______________________________________________________________________________________________________




LUGLIO 2019


Martedì 2 Luglio 2019

ANALISI EUROPEE PER LO SPETTRO RADIOTELEVISIVO ITALIANO,
NUOVI SCOSSONI IN VISTA NELL' AREA ADRIATICA.

Il RSPG (Radio Spectrum Policy Group) si è riunito il 10 Maggio a Dublino ed il 12 Giugno a Bruxelles
per ridiscutere la situazione dello spettro radiotelevisivo dei Paesi dell'Unione Europea.
Qui di seguito analizziamo esclusivamente ciò che riguarda l'ITALIA.

A LIVELLO TELEVISIVO

Per quanto riguarda le interferenze televisive causate dall'ITALIA, la situazione è stata ritenuta
ancora una volta soddisfacente da MALTA, SLOVENIA e FRANCIA, quest'ultima ha recentemente richiesto 
all'ITALIA  il coordinamento per la frequenza UHF 35.

Non sono stati registrati miglioramenti nei confronti della CROAZIA, infatti continuano le
interferenze sulle frequenze UHF 21, 39, 41, 45 e 51. Ad esclusione del canale UHF 51, sono in corso
delle indagini per identificare i trasmettitori interferenti, ma ci sono contraddizioni
nei livelli di disturbo tra le simulazioni italiane e le misurazioni croate.
I risultati delle simulazioni italiane contraddicono quelli delle misurazioni
effettuate dalla CROAZIA che hanno fornito un livello più alto. Il Paese balcanico ha mandato
per diversi anni, numerosi rapporti di interferenza dannosa per queste frequenze dettagliati da
misurazioni dei livelli di forza di campo interferente con l'identificazione dei trasmettitori
interferenti. L'AGCOM fornirà i dettagli tecnici dei punti di prova alla CROAZIA. Se i risultati della
simulazione saranno confermati le cause potrebbero essere la propagazione troposferica dei
segnali oppure il mancato rispetto delle caratteristiche autorizzate da parte dei ripetitori interferenti.

È stato evidenziato inoltre che l'ITALIA spegnerà le frequenze TV dal 50 al 53 nella regione
adriatica tra il 1° Settembre e il 31 Dicembre 2021.

La frequenza 51 appartiene a SAN MARINO e CROAZIA in base agli accordi di Ginevra 2006, ma
l'ITALIA aveva concordato con SAN MARINO ulteriori trasmettitori sul proprio territorio a condizione
che l'interferenza con altri paesi fosse all'interno del confine del Piano GE-06 di SAN MARINO.
L'ITALIA ha spiegato che, per le stazioni situate nel proprio territorio (non facenti parte degli
accordi di Ginevra 2006), la potenza consentita debba essere entro il confine di Montalbo Rocca, in
modo tale da non interferire in CROAZIA.

Secondo le misurazioni croate i livelli di segnale dei ripetitori nella zona di BOLOGNA, FERRARA,
PESARO, PADOVA, TREVISO, PUGLIA o BASILICATA SETTENTRIONALE sono tra i 10 e i 20 dB più alti
rispetto agli accordi di Ginevra 2006. ITALIA e CROAZIA chiederanno a SAN MARINO di fornire la
potenza effettiva di tutti i ripetitori, sia di sua proprietà, sia di quelli italiani (incluso Montalbo Rocca)
e di controllare qual è il livello di interferenza simulato ricevuto in CROAZIA. L'ITALIA invierà l'elenco
delle coordinate geografiche e i dettagli tecnici di tutti i trasmettitori che utilizzano le frequenze 21
39, 41, 4551 nelle regioni adriatiche al confine con il Paese balcanico.

A LIVELLO RADIOFONICO
INTERFERENZE DAB

Per quanto riguarda il DAB, l'AGCOM ha informato che svilupperà il piano che sarà pienamente in
linea con i diritti internazionali italiani (GE-06 + accordi di coordinamento) e ciò dipenderà dai negoziati
transfrontalieri con qualsiasi amministrazione che abbia richieste specifiche riguardanti questo piano
definitivo per il coordinamento con l'ITALIA (cioè diritti aggiuntivi, conversione da DVB-T a DAB, ecc.).
  A tal proposito l'ITALIA è stata invitata a intraprendere il coordinamento delle frequenze con gli
altri Paesi vicini per confermare l'intenzione di utilizzare, in futuro, qualsiasi  assegnazione VHF GE-06
aggiuntiva  o accordi transfrontalieri. Questo piano DAB deve essere implementato il prima possibile
per risolvere le interferenze.

L'ITALIA ha dichiarato che alcuni anni fa le autorizzazioni  "sperimentali" DAB per alcuni canali non
GE-06 sono state concesse per garantire lo sviluppo della radio digitale a livello nazionale, ma senza
coordinamento con i paesi limitrofi.

ITALIA e SLOVENIA stanno attualmente discutendo sulla protezione nei confronti del Paese balcanico
da 2 siti interferenti, MONTE PORZUS e MONTE GRAPPA, con l'obiettivo di definire nuovi progetti per
questi 2 trasmettitori.

La CROAZIA ha inviato una lettera che riguarda i progetti italiani sui canali 12A, 12B e 12C e l'utilizzo
di questi canali in tutta ITALIA.
Secondo questa lettera, l'Autorità croata di regolamentazione per le industrie di rete ha riportato i
risultati delle trasmissioni DAB italiane non coordinate misurati da luglio a settembre 2018.
Questi segnali italiani non coordinati causavano interferenze ed impedivano all’amministrazione
croata di introdurre reti DAB in conformità con i diritti internazionali derivanti dal piano GE-06
Inoltre sono state segnalate interferenze dannose sul blocco DAB 10A (TRENTINO DAB1).
L'ITALIA ha riferito di aver presentato 3 progetti riguardanti i blocchi di frequenze 12A, 12B e
12C in CROAZIA, da considerare utili per proteggere il Paese balcanico (meno di 40 dBμV/m).

La FRANCIA, invece, ha l'intenzione di attivare a breve il segnale DAB sulle frequenze 9B e 9C
nella zona meridionale, ma il canale 9 è attualmente acceso in ITALIA alla frontiera.

A LIVELLO RADIOFONICO
INTERFERENZE FM

L'ITALIA ha sottolineato che la soluzione per il piano FM dipende molto dai progressi riguardanti
la copertura e la penetrazione della radio digitale.

L'ITALIA ha inviato alla SLOVENIA un caso riguardante un nuovo progetto di antenna per i siti di
MUGGIA e CROCE BIANCA. Lo studio italiano mostra che, applicando i 2 nuovi modelli di antenna,
i 2 trasmettitori possono operare contemporaneamente senza ridurre le rispettive aree di servizio.
La SLOVENIA ha presentato un documento, secondo cui l'ITALIA ha dichiarato che per l'area di
TRIESTE il progetto per la propria stazione stava usando un'attenuazione in direzione della 
SLOVENIA di 114 dB. Questo valore non è stato ritenuto realistico. 
Il Paese balcanico ha quindi sottolineato che l'unica soluzione al problema è quella di
cambiare la frequenza di trasmissione del segnale italiano ed inoltre intende aumentare
la potenza di alcuni trasmettitori per compensare le interferenze.
L'ITALIA è particolarmente preoccupata dal fatto che l' AKOS abbia autorizzato il potenziamento
delle trasmissioni FM da 5 a 40 dBW dalle postazioni di MONTE KUK, CROCE BIANCA,
MONTE NANOS e PRILOGA, come mostrato nei documenti resi disponibili dal giudice
 italiano di Trieste a causa della controversia legale tra emittenti italiane e slovene.
La SLOVENIA ha risposto che questo attualmente è l’unico modo per contrastare le
interferenze. Si è giunti alla conclusione che c'è la necessità di un incontro bilaterale tra i 2 Paesi
per indagare sulla questione di MUGGIA e CROCE BIANCA e definire soluzioni diverse dall'aumento
di potenza deciso dalla SLOVENIA. Vista l’attuale mancanza di potere esecutivo dell'ITALIA nella
banda FM, è stato concordato che le emittenti hanno bisogno di essere coinvolte al fine di ottenere
soluzioni vantaggiose per tutti.

La CROAZIA ha presentato delle proposte per ridurre l'interferenza su 4 canali prioritari che
riguardano il MONTE BIOKOVO, concentrandosi sui disturbi co-canale. L'ITALIA ha presentato i
risultati di forza di campo simulato per solo 8 casi di interferenza nei confronti di questo ripetitore
croato, ma, secondo l'elenco delle frequenze croate FM prioritarie allegate alverbale
dell'ultima riunione del «good offices» del gruppo di lavoro tenutasi a Roma, ci sono stati in totale
33 casi di interferenza con questo trasmettitore. Fuori da questa cifra, sono inclusi in totale 13 casi
di disturbo co-canale. L'ITALIA ha sottolineato che non capisce alcuni risultati delle misurazioni croate
con il campo di forza superiore a 70 dBμV/m, mentre i parametri dei valori di simulazione, dopo la
verifica del trasmettitore, sono inferiori a 40 dBμV/m. ITALIA e CROAZIA si scambieranno i parametri
della simulazione per indagare le ragioni di queste differenze. L'ITALIA fornirà i parametri tecnici
delle stazioni radio sonore con ID programma su cui è stata segnalata l'interferenza croata e per
risolvere questi casi di disturbo dovrebbe concentrarsi sulle situazioni di interferenza co-canale.

MALTA, invece, sta pensando di sviluppare un piano di riprogettazione delle trasmissioni FM per
rafforzare il segnale locale nelle aree interferite e contemporaneamente ridurre al minimo
gli effetti di ricaduta sui paesi limitrofi. È in corso di studio la fattibilità tecnica e finanziaria
dell'attuazione di tale misura con annesse implicazioni politiche e sociali. Naturalmente, prima, 
MALTA cercherà l'approvazione di qualsiasi paese interessato per il coordinamento delle frequenze,
come richiesto dai regolamenti internazionali. La proposta è stata accolta ed il Paese è stato invitato
ad avere incontri bilaterali con l'ITALIA.

A LIVELLO RADIOFONICO
ONDE MEDIE

L'ITALIA ha richiamato l'attenzione su un problema riguardante le trasmissioni in onde medie, in cui
una modifica minore del proprio diritto GE-75 (spostamento di meno di 5 km) è stata respinta dalla
SLOVENIA. È stato chiesto ai 2 Paesi di discutere su questo tema.

COORDINAMENTO IN VISTA DEL 5G

A distanza di mesi, la situazione per il coordinamento delle frequenze tra ITALIA LIBIATUNISIA
ed ALGERIA è rimasta in stallo.
MALTA, invece, ha presentato un progetto di accordo con la LIBIA ed è preoccupata su possibili
ritardi nel completamento di questo accordo a causa della delicata situazione attuale nel
Paese nord-africano.

La CROAZIA ha comunicato di non aver ancora approvato la tabella di marcia nazionale dei 700
MHz. La proposta del testo della tabella di marcia nazionale è stata preparata e sta seguendo
la procedura governativa per l'adozione. L'HAKOM non è coinvolta attivamente nella procedura
di adozione e quindi non sapeva i tempi della sua pubblicazione. Anche se non ci dovrebbero essere
ritardi, la CROAZIA ha sottolineato che l'attuazione della tabella di marcia dipende dalla situazione
con l'ITALIATuttavia, il rappresentante della CE ha dichiarato che la pubblicazione della tabella di
marcia non dovrebbe essere condizionata da ciò.

Il gruppo di lavoro ha preso in considerazione la richiesta della CROAZIA all'ITALIA di rendere
disponibili i canali aggiuntivi per consentire la transizione al piano finale sotto i 694 MHz.
La CROAZIA concederà nuove licenze all'emittente pubblica (2 Mux nazionali e 1 regionale) nel 2019
e di conseguenza è stato chiesto all'ITALIA di incontrarsi il prima possibile per cercare di proteggere
  su tutta la parte adriatica del Paese balcanico i seguenti 9 canali:

•    Frequenze 21, 22, 23, 43 - L'operazione della fase 1 avrà inizio il 15 maggio 2019.

•    Frequenze 27, 29, 34, 35, 41 - L'operazione della fase 2 inizierà il 1° ottobre 2019.

Questi canali, ad eccezione del 43, erano soggetti al Decreto Legge, ma l'ITALIA ha evidenziato che
in quel periodo, questi canali erano attivi solo in alcuni parti della costa adriatica della CROAZIA.

Ora però queste frequenze dovranno essere liberati in tutte le regioni adriatiche italiane
all'interno della poligonale stabilita dagli accordi di Ginevra 2006. Inoltre, la CROAZIA ha
l'intenzione di mantenere attive le frequenze che l'ITALIA ha rilasciato con il Decreto Legge e
pertanto dovrà continuare a tenerle spente.
LCROAZIA ha spiegato di aver richiesto la protezione su tutta la zona adriatica perché ha cambiato
il piano di trasmissione che consiste nel maggiore riutilizzo delle frequenze.
Per le emittenti private croate (2 MUX) le autorizzazioni scadono nel 2021.
L'ITALIA ha indicato che, a seguito di una consultazione pubblica, alcune emittenti hanno annunciato
la possibilità di rilasciare alcune frequenze in anticipo, il che potrebbe essere d'aiuto per il Paese
balcanico. L'Italia invierà alla CROAZIA l'elenco delle coordinate geografiche e dei dettagli tecnici di
tutti i trasmettitori che operano sui canali 21222327, 29, 34, 35, 41, 43 nelle proprie regioni adriatiche.

