Da Lunedì 25 FEBBRAIO a Domenica 03 MARZO 2013



COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
italiaindigitale@libero.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.



Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre? Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale? La nostra mail è: italiaindigitale@libero.it.
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.








Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 3 MARZO 2013 - Domenica 

Ore 12.45 -  LOMBARDIA  - MUX RETE 55 (LOMBARDIA): ARRIVANO EXIART E ITALIA TELEVISION. ELIMINATI LOTTO FACILE, RETE 55 BRESCIA E AITV.
UHF 42 Mux RETE 55 (LOMBARDIA)
Sull' LCN 182 il canale denominato LOTTO FACILE è stato sostituto da ITALIA TELEVISION, al momento l'emissione è a schermo nero. Sull' LCN 295, in precedenza occupata da RETE 55 BRESCIA, è ora presente EXIART, un nuovo canale dedicato alla promozione dell'arte, al momento è presente il loop di un promo. Risulta anche eliminato lo slot di AITV (LCN 188), questo canale "segnaposto" era a schermo nero. Infine i due canali Nitegate si sintonizzano ora senza LCN, in precedenza erano posizionate ai numeri 404 e 405. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETE 55 (LOMBARDIA). Vi ringraziamo per le vostre numerose mail.





Ore 11.35 -  MUX NAZIONALI  - MUX RETECAPRI: ARRIVA UN NUOVO CANALE, UTELIT TV.
UHF 32-57 Mux RETECAPRI
E' stato aggiunto un nuovo canale UTELIT TV, con la numerazione LCN 246, al momento è a schermo nero. Potrebbe essere la nuova Romit Tv? La tv rumena, che occupava proprio questa LCN 246, aveva comunicato che sarebbe tornata con un nuovo nome. Da segnalare che da alcuni giorni è stata ripristinata anche la LCN dell'emittente radiofonica Radio Capri, che ora si memorizza di nuovo nella posizione 866. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETECAPRI.





 2 MARZO 2013 - Sabato 

Ore 12.35 - BSKYB PRONTA AD ACQUISIRE O2 DA TELEFONICA.
L'operazione, del valore di 200 milioni di euro, porrà l'azienda che fa capo al gruppo guidato da Murdoch al secondo posto dopo BT nel mercato britannico della banda larga.
Il colosso della pay tv BSkyB (al 39% di proprietà di News Corporation, gruppo che fa capo al magnate Rupert Murdoch) ha acquistato l'operatore di Tlc O2 dalla spagnola Telefónica, per 200 milioni di euro. Con questa mossa, effettuata ad appena un mese di distanza dall'acquisizionedi Virgin Media da parte di Liberty Media, BSkyB amplia il proprio bacino di utenti e diventa il secondo provider di banda larga in Gran Bretagna dopo Bt.

BSkyB aumenta in questo modo la sua presenza in O2, passando dal precedente 39% alla completa proprietà dell'azienda. L'operazione è strategica, non solo perché argina l'espansione della concorrenza, ma anche perché il mercato britannico è caratterizzato da una fortissima integrazione dei servizi di telefonia in banda larga e pay tv. In questo caso, quindi, gli abbonamenti a Sky saranno proposti in pacchetti “bundle” insieme a telefono e internet.

Tratto:
http://www.corrierecomunicazioni.it/tlc/19966_bskyb-pronta-ad-acquisire-o2-da-telefonica

Ore 12.10 - ARRIVA ITALIAN TELEVISION NETWORK.
Era presente con produzioni e iniziative al Festival di Sanremo ma non è molto conosciuto. Ecco una ‘scheda’ del gruppo Italian Television Network, capitanato da una nostra vecchia conoscenza, Roberto Onofri.
Il bello d'Italia da oggi può affacciarsi sul mondo attraverso la finestra di Italian Television Network (gruppo molto attivo in occasione del Festival di Sanremo), altra ambiziosa idea del noto dj Roberto Onofri, una nostra vecchia conoscenza, peraltro. Grazie ad un apposito trasmettitore i programmi prodotti dal circuito possono essere distribuiti amche tramite i monitor dei centri commerciali, delle palestre e di altri centri di aggregazione e intrattenimento.
Non solo Tv, quindi. 120, secondo le dichiarazioni del gruppo, sono le emittenti regionali in DTT che, insieme a Viva l'Italia (Sky ch. 879), sono consorziate da un contratto biennale e ogni settimana scaricano da un apposito ftp una media di 5 ore al giorno di palinsesto prodotto e/o distribuito dal gruppo. Poi ci sono le catene di distribuzione italiane sparse nel mondo (es. Bice, Il Fornaio, Rosso Pomodoro ed altri) che sono state dotate di un piccolo decoder (della società svizzera Swinsata) per i loro televisori che, quotidianamente collegati al server principale, trasmettono in automatico h24 (quattro blocchi da sei ore ripetuti), mentre in una finestra vengono ripetute in loop le offerte e le altre filiali. Questo accade al momento a New York, Miami, Los Angeles, San Francisco, Chicago, San Diego, Boston ed Hawaii, in attesa delle prossime attivazioni previste in Canada, Australia, Emirati Arabi, Giappone e Russia.
Due gli obiettivi principali del progetto: 1) promuovere in termine di immagine internazionale, le eccellenze del nostro Paese trasmettendo programmi mirati sulle Tv consorziate e nei locali raggiunti dal servizio in tutto il mondo. 2) incentivare lo sviluppo dell'imprenditoria legata al turismo, attraverso la realizzazione di documentari informativi su località poco conosciute ad un pubblico internazionale ma ugualmente ricche di storia e di bellezze naturali.
Da segnalare anche la strategia di marketing instaurata con le emittenti consorziate. A ciascuna, infatti, viene riconosciuto il 20% del fatturato pubblicitario inserito nei blocchi extra trasmissioni. Tali blocchi sono venduti da una concessionaria esclusiva ed ogni emittente viene avvisata prima della pubblicità che si intende promuovere e contrattualizzata ogni volta in base alla durata e ovviamente dell'importo.
Tra i programmi proposti: le anteprima cinematografiche; le rubriche quotidiane di culinaria 'Il CucinoOne', 'Prima Colazione' e 'A Tavola con Barbara'; e poi 'Arti Marziali', 'Life Television' (programma del bynight romano), 'Capitani in mezzo al mare', 'TruccoOne', 'ViaggiOne', 'Bouquet' (rotocalco del sabato e della domenica), le informazioni di AdnKronos e di 'Special' (settimanale rubrica di notizie speciali), insieme a 'MiniEva Tv' (videointerviste alle protagoniste di www.minieva.com - l'universo femminile a portata di click), 'Camper Magazine' e 'VideoOne' la rubrica musicale nata nel 1994 e condotta da Rosalinda Celentano e
Roberto Onofri.
Onofri, World International Dj nel 1989, nel corso di questi anni non ha mai dimenticato di promuovere nel mondo ciò che di bello e positivo l'Italia offre. Così, affiancato dal suo produttore di sempre Angelo De Luca ('Euronote', 'Spazio d'autore', 'La vecchia fattoria', 'Capitani in mezzo al mare', 'Premio Andersen'), si è lanciato in questa nuova avventura chiamata Italian Television. Nel team anche: Luca Lenzini, direttore della fotografia; Bruno Milioni, responsabile audio; Roberto Del Conte, responsabile marketing; Aldo Ciborio, esterne e produzione; Anna Rastelli, ottimizzazione; per il montaggio, Night and Day Tv. A questi si aggiungeranno presto due annunciatrici che la produzione sta selezionando perché diventino testimonial ufficiali del network.

