Da Lunedì 22 a Domenica 28 LUGLIO 2013












Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.





COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre? Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.

















 AVVISO: CONSIGLI SU COME RICEVERE TOPCRIME SUL CANALE (LCN) 39 

UHF 36 (Sardegna UHF 46) MEDIASET Mux 2
Molti nostri lettori ci scrivono che non riescono a vedere TOPCrime sul canale (LCN) 39. Ecco come fare.

Per poter ricevere TOPCrime (numerazione automatica LCN 39 - frequenza di trasmissione UHF 36) si consiglia di cancellare la attuale lista canali, effettuare una nuova risintonizzazione, controllare dal menu del decoder o tv se è attiva la numerazione automatica; controllare sempre dal menu il livello di segnale sulla frequenza UHF 36 (594.0 Mhz) del mux MEDIASET 2. Inoltre controllate nell'elenco dei canali se ricevete Cartoonito posizionato al numero 46, emittente trasmessa dallo stesso provider (mux) e quindi sulla stessa frequenza. Se ricevete Cartoonito allora dovete ricevere per forza anche TOPCrime. E' possibile che in diversi modelli di tv o decoder non si vada a posizionare sul numero 39 ma in un'altra numerazione pertanto controllate tutta la lista dei canali.
Il mux
MEDIASET 2 è trasmesso in quasi tutte le postazioni dove è attivo il mux MEDIASET 4 UHF 49 (698.0 Mhz), che contiene le emittenti generaliste Rete4 (LCN 4), Canale5 (LCN 5) e Italia1 (LCN 6).
La differenza è che il mux
MEDIASET 2 (UHF 36) è trasmesso in BANDA IV UHF (21>37), mentre il mux MEDIASET 4 (UHF 49) è trasmesso in BANDA V UHF (38>69). In molte zone, in particolare nella zona di Milano, gli impianti di antenna e di conseguenza le centraline, sono predisposti per ricevere i canali "privati" in quinta banda (si trattava di una disposizione in uso ai tempi della tv analogica) pertanto la frequenza UHF 36 viene tagliata fuori. In questi giorni stiamo ricevendo da tutta Italia e in particolar modo dalla Lombardia numerosissime mail di utenti che lamentano il medesimo problema. In ultima analisi potete provare a chiedere (se siete in un condominio con impianto centralizzato) ai vostri vicini di casa se loro lo ricevono, ma se non c'è verso di vederlo dovreste chiamare un tecnico antennista specializzato che aggiorni l'impianto di antenna.
Questi i canali trasmessi insieme a TOPCrime nel mux MEDIASET 2:
27 - ClassTV MSNBC
32 - QVC
34 - Mediaset Extra
35 - Mediaset Italia Due
39 - TOPcrime
40 - Boing

46 - Cartoonito
49 - Coming Soon Television

Se prima vedevate For you sul 39 con ottimo segnale è perchè era trasmesso su un'altra frequenza (nel mux RETE A 1) e non in quella di TOPCrime (mux MEDIASET 2).
Alcuni utenti, crediamo pochissimi, potrebbero avere ancora attivi dei vecchi registratori VHS, non fate passare il cavo di antenna in questi apparecchi, poichè di solito erano tarati per essere visti appunto sulla frequenza UHF 36 e potrebbero annullare il segnale del mux MEDIASET 2. Aggiungiamo inoltre per gli utenti della Lombardia che se vedete BOING (LCN 40) scritto tutto maiuscolo, non è detto che riceviate anche TOPcrime, visto che BOING è trasmesso anche dal provider (mux) TELECITY (LOMBARDIA) sull' UHF 45 in quinta banda appunto.
Infine ricordiamo che in Sardegna il mux
MEDIASET 2 è trasmesso in quinta banda, sulla frequenza UHF 46 (674,0 Mhz), la medesima banda del mux MEDIASET 4 UHF 52 (722.0 Mhz).
Sulla nostra pagina Facebook è attiva la discussione degli utenti sulla
ricezione di TOPcrime.