L'ITALIA ha aggiornato il questionario del RSPG, che riguarda la transizione della TV sotto i 694 MHz, 
specificando nuovi elementiLa risposta sarà pubblicata sul sito web del RSPGL'ITALIA ha anche spiegato
che dovrà effettuare un'asta per 4 mezzi Mux per tener conto del rapporto di 1:2 che è stato utilizzato
nella conversione dei diritti DVB-T in diritti DVB-T2. In alcuni casi, i nuovi diritti non corrisponderanno a un
numero intero. L'AGCOM ha pubblicato il 7 febbraio 2019 il nuovo piano nazionale per la trasmissione DTT
(PNAF 2019, decisione 39/19/CONS) che risulta essere in conformità con le leggi di bilancio 2018 e 2019,
GE-06 e gli accordi di coordinamento ed è pienamente in linea con i diritti internazionali italiani.

Il prossimo incontro è previsto il 19 settembre 2019 a Zagabria.
Tratto da: http://rspg-spectrum.eu

_______________________________________________________


GIUGNO 2019

Martedì 25 Giugno 2019

MISE: PUBBLICAZIONE ESITI CONSULTAZIONI PUBBLICHE SUI BANDI
PER I DIRITTI D'USO T2 E PER LE GRADUATORIE DEGLI FSMA LOCALI.


Online le osservazioni formulate dai soggetti interessati sui documenti di linee guida
messi in consultazione in data 29 marzo 2019 per la Formazione delle graduatorie
dei fornitori di servizi di media audiovisivi in ambito locale (art. 1, comma 1034 della legge n. 205/2017)
e sulle procedure di selezione ed assegnazione dei diritti d’uso di frequenze
in ambito locale ad operatori di rete (art. 1, comma 1033 della legge n. 205/2017).


FSMA LOCALI

è stato posto in consultazione per acquisire le osservazioni e i commenti dei soggetti interessati.
Le linee guida illustrano i criteri e le modalità che verranno adottati per la formazione delle graduatorie dei fornitori
di servizi di media audiovisivi (FSMA) operanti in ambito locale, in applicazione di quanto previsto
all’articolo 1, comma 1034 della legge 27 dicembre 2017, n. 205 e s.m..
Le graduatorie dei FSMA saranno formate tramite procedura di selezione effettuata dal Ministero in base
ai criteri previsti dal D.P.R. 23 agosto 2017, n. 146, integralmente richiamato nella legge 21 settembre 2018, n. 108.
I FSMA sono tenuti a presentare domanda di partecipazione per i marchi che intendono
diffondere nelle diciotto aree tecniche del territorio nazionale, così come da ultimo definite
dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni nella Delibera n. 39/19/CONS che stabilisce
il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).
Il documento è stato messo in consultazione contestualmente alla pubblicazione delle linee guida
relative alle procedure di selezione per l’assegnazione dei diritti d’uso di frequenze in ambito locale
previste dall’articolo 1, comma 1033, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 e s.m. allo scopo di acquisire
le osservazioni da parte dei soggetti interessati in relazione ad entrambe le procedure - tra loro strettamente correlate -
consentendo al Ministero di tenerne conto nel processo di riorganizzazione complessiva del settore.
Fino al 7 maggio 2019 è stato possibile inviare osservazioni e commenti utilizzando
la casella di posta consultazione.LineeGuidaFSMA@mise.gov.it
Di seguito i documenti ricevuti durante la consultazione pubblica.


OPERATORI DI RETE FREQUENZE LOCALI

È posto in consultazione il documento
per acquisire le osservazioni e i commenti dei soggetti interessati.
Le linee guida illustrano i criteri e le modalità che verranno adottati per le procedure di selezione
per l’assegnazione ad operatori di rete di diritti d’uso di frequenze in ambito locale
per il servizio televisivo digitale terrestre, in attuazione dell’articolo 1,
comma 1033 della legge n. 205 del 27 dicembre 2017 e s.m..
La procedura di selezione di operatori di rete cui assegnare diritti d’uso di frequenze sarà effettuata
in base ai criteri individuati all’articolo 1, comma 1033 della L. n. 205/17 e s.m. e seguendo
la pianificazione delle reti in ambito locale, di cui alla delibera n. 39/19/CONS dell’Autorità
per le garanzie nelle comunicazioni che stabilisce il Piano nazionale di assegnazione
delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).
Il documento è messo in consultazione contestualmente alla pubblicazione delle linee guida
relative alle procedure per la formazione delle graduatorie dei fornitori di servizi di media audiovisivi
in ambito locale previste dall’articolo 1, comma 1034, della citata L. n. 205/17 e s.m.,
allo scopo di acquisire le osservazioni da parte dei soggetti interessati su entrambe le procedure
- tra loro strettamente correlate - consentendo al Ministero di tenerne
conto nel processo di riorganizzazione complessiva del settore.
Fino al 7 maggio 2019 è stato possibile inviare osservazioni e commenti utilizzando la casella di posta
Di seguito i documenti ricevuti durante la consultazione pubblica.
OPERATORI DI RETE FREQUENZE NAZIONALI

Procedura di assegnazione agli operatori di rete nazionali dei diritti d'uso delle frequenze pianificate dal PNAF.
Il Ministero dello Sviluppo Economico, in attuazione della Delibera n. 129/19/Cons,
adottata dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, in data 18 aprile 2019,
pubblica l' “Avviso per l'Assegnazione dei diritti d'uso delle frequenze per il servizio televisivo digitale terrestre
ex articolo 1, comma 1031 della legge 27 dicembre 2017, n. 205, come modificata dall'articolo 1,
comma 1104 della legge 30 dicembre 2018, n. 145”.
Nell'Avviso pubblico si invitano gli operatori di rete nazionali a presentare,
entro 15 giorni dalla data della sua pubblicazione, istanza di partecipazione,
fornendo i dati indicati nel medesimo avviso, ai fini dell'assegnazione dei diritti d'uso delle frequenze
in ambito nazionale, secondo i criteri di cui alla citata Delibera n. 129/19/Cons.
Le domande di partecipazione devono essere presentate, tramite posta elettronica certificata
al Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione Generale per i servizi
di comunicazione elettronica di radiodiffusione e postali, Divisione IV. 



Venerdì 7 Giugno 2019

RADIO: TORNA MC2 AL POSTO DI RMC SPORT.

Da qualche giorno sono cessate le trasmissioni in modulazione di frequenza di RMC SPORT
che continua la sua attività sul web cambiando nome in TMW RADIO acronimo di TUTTO MERCATO WEB.
Parte degli impianti FM terrestri sono passati di mano a RMC 2 ribattezzata MC 2 - MONTE CARLO 2
(il marchio RMC è passato a RADIO MEDIASET).


Queste le frequenze che utilizza la nuova MC 2.

FREQUENZA MHzPOSTAZIONELOCALITA'AREA SERVITA
103.5Colle della Maddalena - Strada della VettaPecetto Torinese (TO)Torino, Cuneo e relative province
105.7Sestriere (TO)Sestriere (TO)Sestriere (TO) e comuni limitrofi
95.9Torre Velasca - Piazza VelascaMilanoMilano e provincia
99.1Garage San Marco - Traliccio 1 - Piazzale RomaVeneziaVenezia e provincia
87.9PocolCortina d'Ampezzo (BL)Cortina d'Ampezzo (BL) e comuni limitrofi
89.2Basilica - Via San LucaBolognaBologna e provincia
102.0Monte Maggio Busalla (GE)Busalla (GE) e dintorni
106.6Castello BrownPortofino (GE)Portofino (GE) e zone limitrofe
101.6Forte San PaoloVentimiglia (IM)Principato di Monaco e provincia ovest di Imperia
89.8Monte SolaroCapri (NA)Isola di Capri (NA)
106.7Porto Cervo - EliportoArzachena (SS)Olbia (OT) e dintorni
99.3Monte SerpeddìSinnai (CA)Cagliari e Sud Sardegna


Lunedì 3 Giugno 2019


RSI - TV SVIZZERA ITALIANA:
CESSATE LE TRASMISSIONI SUL DIGITALE TERRESTRE.


Il giorno è arrivato. Oggi, lunedì 3 giugno, la SSR ha cessato la diffusione dei suoi programmi sul digitale terrestre (DVB-T).
I canali televisivi di tutte le emittenti SSR saranno quindi fruibili unicamente via cavo, via internet o con il satellite.
Come già ricordato dal direttore Gilles Marchand la tecnologia, introdotta circa 10 anni fa, era sempre meno utilizzata
e “si spendeva il 45% dei costi di distribuzione per meno del 2% della popolazione".
Lo spegnimento, che permetterà un risparmio di 10 milioni di franchi all'anno, interesserà infatti circa 30'000 economie
domestiche in tutta la Confederazione Elvetica tra cui 2.000 utenti nella Svizzera italiana.
Utenti che da qualche tempo sono stati informati e per i quali è a disposizione un sito internet
e un numero di telefono per l’assistenza tecnica e il supporto nella ricerca di un’alternativa
(0848 88 55 33 - numero telefonico accessibile dalla Svizzera).
Niente da fare invece per gli spettatori delle zone oltreconfine che ancora usufruivano
del naturale sconfinamento del segnale, i quali non potranno più guardare i programmi in tempo reale.
In Europa la Svizzera è il primo paese ad abbandonare la tecnologia digitale terrestre.



Nella Svizzera Italiana il multiplex disattivato nei contenuti, veicolava i seguenti 4 servizi televisivi.

LCNLogoIdentificativo TV
-https://lh6.googleusercontent.com/-bX9chbkq9D4/UqIL6nhBVQI/AAAAAAAEWe8/LlZzfFsbDVk/s1600/RAS%2520RSI%2520LA1%252052.jpgRSI LA 1
-https://lh6.googleusercontent.com/-4RDn8VPRRw0/UqIO3qwtZiI/AAAAAAAEWjE/1OwBMyAYcHY/s1600/RSI%2520LA%25202%252052.jpgRSI LA 2
-https://lh6.googleusercontent.com/-3in0v1XssU0/UqIL8YKW6NI/AAAAAAAEWbw/s6-BdGg4pIw/s1600/RAS%2520SRF%25201%252052.jpgSRF 1
-RTS Un

Su questi 4 canali è ora presente il seguente cartello.
https://lh3.googleusercontent.com/BCoPB08yiB6sAJg7YJc9fyItyRf2i8GHg-vIyUg0CCdC0ylTgs9qr1IijdfTvCkqn7TVqqwN8XTrjymTvaDyH0Rm8idfuQi3K4m8z_gzeHPDhI2GWxTsFypWF8x0GvBTfGbxD-0xeeHK-u11YKq75dhiiQOYm4GSWa4-OROX0z8TH_wVmeuaMxSax7TGzVipym8x9kRWZirshzvxqRCz41tsjwYFKwwsJWL0GmObeatDz7k93tbuuxIrP6xAvDCHnXEBM08hiLQuhueZC5RJGsnoZaY-XYcq-2nwgE3qzEEOVEoaf5Et8IiSVys-GnsO7uqG13Knt290SkrfWAiLUv47S2yfj4wCdchxJUbb3CnQOyZGG6L_7xuuXoOEPcV66D94vcPuXVxunTmIgFoHNTbji1A3Tx12fGcU4GlIC8WbfzpZPxecJpQmjSvHG1TuSIwXG495hp7Z1x0Nom1WCyp42nERR68_jDKvfE3kPsM4CGYbVAqGZDee6EBp4AQcqyiYkfApuyDWnIbn66SvHSJ7GX4f_hepoVyvIb0NFz-yw8NLQJGs7zwiQilsHe_ywBpFQYSjHawgq6CJYWC4y9-4_MRH4o5YFCse6miAEovqI-egHwZ8SzbF5xpWf7KRg62-UEq8M7YqaUnLW1B--wRMBvziIZ2s=w1144-h648-no

Ringraziamo Andrea AGBrasc per averci fornito l'immagine.

Chi sono gli utenti interessati allo spegnimento del segnale TV digitale terrestre?
Sono interessati da questo cambiamento coloro che:
guardano i programmi televisivi SSR (TV svizzera) tramite un'antenna da interni o un'antenna sul tetto;
da oggi sullo schermo vedono solo un'immagine fissa con alcune informazioni.
I cittadini svizzeri cosa devono fare?
Le alternative disponibili sono:
la ricezione satellitare (DVB-S);
la ricezione via cavo (DVB-C);
la ricezione via Internet (IPTV con decoder o streaming).
Perché la SSR abbandona il DVB-T?
Secondo la nuova Concessione nella quale ha sancito che il diritto e il dovere della SSR
di diffondere programmi televisivi via DVB-T si estinguono entro il 31 dicembre 2019.
In Svizzera, infatti, solo appena il 2% delle economie domestiche sfrutta ancora questa modalità di ricezione.
L'abbandono del DVB-T, oltre che alla nuova Concessione,
è dovuto anche alle misure di risparmio e allo scarso utilizzo della rete.

_______________________________________________________


MAGGIO 2019

Martedì 28 Maggio 2019

EUROPA 7: DAL 1° SETTEMBRE ARRIVA L'OFFERTA FLY HD.