Tratto: http://www.millecanali.it/arriva-italian-television-network

Ore 00.45 -  LAZIO  - MUX RETESOLE: CHIUDE SPORT CHANNEL 24, VA VIA ROMANIA TV, RITORNANO RETESOLE 2 E RETESOLE 3.
UHF 24 Mux RETESOLE
Il canale all news sportivo SPORT CHANNEL 24 ha cessato definitivamente le sue trasmissioni e al suo posto, con la numerazione LCN 218, è tornata la programmazione di RETESOLE 2, l'identificativo rimane al momento SPORT CHANNEL 24. Va via anche la tv italo-rumena ROMANIA TV e ritorna nella numerazione LCN 620, nel formato 16:9, RETESOLE 3, che rimane rinominato RETESOLE. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETESOLE.







 1 MARZO 2013 - Venerdì 

Ore 23.55 -  TOSCANA  - MUX RTV 38 (TOSCANA): ELIMINATA TG NORBA 24, ARRIVA ITALIA TV.
UHF 41 Mux RTV 38 (TOSCANA)
E' arrivata con la LCN 179 l'emittente ITALIA TV, mentre Il canale all news di Conversano (BA) TG NORBA24 (LCN 180 - in epg era denominata TG Norba) è stato rimosso da questo multiplex. Abbiamo aggiornato la lista dei canali e lo z@pping tv del mux RTV 38 (TOSCANA). Ringraziamo il gruppo Facebook VALDINIEVOLE DIGITALE.



Ore 21.50 - FORMULA 1 2013 IN TV: ECCO IL CALENDARIO UFFICIALE SKY - RAI, IL GP DI MONACO ESCLUSIVA PAY.
L’accordo fra Sky e Rai per i diritti della Formula 1 2013 è stato concluso oggi. Si trattava di un accordo scontato, ma l’ufficializzazione odierna stabilisce anche la divisione del calendario della copertura televisiva dei 19 Gran Premi previsti. Come noto Sky avrà la diretta esclusiva di 10 delle 19 tappe del Mondiale, la Rai potrà mandare in onda i Gran Premi in differita di “almeno tre ore“, il che non sarà un grosso problema quando il fuso orario avrebbe previsto dirette in orari mattutini, ma è innegabile che Sky abbia fra le mani un’esclusiva davvero interessante.
Fra l’altro la partenza del Mondiale vedrà 3 dei 4 Gran Premi proprio con questa formula che penalizza gli appassionati di Formula 1 che non utilizzeranno Sky Formula 1 HD e i suoi innovativi servizi. Spicca l’esclusiva per il GP di Monaco, la gara più affascinante dell’intero circo dei motori.
Tratto:
http://www.tvblog.it/post/180705/formula-1-2013-in-tv-ecco-il-calendario-ufficiale-sky-rai-il-gp-di-monaco-esclusiva-pay

Vediamo il calendario nel dettaglio.

GP Australia - 17 Marzo (Esclusiva Live Sky)
GP Malesia
- 24 Marzo (Esclusiva Live Sky)
GP Cina
- 14 Aprile (Rai e Sky)
GP Bahrain
- 21 Aprile (Esclusiva Live Sky)
GP Spagna
- 12 Maggio (Rai e Sky)
GP Monaco
- 26 Maggio (Esclusiva Live Sky)
GP Canada
- 9 Giugno (Rai e Sky)
GP Gran Bretagna
- 30 Giugno (Esclusiva Live Sky)
GP Germania
- 7 Luglio (Esclusiva Live Sky)
GP Ungheria
- 28 Luglio (Rai e Sky)
GP Belgio
- 25 Agosto (Esclusiva Live Sky)
GP Italia
- 8 Settembre (Rai e Sky)
GP Singapore
- 22 Settembre (Rai e Sky)
GP Corea
- 6 Ottobre (Esclusiva Live Sky)
GP Giappone
- 13 Ottobre (Rai e Sky)
GP India
- 27 Ottobre (Esclusiva Live Sky)
GP Abu Dhabi
- 3 Novembre (Esclusiva Live Sky)
GP USA
- 17 Novembre (Rai e Sky)
GP Brasile
- 24 Novembre (Rai e Sky)

Ore 19.35 -  MUX NAZIONALI  - RETE A MUX 2: ELIMINATO IL LOGO DI VINTAGE SULLA LCN 69 DI RADIOCAPITAL TIVU'.
UHF 27-33-42 RETE A Mux 2
L'emittente musicale RadioCapitalTiVù ha eliminato sotto il proprio logo quello di Vintage, che era presente solo nella numerazione LCN 69. I promo, che spesso passano in onda, ora pubblicizzano solo questa posizione, 69 sul digitale terrestre e 713 su sky, pertanto l'eliminazione di RadioCapitalTivù Provvisorio sulla LCN 158 sembra imminente.