Ulteriori consigli da parte di Massimo di Cavriago (Reggio Emilia): per esperienza personale avevo lo stesso problema citato da diversi utenti. Ho provato in due modi: fare un reset di fabbrica con LCN attivato. L'altro modo è: alcuni decoder o TV hanno come opzione "lista canali rimossi nel cestino", controllare che all'interno di questa opzione non ci sono canali e se ci sono cancellarli. Se all'interno del cestino esiste 39 For you anche facendo una scansione TOPcrime non risultera' mai, in quanto il decoder mantiene in memoria il vecchio 39 For you . Bastera' cancellarlo poi fare una scansione manuale sulla frequenza UHF 36.





Il nostro nuovo indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it











Clicca sulle immagini per vederle ingrandite

 28 LUGLIO 2013 - Domenica 

Ore 13.25 -  EMILIA-ROMAGNA   MARCHE  - MUX LA 9 (EMILIA ROMAGNA) - MUX LA 9 (MARCHE): AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 21-28 Mux LA 9 (EMILIA ROMAGNA)
UHF 28 Mux LA 9 (MARCHE)
Nei giorni scorsi abbiamo aggiornato le composizioni e gli z@pping del mux LA 9 nelle versioni del Piemonte e del Trentino. Oggi inseriamo le nuove griglie con tutti i canali trasmessi nelle versioni dell' Emilia-Romagna e delle Marche. Qui in basso pubblichiamo le liste canali dei due multiplex e come sempre vi invitiamo a consultare anche le griglie e gli z@pping TV dei mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA) e LA 9 (MARCHE).




Ore 10.35 -  SICILIA  - MUX TELETNA: ATTIVATO L'UHF 57 A CALTANISSETTA.
UHF 57 Mux TELETNA
Ieri è stato attivato il mux TELETNA sull' UHF 57 dalla postazione di Monte San Giuliano a Caltanissetta. Il gruppo Sige attiverà questo multiplex, sempre sulla frequenza UHF 57, in 40 postazioni siciliane, fra cui le più importanti come Monte Lauro, Capo San Marco, Erice vetta, Villaseta, Rupe Atenea, ma anche molti gap filler come Partanna, Salemi, Santa Margherita Belice, Santo Stefano Quisquina ed altri, nel giro di poco tempo, avendo appena ottenuto l'autorizzazione del Mise. Ricordiamo che da alcune settimane il mux si è arricchito con nuovi canali, 5 emittenti tv: Tg Norba 24 (LCN 180), Telejonica (LCN 285), Sicilia News 24 (LCN 604), Sicilia Channel Gusto (LCN 682), Sicilia Sport 24 (LCN 693); e due emittenti radiofoniche: Radio SIS e Radio Telecolor, entrambe senza numerazione LCN. Consulta la griglia dei canali del mux TELETNA. Abbiamo aggiornao la lista delle TV A CALTANISSETTA.
© Lanus (AG) - Tony (TP) - Salvo (PA) by Radio TV Sicilia










Ore 00.05 -  ABRUZZO  - MUX ONDA TV ABRUZZO: NESSUNA TRASMISSIONE PER AB CHANNEL E ONDA TV PLUS.
UHF 59 Mux ONDA TV ABRUZZO
Da alcuni giorni i canali AB Channel (ONDATV Provider), con LCN 171, e ONDA TV PLUS, con LCN 647, non trasmetteno più, la portante è presente ma su entrambe in onda c'è solo uno schermo nero con delle righe in sottofondo. Nel multiplex attualmente trasmettono solo due canali: ONDA TV, con LCN 18, e ONDA TV SHOPPING, con LCN 648, quest'ultima continua a mandare in onda trasmissioni senza il proprio logo, gli altri canali sono a schermo nero. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del mux ONDA TV ABRUZZO.


