaviva delle Fonti, Rutigliano, Gravina in Puglia, Monopoli, Fasano, e aree limitrofe.
  • 25 maggio: eseguiranno il passaggio i comuni di Casamassima, Conversano, Santeramo in Colle, Gioia del Colle, Putignano, Castellana Grotte, e aree limitrofe.
  • 1 giugno: infine sarà la volta dei comuni di Poggiorsini, Altamura, e aree limitrofe.

Provincia di TARANTO (vedi qui il calendario completo comune per comune):

  • 25 maggio: eseguiranno il passaggio i comuni di Ginosa, Laterza, Palagiano, Martina Franca, Statte, Crispiano, Locorotondo, Grottaglie, Carisino, Fragagnano, San Giorgio Jonico, Pulsano, Lizzano, Maruggio, Sava, Torricella, Manduria, Grottaglie, Taranto, e aree limitrofe.
  • Dal 1 giugno al 5 giugno: i comuni di Mottola e Massafra, e aree limitrofe.

Provincia di BRINDISI (vedi qui il calendario completo comune per comune):

  • 25 maggio: faranno lo Switch-off i comuni di  Cisternino, Ostuni, Carovigno, Ceglie Messapica, Francavilla Fontata, Oria, Torre Santa Susanna, Latiano, San Vito dei Normanni, Mesagne, Brindisi, San Pietro Vernotico, Torchiarolo, e aree limitrofe.

Provincia di LECCE (vedi qui il calendario completo comune per comune):

  • 25 maggio: eseguiranno il passaggio i comuni di Squinzano, Surbo, Carmiano, Trepuzzi, Veglie, Leverano, Lecce, Lizzanello, Copertino, Calimera, Melendugno, Martano, Galatina, Galatone, Nardò, Galatone, Aradeo, Maglie, Sannicola, Parabita, Gallipoli, Casarano, Alliste, Ruffano, Taviano, Ugento, Tricase, Presicce, Castrignano del Capo, Acquarica del Capo, Otranto, Porto Cesareo, e aree limitrofe.
Tratto da: http://www.tvdigitaldivide.it/2012/04/14/switch-off-puglia-la-date-del-passaggio-al-digitale-terrestre


 16 APRILE 2012 - Lunedì 

Ore 15.15 - NOVITA' DAL SALENTO: ARRIVANO MUSIC ITALIA TV, VIESTE TV E CANALE ITALIA.
Ci si avvicina sempre più al passaggio al digitale terrestre in Puglia. Ecco le ultime novità: nel mux di Retecapri è partita da domenica sera Music Italia Tv, emittente di solo musica italiana, con particolare riferimento a quella melodica e napoletana. La copertura, assicurano nel promo trasmesso nei giorni scorsi, è l'intera Italia meridionale. La trovate sul canale 213 del Vostro decoder.
L'altra novità è il passaggio definitivo al digitale terrestre di Teleregione di Barletta che ha aggiunto un altro canale, dopo quelli a schermo nero di Bisceglie Tv e Corato Tv. Si tratta di Vieste Tv che ripete, al momento la stessa programmazione di Teleregione.
E', infine, sbarcata anche nel Salento l'emittente Canale Italia che ha acquisito alcune frequenze da Antenna Sud.
Gradualmente i canali saranno convertiti in digitale.
Fonte:  Carlo (Brindisi).


 29 MARZO 2012 - Giovedì 

Ore 21.45 - COMUNICATO STAMPA REA BARI: RADUNO DELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE LOCALI DEL CENTRO SUD.
CONFERENZA-DIBATTITO
IL SISTEMA RADIOTELEVISIVO ITALIANO: QUALE SVILUPPO?
PREAMBOLO DEL “MOVIMENTO PER I DIRITTI COSTITUZIONALI”

(Bari, 31 marzo 2012 - ore 16,30 - via Gaetano Latilla, 13)

In occasione della cerimonia di apertura della sede interregionale REA di Puglia, Basilicata e Calabria, si svolgerà una conferenza- dibattito su due temi di attualità:

RADUNO DELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE LOCALI DEL CENTRO SUD