E' stato attivato il sito web www.flyhd.it del gruppo EUROPA 7.

https://lh3.googleusercontent.com/iFoTgFgpIeO4Pn19mIRkwIGXdSB9CrHuHOlHQltxtFTpArox7iEouesMG-Xckcp_gjDre4QTQRl2Pvg3iw-NuZTeJv14tRrP03oWE2b1xpkOui6iC1x4P0rntMgpiNUnOxQrnySugomZ87Mos4CRdA5SbyRgSTNCao1p-GJ8AdkQJrDRBfaEP1zSBaOfvF_NTcAv5-PX0ACqIgLcEovajBIKYYv1IqV3FgkjwsNUcPwcUPylzz-DoVxk5haUBNTRULmZzMYfh4H35QWK26W3D6van7TPDBVfJmyFlNVQ8UnJR-b8M6xaQdK7xyCV7J2GSNHRn7FvrAfuFpMWRO9rHqmLPAXTXj7itFxiGquTBMRobZPNojdIe2F6U4oyrkcjMeyl2HKRvp1KIaiVS4ujY1XzXcZdVbhldMA38vvo29LH4FJygK5Np5tZf81IRjfA_wmdJxTlUuS9_j2pO2S_PNwNGEPiPXs5bUAOMmhRdjlxTnMT1WPXwKtiLdHMfkBDdhoxTjdTaiTcR2rS6E-SXXtOynxsKhsnGjPlE9UJQCJKJnk_rp98W6q48NnHXj7ruzldkcrou0BZ_wD8Rv6fm7S9iFsPapdPc2eFnOLDxZcCo72-cYNARlFJQStKJ-WcVqnBiK3DsSmHuCiPHCj6UnZjMlY4svRU=w1144-h708-no

E' inoltre presente il seguente comunicato in cui si descrivono i dettagli del progetto.
Grazie alla decisione dell’Antitrust che permette l’utilizzo delle Smart Card Nagravision anche a terzi,
Fly HD potrà finalmente far partire la sua Piattaforma,
il cui lancio è previsto per i primi di settembre.
La Piattaforma FlyHD apre scenari totalmente nuovi nel panorama televisivo italiano sia in termini di offerta commerciale
sia in termini di definizione dell’immagine, infatti grazie alle tecnologie HD/4K HDR
e al Dolby Digital sarà garantita una qualità audio e video mai vista prima.
Otto canali saranno dedicati ai film in prima visione tv delle più importanti Major internazionali,
mentre un canale musicale verrà riservato ai grandi Eventi nazionali ed internazionali.
I film Current e gli Eventi saranno fruibili in Pay per View,
ad un costo estremamente competitivoe senza alcun obbligo di abbonamento.
La Piattaforma sarà ricevibile da tutti i possessori di un apparecchio televisivo in DVB-T2.
Le novità della piattaforma non si fermano al televisore infatti,
collegandosi al sito www.flyhd.it si potrà richiedere anche un Dongle,
un innovativo apparato che permette la visione dei canali digitali su Smartphone e Tablet,
senza alcun costo di banda internet e con un consumo di batteria molto limitato.
Per la visione dei canali della Piattaforma Fly HD saranno utilizzati gli LCN da 417 a 436.


Per conoscere ulteriori dettagli della nuova offerta televisiva di EUROPA 7 il cui lancio è previsto per i primi di settembre,
vi rimandiamo inoltre alla lettura di questo articolo a firma di Andrea Biondi pubblicato ieri sul sito de Il Sole 24 Ore.
Di Stefano (Europa 7) punta alla sua pay tv su R2 della «rivale» Mediaset.

E' riconosciuto per essere stato lo storico editore anti-Mediaset,
protagonista di una vicenda sulle frequenze che lo hanno portato a richiedere spazi
per la trasmissione che gli erano stato assegnati, ma che per lungo tempo sono stati occupati da Rete 4,
e che hanno portato l’Italia a essere condannata per questa vicenda.
Ora Francescantonio Di Stefano – editore di Europa 7 e fra gli “accusatori” nella vicenda che ha portato Antitrust
a chiedere rimedi a Sky per il ripristino della concorrenzialità che secondo l’Authority sarebbe venuta meno nell’ultimo anno –
si avvia a lanciare una sua piattaforma pay per view.
E per farlo si servirà di R2: proprio la piattaforma tecnologica di Mediaset
utilizzata per Premium nella sua nuova versione “aperta a terzi”.
Si chiamerà Fly HD, si legge in un comunicato, e sarà alla Chili per intendersi: si paga solo per quello che si vede.
Questo il progetto che in qualche modo è figlio della vicenda che ha portato Antitrust
a esprimersi ieri prevedendo per Sky 3 anni senza la possibilità di esclusive internet.
Al punto 286 del provvedimento Antitrust che ha chiuso l’istruttoria (e contro il quale Sky ha già protestato e annunciato ricorso)
è segnalata una richiesta della società Italia Way di Di Stefano di accesso alla piattaforma,
negata nel periodo in cui la vendita a Sky sembrava poter diventare realtà.
Ora, scrive Di Stefano in un comunicato, «grazie alla decisione dell'Antitrust
che permette l’utilizzo delle Smart Card Nagravision anche a terzi,
Fly HD potrà finalmente far partire la sua piattaforma, il cui lancio è previsto per i primi di settembre».
Insomma, già nel momento in cui Sky e Mediaset fanno retromarcia sul passaggio di R2 alla pay tv di Comcast,
le due società hanno comunicato che quella utilizzata per Premium sarebbe stata una piattaforma aperta a terzi.
Di Stefano aggiunge a questo punto la decisione dell’Antitrust di ieri. Risultato: la preparazione del servizio pay per view.
Cosa ci sarà in questa pay per view? «Otto canali – si legge nel comunicato –
saranno dedicati ai film in prima visione tv delle più importanti major internazionali,
mentre un canale musicale verrà riservato ai grandi Eventi nazionali ed internazionali». Poi film “Current” e altri eventi.
E poi, in chiave di innovazione tech, «collegandosi al sito www.flyhd.it si potrà richiedere anche un Dongle,
un innovativo apparato che permette la visione dei canali digitali su smartphone e tablet, senza alcun costo di banda internet».
L’imprenditore abruzzese negli ultimi tempi, a quanto Il Sole 24 Ore ha potuto appurare, per arrivare a poter fare
questa operazione ha avuto contatti con R2 e quindi con la proprietaria Mediaset. Proprio gli storici nemici.


Ricordiamo infine che ad oggi, l'unico impianto ripetitore sul digitale terrestre attivo in Italia
è il sito di Monte Compatri sul VHF 08 per la zona di Roma.

LAZIO
VHF 08 (198,5 MHz)
PostazioneComuneProvinciaPol.
La MontagnolaMonte CompatriRMo


SATELLITE: ATTIVATO UN CANALE IN 8K SU EUTELSAT 13° EST.

Da qualche giorno sul satellite Eutelsat Hotbird 13° Est è stata attivata una frequenza
nel cui flusso è presente un servizio televisivo che trasmette un canale nello standard 8K.
La denominazione è Roland Garros 8K e nonostante la sua diffusione avvenga
nella modalità FTA free to air (in chiaro), esso è visibile solo attraverso TV / decoder 8K.

LOGOCANALESATELLITEFREQ. MHzPOLSRFECMODALITA'
Roland Garros 8K13° Est - Hot Bird11219H275009/10DVB-S2

Come potete vedere dalle immagini in basso, il formato video è 7680x4320 e il bitrate è di circa 65255 Kbit.
A livello di contenuti, durante i nostri ripetuti monitoraggi,
veniva trasmesso a ripetizione un documentario con il logo THE EXPLORERS.
Ad oggi infatti non sono ancora trasmessi i match tennistici.


https://lh3.googleusercontent.com/LnJM-U-_k_ErULMdCzIwsOYNaVW4n6ELrAMx0i8K66J1MbMLaeZaxU6YDde0kYHA4Gp5vERqujDDf-N0P2Zb89nOYMPs2IFdBxSL7rYtUMmSZRBX_dx8abb_XYkFsiswzwJ_X6lr06jN8lPj133R1vJ-7Lr2vnen0hbRch0Lqu9xUoByoPihOZ7nutZeSDIhzx8M_VQtcrzMffTTs2PEJP1ijL0k2sPi585uxH026YkviaaNAjbDB70nb5za2O544rxB7RajRfoopXdMC3SLTUJJmt6oGO8OeGNYh5rk03hsvMKaehCpa7CPYrLhK7Gw5G70pcozdWPQ4Kaai_stwkmFXi51nf3nGIgz3TJ9qejd4Q5zLlXKCok6LDjIRCR4lbUzlCSnDhO-sc9K-QmpUKODdcTlwd2x6pCEYllJ_2Mbc0Ob73Pt3TiaYILSRshBKzw--VPCS9sMataRbMF1h71fk7E2DmIScg4hwvpgmDJutcYukeFaCDLeZDYnckZGE8wvO39F9I69t4Ht-zU5uW9V_oyBrplh0zE42LtVEGKHwYKxl_4W2pDVoMEpp2IoQPnO1QCALZuei2wzmQJgCK8x8CcxsGzUyCrWzxOOLqCzsTCWm28-ZZ_qd3AaCW2s43hgIjsoCLUBOY8U2ZsTalQd8BNrLa0k=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/kUkQNL67uekX64Wok-xYqjmbhrx4Fdhd0h_5HtTQ5D1lYjRTnqcrB1VETuRTg1cnIBbZne3OCyTVJ2f3J83N7-9jj_b4TwEMtvx5hMGVE2nlHlR6lDB6L9rqukj9Lxjw1gnsBdj-t_Fc910dRF_lwrYd71ruhw1NEUCr7zUFDiiqxx21lpI3ilDLMYngS056TH1ObsWsaHyiXY1_1NyFDkv9CBtle25axjYBs4w_qyZCwupijhZECg5WDXv-Oa9pZJrlaDRYDbQ3ExQHK-tVm9Z47Fgn3l3DUy4PdaB3VFy6Xl2mkkty2R7kstYZlB1zrjih6aTZbem9imK4P7lsIZS63RaEDvMW7-Xw-vTSOvzwJ8w9--K8CSH5ZGElj5Xqugd-Y3xWu4J1KdgTvfRCP9urhYOacnT_-FZXQtnfh4CFmOfeh25s-RTm0mXdN-21MFIM0k0gx30y1RnErxx7fYTGyEdZ_NM0lDzCDSC3N6qkxHWyv2h0besBxwN5bq_lWn8YuHg1W29DRApd6j4YwylgXmgniBxgUcuXHsDRpdYdGhW9cBSMKr9pTFVb6lDPNxkBGXQZohVo4DBbprSN7Rmp9RGEqtpXq4NcVyIHL57vrKg8luYPYx70ek0Hae0ir1TLd1A0JSVTXCWZHUzapafoKkULa9Hx=w1144-h648-no

https://lh3.googleusercontent.com/TVIxRkiawJIWFKtGEsdNg4FtkUxj1jSe3m1R6ezjxGyBeWewsmgx2L5IChA49u9Ao1Dk_gP37Ba7yogDrMHoX5eyhMM6pFFNh3jSuIWsoGA3FD85Y5J1gBPuxuiMrtBwQvyIEOXrqTS7xsZoooWgva6o11UFAlXqsDkYCrM4BgbsZX9MuiBpzf2UMHliFO17L8yHAoW0uQt1tlS9YEp42wT4CaA-szx3wPc0xXo6T1IsinQfOn21anNfvMgAfqTrYXmQO81-adSWMlVnxNPtQTBzRXpcXnBNnz1e1AO2LqjyyEwxeg2C21h-EE3suR6ihNWlynkPmiZZCYAcf_qy3oVFWoXHXXMmrTDaHbB1eGBHXs7B79D1OY-cJhRDQbNYYyX02D6EVt2o2fxVdAZ7LZ62CkKCwyi9xfM0T8QHjYg75l5PKmR6Xxf8tDoqs7rnSsplDE1zXe5rtotR4LNV8XKwwI-h26UFRrS3DJTFj-f25ufKD79W0l4VxpbIhwvwAFHEl69p0SrFjES7cO-o6oo5vYbiw-a9A0M-A6yxLUSOBLRw0IIfBu6r6tI1epVg5rq9KAvqz7NRAfkMAB_Yb3EwFxjLiOlbRs2FIedDgiCr4h7VbMSs6t8euSrxrFZUX9CMioC19Jn8VJG183MmBEAHUclbbj--=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/1BSdEB3QJNpq2HVY1B0cVIVsgrOGCMRaqGfrEdF6oXheH854qDsJVGv6XhGYCtttqFtblQCHYm5BXf02qXXHf9aJDXz34WdzS37sxOZ_98G_8FsBpYYowhk-_CfHZqT0vHhaaQGHJCbWINTZGKqBHIC_6hGqhyffFzbUWDGVCfNE_5JMtNJjZ1LjUMlIpn1SolKLmJgC75oEiCkNfKA8CjcFtKUq8Um7nWUJx62IVfPEDqZOcOtz787pg7SwQNNsoC-La2e7r27BGTVlCNk91OZ_42e5xqLAf_epmOLi98jguoRB5psceXuW7TW2cShfpWIQiMhy-xfKJ1YhiyvuDe9MiS8hybKLJMflZAku0UFoNCaA3gPfivjMIlWejyXX8C-g7bObq5A3MuEei5Yo2LiV-OUZczTuL0J2_bV66W9mPgoBtlg1aT2pR4b9VC7Rtt53JM3uO-LLshUU0uuoCZVrf9Etew1Am8Bc6RR-p3HJKHQZIKhr-735kiZVaxA81MeKes01zwrtj4uiqD5zB0R4K1uFCEXwPIiiae5pDiqX6CYTDDbt0bo4g2DQjK9q86bWogc2lNHKbcFBnV5nPj-KYGSsm_urYHzpVqxz5O2SJGKx3qkrqj5kTIDXgtSoOmx9uHit8jr3BIqvRuV__ABccvAb1hJS=w1144-h648-no