 27 LUGLIO 2013 - Sabato 

Ore 23.40 -  TRENTINO  - MUX LA 9 (TRENTINO): AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 43 Mux LA 9 (TRENTINO)
Abbiamo aggiornato la composizione del mux LA 9 in versione regionale trentina. Rispetto alla nostra precedente rilevazione ci sono state alcune modifiche di rilievo alle denominazioni e ai canali trasmessi. Il multiplex è composto da un totale di 19 TV (di cui 7 senza LCN) e una radio (priva di LCN), per un totale di 20 canali, come potete vedere consultando la griglia dei canali che vi alleghiamo qui sotto. Sul canale La 9 (LCN 76 e su La9 priva di LCN) in alto a destra è stata aggiunta anche la scritta OUTLET CHANNEL, su La 8 (LCN 81) sempre in alto a destra è stato aggiunto il logo LA NAZIONALE, Cafe Tv 24 è presente in duplice copia, una con LCN 115 e l'altra senza LCN, mentre sulla LCN 151 arriva LA SPORTIVA che trasmette anche con il logo di La 13, presente anche con una copia senza LCN denominata La 13. ORLER CHANNEL (LCN 168) è presente con il nuovo logo (modificato un paio di settimane fa), mentre sulla LCN 169 c'è una copia di La 9 - OUTLET CHANNEL denominata in epg proprio OUTLET CHANNEL. Il canale di televendite Ok Tv è sulla LCN 170, alla posizione 232 arriva LA NAZIONALE, duplicato di La 8, inoltre è stato inserito il canale PRIMA FREE con la numerazione LCN 628, e infine c'è da segnalare che La 11 e La 12 sono prive di numerazione automatica LCN. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux LA 9 (TRENTINO).







Mux LA 9 ‎(TRENTINO)‎ - Z@pping TV


Ore 19.30 -  ABRUZZO  - ANTENNE DI SAN SILVESTRO A PESCARA: "DELOCALIZZAZIONE FORZOSA", IL TAR ACCOGLIE I RICORSI DELLE EMITTENTI (CON VIDEO).
PESCARA. «Le disattivazioni delle trasmittenti appaiono finalizzate al solo scopo di realizzare una delocalizzazione forzosa, senza alcun concordato piano di migrazione e senza siti alternativi realmente idonei allo scopo».
Chiare e lapidarie le parole dei giudici del Tar Abruzzo, sezione staccata di Pescara, che hanno accolto i ricorsi delle Emittenti televisive abruzzesi Trsp, Antenna 10, Tvq, Telemax, Tv6, Atv7, Rete 8 e Telemare (ma anche di quelle nazionali) contro il Comune di Pescara e la Regione Abruzzo, addebitando al Comune le spese di giudizio (3 mila euro).
L'amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Mascia chiedeva la disattivazione degli impianti fissi di radiodiffusione siti in località San Silvestro Colle di Pescara. Nel frattempo, al Tavolo tecnico istituito dalla Regione Abruzzo, la stessa Regione insisteva sulla fattibilità della delocalizzazione a mare nella piattaforma off-shore denominata “Francavilla” di proprietà privata Posidonia S.r.l. o nei 128 siti cosiddetti alternativi.
«Il ricorso alla sanzione della disattivazione – ribadiscono i giudici – si pone quale forma di pressione per attuare una delocalizzazione forzosa, senza alcun piano di migrazione».
Sulla non utilizzabilità della piattaforma off-shore, ribadita dagli Editori TV ad ogni seduta del Tavolo tecnico, i giudici scrivono: «La delibera di Giunta Regionale n. 694/2010 aveva già preso in considerazione la fattibilità di un nuovo sito sulla “piattaforma marina Francavilla”, rimasto del tutto nominale; l’Agcom, in considerazione della non operatività di tale piattaforma, ha sostenuto il necessario utilizzo dei siti già occupati, reinserendo S. Silvestro nell’elenco 2013».
Nella sentenza, i giudici del Tar si esprimono anche in merito al paventato inquinamento elettromagnetico, sottolineando che il Comune di Pescara non ha tenuto conto della relazione tecnica 2012 dell'Arta che attesta il rispetto dei limiti e dei valori di emissione. «Le disattivazioni – scrivono i giudici del Tar - sono state attuate ignorandosi i provvedimenti ministeriali di assegnazione per l’uso della tecnica digitale terrestre, col decisivo abbattimento delle stesse emissioni elettromagnetiche che fanno venire meno gli ipotizzati effetti nocivi sugli abitanti della zona».
Gli Editori ribadiscono, dunque, la propria legittimità a trasmettere dal sito di San Silvestro, come riconosciuto anche dal Tar: «Non siamo abusivi e non inquiniamo. Confidiamo che, alla luce di questa sentenza, i residenti di San Silvestro possano sospendere finalmente lo sciopero della fame e ogni forma di protesta».