Ore 18.55 - ROMIT TV: CESSA LE TRASMISSIONI, RITORNERA' CON UN NUOVO NOME, MA IN SICILIA E' IN ONDA (UPDATE ORE 19.45).
Il canale rumeno Romit Tv (LCN 246) ha cessato momentaneamente le proprie trasmissioni ed è stata eliminata da tutti i mux locali delle varie regioni in cui era in onda. Sembrava che avesse  definitivamente chiuso, ma dalla loro pagina Facebook smentiscono e dicono di aver comprato la licenza di un altra emittente televisiva e, risolti i problemi burocratici, ritorneranno presto in onda con un nuovo nome e su nuovi mux locali. Anche il proprio sito internet è stato chiuso.






Update ore 19.45: Bruno, un nostro lettore della Sicilia, ci comunica che nella propria regione nel mux 7 GOLD 88 il canale Romit Tv è ancora regolarmente in onda, senza il logo di Rete Oro Servizi che aveva precedentemente in alto a destra. Lo ringraziamo per averci inviato anche un'immagine per la conferma, è in onda il Tg sportivo della sera.


Ore 14.25 - AUDITEL CANALI ALL DIGITAL GENNAIO 2013: RAI4 SOTTO L’1%, RAI PREMIUM VOLA IN PRIME TIME. ITALIA2 SUPERATA PURE DA TV2000.
Il Direttore Generale pare stia urlando da giorni tra i corridoi di viale Mazzini: “Sono troppi!”. E non ha tutti i torti: l’offerta Rai per il digitale terrestre è obiettivamente eccessiva. Meno siamo meglio stiamo, non c’è dubbio, ma non è la quantità a fare la qualità, e anche per via di palinsesti un po’ azzoppati e spesso in contrasto tra loro, riempiti con i fondi di magazzino a causa dei budget risibili messi a disposizione, i canali proposti dall’azienda pubblica stanno iniziando a mostrare tutti i loro limiti e la loro crescita, in termini di ascolti, si è fortemente rallentata dopo la conclusione degli switch-off.
Parliamo del mese di gennaio (30/12-02/02) e concentriamoci sui canali “culturali”. RaiStoria è fermo ancora allo 0.16% di share nel totale giornata, con una media di 18 mila spettatori, mentre RaiScuola è ad un risibile 0.01%, per non parlare di Rai5 che da mesi non schioda dallo 0.35% con un picco in spettatori in prime time di 314 mila. Focus, per dire, è allo 0.47% già dalla nascita (picco dello 0.60% tra le 15 e le 18), ma deve subìre la cura Discovery, mentre il cugino DMAX sfonda l’1.20% di share nel totale giornata con 140 mila spettatori, e la mattina raggiunge l’1.41%, in seconda serata l’1.43, e in prima serata invece fa il picco in spettatori con 254 mila. Tre canali Rai ne fanno a malapena uno della concorrenza, rimanendo nell’orbita degli ascolti.
Non fa faville Rai4, che cala allo 0.94% – peggior risultato da mesi – raggiungendo l’1.10 in prima serata con 314 mila spettatori e l’1.21% in seconda serata. Anche questo è un dato che dovrebbe far riflettere, a dimostrazione che un palinsesto di un canale semigeneralista non si può fare solo con la fantasia del suo eccentrico Direttore. Non se la passa meglio La5, ora allo 0.86%, mentre La7d aggancia lo 0.47%. Italia2 si fa strada con lo 0.49% ma chi va meglio in proporzione è Mediaset Extra con lo 0.71% e 83 mila spettatori. Cielo – finito XFactor – crolla allo 0.52% e 60 mila spettatori, superato anche da Giallo, allo 0.86%. Chi può brindare è invece Real Time che ritorna felicemente in vetta con l’1.47% e 172 mila spettatori, ma in seconda serata vola al 2.24% con 291 mila spettatori. Tra l’altro il canale al femminile di Discovery sfonda il muro dei 200 mila spettatori già a partire dalle 12. In lieve miglioramento gli ascolti di Arturo che nelle 24 ore ottiene lo 0.09% ma già in preserale è allo 0.15% con 30 mila spettatori. Parlando di Vero Tv, il canale firmato GVE si ferma ad un poco incoraggiante 0.15%, in preserale e in prima serata però – grazie alle soap di Lady Channel – raggiunge rispettivamente 42 mila (0.21%) e 50 mila spettatori (0.18%).
Passiamo ai canali fiction e cinema, dove manco a dirlo è Rai Premium a farla da padrone con l’1.36% di share ma in prima serata è addirittura a 414 mila spettatori con l’1.45%. Dopo gli exploit, RaiMovie è allo 0.97%, superato di gran lunga da Iris con l’1.26 che in prima serata diventa l’1.40 con 400 mila spettatori. Tra i canali per bambini, solo Massimo Liofredi può ritenersi in parte soddisfatto: il suo Rai Yoyo ha raggiunto l’1.12% di share (picco tra le 15 e le 18 con ben l’1.77%) ma RaiGulp è fermo ancora allo 0.39%, anche se in preserale – fascia in cui va in onda La Tv Ribelle – segnaliamo il picco con 111 mila spettatori e lo 0.54% di share. Il fatto curioso è che la concorrenza non ne trae affatto vantaggio: Boing subìsce un ulteriore crollo e si ferma allo 0.64% con 75 mila spettatori (in preserale è allo 0.74% con 152 mila spettatori), Cartoonito è allo 0.72 (anche in questo caso, in preserale vola a 212 mila spettatori con l’1.03%). Per quanto riguarda gli altri invece: Super non schioda dallo 0.45%, mentre i neoacquisti di Discovery K2 e Frisbee raggiungono rispettivamente lo 0.49% e lo 0.33%.
Per quanto riguarda la restante offerta Rai segnaliamo una crescita incoraggiante per RaiSport1, ora allo 0.41% (110 mila spettatori tra le 12 e le 15), ma anche per RaiSport2 allo 0.18%. RaiNews invece è allo 0.52% e ovviamente è al mattino che fa il picco con il 2.68% con 140 mila spettatori.
Ma veniamo agli “altri”, che ci riservano sempre qualche sorpresa. Canale Italia, per esempio, è vero che raggiunge un misero 0.16% nel totale giornata, ma in prime time è allo 0.30% con 86 mila spettatori, affiancato da 7 Gold, con gli stessi risultati. Bene anche TgNorba 24: nelle 24 ore si ferma allo 0.09% ma di prima mattina vola allo 0.65% (tra le 12 e le 15 è allo 0.22%). Ancora positivi i risultati di Radio Italia TV e RTL 102.5: tra le 9 e le 12 sono rispettivamente allo 0.77% (50 mila spettatori) e allo 0.87% (57 mila spettatori), tra le 12 e le 15 allo 0.17% e allo 0.22%, risultato che si replica anche tra le 15 e le 18. Padre Pio TV invece colleziona nel totale giornata lo 0.11% ma tra le 7 e le 9 è allo 0.51%, doppiato però da Tv2000 che nelle 24 ore aggancia lo 0.53% e di prima mattina vola all’1.14% con 59 mila spettatori, 214 mila spettatori in preserale (1.04%) e 102 mila spettatori in prima serata (0.36%).
Tratto da: http://www.davidemaggio.it/archives/71384/auditel-canali-all-digital-gennaio-2013