https://lh3.googleusercontent.com/GSFAVn_WkreyQQZX_tVDNJhrc8j_OZ7Z_3fPwbqAmyxSDUiX-MiXTWqaQIfL7dA3pcnC7DlTRKIYWBaBrmFfz1tfhmp4ws6lG3Vf9wsWiiCY3s3kiphyOdUgXEbObLsEt53fRGb8pv_QZnntUaGKrqgn16r2dBvQTKddgMH5XIU3cXaCZIFgCgXOgzLxfriFs0l4yWN-9oyMo_XRmV3K2u_OhPGlpNl-BZQlmps3L8z59iKiAiTxPFy-u1LlEQOCoTaIRhunwviKnWBZ6QWNGiGcHYKPyA3f2Nmuw1IhQh9YAsoUqPblqvOlt62Mjg62L9vZLM2ojRDZVrEGvKiU_f46sw0BEHnCGm9vrVP2a_wbZJM2o5ip-XAd52-8kx70ivZAbvl2l1vAHVc3xnrsKePDLhdq0Ly07QqkEKrE5SiASLY2o-Uftm5R8irPGH8WG7t_nPfEJNVC8e-1we6tHhmdxpjRfGilPZrj0VcA-BTZ4_11VZ6U1VJSyNo7_6If34oWduQZ1h0FU6HTj2FDU6Dv_PjJw7LZboJ948Gg5dhYP6QNJRmbZoHpeVimaG58s6fmGRJAGw0ln0RMkygbpqC_lx50-bZhgo14I2HbfFtD-IKJA2SH1EwpwTtvQabDaGQUOhuO2DJqeCr516QEM6bnf1tmk4qV=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/1P_mMgw7zMiuVUkQogkxDtQbtJ2iFf4wug-O1T3rpxLK7siAxvD235glyB8m5xh4l83mPMyFNfWOq_EM-KyQpGV9xiOJ85xbGsMprAh8-bkkhArXP6nCWQ12C_sWl80rpeIBnP5mBPMjOpP5j3qcSKbBRQAFhUcHuj7jl_oJ6lmD1MoGv3W5-FzdNakrKBRCQQU0AjCWE29RP56ydkS5mTYB90nmPteDVCPAxKFmVSi0qVK-qjGeVbr9u2I7AgRoezhbTcqjJ7U1fKX43Qg12hfijLhf6c9KOBLGtv5B8Wpb07RK6P00rN6IpZKlJ-3aYkLK-kPThPhuVpoDBlM7ss_xt1tfgap02ENz51S9n-a2Ch1OlVv7QCXLChXX2ZSodnbPf6sAzSj1fUhXDO0nD1Gxj7cr-IGhL_MrZ3_pUNF192TQZjWjlHnUQWl0rOGbcSky33mr_0PrdUYC-LMUhclbMA9YvoSVHdKuVYP6tPUGBDAmhF4aFtRFYPaGJiSXjR0KFBo7D489Dqqjjv5KD1dxbLJiapg_LaugUu1VZRmK9b-KKLYHVB66pkmReh5eTAOTjCUAqcB_Jqx2i94eV6WROGoR4QfbcZAcdqo5kH-AKcEU4jcLIXJvy6K--XrXTW-bMNk9WwJtf0yvDlu8syrzCZdHC4RD=w1144-h648-no

https://lh3.googleusercontent.com/dXGH-7P2bhiv3266qJAMT5yAobnkXTeROUjwzbsTg6wG_wrbEAD5t9rQq4SS-GY8Unyu80d_kIymq3M_ar03-ZgAnL-1vNZGLP1F4fYcEIRPz91GSAhQQyOjNyzgDjAFwniPGt6iAptuDpVOAtFXwQsnj6LeP3YOp1cm6z8r0ij1oW1dgkmPzuYFe4XVQmXE6Dr57hwk8o9Q75biGWGlfYdN9uK9hK70PxSEH0tpACtm3jBNCRhySWRLsawtFgAiY_zBnLHVpFjougQ_SHlsqGXtgVe-WitHYG9GcPIbu4i2KFuAKDSHMIRM-qFtgD-EwNB7f7JgF-VBNc1S_2lsaKbmTAZUoUS1Z0gGQHDlZhGe2cTkTsi1LbCiLetI8n2KlmeSrTohQtbfp4FA-y6si235bp8Hprj458mDnTGseHPBZSj6DgJDU2wt3JIdNEu1qNp40yfpOy9GEcSQnRImFkKLpPPezoW1X3kY4zfPn3zYhUgj02GUC0jTzBAXbM17V5PEWVcqf4h3QAQ8xK7n9Urzq9iQyA7MJjQbpepuLR7S0QZMJ2N9X6Xo2GvXnceko5MScjlOBFnSpMEBzSUxNEHQblMNZNFoxfMCTyMfY3HM3fYA300f0FPXDvbevFsj4J0HVSrGGfKPhn3-cQyvHhrCM5qFaSO3=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/gtUP0x54p9uamFI5aoslFSBUXIeDdGSDdp_eEDJE-Q1ta1EZx2x4bDgYVvsFdDcW6sCZu15cJ8Vyh2UXBiVpUNeQ2gxzL5Xmkp_Bku36iYTp0PmENNRyrE7rkYcIaOXY-8nf9k6EZyrakfdStqu2odTNxCY_RLWEjMlOU-QUPPPoETjRj-OdbAcq4FiV6I2FH1INElMnc3KQw8kHH6QMHenZjMTwHMkKglXFCpsoXqIMEmc00ZewazpVbOp7RZisFEAKB7ijrEy70qOY4eFINqBc3UxdL2A-mCOd3L5OEXrNcFANQrp95V9NvvnoBE4E6ymP95of3T3-9MVzxaMpXT_fWvSgULliZKn02tWtVKVpSQQVeTawpQGULqbg2TLVqEkf_6GiesP2HwZ61XfRUOD0997mkF7O3ZXqQo4Alnh0qTn35-EBrF5bndZFWG1-i6mptN5XXeC_UnlJ_w3H6Qdo9e4RaBC5apFDccBBZtXKB4pxK576ZSJZOAVb-4dCEFr2sUsOmxZs_AbW1DmBsatiJficBAPgeuLSid3mXIV1sIVJ0SRCW_Ylz3GgZudkDG_9PdnODFv4c8Zj8SNCaai7CxAyZpJesK7u_q312ZnJ38EC26WbkAizxG_yaqpPi18lJdkK9OnF_ibuhuoRSy5AtyG8ISWj=w1144-h648-no

https://lh3.googleusercontent.com/9iVDENzCJPf91waYH0lIv_Uo6SUhatPbygn8kPfHixj2YCH4pWKW94G1m7msLi25SFKNQWWbIRDKJCpbCEemNDUY8HgZ3tfaeAzPTcoV-QDTdLKfZ_pwoJ4BU3hVhyuwLZ1e5zrJm16zrEOBDR4LTHQnTAqWg5CWxyr2yrgRso9NREZ3DjsF6YZAihcT7tkR6SYnLoZPY6g1zLrUnpHScGpk25IMcht2tIsEXQxpt8Qbai_SKvn1rMxjClfzkDm7F3Bj_nxKK5UCjrXUpBNLMuVnBVCVk5K7YIamZt6u-a9JtFmjAH8SqcnkJuVDWvrB2-saDMhJkEPtZSHqczNEJ6iISEODAm07oiifCIX1dd09zR-5JFpjnih2VjsGTCUFu-iTzNSGVkppKeqsdfKebOzdwGzo0NYnyTFGkfM3UoarONm5hKsnkBZ-2TR9gins2lEadEcsRe4FBFFAc3-2-eSau0YOxFRJcp9c8RxfztCexW0NWEu0bDurEWEsJN8agGN_v8dSxAASHcYhhp3V24CliJGVrUzORyooRMsrtoDmi1wkMGcb-ZaD4zOzFZe8gKl-_FdBBjHJ8tkswyI3kvJNGVdKIe4YlxxSKqOm9X9KZZqq9jbEYT-w9-ubmTv0GGbJAdzazQX_sH9PaavvByOHkNv3vH7p=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/kGWVkc4EuNkzrr6-zrZWKOSToAX8GgAxDZeR-f-rNvs6_FWsB5BjSQq0xO3QLsv_oBVHYJ1sGLcM__kD5qwVgbqPzHdVrcyYX8I4Hp8QKnjRn9gMEWnmt3R9hnyHQhETlmJDVwl5MyjJu560R2ZwHccyU4q2rQFbTwclYWwMyNC83Cz_CQ1KtLmAuvYKYG7_WRsbIyjp5mCdZYEmXprA7loFSEWOYg79fESRfKXojULGpcPGzs9bMhOglsEHAp1c_40ZFIRoOzrDNkyYd_EXDEJkMsYUXAlQv5hrrV4NwmD7rrHZiDSCAgVjPgXNdoMFZth2naTsg0SpooTPCT4kLG8PyVjjUjg9PElCbfKrUCuUhFX49SsDt9s3z3nO4g9hU1zEBdAGc_Y5Mgfd_D0M9ehzzdmUQJta_6Qo_1hA_eeJg2SA9oTgnoRrq4r6cco4G0TZHfa8k9p2577HjVFyWCXOV3GCs6B3dhkNXT4LSTh0f0thT4aC2F8DzUrWoaNfk_mG7yoIRJ4_M0ujedBXRNp4lg3ocl1OSXx8T0cK1M7VR8CLO53jDiRa2wXk7YA0onYBfECFLvT_8A0SGPlbXtRWumMfaPClBcJwGUNXlY7B3LQI00cTR9SW9QQ4Z58SE_Uk_JorCrbGLF_BoGwSCwPm8Om8PP2o=w1144-h648-no

https://lh3.googleusercontent.com/k6N6XDLUz3v-jZjvL_1wPBatI6hgno-2iwvuDv4db_25PZyeECz2vcwGMhb3jpoUizTn1k4bbMkPfdSv3hEb0GBsBHosNzU-m4ybS3YDUpc0RLUq3xk3W9UHHCQglGXt9_lakJnJl75TKEJCk9Ivkcj3ivwK-dpYhWmzANnkcnqux59n8iQSm-qL6rj2QbUJ7VB7GooKfLB5QAl67TKoyRXHJiyhisU_E1gmD2NkjAGj50-JDuaDswwzR8gdBXsDFEq2A_73aDtfgPH-bpzi_0xrbhYRTjDanzAQT2VPAvsw8-6fDwcqXf_4LhI9wdkMMlrakg1JzKnIQa289Rs0w3ejnkALcld2qV52UlJf6e14uIQOFjX86x9MU9AxYOS_p2pOK3AeNzBR9Pyeo9_V_qupUz-r9_AgK7Gpi-IefE2NFbbck6l0xZmeob2A-lX3wHMIuhIS8iUjpxpHX3xb2Iu4Q92BsXRw15zpo86tn8MY7S6M876BAmDuz4YzvkLf37jHsX9edmfA7Cg-D-hEQG0Ju6f9QzUZE-T24Jd3hb9PGaaBbdkADURXW2P5HsxC1smL2QxfKGpkX1w7Tgze7oNX5-ymawAXGlJHs26bdgdaLSEg-18yl8pqMR8KBcTnntIY8yu9AqyEgwUcabLadkD7sS_xuQ6e=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/OC75zDH78qj51JQ4cIJAUXoXo-H7s5s3_2tNIhQyEp60gzhWfB9tFhKBVDUwv4pY0P1wS7H7qzKOh8V0WDVjOHpBcNUUcWtSbhX6RSTiEjAdhQNOWA1Wvjoj3hld5V-Bdq-l6hb_pJSnWs0yjZWy8zpYMpXT0BvXllUDuYwCwD4ijcqOJZyy7h4zczNMF0bH5WPk376D_oHWN9rhADdYjoLbcNEi3VV2rLwGQNfJS5A2H5tTZ_dNsCwouzdh2VSpt_HlPDhOBPqU1IvwWXWT34jEpTC9vxt-ARvlSYNcNekmILkjVPrixXcFv_L-uf7PKcndcZrhDIArqsQKXc7R2FHNoGWBULflmXYZivdX6LHaNy1jLkXbVm1eqMEgk1z4Kkz5fYjW-qdYNR2vo0YpjQTVreQF_6TzBOYvpn8Xu3m3Xr9zBLUILAnQx7CX6cZ8LFiPodLsqg24fv7Eb6kQEyaarRBGJlxjD1hwo1Xwce6TPjc7PEqn2MzBA95kP9f2QkWmSpjUZZz6DflRPt7RVh7LIwqFkh78-ZYQnW3cZfaVzOZxET9TXvsPjE-B2Lqte6XNvDrDmoUq24Uqy_RKrIhTpZCLFgnk6TrOOt3ijKF1MZASLzYtvTuGv3SRKsE2q0lEOEnemvvj4Oi7rUEJ1lVyX8VNNIME=w1144-h648-no


Giovedì 23 Maggio 2019

ITALIA OGGI: MEDIASET ITALIA DUE AL 55 E BOING PLUS AL 45 DI SONY.