(Bari, sabato 31 marzo 2012 – presso la sede della REA – via Giacomo Latilla, 13)
Lo switch off televisivo è alle porte. Entro giugno 2012 nelle aree del centro sud verrà spento per sempre il segnale televisivo analogico per accendere quello del digitale televisivo terrestre (DTT). Cosa cambierà per l’utenza? Nei tempi brevi subirà forti disagi di assestamento delle reti e dei segnali dovuti a scelte sbagliate del passato Governo per due fondamentali ragioni. Ha permesso alle multinazionali telefoniche di utilizzare i canali televisivi dal 61 al 69 per la telefonia mobile di quarta generazione (LTE) con la prevedibile conseguenza di generare forti interferenze nelle centraline di ricezione dell’utenza e un sensibile aumento dei campi elettromagnetici nei centri abitati. Tali disagi sono già all’ordine del giorno in Francia, Svezia, Inghilterra e in quei Paesi dove lo switch off si è concluso. L’emittenza locale subirà una forte stangata in termini di riduzione di canali, qualità di segnali, ricavi da pubblicità e occupazione per le note ragioni del conflitto d’interessi del passato Governo tutto intento a priviligiare gli interessi delle reti private Mediaset e, marginalmente, RAI nella complessa operazione di trasformazione tecnologica dei segnali televisivi. La REA – Radiotelevisioni Europee Associate, l’associazione delle emittenti locali italiane, iscritta nel registro dei rappresentanti di interessi della Commissione Europea, nel recente incontro con il Sottosegretario dello Sviluppo Economico, Massimo Vari, ha sollevato diversi problemi collegati alla crisi del settore radiotelevisivo senza ricevere adeguate risposte in termini di soluzioni concrete. Vista la drammatica situazione in cui versa il settore per precise responsabilità del Governo precedente; Considerata l’indifferenza dimostrata dall’attuale Governo; la REA ha convocato a Bari le emittenti del centro sud per decidere sul da farsi per la tutela di ciò che rimane alle imprese radiotelevisive locali in termini di risorse e di diritti costituzionali alle libertà di comunicazione e d’impresa.

Il Raduno di Bari di sabato 31 marzo, affronterà due distinti temi in due distinte riunioni:

1. alle ore 14.00 – Tavolo tecnico per l’esame del piano di assegnazione delle frequenze DTT relativo alle regioni Puglia, Basilicata, Calabria, Abruzzo, Molise e Sicilia;

2. alle ore 16.30 – Conferenza dibattito sul “Sistema Radiotelevisivo Italiano: Quale sviluppo?” con il Preambolo di costituzione del Movimento per i Diritti Costituzionali.

INTRODUZIONE DI

Antonio Diomede –Presidente REA –Radiotelevisioni Europee Associate
PARTECIPAZIONI E INVITI

Agenzia Giornalistica d’Informazione GR NEWS (Umberto Aprea)

Associazione Italia Georgia (Angelo Cirone)
Associazione Federico II Eventi (Michele Loiacono)
Associazione FAVO/Puglia (Francesco Diomede)
Associazione FINCO (Marcello Stefanì)
Associazione Aistom Puglia (Enzo Sica)
Circuito Radiofonico Nazionale Le 100 Radio + Belle d’Italia (Salvatore Riso)
Corecom Puglia
Corecom Basilicata
Corecom Calabria
Editori Televisivi Locali Puglia e Basilicata
Editori Televisivi Locali Calabria
Editori Radiofonici Locali Puglia e Basilicata
Editori Radiofonici Locali Calabria
Ministero Sviluppo Economico –Ispettorato Puglia e Basilicata
Ministero Sviluppo Economico –Ispettorato Calabria
REA –Coordinamento Puglia e Basilicata (Donato Scarlatino)
REA –Coordinamento Calabria (Sandra Covino –Francesco Massara)
REA –Coordinamento Marche/Abruzzo Molise (Gabriele Betti)
REA –Coordinamento Campania (Luigi Conte)
Studio Consulenza Radio TV (Teresa Nicastro)