Tratto da: http://www.primadanoi.it/news/italia/542330/Abruzzo--Antenne-San-Silvestro

SENTENZA TAR SU ANTENNE SAN SILVESTRO


TGR ABRUZZO - edizione delle 19.30 del 26.07.2013, lettura del comunicato di agenzia.


TGR ABRUZZO - Servizio andato in onda nell'edizione delle 23.30 del 26.07.2013


IL COMUNICATO STAMPA DELLE TV LOCALI COINVOLTE.
Ringraziamo l'emittente TELEMAX di Lanciano (CH) per avercelo inviato.


Ore 13.00 - FOX SPORTS ANCHE IN DIGITALE TERRESTRE SU MEDIASET PREMIUM.
In attesa che il nuovo Fox Sports si accenda su Sky, ecco concretizzarsi il colpo di mercato sul fronte Mediaset: lo stesso canale sarà visibile anche su Mediaset Premium. Secondo La Gazzetta dello Sport, infatti, sarebbe stato raggiunto un accordo per la trasmissione del neonato canale Fox sul digitale terrestre pay.
Il canale, “confezionato” da Fox con la direzione di Fabio Guadagnini e le telecronache di ex calciatori, quali Hernan Crespo e Pierluigi Casiraghi, verrà inserito nel pacchetto calcio di Mediaset Premium. Un’operazione, il cui costo per l’azienda di Cologno Monzese dovrebbe aggirarsi attorno a 10-15 milioni di euro annui. A tal proposito, tornano alla mente le parole di Piersilvio Berlusconi, in occasione della presentazione dei palinsesti Mediaset 2013/2014:
“Fox? Ma Fox in realtà ha rubato a Sky, non ha rubato a noi. Quindi la cosa non è che ci riguarda [...] Si fan concorrenza tra di loro. Nulla è cambiato: Sky li aveva (i campionati di calcio estero, ndDM), adesso invece di Sky si chiama Fox. Non sono diritti che noi abbiamo mai avuto e trattato. Quindi non penso onestamente portino nemmeno un abbonato in più“.

Si parte, come noto, già ad agosto. Il 9 del mese ci sarà, infatti, l’anticipo della prima giornata di Ligue 1 tra Montpellier e Paris Saint Germain. Anche su Mediaset Premium, dunque, tutto (o quasi) il calcio: oltre al campionato francese, infatti, Fox Sports garantisce la Liga spagnola, la Premier League e la FA Cup inglese. All’appello manca soltanto la Bundesliga tedesca, tornata in esclusiva su Sky Sport.

Tratto da: http://www.davidemaggio.it/archives/78356/fox-sports-anche-su-mediaset-premium



 26 LUGLIO 2013 - Venerdì 

Ore 17.40 -  TRENTINO  - MUX RTTR: RITORNA RTT LA RADIO.
UHF 45 mux RTTR
In questo multiplex è stato reinserito il canale radiofonico RTT La Radio con la numerazione LCN 768. E' ancora presente il canale a schermo nero con LCN 603 senza identificativo (vedi le precedente news del 22 c.m.).
Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del mux RTTR.