Il quotidiano economico ITALIA OGGI annuncia che le due numerazioni automatiche del digitale terrestre LCN 45 e 55,
attualmente in capo al gruppo SONY ITALIA, passeranno di mano al gruppo MEDIASET.
In virtù di questo accordo, cesseranno i programmi di POP
e sarà varata la nuova BOING PLUS (joint venture tra MEDIASET e TURNER) che occuperà la numerazione 45.
Sul 55 invece chiuderà Cine Sony e al suo posto sarà inserita MEDIASET ITALIA DUE,
attualmente in onda sulle LCN 66, 120 e 566.


https://lh3.googleusercontent.com/Qzby9B-7-NGYUY1ifOAQnvM9HjGMqnl94G5txR6n3t68_NCjecNjIK7De21uo856v9mUzLBLCgXLdrjWbEvNtyQbDVW3yOml_aty47mVEV5wSleB88CpVrrrKX0HUJR2RYLxFAf7qvmKNWKC5eKhegICAAD8W_RL8ShL5joBUAUuyU225bXoepfnBCZeKd9p6KwfZJafcoNSqDutDar58CqONwOsTUBx86kUnSEw300G0HawIDRf7ryNqDGwAMb1BX3q1guitrgv6DdQxI1jlDbeA1ZPojpA5qsi1SPIFWo5pN4q_8LlnOafHKPdECxmpGb8j6pNM1aHx0Drf3ZgOzilFDKCzSkPYPWshwKna10-UjfolB9Z1vSLl8UKW-YGhHf2FwiUFhiDjRuGpsJzs0yy-co-xAaGm-_sARlZpg0n0pIdWYMu_0S9zMyEtJ5JpIfmCsgvUvZfWO8E6fSJRB2qsb_srLz6rn4xDqV0FwL1Jz33iZ9Hs_m8DrPkx4N4aUTkB7-_7OLGwjEMysFvUvjVI3-HKETCmjiaSFTrWcF_YLolwmEXYNlgYitBj0mamtOy2CavhyyLWpGi5M5EjXLIU9G9G-0gB3QlNuStMJkQWXRQC7QpIHoXk9qhFFVV-unpF-cApbrcUha1pdN_H4A8JLQYUeGF=w600-h567-no

_______________________________________________________


APRILE 2019

Martedì 30 Aprile 2019

SATELLITE: ARRIVA LA VISUAL RADIO DI RTL 102.5 RADIO DOC.

Novità per il gruppo radio - televisivo di RTL 102.5 di Cologno Monzese (MI).
Da oggi via satellite in chiaro è stata attivata la nuova visual radio RTL 102.5 Radio Doc.
Il logo di rete, posizionato in alto a destra, è composto dal noto marchio bianco-rosso-nero di RTL
con l'aggiunta della scritta DIGITAL SPACE DOC.
Il canale, trasmesso in alta definizione in MPEG 4, è la versione televisiva
di RTL1025radioDOC trasmessa sul digitale terrestre nazionale sulla LCN 737 dal TIMB mux 1.
Nella griglia abbiamo inserito i dettagli tecnici per sintonizzare manualmente RTL 102.5 Radio Doc.
Al momento gli utenti TIVUSAT possono trovarla nella numerazione degli ALTRI CANALI.

LOGOIDENTIFICATIVO
SATELLITEFREQ. MHzPOLSRFECMODALITA'
RTL 102.5 Radio Doc13° Est - Hot Bird11642O275003/4DVB-S2
https://lh3.googleusercontent.com/Hcn2B6L5GvtvMNH4lWv-EyUmtTGvoysoEPpkNw7xXLIHph2CIdFBhsvvKdTQU4V30knZhtGmhwBNIl_FsnzLGEsZ_XCwycBe18Le3p9hU5CzIV2UwKCJ6cn6KJvZgVn3WPWEAPj7KZAQ5pj6sjlOJQHX6HZcRYtD62gdvQdUTEypTpejGqVdU7QzkfgVfI4eC5uponkVa6ij9cOiBBSHEM-xZdrH1hUEOvMaYPWEOLpzUfs7_jhnhlTxKKKoOHDjd8v2wkF1FJkkPxO0X60jPM68ogZfHBRPlpLROmYexaU8Yr-PPBXGFWOez8LWgsCM_mc7cNnv4XUfb93Arke5CMTwK9IvqSpg61jfZqxuKTh--0g7tyNj81pkcGPYhaMBn7WlJiXxjEZRd5H0Wd9Zr9VkrfXdSN8_hz7C-oa1LvENztRTxltS0Ei5y1oR1vAKGMZyMQhKHCUcSZ7eFPdAO8bMewZ3NuQ1fCdUF7aUIWxT3cAG1jLep-jEdxPuPPsEtomaXbXGx0p_IewyQJR0JvBbDb8C2FhIfQJNbIxGNCwn-y3H3Ii6p13RZz246lmLaumE_vLMrEMFrvDRvxBPZEDCrssy1rEwFOFc_a6hlRmdBfNz1W2QMcuN9PCEjrNnxaltesOUvF7-qxStJ1pujNMGgT-0kvv-=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/oy4gs7I5yRGE4Wz3aOwE1qK4lP_oPIrcKMujOmgS8u2k1hnkDb5j4wqNINye43567g9O2193O2SWtissd78yrIyn6D7VeVHu7o__iLmd-TaKDnC_nE35rjb-6R75bnfPyZrq8Q-ZxUQEKuYQ1hi-p0DbMgY02hAAt5ykxeILAbvhYcEBPZSFPDZ53dMR15m4nzdwRX2AgTYeDBXA3mp4HvchbxmxblBu66oSZckfW_-GSB7fKBYzz7qxPv3qnsXedYfnqGo61UMy8dkt3HhHGZP3xdh8uIQWI4yLllhsP3v9blwUKwx7e8MgJT6M1z7OuC88hPTDHAg_ChSM7kR5t1avMkispM3Tq8Hqvgvq2Jse4xbh2JL31cuOKb4VyIgoPN7q6GOw-Aejz2jvQVQc-nxHk0m9P_mR8mcKmEfL6YpEzu_eKR4_5QMUSp1vsZRlyqe9C903rELfJH3b2VzaIITH0JP6EPdCySvYJEt4tVzypZPlnBqiS5dTpNTsTnTwmwFhXS6uQnRqJcHrRpQZtvc9MSOTPqJZw4FoMYBSfwaR9edIPrahIeQvelai97pbFlz2fzH0bwIKA_ahIy94XpiUghDzdxIOurjxxs44C15HFOaNm4oClbEEESG6hwB75llpcSYHXMq_c4bdbThkOCciwT3977ZW=w1144-h648-no


https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/croaziaindigitale

SPECIALE CROAZIA IN DIGITALE:
LANCIATA L' ASTA PER IL SISTEMA DI TRASMISSIONE DVB-T2.

Con la riduzione delle frequenze riservate alle trasmissioni TV a favore della connessione 5G che occuperà i 700 MHz, 
oltre all'ITALIA anche la CROAZIA ha compiuto il primo passo. 


E' stata appena lanciata infatti dall'HAKOM (la corrispondente dell'AGCOM italiana)
l'asta per i nuovi multiplex chiamati M1M2 e L1 che verranno trasmessi inmodalità DVB-T2 e codifica H.265 / HEVC.


I soggetti interessati dovranno presentare le loro offerte entro e non oltre il 14 Giugno 2019.
Il mux locale L1 non sarà assegnato in località croate che si affacciano sull'ITALIA, a differenza dei provider nazionali M1 e M2.
L'ITALIA osserva con particolare attenzione quali frequenze verranno utilizzate per questi due mux.


La roadmap dell'HAKOMvisibile o scaricabile in questo documentoha stabilito che
nella regione (D05), corrispondente all'ISTRIA, il mux M1 potrà essere acceso dal 1° Luglio 2020 sulla frequenza UHF 28
attualmente in uso dal provider croato principale, ovvero HRT A, mentre il multiplex M2 sarà sintonizzabile sull' UHF 23.

Nell'area tecnica (D07), che corrisponde alla DALMAZIA SETTENTRIONALE, il mux M1 potrà utilizzare dal 1° Luglio 2020 
la frequenza UHF 51 e dal 27 Ottobre 2021 l' UHF 21, mentre il M2 attiverà solo l' UHF 22.

Nella regione (D08), corrispondente alla DALMAZIA CENTRALEil provider M1 potrà acccendere dal 1° Luglio 2020
la frequenza UHF 33, mentre per il mux M2 è previsto un triplo riposizionamento,
infatti fino al 30 Giugno 2020 sarà attivo l' UHF 43, poi dal 1° Luglio 2020 fino al 26 Ottobre 2021 verrà usato l' UHF 53
e in conclusione dal 27 Ottobre 2021 sarà accesa definitivamente la frequenza UHF 23.

Nell'area tecnica (D09), che corrisponde alla DALMAZIA MERIDIONALE, il mux M1 potrà attivare a pieno regime a partire 
dal 1° Luglio 2020 l' UHF 21, previsto fino al 30 Giugno per il multiplex M2 che poi passerà fino al 26 Ottobre 2021 
sull' UHF 59 e che, per finire, dal 27 Ottobre 2021 potrà utilizzare la frequenza UHF 22.

A seguito di queste decisioni prese dalla CROAZIA, c'è il serio rischio per l'ITALIA di dover spegnere in anticipo alcuni 
canali rispetto ai propri tempi prestabiliti. I casi più delicati potrebbero riguardare l' UHF 23 previsto in ISTRIA, 
l' UHF 22 in DALMAZIA SETTENTRIONALE e l' UHF 43 in quella CENTRALE.


Domenica 21 Aprile 2019


LE RADIO A ROMA: ESCE DI SCENA DI RADIO CITTA' FUTURA,
AL SUO POSTO ARRIVA RADIO M 100.

Importante novità nell'etere radiofonico laziale e in piccola parte anche abruzzese.
La storica Radio Città Futura è uscita di scena dall'etere
dopo aver ceduto gli impianti in FM a Radio M 100 del gruppo Radio Globo.
In questa griglia abbiamo elencato le frequenze che sono state cedute.
Frequenza MHzPostazioneLocalitàArea servita
97.4Piana di UggiArsoli (Roma)Arsoli e zone limitrofe
97.4Madonna dei BisognosiPereto (Aquila)Pereto e zone limitrofe
97.6Rocca CanteranoRocca Canterano (Roma)Rocca Canterano e zone limitrofe
97.7Monte Cavo VettaRocca di Papa (Roma)Roma e provincia
97.8Monte San BiagioSubiaco (Roma)Subiaco e zone limitrofe

A Roma pertanto Radio M 100 è ora sintonizzabile su due frequenze:
FM 97.700 da Rocca di Papa (RM) e 99.800 da Monte Cavo - Rocca di Papa (RM).
Consulta la lista delle RADIO A ROMA.


Ecco come Wikipedia racconta la storia degli esordi di Radio Città Futura.