 21 MARZO 2012 - Mercoledì 

Ore 12.55 - OGGI NASCE RADIONORBA TV.
Da ieri sono iniziate le trasmissioni test di RadioNorba Tv, la nuova emittente televisiva sul digitale terrestre del gruppo Telenorba, una delle principali emittenti locali nel panorama dell'etere nazionale dove è già presente con il canale all news TgNorba24.
Oggi alle ore 17 cominceranno ufficialmente le trasmissioni di RadioNorba TV. La radio del Sud sbarca in televisione, sul digitale terrestre, dove sarà possibile non solo ascoltare, ma anche guardare l’intera programmazione radiofonica: 21 ore di diretta al giorno, non un palinsesto preconfezionato, non una tv jubox, ma una tv che farà del real time, del costante aggiornamento (news, spettacolo, costume) e del contatto con il pubblico il suo punto di forza. Ad ogni evento radiofonico, quindi, corrisponderà un contenuto video, il tutto sincronizzato al secondo, grazie ad una piattaforma, unica in Europa, progettata e sviluppata da Dalet, colosso franco-israeliano del settore delle nuove tecnologie, in grado di gestire, in contemporanea broadcast, i contenuti radio e tv.
“Sarà un’altra startegica modalità per poter fruire del prodotto Radionorba”, spiega Marco Montrone, presidente di Radionorba, illustrando la mission del canale. “E’ un grande sforzo tecnologico, ma anche professionale. Tutti, dai tecnici ai conduttori, passando per i giornalisti, dovranno d’ora in avanti pensare ad un prodotto radiotelevisivo che ci piace definire unaall life”. Anche gli eventi in esterna, che negli ultimi anni hanno contraddistinto l’attività della radio, diventeranno eventi radiotelevisivi, sul modello del Radionorba Battiti Live, una produzione live che già da due anni è diventata anche uno spettacolo radio e tv. “Radionorba non ha mai smesso di crescere”, aggiunge Montrone, “abbiamo raggiunto risultati importanti in termini di ascolti ed anche sul fronte commerciale. Questo progetto rappresenta, però, la tappa più importante della storia moderna della nostra radio”.
Radionorba TV, diretta da Alan Palmieri, trasmetterà in diretta 21 ore al giorno, dalle 6 della mattina alle 3 di notte, seguendo il palinsesto della radio, che ha nella musica, nell’intrattenimento e nell’informazione aggiornata costantemente i suoi asset principali. E’ un prodotto radiotelevisivo confezionato su standard qualitativi broadcast, dove l’aspetto “territoriale”, punto di distinzione del canale, emergerà naturalmente dai contenuti dei conduttori e da quella parte delle news dedicate in modo più approfondito al Sud Italia, curate dalla redazione giornalistica diretta da Maurizio Angelillo.
“Con Radionorba TV ampliamo la nostra possibilità di fruizione ed i confini di diffusione senza mai dimenticare il nostro posizionamento editoriale che ci ha dato la possibilità di imporci, a livello nazionale, come la radio del sud”, conclude Marco Montrone. “Cercare di dare sempre di più è un marchio di fabbrica del Gruppo Norba e credo che questa nuova iniziativa sia l’interpretazione più fedele della nostra filosofia aziendale. Radionorba, benvenuta in Tv”.
Come sintonizzare il nuovo canale Radionorba TV su digitale terrestre: il nuovo canale è ricevibile al numero 13 della piattaforma digitale terrestre nelle regioni raggiunte dal segnale FM di Radionorba ed in altre regioni del Nord Italia, oltre che in streaming sul sito di Radionorba e su iPhone, iPad ed apparati con sistema operativo Android.


Update ore 23.15: Ecco alcune immagini di RadioNorba TV e la cartina con l'area di copertura del mux TELENORBA in cui trasmette sul digitale terrestre.





 17 MARZO 2012 - Sabato 

Ore 18.55 - TELEREGIONE BARLETTA: DIGITALIZZATO IL CANALE 57 UHF DA TRAZZONARA (TA).
UHF 57 Mux TELEREGIONE:
Riprende a movimentarsi l'etere salentino. Da alcuni giorni il canale 57 UHF da Trazzonara (Martina Franca, a cavallo delle tre province di Brindisi, Lecce e Taranto) di TELEREGIONE, emittente pluriregionale che trasmette da Barletta, è stato digitalizzato. Il mux è composto da quattro canali: Diretta Sport (ripete Teleregione), Teleregione +1 (ripete Teleregione),
Corato tv (schermo nero) e Bisceglie tv (schermo nero).
Fonte: Carlo (Brindisi).