 28 FEBBRAIO 2013 - Giovedì 

Ore 23.10 -  ABRUZZO  - MUX TRSP (ABRUZZO): ARRIVANO TELE 9 CANALE 2 E TRSP +1, PARTITE LE TRASMISSIONI DI MEDIA CENTRO.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO)

Arrivano due nuovi canali nel mux abruzzese dell'emittente vastese TRSP. Sono TELE 9 canale 2, con la numerazione LCN 186, che è un duplicato di TELE 9  (LCN 74) con la qualità un pò scadente in quanto il feed proviene da uno streaming via internet, e TRSP +1, che trasmette con un'ora di ritardo la programmazione di TRSP (LCN 17) ed occupa la LCN 290 dove che in precedenza c'era OLTRE TV che stava a schermo nero. Da segnalare che oltre il logo di TRSP +1 in alto a sinistra, in basso a sinistra è presente sempre quello di TRSP. Infine è iniziata la programmazione di MEDIACENTRO, con la LCN 645, ma ci sono problemi tecnici con l'audio, infatti al momento della realizzazione delle immagini che ci ha inviato l'amico Francesco di Vasto, stava trasmettendo TRSP senza audio. Ci comunicano che,  finchè non verrà risolto il problema del sonoro, dalla serata di oggi vanno in onda vecchi cartoni animati muti (anni 30) con un crawl in cui scorre la scritta prove tecniche di trasmissione. Un curiosità sui due nuovi loghi TRSP +1 e MEDIA CENTRO, ricordano in qualche modo quelli dei canali Rai. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TRSP (ABRUZZO).








Ore 17.55 -  MUX NAZIONALI  - MUX TIMB 1: LA PROGRAMMAZIONE DI "K" SU ENTERTAIMENT FACT.
UHF 47-56 TIMB Mux 1
Il nuovo canale Entertaiment Fact, con la numerazione LCN 234, attivato ieri ne mux TIMB 1, non è più a schermo nero, ma sta trasmettendo a loop un programma con un logo K. Qui sotto vi alleghiamo alcune immagini. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del mux TIMB 1.







Ore 13.35 -  MUX NAZIONALI  - RETE A MUX 1: ELIMINATO POKERITALIA 24.
UHF 32-44-46 RETE A Mux 1
E' stato eliminato
POKERItalia24, che aveva la numerazione LCN 152. Il canale prosegue le trasmissioni solo via satellite, su sky alla posizione del telecomando 222, con un nuovo logo, che potete vedere qui sotto. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del multiplex RETE A Mux 1.




Ore 00.55 - FREQUENZE TV E ASSETTO MEDIA, COSA POTREBBE SUCCEDERE ORA.
L'asta riservata agli operatori di rete televisivi è a un punto cruciale: l'Agcom ha cambiato il testo del primo schema di Regolamento e attende l'ok della commissione Ue, che non dovrebbe mancare, al nuovo testo.
Le novità principali, scaturite da una consultazione "pubblica" solo di nome, ma non di fatto (è stata una consultazione "de noantri"...) l'Autorità ha deciso di modificare il testo precedente, prendendo atto, in ritardo, della sua impraticabilità.
Ecco le principali modifiche, a quanto se ne sa (il testo è per ora secretato...)
1) Saranno messi in gara non più sei ma tre multiplex digitali nazionali. Saranno escluse dalla gara le tre frequenze della banda 700 UHF, il cui diritto d'uso sarebbe stato assegnato per soli cinque anni. Perchè quelle sono frequenze destinate alla banda larga mobile.
2) I tre multiplex assegnati per venti anni sono stati rivisti nella loro composizione: due, con ogni probabilità, saranno composti da frequenze della banda VHF.Dovrebbero essere equivalenti a quelli dei maggiori operatori, al contrario di quanto sarebbe accaduto con il primo schema (ma come ha fatto la Ue a dargli l'ok? Ai nuovi entranti reti con copertura inferiore a quelle di Rai e Mediaset! Incredibile...).
3) Obiettivo è quello di eliminare gran parte delle interferenze che rendono tuttora problematica la visione della tv digitale terrestre in diverse regioni, in particolare per il segnale della Rai, tutelandolo, ad esempio, nelle regioni limitrofe ad Emilia e Friuli dove il servizio pubblico ha in uso, per venti anni, il canale 24 UHF.