Radio Città Futura

Nacque in fase sperimentale nel 1975 durante la prima ondata delle radio libere,
ma iniziò le trasmissioni regolari il 15 marzo 1976 dalla sede di via Buonarroti n.47
vicino a Piazza Vittorio Emanuele con una programmazione giornaliera di 16 ore.
L'idea di Radio Città futura nacque da quattro persone: Adriano Mordenti, Mimmo Frassineti, Carlo di Renzo e Paolo Melara,
che in diversi incontri arrivarono a delinearne le caratteristiche essenziali, come il nome,
che fu mutuato dal maggio francese, la sigla ''Take Five'' per i notiziari e ne abbozzarono il primo palinsesto.
La creazione di questa radio della sinistra fu proposta in un primo tempo al Pci, dove trovò alcuni consensi
ma poi qualcuno decise che non era politicamente praticabile.
Quindi, Paolo Melara propose di sentire Giulio Savelli, allora editore della sinistra.
Questi fece sua l'idea e, insieme a Renzo Rossellini, mise i primi soldi necessari.
Parteciparono in seguito al lancio della nuova radio il Partito di Unità Proletaria (PdUP) e Avanguardia Operaia,
mentre Sandro Provvisionato si occupava della direzione; ben presto (gennaio 1977),
Savelli uscì dal progetto editoriale, seguito pochi mesi dopo dai redattori del PdUP, per dissensi di natura ideologica
mentre i quattro ideatori e fondatori della radio erano stati quasi subito estromessi dal progetto.
Radio Città Futura, alla stregua di Radio Alice a Bologna, si contraddistinse per le dirette radio di tutti i cortei
e le manifestazioni del Movimento del '77 a Roma, raggiungendo picchi di ascolto impressionanti.
Il 12 novembre 1977 l'emittente venne chiusa per "motivi di ordine pubblico" assieme a Radio Onda Rossa.
Il provvedimento, però, fu presto ritirato.
Radio Città Futura fu coinvolta nelle indagini sul Caso Moro per una presunta rivelazione anticipata dell'Agguato di via Fani:
infatti, mentre secondo le ricostruzioni investigative, il rapimento dell'allora Presidente della Democrazia Cristiana
fu effettuato dalle Brigate Rosse alle ore 9:00, alcune testimonianze asseriscono che circa mezz'ora prima, dai microfoni
dell'emittente, sarebbe stata data notizia dell'accaduto; annunciatore dell'evento lo stesso fondatore Renzo Rossellini.
Alla fine degli anni ottanta, in un'intervista per il programma di Raiuno La notte della Repubblica,
quest'ultimo dichiarò che il suo coinvolgimento nelle indagini sulle note vicende era stato determinato
da un fraintendimento di fondo, sorto dalla testimonianza di una domestica dell'allora senatore Vittorio Cervone (DC).
Secondo tale ricostruzione, la donna infatti aveva inizialmente dichiarato al suo datore di lavoro,
di aver appreso del rapimento dello statista democristiano, ancor prima che avvenisse realmente, ascoltando la radio;
secondo Rossellini in realtà si trattava molto probabilmente solo della divulgazione da parte sua di un'analisi politica,
che ipotizzasse un'assai prevedibile azione brigatista, come reazione all'imminente insediamento del nuovo governo.
Nelle ore successive, sull'onda emotiva suscitata dal tragico evento, la domestica avrebbe potuto erroneamente
associare tale ipotetica previsione al rapimento del fautore del Compromesso storico.
Inoltre in tale occasione, l'ex fondatore di Radio Città Futura aggiunse che, come risultò successivamente in sede processuale,
nel periodo del Sequestro Moro, il Ministero dell'Interno non aveva cessato di registrare quotidianamente
le trasmissioni di numerose emittenti del Movimento, tra le quali ovviamente la sua;
però al momento della presentazione in tribunale delle bobine incise il 16 marzo 1978,
inspiegabilmente queste ultime risultavano monche,
a partire da circa i dieci minuti precedenti la strage di via Fani.
Il 9 gennaio 1979 un commando dei NAR guidato da Giusva Fioravanti irruppe negli studi della radio
durante la registrazione della trasmissione femminista Radio Donna, dando fuoco ai locali e sparando alle conduttrici.
Cinque di esse furono gravemente ferite.


Sabato 20 Aprile 2019

AGCOM: CRITERI DI CONVERSIONE E ASSEGNAZIONE
DEI DIRITTI D'USO DELLE FREQUENZE IN DVB-T2.

In attuazione dell’articolo 1, comma 1031 della legge 27 dicembre 2017, n. 205,
la delibera definisce i criteri di conversione dei diritti d’uso delle frequenze per il servizio digitale terrestre
di cui sono titolari gli operatori nazionali in diritti d’uso di capacità trasmissiva
in multiplex nazionali di nuova realizzazione in tecnologia DVB-T2.
A tal fine è stabilito un fattore di conversione convenzionale tra le reti DVB-T e quelle DVB-T2,
di applicazione generale, pari a 0,5. Contestualmente, il provvedimento definisce anche i criteri di assegnazione
dei diritti d’uso delle frequenze in ambito nazionale pianificate dal PNAF.
Logo AGCOM
Scarica il documento PDF: DELIBERA N. 129/19/CONS

_______________________________________________________


MARZO 2019

Venerdì 29 Marzo 2019

LA PROGRAMMAZIONE DI SVIZZERA ITALIANA
DAL 1° APRILE PASSA SU TELECAMPIONE.

Sulla pagine Facebook del gruppo editoriale PUBLIROSE è apparso il seguente comunicato.
Foto:
https://lh3.googleusercontent.com/n-kcU5dVJaaMPInnw_ghdO0GxL8_DsC9dW9w3BaS7p6LoV7d8SAJw3-MgRAWsxKgEK-WGqKj44hc7AAlVkigu41Huq9oliZhmmOx5o5UYujRkLDDrCCd2jrGRewLWhftmFu4ihhry6quHVqS-NNCHDYLpLotVhQFRipWilzfBjlmHAghYdFZsLtv3WgCZfC9skEnDieZ2MaaKftfYilPdpIu9tBq0fW2diA6Kf3KG5Kyds9z-yc1jHErV4qCyDiClmeBKgzilOg5u4sS76V9ZbCtenMWCmtMCymmUUEg5E6J4tqvNebrZ1YB14TYwuIjolr5LR1WRlAczZNuVmwUeKt1srTiFYuwiTWiTGS9mlujKS9EZ8aaTdQNmN30QfRmfMmYsAzQj1kzP9UAkaeIxBh8LdHTPGRkO7NH0aZEPAO8DqK-6if80n8DXynwPKoFn2I42uWmXHYYJ7jbfKvCn-P3NdlCEHSkxNkztBNRJ4ToGzhDGcJjOA_hKjAQU-dLisEjFQ16Nu6KOZci6kJVP-LHoXDEGEIpHtbmt01pNXxNYJEAhq4jSYYj5uECt9nxwa2hMHDBke_cmCz0n83xtanDuH7TNKMG880Xd8LclYr2Suc74sgVERxsr1HNEabG5hv_pI6NJ2MN1ja7BhEVth_JWFcCMEyR=w494-h175-no

Sulla LCN 82 tornerà probabilmente la programmazione di RETE 82 orfana delle trasmissioni elvetiche
che saranno diffuse esclusivamente da TELECAMPIONE (LCN 75).
Nei commenti degli utenti del social si legge inoltre che la programmazione svizzera subirà anche delle variazioni orarie,
mentre oggi il palinsesto d'archivio della RSI va in onda dalle ore 7 alle 24.
Al momento non si conoscono i nuovi orari che ci saranno da Aprile.
In questa griglia elenchiamo i principali provider locali / interregionali che veicolano TELECAMPIONE.
RegioneProviderIdentificativo TVLCN
PIEMONTE IN DIGITALE
TLC75 TELECAMPIONE75
LOMBARDIA IN DIGITALE
MUX TELECOLOR
TELECAMPIONE75
TLC75 TELECAMPIONE75
TLC75 TELECAMPIONE75
https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/friuliindigitale
TLC75 TeleCampione75
LIGURIA IN DIGITALE
MUX LIGURIA TV
Telecampione75
LIGURIA IN DIGITALE
Foto:
Telecampione75
EMILIA-ROMAGNA IN DIGITALE
TLC75 TELECAMPIONE75
TOSCANA IN DIGITALE
MUX ITALIA 7 (TOSCANA)
TELECAMPIONE75
TELECAMPIONE75
TELECAMPIONE75
MUX TV SEI
TELECAMPIONE75
MOLISE IN DIGITALE
TELECAMPIONE75
MOLISE IN DIGITALE
TELEMOLISE MUX 2TELECAMPIONE75
TELECAMPIONE75
SICILIA IN DIGITALE
TELECAMPIONE75


Lunedì 25 Marzo 2019

COMUNICATO DELLA RAINBOW MEDIA COMMUNICATION:
NASCE WATER SPORT CHANNEL.

Dal 1° Aprile novità nella costellazione dell'editore Emanuele Latagliata CEO del gruppo Rainbow Media Communication.
E' nata dalla volonta' di due imprenditori di Roma la nuova emittente WSC Water Sport Channel;
in Italia il mondo degli sport acquatici vanta oltre 3 milioni
di seguaci ecco perchè lo spirito sempre attento alle televisioni di nicchia
hanno convinto Latagliata ad aprire un canale tematico.

 
Alcune Federazioni hanno gia dato il loro benestare a collaborare con questa entità
che non vuole fare business ma vuole esaltare il mondo dell'acqua.

MUX RETE 37 (TOSCANA)

Proprio in questi giorni è ripartito a regime il multiplex della Toscana di Rete 37 la quale ospiterà anche lei WSC.
Il canale sarà quindi per ora visibile nel Lazio e in Toscana.
Nello stesso momento Romit TV ha aperto uno studio a Bucarest dove verranno realizzate oltre 4 ore al giorno
di dirette dedicate alla Comunità Romena in Italia che verranno irradiate nel nostro Paese sui canali di Romit TV.


 Nel Lazio WSC Water Sport Channel è trasmessa attraverso il mux IES TV
sulla LCN 674 nel servizio denominato InForma674.


https://lh3.googleusercontent.com/oJtzdRaNyTYUjO7P8u9dSi5Bji2Y1Kpp0d8AvbBLDlf-PRTJPTwJ-QzdD6_f0fTUzSb7KmxK0yDxzkZ2ZQjlRydgl1K7oFJTNqZxsI0Bnio6EjbLYvRFZGXRowFdyIGimdaO6HK-Yj0UN-f3fhmxoRWyz-FFYIMbWe4E3oeEJoNYQUAhISj_GbYkakLiqcVSJ9NYbwyzrtgI-E7V2W7f-yB8oZ3x84zWkC6OmNX2p5CWmr8p1K7eyQgCqaLijva9k3Iyt9f8Z8W4W55xIIaiJXwy__Am4ql5G_QoMQSSTVud_SIAIFUpDB49Bjt3rxyRqX_1s5jo45DoG2sRnCS6CUTtXLFy6Bk4dgY0fxjw-Ox1LTsicWLK08nulfLURj95DkZNq58p7NWUV9w1KClkg8uHya1HkvnXgbwttOC6D_vvLAAQXeGJT5bUMIqKUiV1wjdnMw5hZlY6n--fsGP7loVYm49j1vA3pYAh1URSeVZE5733Z4_I9BNcyq8HUI5g6rBP1-7AW9T7I4rfMyCwvv4nGDVx6ehP3ZNZbxy1utEgq7dE58lC-_jV317SeeEp4Mwkdw-x-6FAbQrBVkTd8dEL2t5gNeWow8dJJXndx2SDMBKZai0zDerLtQTn0NQKY9bnhMR6Uk-7NawKg5l5MDC0QPlD6b5f=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/ndICdxqFooDMRMf26YRjYIZ09JfjZEAM9tgXrLINwWW-Tb07pZeXemKJAaSAUEkFjSP4Ok24A8vqhnl-FScjHxcO9YZJW3GHtTkVRRoGSxk0WnSx9xolAcvVzwE36FNnZ92PHDHN6Otld3IU2rb6viJfb9l1RFlyH0Jng12JlPeEXMJXmgiQ3tKP6kUyRPoKEvK0muc_HGrySDelrlSfnd8qQattVNUsIh_QzVeqHbVxrhCerMj_vfHScXPq_2WTZnFU_bkBSxuBEztjT7L7IUDLQTz2bPCqdxCgtCXJrf6XzpXfixKkDthIlqjYTIobkf5-xDb9PrEmWfUYa_1sOwJx-rU4tM4djt2ZyPUbZ09CeAk64cjx5HYaJyDJEm3we2x3_BtO1fE_dBwBaC3jixKga8IfyU1gVwKYIrQCM67i2ZWDxLwZB7dB14pmBapsT4v_v_6N3GX5TKXeFh9rKCeRD1HAIDSCWPYsdQ0X07ifBfZpSkxVEaDYgeJ-shKf3WVlJLJBiUSCePbq9IGZEftJqPhXS2XfFx-zj6aiXyWnw9TO8MO_44067pAzhaqFZgVQKtv5kW5JpMQ1Wc_K5fKSY2ARKcHXGKKkkaEY2SSENHITmQebxhIzj_-cb8bSTnnKUqDQz_AUnnYk7o5jVF4gosccCV0I=w1144-h648-no

https://lh3.googleusercontent.com/2ODnDUap-125iF5lXewJcIUCP3zZvLihvNxd_3xOHUgKlNREiMD3tjTeUrSVfPcj50jYZiMbDNstNYyKAQhH9V34QGykjAhkXI_u98966PY_R_Hye_q9bdNjQwd5IC5ZlE9X5eMXWISNHhskxiJb90gJCj25Ph3LYYp_UIBI1D3WK8JDryZnDEEzPqrGIn843QFZzNR003mTnSkq52rMBm1EKbLC43FeZamPipeHgGKaOz8AfbWHhJF7XnEE8wOPJZSb1FVw0iqvLWWLikBPNTYEh1XYEKtwoUNNNAECCtVi9T-3HHmwol-TGtYojevs-zUylFDPN8J-RPNNuzF1J_ZQDszLlkPwQane8mqF-k80lwa12NclKYEQDbli5FGys_pRIu4Rw0LYGFx0myAqFth34TzWoeQeMoHjvV2hhZC449vopNqB3R01Nwrp4SeOhp89Z4hVDktouBIT4ytByYn8jJaAGWdLT4lpbCYfaLmbuEGtrBXkcJ1RtUkvil0iVyo8M_gccYwL0VYuNHL7aTkww0YzZKsM_cXpr2MqFfrE9Fc4SLO-iBcW07a5ZVW6lzzcGfD5bDWWXgqX9pWsyPybEg-zAAgDSy6avqhFyuOmpkepucqZ63Vb2WCZ5Qy1dlB0dlB31zUQsqq1O6wO0EL9gxLf432d=w1144-h648-no
https://lh3.googleusercontent.com/HB2XJhzHWOX9shFGheEpKcA_7rF19VRqBvF9Mwy4KzPwgzHrl-Dnw5OMIle3maYFGDzZLvwFl2e5oxLOjRcA4NNoQHm2soscJmKM6dzaEw9Ue1vaueF1gdq94NFU2Mq0MKFBPTEOGh0PAFBuejUMpzDRP1bdVOaPLKBDBiTDOD7Fi18RpVPhd12xOcRapxUkmy7lG62moEppMK2Y2BrLxEIY8XLSa8KE9nTAQankN8ajaxB9mlXOaVo9twcyvp2DFJZF9-lLPl1MCFkA-MgcG3KYIzr_iImf3empFRemQepsVvP3oRwiZFm47nuQlqx81Qh2PDqIUtWVcsTWl6_-dT2NAN9j2Z91ehKROZdC3qNLL4KgT9bFhqA_912hvfdNZFhhLVoDhVN261tfpRf-dM4o_4VMeOH30WPba2K5JQ11MPCd5qlrpXY15c5piNJUn_EtUqivVxkzAtQdWhDBQjOoWM4m68h6NF8UuJw3xTRVOeKN8M_dcMVg7L0Gkm98IKKCu9pdOROajAMXU-ykpAgYBgfxAbQtczodgT4IDCyuHgA8rqnBSLMDVd8Z3jWyyQEmDs3J_0oVgzNe8Z6naOvZpBumYjdNEX4r3uR4hI8JJP3uVrWAk7T9R2Dqz3mJZaV2sf_9A2wIsN1cQPT3PhPHS8OygdGO=w1144-h648-no

_______________________________________________________


FEBBRAIO 2019

Giovedì 21 Febbraio 2019

ANALISI EUROPEE PER LO SPETTRO RADIOTELEVISIVO ITALIANO,
DOMANDE E RISPOSTE DEGLI STATI TRANSFRONTALIERI.