 16 MARZO 2012 - Venerdì 

Ore 00.10 -  IN EVIDENZA  - BANDO ATTRIBUZIONE NUMERAZIONE AUTOMATICA LCN ALLE EMITTENTI TELEVISIVE LOCALI DELLA PUGLIA E BASILICATA.
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 31 del 14 marzo 2012 – 5° serie speciale, il bando di gara per l'attribuzione della numerazione automatica dei canali per la televisione digitale terrestre, relativamente alle regioni Puglia e Basilicata, ai sensi della Delibera n. 366/10/Cons dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni del 4 agosto 2010 recante “Piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre, in chiaro e a pagamento, modalità di attribuzione dei numeri ai fornitori di servizi di media audiovisivi autorizzati alla diffusione di contenuti audiovisivi in tecnica digitale terrestre e relative condizioni di utilizzo”.
I soggetti autorizzati alla fornitura di servizi di media audiovisivi operanti nella regione Basilicata dovranno far pervenire la domanda per ciascuno dei marchi/palinsesti autorizzati al: Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, Direzione Generale Servizi di Comunicazione Elettronica e Radiodiffusione, Viale America 201, 00144 Roma -Divisone III, piano 5°, stanza A504, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale, tramite consegna a mano, corriere o posta raccomandata o assicurata.
Le domande dovranno essere redatte secondo le modalità previste dal bando, pena esclusione. Saranno escluse dalla procedura le domande pervenute oltre il termine previsto. Il recapito delle domande è a totale rischio del partecipante.
Il Ministero dello Sviluppo Economico procederà alla valutazione delle domande dei soggetti partecipanti al termine della quale verrà redatta la graduatoria.
La graduatoria sarà resa pubblica mediante pubblicazione su questo sito internet.

Ore 00.05 -  IN EVIDENZA  - BANDO ASSEGNAZIONE FREQUENZE ALLE EMITTENTI TELEVISIVE LOCALI DELLA PUGLIA E BASILICATA.
È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 31 del 14 marzo 2012 – 5° serie speciale, il bando di gara per l'assegnazione delle frequenze in tecnica digitale terrestre alle emittenti televisive locali della regioni Puglia e Basilicata, area tecnica da digitalizzare nel corso dell'anno 2012, ai sensi dell’art. 4, del decreto legge 31 marzo 2011, n. 34, convertito con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75. I soggetti legittimamente abilitati alla trasmissione radiotelevisiva locale operanti nella regione Basilicata in tecnica analogica e/o digitale, dovranno far pervenire, per ciascuna emittente, la domanda di inserimento nella graduatoria al: Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, Direzione Generale Servizi di Comunicazione Elettronica e Radiodiffusione, Viale America 201, 00144 Roma -Divisone III, piano 5°, stanza A504, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale, tramite consegna a mano, corriere o posta raccomandata o assicurata.
Le domande dovranno essere redatte secondo le modalità previste dal bando, pena esclusione. Saranno escluse dalla procedura le domande pervenute oltre il termine previsto. Il recapito delle domande è a totale rischio del partecipante.
Eventuali richieste di informazioni e chiarimenti potranno pervenire al Ministero esclusivamente in forma scritta - in formato word - via fax al n. 06.5913110 o via e-mail all’indirizzo bando.tvlocali@sviluppoeconomico.gov.it fino alla scadenza del settimo giorno dalla pubblicazione del decreto.
Le risposte ai quesiti saranno rese pubbliche, fermo restando l’anonimato del richiedente, sul questo sito internet.
Il Ministero dello Sviluppo Economico procederà alla valutazione delle domande dei soggetti partecipanti al termine della quale verrà redatta la graduatoria.


 10 MARZO 2012 - Sabato 

Ore 17.50 - FOGGIA: TELERADIOERRE 'SWICCIA' SUL DIGITALE TERRESTRE.
Dal 7 al 23 maggio la provincia di Foggia, prima in Puglia, cambierà il proprio sistema di trasmissione televisiva, passando dall'analogico al digitale terrestre.
Dopo il completamento delle operazioni l'unico sistema per vedere la Tv sarà, quindi, mediante l'utilizzo di un apposito decoder o dei nuovi apparecchi televisivi. Teleradioerre, anticipando la data di migrazione, ha iniziato i test per i nuovi sistemi di trasmissione e, pertanto, dai prossimi giorni il segnale televisivo analogico scomparirà. Teleradioerre vi invita a seguirci sempre sul digitale terrestre, che a conclusione delle necessarie operazioni di transizione, permetterà di assicurarvi una migliore qualità audiovisiva, una maggiore capillarità nel territorio e tante novità e sorprese. E allora Teleradioerre anticipa i tempi, non solo guardando al futuro ma già muovendosi. La parola d'ordine, ora, per voi che ci seguite è: risintonizzare il vostro decoder o la vostra Tv. E continuerete a seguire Teleradioerre sul digitale terrestre. Dopo averlo fatto, in tanti, per 35 anni sull'analogico e dal 2002, cioè da già 10 anni, in streaming su www.teleradioerre.it.