4) Non è escluso che l'Agcom riservi da subito i canali dal 57 al 60 UHF per una futura asta pubblica per la banda larga mobile. Le tv che vi trasmettono dovrebbero spostarsi in frequenze "più basse". Non va dimenticato come sia il Ministero e non l'Agcom ad assegnare le frequenze, quindi bisogna attendere il nuovo esecutivo.
Cosa può succedere? Se il tentativo del Pd con Il Movimento 5Stelle dovesse fallire, come Grillo sta cercando di fare, non resterebbe che un governissimo Pd-Pdl, con 5stelle, Lega e Fratelli d'Italia all'opposizione. In questo caso sarà difficile portare a casa la gara: Il Pdl e Mediaset hanno attaccato frontalmente il precedente schema di Regolamento. Non sappiamo cosa diranno del nuovo testo. La gara, però, è stata indetta dal governo Monti annullando il beauty contest del governo Berlusconi, che avrebbe dato (altre) due reti pregiate, senza introiti per lo Stato, a Rai e Mediaset.
Il ricorso di Mediaset e quello di Europa 7 contro tale annullamento devono essere discussi dal Tar Lazio.Europa 7 era l'unica ad aver chiesto il canale VHF del beauty contest, che avrebbe certamente ottenuto.
Nel programma di 5Stelle si prevedono gare pubbliche per assegnare le frequenze per cinque anni. Un periodo troppo breve per ammortizzare gli investimenti necessari a costruire una rete nazionale digitale, in aggiunta al prezzo pagato allo Stato. In caso di governo "di scopo" appoggiato di volta in volta da 5Stelle, Grillo permettendo, si può comunque ipotizzare che entro l'anno l'asta possa andare in porto (Rai, Mediaset e TI Media non potranno parteciparvi: la Ue accetterà tre reti in gara al posto di sei solo se riservate a nuovi entranti e tv minori).

Una considerazione finale: e' un illusione pensare di creare pluralismo e concorrenza redistribuendo solo le frequenze. Bisogna agire, con norme antitrust, sulla concentrazione delle risorse e dei diritti di trasmissione. Assimilare Ti Media a Rai e Mediaset, come ha fatto l'Agcom nel Regolamento, e' sbagliato e contrario alla necessità di una regulation asimmetrica per ridurre le posizioni dominanti.

Tratto da:
http://marcomele.blog.ilsole24ore.com/2013/02/frequenze-tv-e-assetto-media-cosa-pu%C3%B2-succedere-adesso


 27 FEBBRAIO 2013 - Mercoledì 

Ore 21.25 -  MUX NAZIONALI  - TIMB MUX 3: INSERITA UNA COPIA DI LA7 SULL' LCN 507.
UHF 26-48-42 TIMB Mux 3
Sulla posizione LCN 507, lasciata libera dal canale che trasmetteva un cartello (vedi news precendente), è stata inserita una copia di LA7 ovviamente (ma vogliamo comunque specificarlo) in standard definition. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del TIMB Mux 3.



Ore 20.55 -  MUX NAZIONALI  - TIMB MUX 2: ELIMINATO IL CARTELLO LA7 HD.
UHF 60 TIMB Mux 2
E' stato eliminato LA7 HD (LCN 507) che trasmetteva dallo scorso maggio un cartello che recitava: "...Le trasmissioni in HD torneranno presto in onda". In casa Telecom pertanto sembrerebbe essere stato messo da parte il progetto di simulcast de LA7 in alta definizione. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del TIMB Mux 2.



Ore 20.05 -  MUX NAZIONALI  - MUX TIVUITALIA: MESSAGGIO DI RISINTONIZZAZIONE SU FIRE, RETEITALIA TRASMETTE SPACE TV.
VHF 10 / UHF 22-27-28-43 Mux TIVUITALIA
UHF 34 Mux TIVUITALIA (LAZIO)
Sul canale Fire (LCN 147 - Tivuitalia test 6 nel Lazio) è apparso un messaggio in sovraimpressione, sullo stile di quelli utilizzati qualche mese fa dalle reti Mediaset, che invita alla risintonizzazione in quanto "stai vedendo uno dei canali dell'offerta Digitmedia. Per accedere a tutto il bouquet risintonizza il tuo decoder". Nel relativo messaggio si elencano anche i canali WIND e EARTH (LCN 166 e 247), con i rispettivi loghi, che fino a questo momento non sono ancora stati inseriti in questo multiplex. Pertanto se si effettua la risintonizzazione, non si otterranno (almeno per questa frequenza) nuovi canali. Invece Rete Italia (LCN 131) sta trasmettendo la programmazione di Space TV, emittente che fino ad oggi era ospitata da alcuni mux locali.
 Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV dei mux TIVUITALIATIVUITALIA (LAZIO).






Infine ancora un'annotazione, vi mostriamo alcuni scatti del TGNET di Channel 24 (LCN 130), ritrasmesso anche in alcune fasce orarie dalle altre emittenti DIGITMEDIA.




Ore 19.40 -  MUX NAZIONALI  - MUX TIMB 1: ARRIVA UN NUOVO CANALE, ENTERTAIMENT FACT.
UHF 47-56 TIMB Mux 1
Dal pomeriggio di oggi è stata inserita una nuova emittente denominata Entertaiment Fact con numerazione LCN 234. Al momento il canale risulta a schermo nero.
Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del mux TIMB 1.