Il RSPG (Radio Spectrum Policy Group) si è  nuovamente riunito per discutere
le diverse situazioni dello spettro radiotelevisivo dei Paesi dell'Unione Europea.
Il primo incontro ha avuto luogo il 22 Gennaio a Roma, mentre il secondo si è svolto a Bruxelles il 29 Gennaio.
Qui di seguito analizziamo esclusivamente ciò che riguarda l'ITALIA.

A LIVELLO TELEVISIVO
Grazie all'intervento del Decreto-legge italiano N. 145/13 che ha comportato
lo spegnimento di diversi segnali locali su frequenze non assegnate all'ITALIA,
Paesi come AUSTRIAMALTA, FRANCIA e SLOVENIA hanno confermato di non essere più interferiti sulle proprie frequenze.
La situazione resta difficile con la CROAZIA, dal momento che è stata confermata la persistenza
di interferenze italiane su diverse frequenze, come l'UHF 21, 39, 41, 45, 51 e 57.
Per il canale UHF 51l'ITALIA ha spiegato che è un diritto appartenente a SAN MARINO,
anche se esiste un accordo per aumentare la propria copertura nel territorio italiano.
L'interferenza probabilmente proviene da questi ripetitori considerati una responsabilità italiana secondo il RSPG.
 L'ITALIA ha già cercato di individuare il trasmettitore interferente e ne parlerà con SAN MARINO per risolvere il problema.
Per le frequenze UHF 45 e 57, l'ITALIA ha affermato che i disturbi provengono
da zone esterne all'accordo di coordinamento con la CROAZIA.
Ad esempio sul canale UHF 45 l'interferenza sembra provenire addirittura dalla CAMPANIA,
le cause perciò potrebbero essere o la propagazione troposferica dei segnali
oppure il mancato rispetto dei vincoli radioelettrici autorizzati.
Le frequenze UHF 21, 39 e 41 sono utilizzate da mux locali italiani e sotto esame del Decreto legge.
La CROAZIA ha dichiarato che i disturbi potrebbero provenire da regioni incluse
nell'area di coordinamento, anche se sia il Paese balcanico che l'ITALIA avevano ritenuto necessario non intervenire
(ad esempio il caso dell'UHF 21 attivo in EMILIA-ROMAGNA che disturba in Dalmazia meridionale).
Di conseguenza la CROAZIA ha inviato diverse segnalazioni, compreso l'identificativo di ciascun disturbatore,
in modo da permettere all'ITALIA di ridurre le interferenze.
Intanto prosegue l'occupazione italiana sulle frequenze croate sotto i 694 MHz, attualmente spente,
ma necessarie per lo spostamento dei propri  servizi televisivi trasmessi sui canali sopra i 700 MHz.
Nel 2019 in CROAZIA scadranno le licenze dei mux posizionati su questa porzione di banda
e contemporaneamente ne saranno emesse 2 nuove sotto i 694 MHz.
L'intento è quello di compiere questo spostamento nel periodo estivo,
pertanto la CROAZIA chiederà all'ITALIA di liberare alcuni canali.

A LIVELLO RADIOFONICO
INTERFERENZE FM
L'ITALIA ha reincontrato FRANCIA, MALTA, SLOVENIA e CROAZIA. Non sono stati notati progressi da parte italiana.
Con la SLOVENIA, l'ITALIA ha proposto una soluzione per un caso di interferenza
(tra ARS da Croce Bianca a Pirano sui 96.1 MHz e Virgin Radio da Muggia a Trieste sui 96.2 MHz)
che consisterebbe nel cambio dell'antenna da parte di entrambe le emittenti in modo tale da ridurre il disturbo al confine.
La SLOVENIA ha risposto che il suo canale radiofonico sta trasmettendo in base agli accordi di Ginevra
e che l'ITALIA non deve usare un trasmettitore ad alta potenza (12 kW ERP) con frequenza di sovrapposizione,
posizionato a 200 metri dal confine e perciò ha suggerito di spostare la frequenza di almeno 100 kHz.
Dal canto suo l'ITALIA ha affermato che non è possibile per la presenza di numerosi canali radiofonici
nella provincia di TRIESTE e che ha una buona esperienza nel pianificare l'utilizzo dell'offset a 100 kHz.
I 2 Paesi si riaggiorneranno. Per quanto riguarda la CROAZIA, è stata ricordata la consegna all'ITALIA 
di una lista di 40 frequenze radiofoniche da liberare con maggior priorità.
Attualmente non è stato presentato un piano per risolvere questo problema e 
l'ITALIA ha dichiarato che non ha ricevuto informazioni  dalla CROAZIA
sulle caratteristiche reali e i dati di geolocalizzazione delle proprie stazioni.
Con MALTA resta da risolvere sempre la situazione sulle frequenze 92.7 MHz, 102.6 MHz e 105.9 MHz,
mentre la FRANCIA ha dichiarato che sta pensando di cambiare la frequenza
di un proprio ripetitore per risolvere l'ultimo caso di disturbo nei confronti dell'ITALIA.

INTERFERENZE DAB
L'ITALIA ha dichiarato che l'AGCOM svilupperà il piano riservato al DAB una volta concluso quello del DVB-T.
Il seguente piano prevede l'uso esclusivo delle proprie frequenze in 3° banda
più altri diritti derivanti dagli accordi di coordinamento bilaterale e l'assegnazione di 5 Mux DAB nazionali.
In tutto il Paese, infatti, sono presenti 5 blocchi riservati al DAB (in alcune regioni di più).
 La conclusione di questa pianificazione richiederà inoltre lo spostamento del Mux della frequenza VHF 05 alla banda UHF.
Il VHF, pertanto, sarà riservato ai canali TV solo in alcune situazioni.
Le attuali interferenze procurate ai Paesivicini sono causate dalle trasmissioni sperimentali s
ulle frequenze 12A, 12B e 12C che servono a sviluppare il DAB.
La SLOVENIA continua a subìre disturbi sul canale 12C riservato all'accensione del proprio 2' Mux DAB. 
L'ITALIA sta per preparare nuovi progetti per diminuire le proprie interferenze.
Il RSPG ha suggerito che la SLOVENIA potrebbe usare gli altri diritti GE-06 in VHF per il 2° Mux DAB
(in totale 7 blocchi DAB se uno televisivo viene convertito in 4 blocchi DAB).
Questa possibilità potrebbe essere stabilita in una riunione tra il Paese balcanico e AUSTRIA, UNGHERIA, ITALIA e CROAZIA.
Proseguono i disturbi sulle frequenze 12A (EuroDAB Italia), 12B (DAB+RAI), 
12C (DAB ITALIA) e 12D (DAB+RAI) nei confronti della CROAZIA,
ma l'ITALIA non ha ancora dichiarato se e quando questi ripetitori interferenti saranno disattivati.
Questo problema ha già impedito alla CROAZIA di attivare in ISTRIA la frequenza VHF 12B assegnata secondo Ginevra 2006. 
L'ITALIA ha risposto che presto saranno spediti alcuni progetti sui canali 12A12B 12C  in modo da ridurre le interferenze.

COORDINAMENTO IN VISTA DEL 5G
L'ITALIA attraverso l'assistenza dell'Unione Europea sta cercando di concludere il più velocemente possibile
il coordinamento transfrontaliero con ALBANIA, LIBIA, TUNISIA ed ALGERIA.
Tra ALBANIA e ITALIA c'è stato qualche incontro politico e il Paese balcanico è ben disposto
a proseguire le discussioni con in mezzo l'assistenza dell'Unione Europea.
La firma ufficiale non è ancora arrivata perché in base a Ginevra 2006 la frequenza UHF 46 appartiene all'ALBANIA,
nonostante l'attuale assenza di trasmissioni televisive, e con il nuovo accordo questo canale passerebbe in mano all'ITALIA.
La TUNISIA, dopo la riunione di Maggio 2018, ha chiesto di ricevere informazioni sulle caratteristiche reali dei trasmettitori
da parte di ITALIA e MALTA.  L'ITALIA ha risposto che le fornirà dopo la pubblicazione
del piano AGCOM, mentre MALTA le ha spedite a Settembre 2018.
La TUNISIA ha risposto a Novembre ed ha accettato solo 2 delle 8 frequenze suggerite da MALTA per il proprio uso.
Tra LIBIA ed ITALIA l'accordo è ad un passo dalla firma, in quanto è stata trovata
una difficoltà del testo tra la versione scritta in inglese e quella araba.
Stanno proseguendo anche le discussioni fra il Paese nord-africano e MALTA
ed è stata trovata un'intesa sugli elementi tecnici stabili dell'accordo. Con l'ALGERIA, invece, non ci sono state novità.


MEDIASET HA COMPRATO LA LCN 66 DI RETECAPRI.
Il quotidiano ITALIA OGGI ha pubblicato stamane la notizia dell'acquisizione da parte del gruppo Mediaset


Giovedì 7 Febbraio 2019

AGCOM: NUOVO PIANO DI ASSEGNAZIONE
DELLE FREQUENZE DEL DIGITALE TERRESTRE.

Delibera n. 39/19/CONS
Piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).
Logo AGCOM
SCARICA IL PDF COMPLETO DEL PNAF 2019

La delibera aggiorna, ai sensi dell’articolo 1, comma 1030, della legge 27 dicembre 2017, n. 205,
come modificato dall’art. 1, comma 1103, della legge 30 dicembre 2018, n. 145,
il piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).
L’elaborazione del PNAF ha tenuto in considerazione, oltre a quanto stabilito dal citato art. 1, comma 1103,
della legge n. 145/2018, anche delle novità introdotte nell’art. 8 del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici
dai commi 1101 e 1102 relativamente alla riserva di capacità trasmissiva destinata alla diffusione di contenuti in ambito locale.


Nel dettaglio, il PNAF pianifica le frequenze per le seguenti reti digitali terrestri:

12 RETI NAZIONALI IN BANDA UHF
di cui una decomponibile per macroaree e una integrata da frequenze della banda III-VHF;

1 RETE LOCALE DI 1° LIVELLO IN BANDA UHF
con copertura non inferiore al 90% in ciascuna area tecnica
(ad eccezione dell’area tecnica 3 in cui sono pianificate 2 reti locali di 1° livello e
delle sub-aree tecniche 4a e 4b in cui sono pianificate ulteriori 3 reti locali di 1° livello);

1 o PIU' RETI LOCALI DI 2° LIVELLO IN BANDA UHF
senza vincolo di copertura nel bacino di riferimento, in ciascuna area tecnica.

https://lh3.googleusercontent.com/on8mwiUhSRSUn5hoSLauQo2mO4y6FnzcHDOQToTYuRcX25kkFLE-BLWlulLtI7n6OQ763glBeEgF4-V8DHFuvnyZqkTxnvk5RlvqpeGwRJyLwwu88f-afEisTh46x-T8kVuwd-SWpRvtgqM1EHb9X83MffpaZO9gPRVZ7k1YU0ltiXbn14vJzyYAx8LO2DXw1tqtsytDuNacrcGfZWB-Zo1Jku7_VAWWGnU9RGJZnhpt_EFgF0suV6AT5kvQ0rbeIfDU4XxhqW8kJ93YQOSEQhvkq3NnC2jQtIvAwJ49oJWGCJ2BfLC7b4SP3gOyyLHHWlVV-IKnPsHOfi1is1bgT_N9E6urM22VRqyqj8kEEoUa6pAzUqiAjUEm04IsAmZgNhzurEFTcsvEiISeuFC1I2rpxjCqiUlqelhGp99f1Re2i1x7RUlCTY4FGyafkedMBqZwPaJtPs-fGqPjBis0mWNzWsMUX4XTpc16Lz533ipeTlLGRclJgIeCSZgNhvL5XDXs9fz869Y8I-y0owXboHRKoIGKBhpb-tQmCcW5JL3QbyBDcZDs8MuTDq1ozo4if8TzWj4ko63AzzySKFo5l6CNTJhzojrGcxMI0l1YhGCcdKlQh0Rc-GIa2Lk__Zsp8937ZwYTnQVNZ_X5ABRlf57sOi-A4PHD=w585-h153-no

Le risorse frequenziali pianificate per le reti nazionali e per le reti locali
di 1° livello sono riportate nell’allegato 1 al presente provvedimento.
Le risorse frequenziali pianificate per le reti locali di 2° livello
sono riportate nell’allegato 2 al presente provvedimento.