Ore 11.15 -  ABRUZZO  - ANTENNE SAN SILVESTRO PESCARA: EDITORI TV ALLA GUERRA, 'SOLO FINALITA' SPECULATIVE DIETRO DELOCALIZZAZIONE'.
PESCARA - Cosa c'è davvero dietro la volontà di delocalizzare le antenne di San Silvestro a Pescara? Solo l'interesse dei residenti del posto oppure altre motivazioni che non hanno a che fare con motivi di sanità pubblica?
A chiederselo è un gruppo di editori di alcune delle principali emittenti televisive abruzzesi, mentre si attende di sapere l'esito del ricorso al Tar contro l'ordinanza regionale di dislocazione delle antenne di San Silvestro.
In un documento i rappresentanti delle emittenti Antenna 10, Telemax, TVQ, Rete 8, Telemare, TV6 e TRSP tornano a ribadire innanzitutto che la proposta di spostare tutto su una piattaforma off shore è improponibile, come lo sono anche i siti alternativi trovati dalla Regione.
In mare no, nei siti cosiddetti alternativi neanche, è evidente che gli editori si trovano con l'acqua alla gola e minacciano di staccare sul serio la spina per lasciare al buio la costa abruzzese, cosa che accadrebbe se le antenne venissero tolte da San Silvestro.
Se da un lato i residenti continuano a chiedere con forza il rispetto dell'ordinanza di delocalizzazione, arrivando anche a manifestazioni di protesta eclatanti come lo sciopero della fame, dall'altro i rappresentanti delle tv fanno presente di sentirsi in piena regola per quanto riguarda il rispetto delle stringenti norme ministeriali in materia.
“I 128 siti elencati dalla Giunta regionale – scrivono gli editori di Antenna 10, Telemax, TVQ, Rete 8, Telemare, TV6 e TRSP - non sono alternativi a San Silvestro, in quanto collocati in aree del tutto diverse: si tratta, in realtà, del mero elenco dei siti autorizzati alla trasmissione radio e televisiva nelle regioni Abruzzo e Molise e nella provincia di Foggia. Nessuno di tali siti è in grado di coprire il bacino di servizio di San Silvestro”.
L'altra soluzione, quella della piattaforma in mare chiamata “Francavilla”, di proprietà della Posidonia S.r.l., inizialmente destinata all’itticoltura e che la Regione Abruzzo si è affrettata con rara solerzia in meno di un mese a cambiare di destinazione d'uso, secondo gli editori non è pronta neppure per una semplice sperimentazione.
I rappresentanti delle televisioni private citano uno studio di fattibilità redatto da esperti dell'università dell'Aquila che prevede “costi insostenibili dalle imprese radiotelevisive locali, per l’innalzamento della piattaforma dai 28 metri attuali ad oltre 100, la realizzazione ex-novo di due tralicci di sostegno delle antenne, il trasporto dell’energia elettrica dalla terraferma”, per un investimento totale di circa 10 milioni di euro, senza contare il canone di affitto da pagare alla Posidonia.
Di fronte a una Regione Abruzzo, che si ostina a promuovere “in maniera spasmodica, oltre ogni buon senso”, dicono gli editori, la soluzione off-shore e che parla di riunioni tecniche che avrebbero visto l'accordo anche di questi ultimi, cosa che loro smentiscono, i rappresentanti delle tv dicono di avere il dubbio che “dietro apparenti motivi di sanità pubblica, in difesa della collettività di San Silvestro, si possano nascondere finalità speculative volte alla ulteriore edificazione di un quartiere ancora verde di Pescara ed al perseguimento di interessi di natura esclusivamente privata”.
“Le emittenti televisive abruzzesi – dicono i loro rappresentanti - contrariamente a quanto da taluni affermato, hanno a cuore la salute dei cittadini e rispettano i limiti di attenzione previsti dalla legge per l’inquinamento elettromagnetico, operando legittimamente, con tutti i requisiti previsti dal Ministero dello sviluppo economico e dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Nel sito di San Silvestro, dopo il passaggio alla tecnologia digitale terrestre, i livelli di campo elettromagnetico, già in precedenza ridotti, sono diminuiti in modo rilevante e definitivo, portandosi sotto i limiti di attenzione previsti dalla legge, per cui non sussiste alcun rischio per la salute degli abitanti di San Silvestro”.
“Peraltro in Italia – continuano - i valori limite di esposizione relativi ai campi elettromagnetici sono particolarmente tutelanti. La raccomandazione europea consente infatti un’esposizione ad un campo di 41,25V/m, mentre in Italia il valore è di 20V/m e, nei luoghi in cui si soggiorna normalmente per più di 4 ore, non deve superare i 6V/m”.

Tratto da:
http://www.abruzzoweb.it/contenuti/antenne-san-silvestro--editori-tv-alla-guerra--solo-finalita-speculative--dietro-delocalizzazione

Ore 02.20 -  MUX NAZIONALI   LOMBARDIA  - MEDIASET MUX 3: RIPRENDONO I TEST IN DVB-T2.
UHF 38 MEDIASET Mux 3 (TEST)
Ulteriore cambio di modalità trasmissiva da ieri mattina per l' UHF 38 MEDIASET Mux 3 dal sito di Valcava Prato in località Caprino Bergamasco (Bergamo) e dalla postazione milanese di via Silva (sede TeleNova). Sono nuovamente in onda i test in DVB-T2 con il canale denominato castle 1.5 (privo di LCN) che trasmette un breve loop di immagini. Abbiamo realizzato un'apposita griglia e uno z@pping TV di questo flusso che abbiamo denominato MEDIASET Mux 3 (TEST) che contiene le due composizioni del provider sia in tecnica DVB-T che in quella DVB-T2. Torneremo a pubblicare nuovi aggiornamenti solo in caso di variazioni di rilievo.