Ore 18.45 - FREQUENZE TV, ALMUNIA (COMMISSARIO UE): "SPERO CHE LA POLITICA NON CREI NUOVI OSTACOLI".
Il Commissario Ue ha anche detto che gli uffici alla Concorrenza stanno lavorando con l’Agcom per definire gli ultimi dettagli. Conclusione ormai imminente.
“Sono molto preoccupato”, ha detto stamani a Bruxelles il Commissario Ue alla Concorrenza, Joaquin Almunia, commentando con i giornalisti il risultato elettorale italiano.
Si rischia l’ingovernabilità, ha detto ancora, aggiungendo che tocca alle forze politiche "responsabili compiere uno sforzo enorme, perché possa esserci un governo pensando solo agli interessi degli italiani".
“Con la composizione attuale del Parlamento italiano – ha poi sottolineato - si possono adottare le stesse decisioni che sono state prese negli ultimi quindici mesi”.

Non tante, quindi, se pensiamo all’iter per l’approvazione dell’Agenda digitale o alla legge che ha annullato il beauty contest, favorendo un’asta onerosa per l’assegnazione delle frequenze del digitale terrestre.

Una gara che ancora non è avvenuta, nonostante il Ministro Passera abbia promesso a più riprese che si sarebbe tenuta prima della scadenza del mandato del governo Monti.

Il Regolamento, predisposto dall’Agcom, è ancora a Bruxelles che dovrà dare il proprio via libera prima che il nuovo Ministro dello Sviluppo economico possa indire la gara.
Almunia oggi ha detto di sperare “che la situazione politica italiana non crei nuovi ostacoli per trovare una soluzione" sulla questione dell'attribuzione delle frequenze televisive digitali. Il Commissario ha, poi, confermato che i servizi della Concorrenza europea stanno ancora lavorando e discutendo con l'Agcom le condizioni del bando di gare e l'allocazione dei canali. Al momento mancherebbero solo "alcuni dettagli", da definire “al più presto”.
Tratto da: http://www.key4biz.it/News/2013/02/27/TV_digitale/Joaquin_Almunia_elezioni_frequenze_agcom_beauty_contest_multiplex

Ore 12.20 - ASTA FREQUENZE: RETECAPRI ATTENDE L'ASSEGNAZIONE DEL SECONDO MULTIPLEX.
Sul dividendo interno (ex beauty contest), che prevede come rivisto dall’Agcom tre multiplex nazionali in DVB-t da assegnare, si attende il parere della Commissione UE sullo schema approvato dalla stessa Agcom, dopodiché la palla passerà al Ministero per lo Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni che allestirà il tutto presumibilmente quando il nuovo Governo si sarà insediato. Ma in questo iter c’è un altro passo importante che ReteCapri, storica emittente generalista nazionale, mette in evidenza e su cui l’Agcom starebbe lavorando prima dell’approvazione da parte dell’UE: risolvere i problemi di interferenze con l’LTE e con i paesi confinanti quali Malta, Croazia, Francia e Slovenia. L’assegnazione delle frequenze alle tv nazionali, infatti, dovrà avvenire nel pieno rispetto della garanzia della qualità delle stesse (così come stabilito dalla stessa Agcom) e della copertura dell’80% del territorio nazionale e di tutti i capoluoghi di provincia. L’Agcom, infatti - sostiene ReteCapri - ha il dovere di assicurare agli aventi diritto, qualità (es.: assenza di interferenze) e copertura così come prevista dalla normativa vigente. Soltanto dopo si potrà procedere all’assegnazione. E’ opportuno, inoltre, che per uscire definitivamente dalla procedura di infrazione europea aperta nei confronti del nostro Paese, queste frequenze non siano assegnate agli operatori già “big players” come Rai, Mediaset e Telecom ma, oltre che a nuovi entranti, agli operatori storici che sono stati danneggiati da oltre venti anni di duopolio nel mercato analogico, come ReteCapri. Necessario, quindi, che ci sia prima di tutto un riequilibrio sanando legittimi interessi calpestati per anni. Nel caso di ReteCapri, c’è l’attesa assegnazione di un secondo multiplex digitale che l’emittente attende da molto tempo, poiché discriminata rispetto a Rete A che, con medesimi o addirittura minori requisiti, ha ottenuto regolarmente la seconda frequenza nazionale.
Tratto da: http://www.telecaprisport.it


 26 FEBBRAIO 2013 - Martedì 

Ore 15.30 -  ABRUZZO  - MUX ANTENNA 10: CAMBIO DI LCN PER DINAMICA, ARRIVA SUL 249.
UHF 46 Mux ANTENNA 10:
C'è stato il cambio di numerazione LCN per il canale DINAMICA, dalla posizione 130 è passata alla corretta 249. Non è più in conflitto con Channel24, sintonizzabile nel mux TIVUITALIA. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux ANTENNA 10.



Ore 14.55 - FREQUENZE TV: COSA SUCCEDERA' ALL'ASTA DOPO LO TSUNAMI ELETTORALE?
Mentre si attende il via libera della Commissione europea al Regolamento dell’Agcom, qualcuno comincia a chiedersi se il nuovo governo sarà in grado di continuare sulla via tracciata da Passera o verrà azzerato tutto.
I risultati elettorali sono stati come uno tsunami per la politica italiana, almeno per la parte che non ha avuto lo sguardo sufficientemente lungo per prevedere simili conseguenze.
Si parla d’ingovernabilità mentre il nostro Paese ha bisogno di scelte decisive e rapide per tutti i settori, ma soprattutto per la tecnologia che corre veloce e non concede tempo a chi ha ancora voglia di aspettare.
Chi prenderà il posto di Corrado Passera al Ministero dello Sviluppo economico? Ci sarà un dicastero per l’Economia digitale come in Francia?
Difficile a dirsi perché in questa campagna elettorale tutti hanno parlato della necessità di occuparsi d’internet, ma nessuno lo ha fatto fornendo chiare indicazioni.