Allegato 2:  FREQUENZE PIANIFICATE PER LE RETI LOCALI DI 2° LIVELLO

_______________________________________________________


GENNAIO 2019

Martedì 29 Gennaio 2019

MEDIASET PREMIUM: DAL 28 FEBBRAIO FINE DELLE TRASMISSIONI DI
EUROSPORT 1, EUROSPORT 2 E INVESTIGATION DISCOVERY.


Eurosport 1, Eurosport 2 e Investigation Discovery il prossimo 28 Febbraio non saranno più disponibili
sul digitale terrestre nel pacchetto a pagamento di MEDIASET PREMIUM.
L'avviso è presente sul sito web di Mediaset che con una nota
annuncia l'interruzione della visione dei seguenti tre canali TV:
Investigation Discovery -Premium (LCN 320)
Eurosport 1 (LCN 341)
Eurosport 2 (LCN 342)
La prima cesserà la sua attività, mentre i due canali sportivi saranno fruibili esclusivamente
via satellite attraverso il pacchetto a pagamento di Sky.
Foto:
https://lh3.googleusercontent.com/mzioPuRn2MGSkjdM4OurESCcU6Hkuqjf9vqXzSpbwiccBcWPfe1_twY_0EDrlILuV0a3LkAfeUzLve8i_0GegKCC9_iRus3EEOXtiT4E0oynrQh5t8_KzrvJG_gUY2Zg5It_1xQJHrZNv6WaEma-iAzcAhIhnfASMkQm-JEw4Ebi9jEGVhiygPFEWWGwl-ThmVHqmMRpOrp52XNT9eAzM3M7r-75HmN4UEV2eViXMwNWtBIHAza9lPxX-OkBRB0cBLNTXqBnFgdK8rW0VN_NjC-wtwi9gl3Lj_LNK_YEMUtK2KVS09mhSdPBOdAcraTQWX4e0ory9nPUGiK6CbDJKfiwLOF9-FpJN02MH_jRZg5vGXpWe1ubGEq2c2SRFqqHQ1N3UDEsm5BEqLZUAJFOwQ-RS9iSD9B2VoL1e6kYM0l53Rw8gZfzN4RzV5Ru0g305ynZcivv8_2j-yWEW5EnTz-GbZyJWXwACRltwS6m84xFvz3ZgOgBMVShMqjljMarfYvd0gOww71lrUrCeCyINBaGLmcDlAhlU6geOBVo_LLBqAgMS-1dwLt6qCgxoWBJz0U8xGTzJc9Eqy-sO1ndEMZyAk-rtJM8XlIFdF9mxAlweIYPE5T7IxiuvDS6hsp8xAM0tU8jIZcBY3TimZeMf0XC3g=w624-h317-no


Lunedì 7 Gennaio 2019

SVIZZERA ITALIANA SVI 82: IL PALINSESTO SINO AL 13 GENNAIO.

Publirose, la società che gestisce la nuova emittente SVIZZERA ITALIANA SVI 82,
ci ha inviato il palinsesto con la programmazione da oggi Lunedì 7 a Domenica 13 Gennaio 2019.
SVIZZERA ITALIANA SVI 82 è trasmessa nella posizione automatica 82 del telecomando
nel mux nazionale RETECAPRI con l'identificativo RETE 82 PLUS,
in Lombardia nel mux TELECOLOR con l'identificativo RETE 82,
e in altre 5 regioni nel mux interregionale LA 9 con l'identificativo RETE 82:
in Veneto nel mux (LA 9 VENETO),
Foto:
PALINSESTO SVIZZERA ITALIANA SVI 82 DAL 7 AL 13 GENNAIO 2019
Lunedì 7 Gennaio
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Zerovero (replica del venerdì sera)
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Il gioco dei ricordi
dalle 15:30 alle 16:00 Via col venti (replica del venerdì sera)
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 17:30 Il Rompiscatole (replica del venerdì sera) - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 17:30 alle 18:00 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
Dalle 19:00 alle 19:30 Via col venti
dalle 19:30 alle 20:00 Il Rompiscatole - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 20:00 alle 21:00 Zerovero
dalle 21:00 alle 22:00 Documentario (Ama il prossimo tuo)
dalle 22:00 alle 23:00 Cucina nostrana puntata 2
dalle 23:00 alle 23:30 Documentario (Il sapore amaro del caffè)
Dalle 23:30 alle 24:00 Storie (La parte degli angeli)
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto
Martedì 8 Gennaio
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Zerovero (replica della sera precedente)
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Il gioco dei ricordi
dalle 15:30 alle 16:00 Via col venti (replica della sera precedente)
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 17:30 Il Rompiscatole (replica della sera precedente) - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 17:30 alle 18:00 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
Dalle 19:00 alle 19:30 Via col venti
dalle 19:30 alle 20:00 Il Rompiscatole - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 20:00 alle 21:00 Zerovero
dalle 21:00 alle 23:00 Cucina nostrana puntata 3 e 4
dalle 23:00 alle 24:00 Frontaliers
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto
Mercoledì 9 Gennaio
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Zerovero (replica della sera precedente)
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Il gioco dei ricordi
dalle 15:30 alle 16:00 Via col venti (replica della sera precedente)
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 17:30 Il Rompiscatole (replica della sera precedente) - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 17:30 alle 18:00 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
Dalle 19:00 alle 19:30 Via col venti
dalle 19:30 alle 20:00 Il Rompiscatole - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 20:00 alle 21:00 Zerovero
dalle 21:00 alle 22:00 Storie (Chi ha paura dei cinesi?)
dalle 22:00 alle 23:30 Sergio Colmes Indaga (puntata 1)
dalle 23:30 alle 24:00 Documentario (Dottor Sciamano)
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto
Giovedì 10 Gennaio
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Zerovero (replica della sera precedente)
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Il gioco dei ricordi
dalle 15:30 alle 16:00 Via col venti (replica della sera precedente)
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 17:30 Il Rompiscatole (replica della sera precedente) - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 17:30 alle 18:00 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
Dalle 19:00 alle 19:30 Via col venti
dalle 19:30 alle 20:00 Il Rompiscatole - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 20:00 alle 21:00 Zerovero
dalle 21:00 alle 22:00 Documentario (Auroville)
dalle 22:00 alle 23:00 Cucina nostrana (puntata 3)
dalle 23:00 alle 24:00 Storie (Maestro Martino)
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto
Venerdì 11 Gennaio
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Zerovero (replica della sera precedente)
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Il gioco dei ricordi
dalle 15:30 alle 16:00 Via col venti (replica della sera precedente)
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 17:30 Il Rompiscatole (replica della sera precedente) - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 17:30 alle 18:00 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
Dalle 19:00 alle 19:30 Via col venti
dalle 19:30 alle 20:00 Il Rompiscatole - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 20:00 alle 21:00 Zerovero
dalle 21:00 alle 22:00 Cucina nostrana (puntata 4)
dalle 22:00 alle 22:30 Documentario (Dottor Sciamano)
dalle 22:30 alle 23:00 Il gioco dei ricordi (puntata 1)
dalle 23:00 alle 24:00 Documentario (Mare deserto)
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto
Sabato 12 Gennaio
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Frontaliers
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 15:30 alle 16:00 Mezzora per voi pilates
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 18:00 Storie (Atimkhan re della luna)
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
dalle 19:00 alle 21:00 Cucina nostrana (puntate 3 e 4)
dalle 21:00 alle 22:30 Sergio Colmes Indaga (puntata 3)
dalle 22:30 alle 23:30 Documentario (Di ritorno dall'inferno)
dalle 23:30 alle 24:00 Cash
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto
Domenica 13 Gennaio
dalle 07:00 alle 08:00 Cucina nostrana (puntata 3)
dalle 08:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates
dalle 09:00 alle 10:00 Storie (Atimkhan re della luna)
dalle 10:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Il gioco dei ricordi (puntata 1 e 2)
dalle 14:00 alle 14:30 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 14:30 alle 15:00 Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 15:00 alle 16:00 Cuochi d'artificio
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 18:00 Documentario (Auroville)
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
dalle 19:00 alle 21:00 Cucina nostrana (puntate 3-4)
dalle 21:00 alle 22:00 Storie (Cenerentola)
dalle 22:00 alle 23:30 Sergio Colmes Indaga (puntata 4)
dalle 23:30 alle 24:00 Cash
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto


Giovedì 3 Gennaio 2019

SVIZZERA ITALIANA SVI 82: IL PALINSESTO DEI PROSSIMO GIORNI.

Publirose, la società che gestisce la nuova emittente SVIZZERA ITALIANA SVI 82
ci ha inviato il palinsesto con la programmazione da oggi giovedì 3 a domenica 6 Gennaio 2019.
SVIZZERA ITALIANA SVI 82 è trasmessa nella posizione automatica 82 del telecomando
nel mux nazionale RETECAPRI con l'identificativo RETE 82 PLUS,
in Lombardia nel mux TELECOLOR con l'identificativo RETE 82,
e in altre 5 regioni nel mux interregionale LA 9 con l'identificativo RETE 82:
in Veneto nel mux (LA 9 VENETO),
Foto:
PALINSESTO SVIZZERA ITALIANA SVI 82 DI GIOVEDI' 3 GENNAIO 2019
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Zerovero (replica della sera precedente)
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Il gioco dei ricordi
dalle 15:30 alle 16:00 Via col venti (replica della sera precedente)
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 17:30 Il Rompiscatole (replica della sera precedente) - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 17:30 alle 18:00 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
Dalle 19:00 alle 19:30 Via col venti
dalle 19:30 alle 20:00 Il Rompiscatole - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 20:00 alle 21:00 Zerovero
dalle 21:00 alle 22:00 Frontaliers
dalle 22:00 alle 23:00 Cucina nostrana
dalle 23:00 alle 24:00 Storie (Hollywood Pizza Party)
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto

PALINSESTO SVIZZERA ITALIANA SVI 82 DI VENERDI' 4 GENNAIO 2019
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Zerovero (replica della sera precedente)
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Il gioco dei ricordi
dalle 15:30 alle 16:00 Via col venti (replica della sera precedente)
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 17:30 Il Rompiscatole (replica della sera precedente) - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 17:30 alle 18:00 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
dalle 19:00 alle 19:30 Via col venti
dalle 19:30 alle 20:00 Il Rompiscatole - Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 20:00 alle 21:00 Zerovero
dalle 21:00 alle 22:00 Cucina nostrana
dalle 22:00 alle 22:30 Documentario (Il sapore amaro del caffè)
dalle 22:30 alle 23:00 Storie (La parte degli angeli)
dalle 23:00 alle 24:00 Frontaliers
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto

PALINSESTO SVIZZERA ITALIANA SVI 82 DI SABATO 5 GENNAIO 2019
dalle 07:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga-Pilates-Tonificazione-Pilates
dalle 09:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Frontaliers
dalle 14:00 alle 15:00 Cuochi d'artificio
dalle 15:00 alle 15:30 Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 15:30 alle 16:00 Mezzora per voi Pilates
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 18:00 Storie (Hollywood Pizza Party)
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
dalle 19:00 alle 21:00 Cucina nostrana
dalle 21:00 alle 22:30 Sergio Colmes Indaga (puntata 1)
dalle 22:30 alle 23:10 Documentario (I nuovi martiri)
dalle 23:10 alle 24:00 Cash
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto

PALINSESTO SVIZZERA ITALIANA SVI 82 DI DOMENICA 6 GENNAIO 2019
dalle 07:00 alle 08:00 Cucina nostrana
dalle 08:00 alle 09:00 Mezzora per voi Yoga - Pilates
dalle 09:00 alle 10:00 Storie (Hollywood Pizza Party)
dalle 10:00 alle 11:00 Cuochi d'artificio
dalle 11:00 alle 12:00 Cash
dalle 12:00 alle 13:00 Cuochi d'artificio
dalle 13:00 alle 14:00 Frontaliers
dalle 14:00 alle 14:30 Mezzora per voi Tonificazione
dalle 14:30 alle 15:00 Frontaliers - Il giardino di Albert
dalle 15:00 alle 16:00 Cuochi d'artificio
dalle 16:00 alle 17:00 Cash
dalle 17:00 alle 18:00 Documentario (Ama il prossimo tuo)
dalle 18:00 alle 19:00 Cuochi d'artificio
dalle 19:00 alle 21:00 Cucina nostrana
dalle 21:00 alle 22:00 Storie (Maestro Martino)
dalle 22:00 alle 23:30 Sergio Colmes Indaga (puntata 2)
dalle 23:30 alle 24:00 Cash
dalle 24:00 alle 07:00 La notte delle auto

_______________________________________________________


PER LE ALTRE NOTIZIE CONSULTA