MEDIASET Mux 3 ‎(DVB-T2)‎ - Z@pping TV


Ore 02.00 -  AFRICA   SICILIA  - SPECIALE PROPAGAZIONE: INTERCETTATI FRANCE 24 IN ARABO E IL MUX MBC.

Ravanusa (Agrigento), 26 Luglio 2013
Quinta puntata

 
Sesta puntata per lo spazio de
L'ITALIA IN DIGITALE denominato SPECIALE PROPAGAZIONE - AFRICA IN DIGITALE, sezione in cui inseriamo le composizioni dei segnali TV trasmessi dal nord Africa. Innanzitutto rileviamo che il provider ricevuto sull' UHF 25 ha aggiunto l'emittente all news francese France 24 in lingua araba.
Per maggiori informazioni consulta la pagina SPECIALE PROPAGAZIONE - AFRICA IN DIGITALE prima puntata dello scorso 20 giugno.








Sempre a Ravanusa (Agrigento) il nostro collaboratore Lanus di Radio TV Sicilia ha recentemente agganciato il mux di MCB, Middle East Broadcasting Center, gruppo editoriale arabo che trasmette film free-to-air 24 ore su 24. Il provider intercettato contiene sei programmi ed irradia sulla frequenza UHF 33 dagli Emirati Arabi (suo quartier generale) o dalla Libia.
Contestualmente sono inevitabili gli scontri in un'ampia zona della Sicilia con il mux 7 GOLD 77, trasmesso sulla medesima frequenza dal monte Lauro (Buccheri - Siracusa).
I sei canali sono privi di numerazione automatica:



MBC 2
MBC Action
MBC MAX
Fox Movies
Panorama Action
Rotana Cinema



Consulta anche le ricezioni degli altri mux che abbiamo inserito nella sezione
SPECIALE PROPAGAZIONE - AFRICA IN DIGITALE.



 AFRICA IN DIGITALE - Quinta Puntata

 A cura di Tony (Radio TV Sicilia), Lanus (Radio TV Sicilia), Andrea Pomilio & Riccardo Gaffoglio

 © L'ITALIA IN DIGITALE - Luglio 2013




Ore 01.25 -  PIEMONTE  - MUX LA 9 (PIEMONTE): AGGIORNATA LA COMPOSIZIONE DOPO LE RECENTI MODIFICHE.
UHF 29-51 Mux LA 9 (PIEMONTE)
Rispetto alla nostra precedente rilevazione ci sono state alcune modifiche di rilievo alle denominazioni e ai canali trasmessi. Il bilancio è di sei canali aggiunti ed uno eliminato, per un totale di 19 TV (di cui 5 senza LCN) e una radio (priva di LCN), per un totale di 20 canali, come potete vedere consultando la consueta griglia dei canali.
Iniziamo come sempre andando in ordine di LCN: sul canale La 9 (LCN 76 e su La9 priva di LCN) in alto a destra è stata aggiunta anche la scritta OUTLET CHANNEL, su La 8 (LCN 81) sempre in alto a destra è stato aggiunto il logo LA NAZIONALE, mentre La 13 (LCN 151) è ora nominata in epg LA SPORTIVA ed aggiunge anche in video la stessa dicitura (oltre al logo di La 13, stessa cosa accade per una copia trasmessa senza LCN). ORLER CHANNEL (LCN 168) è presente con il nuovo logo (modificato un paio di settimane fa), mentre sulla LCN 169 è presente una copia di La 9 - OUTLET CHANNEL denominata in epg proprio OUTLET CHANNEL. Il canale di televendite Ok Tv (LCN 170) in questo mux è trasmesso in 16:9 allargato, pertanto le immagini non risultano conformi, visto che da origine sono in 4:3 (negli altri provider Ok Tv è infatti trasmessa nel formato 4:3). Alla posizione 232 è presente una copia di La 8 - LA NAZIONALE denominata in epg proprio LA NAZIONALE, infine è stato inserito il canale PRIMA FREE privo di numerazione automatica ed è stato eliminato il canale denominato LA 9, ulteriore copia del canale che era diffuso senza numerazione automatica. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux
LA 9 (PIEMONTE).