Il dossier delle frequenze Tv resta sul tavolo della Commissione europea, dopo le modifiche apportate dall’Agcom al disciplinare di gara.
Il governo Monti ha cancellato il vecchio beauty contest, introdotto dall’esecutivo di Silvio Berlusconi che prevedeva l’assegnazione gratuita, per preferire un’asta. L’Autorità presieduta da Angelo Cardani ha poi ulteriormente modificato il Regolamento, riducendo da sei a tre i multiplex da mettere in gara e lasciando fuori Rai, Mediaset e TI Media.

Rinviata, invece, a un secondo momento quella per i lotti U1, U2, U3, le frequenze più pregiate, che avevano un diritto d’uso per cinque anni, in quanto la banda 700 MHz dovrà essere ripianificata, per consentirne l’uso agli operatori tlc, così come stabilito anche in sede ITU, per i servizi di banda larga mobile.
L’Agcom ha così deciso d’intervenire per risolvere il problema delle interferenze che rendono difficile la ricezione del segnale televisivo per milioni d’italiani.

Qualche giorno prima delle elezioni, Passera ha dichiarato: “Il nostro lavoro è da tempo completato, ora aspettiamo con ansia il via libera di Bruxelles per farla partire”.

Dalla Ue, il Commissario alla Concorrenza Joaquin Almunia, aveva fatto sapere “la discussione è lunga, continuiamo a lavorare”.
Resta adesso da capire che direzione prenderà il nuovo governo e se, una volta ottenuto il via libera da Bruxelles, il Ministero competente indirà l’asta.

Il tutto mentre il resto del mondo procede a gran velocità sull’assegnazione delle frequenze e sui servizi di banda larga mobile.

Tratto da:
http://www.key4biz.it/News/2013/02/26/TV_digitale/elezioni_frequenze_digitale_terrestre_banda_larga_mobile_beauty_contest

Ore 10.00 -  MUX NAZIONALI  - TIMB MUX 2: EFFETTO NOTTE DIVENTA GARDENIA.
UHF 60 TIMB Mux 2
Cambio di identificativo per il canale EFFETTO NOTTE (LCN 230) che ora viene sintonizzato con il nome di GARDENIA. In onda nelle ore diurne è sempre presente il cartello con il logo di EFFETTO NOTTE, vedremo da mezzanotte se ci proporrà una programmazione diversa. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del TIMB Mux 2.





Ore 09.40 -  IN EVIDENZA  - L'ALTRO VOLTO DE L'ITALIA IN DIGITALE: NOI SU FACEBOOK E TWITTER.
Sapete qual'è la cosa principale che vi perdete se non siete iscritti ai nostri social? E' sentirsi partecipativamente attivi di un gruppo unico, che scambia idee ed interagisce in maniera immediata su argomenti che coincidono con i temi trattati su questo sito. Attraverso il relativo gruppo Facebook e Twitter de L'ITALIA IN DIGITALE riusciamo a comunicarvi subito con le nostre news "flash", quello che successivamente inseriamo su queste pagine ma con i tempi necessari per caricare le immagini e impaginare le notizie. Capita infatti la necessità di riferirvi nell'immediato una notizia importante e attraverso il "mi piace" di Facebook o seguendoci su Twitter, riusciamo a divulgarlo nell'immediato, oppure come è accaduto di recente, siete stati direttamente voi ad inserire preziosissime indicazioni, correlate dai vostri punti di vista. Oltre a questo c'è la possibilità di vedere dei contenuti che non inseriamo in queste pagine, perchè magari non sono legate strettamente agli argomenti da noi trattati. Ieri per esempio abbiamo caricato sulla pagina Facebook dell'Italia in digitale una gallery di immagini relative al dietro le quinte elettorali di Sky TG 24 e continuando nei prossimi giorni con altre immagini; oppure capita che il sottoscritto incroci lo chef Carlo Cracco il giorno prima della finale di Master Chef e guarda un po'...la foto finisce direttamente laddove è maggiormente tollerata (da parte vostra) una parentesi ludica, ovvero sulla nostra pagina dei due maggiori social network.

Vi aspettiamo pertanto su
Facebook e Twitter per avere una visione ancor più completa degli amici che fanno l'Italia in digitale.
Ore 00.45 -  MUX NAZIONALI  - RAI MUX 1: RAI 1 E TG1 IN ONDA CON UN LOGO ALTERNATO.
RAI Mux 1
La puntata di ieri di Porta a Porta su Rai 1 (LCN 1) interamente dedicata ai risultati elettorali, è stata realizzata in collaborazione con il TG1. In onda era presente il logo della rete, come sempre posizionato in alto a destra, alternato a quello del TG1. Molti di voi hanno gradito questa novità grafica, infatti sul facebook e twitter de L'ITALIA IN DIGITALE abbiamo raccolto numerosi apprezzamenti positivi.







 25 FEBBRAIO 2013 - Lunedì 

Ore 16.20 -  TOSCANA  - MUX TVR VOXSON (TOSCANA): ARRIVA AB CHANNEL, ELIMINATO ATV7.
UHF 31 Mux TVR VOXSON (TOSCANA)
E' arrivata anche nel multiplex toscano di TVR VOXSON l'emittente abruzzese AB Channel, con la numerazione LCN 294. ha preso il posto di ATV7 che è stata eliminata. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TVR VOXSON (TOSCANA).






Ore 15.45 -  LAZIO  - MUX TVR VOXSON: ARRIVA L'ABRUZZESE AB CHANNEL AL POSTO DI ATV7.
UHF 21 Mux TVR VOXSON
Dopo aver abbandonato il mux TIVUITALIA ritorna in onda l'emittente abruzzese AB Channel. E' arrivata nel multiplex romano di TVR VOXSON, ha preso il posto con la numerazione LCN 213 di ATV7 che è stata eliminata. Come hanno annunciato in onda AB Channel presto tornerà progressivamente in tutta Italia sul digitale terrestre, presumiamo quindi in diversi mux di tv locali in ogni regione. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TVR VOXSON.