Tratto da: http://www.teleradioerre.it/news/articolo.asp?idart=71292


 06 MARZO 2012 - Martedì 

Ore 18.10 -  IN EVIDENZA  - SWITCH OFF ABRUZZO, MOLISE, PROVINCIA FOGGIA: LE DATE DEL PASSAGGIO AL DIGITALE COMUNE PER COMUNE.
Sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico è stato pubblicato l'elenco delle località con le relative date di switch off comune per comune, per quanto riguarda l'Abruzzo, il Molise e la provincia di
Foggia.
Nel link seguente potete ricercare in che data viene effettuato il passaggio da analogico a digitale in un determinato comune (menu a tendina Ricerca per comuni) oppure puoi effettuare una ricerca per data per sapere quali comuni sono interessati dallo switch off in un determinato giorno (menu a tendina Ricerca per data).
Ricerca data o comune switch off in ABRUZZO, MOLISE e provincia di FOGGIA


 05 MARZO 2012 - Lunedì 

Ore 19.30 -  IN EVIDENZA  - PUBBLICATO IL PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER L'ABRUZZO, MOLISE, PUGLIA, BASILICATA, CALABRIA E SICILIA.
L'AGCOM ha pubblicato il piano di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo digitale terrestre delle regioni Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia (Aree tecniche n.11, 14 e 15).

Frequenze assegnate al RAI Mux 1:
Il link vi riporta alla visualizzazione della composizione tipo del Mux 1 della regione Lazio, i canali sono gli stessi tranne il servizio della TGR ovvero Rai 3 che
differisce in base alla regione.
Abruzzo: VHF 05 - VHF 09 - UHF 35
Molise: VHF 05 - VHF 09 - UHF 39
Puglia: UHF 32
Basilicata: UHF 29
Calabria: UHF 35
Sicilia: UHF 27


Dopo la pubblicazione del piano di assegnazione delle frequenze, stiamo ricevendo numerose mail sulle vostre considerazioni in merito.
Ricordiamo che tutti i vostri messaggi sono pubblicati nella pagina dello





 21 FEBBRAIO 2012 - Martedì 

Ore 09.00 - MUX TRCB: ARRIVANO TRCB+1 E STEAL CHANNEL.
VHF 10 / UHF 25-30 Mux TRCB:
Novità nel mux di TRCB, Tele Radio Città Bianca, la nota emittente di Ostuni in provincia di Brindisi. Da ieri, oltre al canale televisivo ricevibile in analogico TRCB e TRCB 2, che trasmette il meglio della programmazione dell'emittente della città bianca, sono comparsi due canali denominati TRCB+1 e Steal Channel. Entrambi i nuovi canali attualmente trasmettono un monoscopio a
barre colorate. La copertura del segnale interessa, con diversi ripetitori, le province di Brindisi, Lecce e Taranto, oltre alla zona sud della provincia di Bari.
Dal nostro collaboratore: Carlo di Brindisi.




 20 GENNAIO 2012 - Venerdì 

Ore 19.55 - ARRIVA SPAZIO TV NEL MUX DELTA TV E DAL 23 GENNAIO TRCB IN DIGITALE.
Da alcuni giorni nel mux di DELTA TV (a Brindisi ch.40 UHF) è apparso il canale "Spazio Tv": Attualmente è in onda un cartello con lo slogan "Spazio Tv, la Tv che fai tu". Ricordiamo che sonoi presenti nello stesso mux 7Gold, Antenna Sud, Antichita Chiossone e alcuni canali a schermo nero denominati Delta Show, Delta Arte e Delta Market.
Ma c'è un'altra novità che scatterà il prossimo 23 gennaio: con largo anticipo sulla Normativa vigente che impone il passaggio definitivo, il cosiddetto “switch-off”, entro il prossimo 30 giugno, TRCB, trasferisce tutta la sua rete analogica sul digitale terrestre. Per visualizzare la programmazione dell'emittente di Ostuni (la nota Città Bianca), gli utenti dovranno effettuare una semplice operazione, quella di risintonizzare il decoder del digitale terrestre.