Ore 12.55 -  MUX NAZIONALI  - RAI MUX 1 / RAI MUX 6 (LAZIO): MODIFICATO IL LOGO DI RAI NEWS 24.
RAI Mux 1
UHF 25 RAI Mux 6
E' stato leggermente modificato il logo della nuova Rai News 24 (identificativo Rai News - LCN 48) situato in alto a destra, da grigio ora è diventato bianco. Qui sotto potete vedere la differenza con le prime due immagini che sono quelle di ieri, in cui il logo non si vedeva ben contrastato in onda.








 24 FEBBRAIO 2013 - Domenica 

Ore 10.25 - CESSIONE LA7: PERCHÉ BERNABE’ HA CONCESSO A CAIRO CONDIZIONI STRAORDINARIAMENTE FAVOREVOLI?
C'è chi manifesta sorpresa per la decisione del consiglio di amministrazione di Telecom Italia di cedere La7 a pochi giorni dalle elezioni: tanto valeva aspettare l'insediamento del nuovo Parlamento, precisano costoro nel mentre gettano ombre sul perché di una decisione tanto affrettata.
La verità è l'esatto opposto: bene ha fatto invece il vertice Telecom a deliberare la vendita in questo particolare momento, e non solo perché era una vicenda che si trascinava malamente da almeno otto mesi; l'aver deciso prima di conoscere l'esito delle elezioni, cioè prima che una qualunque forza politica potesse incidere sull'orientamento dei consiglieri, è infatti un segno di autonomia che fa onore al vertice del gruppo telefonico.
Altro è invece il discorso sul perché cedere solo l'emittente tv a Urbano Cairo e non invece l'intera TiMedia al fondo Clessidra. E altra ancora è la questione relativa alle condizioni straordinariamente favorevoli concesse a Cairo - che probabilmente si vedrà riconosciuti da Telecom benefici complessivi per circa 200 milioni ancor prima di mettere piede a La7 - quando un anno fa a Carlo De Benedetti, l'editore del gruppo Espresso-Repubblica, veniva chiesto di sborsare una cifra pressoché analoga per avere la stessa azienda con qualche accessorio in più (Mtv).
Sulla prima questione la spiegazione fornita dal presidente di Telecom Italia, Franco Bernabè, secondo cui cedere l'intera TiMedia con i suoi multiplex in questa fase significherebbe rinunciare a potenziali profitti, convince fino a un certo punto. Il perché è presto detto.
Anzitutto concedere a Cairo uno sconto di 10 milioni l'anno sui 15 milioni pattuiti per l'affitto delle frequenze, oltre a ridurre i ricavi di TiMedia provocherà sicuramente una richiesta di pari riduzione da parte di altri grandi clienti (per esempio Discovery e Switchover).
In secondo luogo Mediaset, cui in questo momento avanzano le frequenze non utilizzate, si prepara ad aggredire il portafoglio clienti di TiMedia con possibilità di successo non modeste. Infine, probabilmente entro l'anno si avrà l'assegnazione da parte del governo di ben tre multiplex che a loro volta invaderanno l'etere con 24 nuovi canali.
Di fronte a tali prospettive viene difficile condividere l'ottimismo manifestato da Bernabè sulla profittabilità futura di TiMedia. E resta misteriosa la ragione per la quale nel pacchetto che verrà ceduto a Cairo non rientra Mtv, troppo piccola per risultare utile a TiMedia e fonte di perdite pressoché certe se allontanata dalla sorella maggiore.
A proposito delle condizioni proposte da Cairo (una dote di partenza di circa 90 milioni, il citato sconto sull'affitto delle frequenze, la cancellazione di 40 milioni di debiti verso la capogruppo, l'assorbimento da parte di TiMedia di un centinaio di dipendenti giudicati in esubero e altro ancora) qualche perplessità suscita la richiesta di aumentare da 6 milioni a 16 milioni il monte-pubblicità annuale accordato da Telecom Italia a La7.
D'accordo che mai crisi più grave aveva colpito i media tradizionali soprattutto nella raccolta pubblicitaria - e ciò in parte giustifica il rovesciamento delle condizioni alla vendita rispetto a quando De Benedetti corteggiava La7 e Bernabè rifiutò di cedere - ma un incremento tanto importante per lo stesso media non sarà facilmente giustificabile.
Questa considerazione introduce la questione finale: vista la grave crisi perdurante, riuscirà la Cairo Communication con le sue sole forze a sostenere il peso di una tv che negli ultimi dieci anni ha perso la bellezza di 1 miliardo al ritmo di circa 100 milioni l'anno?
Per quante economie e per quanti tagli riesca a realizzare, difficilmente riuscirà a reggere la sfida oltre il triennio se la base sono i ricavi e l'utile 2012 (rispettivamente 319 milioni e 18 milioni) e se alla qualità dell'offerta non verranno inferte, come ha assicurato lo stesso Cairo, alterazioni significative. Dunque, di uno o più alleati avrà certamente bisogno. Dove cercare?
Diego Della Valle si era offerto di formare una cordata per rilevare la maggioranza de La7 ma, giunto troppo tardi per partecipare alla gara, non avrebbe disdegnato un'alleanza con Clessidra (qualora la sua proposta fosse risultata vincente) in virtù soprattutto delle spalle robuste che vanta il fondo di Claudio Sposito.
Sarà, Della Valle, egualmente disponibile qualora Cairo dovesse bussare alla sua porta? Difficile dire, ma vista l'oculatezza con la quale l'imprenditore amministra le sue finanze è più facile propendere per il no. Dunque? Non sia mai che si giunga a considerare buono ciò che l'abbondanza fece scartare.
E poiché De Benedetti non ha mai davvero cessato di guardare con interesse all'emittente di Enrico Mentana, chi può escludere che di qui a qualche tempo il gruppo Espresso-Repubblica e La7 siedano allo stesso desco?
Tratto da:
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/telecom-media-perch-bernabe-ha-concesso-a-cairo-condizioni-straordinariamente-favorevoli