Mux LA 9 ‎(PIEMONTE)‎ - Z@pping TV



 25 LUGLIO 2013 - Giovedì 

Ore 17.30 -  LOMBARDIA  - LA TV SVIZZERA TORNA A MACCAGNO (VARESE).
Il paesino ai confini con il Gambarogno rivede la TV della Svizzera italiana per "decreto".
"Da qualche giorno il territorio di Maccagno è tornato a essere irradiato dal segnale della TV svizzera". A darne l'annuncio è direttamente il sindaco, Fabio Passera, che dopo aver intessuto le lodi dei canali ticinesi, "con i quali siamo cresciuti", ha raccontato che il nuovo segnale non è frutto di una "cattura avventurosa" nell'etere, ma di un vero e proprio impegno con i palazzi ministeriali romani per riavere legittimamente i canali televisivi svizzeri.
Nei paesi rivieraschi italiani, infatti, non tutti vedono la RSI, nonostante il segnale faccia capolino in alcuni punti delle province di Como e Varese. Il sindaco di Maccagno spiega che ancora oggi chi vede la RSI - ma non possiede abbonamenti ad altri gestori di TV satellitare - riesce a vedere programmi spariti dalla TV italiana in chiaro: si pensi solo alla Formula 1 che in Italia si può vedere in differita in orari serali ma non più in diretta sui canali nazionali. Il sindaco è prodigo di esempi, comprese le prime televisive.
L’amministrazione comunale - ha detto Passera - in collaborazione con la ditta Elva SRL di Arcisate (Varese), ha deciso di fare le cose per bene. Dopo una’estenuante trafila burocratica, il Ministero dello sviluppo economico - Dipartimento per le comunicazioni del Piemonte e Valle D’Aosta, ha finalmente assegnato il canale 53 UHF a Maccagno, che trasmette sui 730,000 MHZ. Il ripetitore è posizionato in località Cà di Sass in Comune di Cannobio (Verbania), ma adesso l’autorizzazione è, per quanto sperimentale secondo l’arcaico linguaggio ministeriale, ufficiale. Unico limite, la possibilità di trasmettere esclusivamente nel Comune di Maccagno, il primo ente locale in Italia ad avere la concessione per trasmettere i canali della TV svizzera.
"Per noi è un fatto di estrema importanza", chiosa ancora il sindaco del paese vicino al Gambarogno. "Il nostro Comune si sente fortemente proiettato nel cuore dell’Europa e la Confederazione elvetica da sempre rappresenta per noi un riferimento culturale di primaria importanza. Non solo abbiamo fatto felici molti nostri concittadini, ma abbiamo dimostrato ancora una volta come si può raggiungere un elevato grado di servizi avendo innanzitutto la volontà di muoversi nei canali istituzionali. Finalmente abbiamo la possibilità di vedervi ancora, siete in tutte le case dei maccagnesi, un risultato di cui andiamo fieri".
Tratto da: http://info.rsi.ch/home/channels/informazione/info_on_line/2013/07/24--La-RSI-torna-in-Italia-Maccagno

Ore 17.10 -  SICILIA  - MUX TRS - TELE RADIO SCIACCA: ARRIVA TELE OCCIDENTE.
UHF 33 Mux TRS - TELE RADIO SCIACCA
All'interno del multiplex di TRS - TELE RADIO SCIACCA è stato aggiunto TELE OCCIDENTE con la numerazione LCN 73. Ricordiamo che l'emittente TELE OCCIDENTE irradia già con un suo mux da Monte Bonifato e da Montagna Longa, e ospita già Tele Radio Sciacca (LCN 19). Il mux TRS - TELE RADIO SCIACCA è irradiato dai siti di Capo San Marco, Kronio-Monte San Calogero, Sambuca di Sicilia e Villaseta, per le provincie di Agrigento, Trapani e Palermo. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TRS - TELE RADIO SCIACCA. (© Tony - Radio TV Sicilia)




Ore 13.20 -  PIEMONTE  - MUX SESTA RETE (PIEMONTE): ULTERIORI MODIFICHE DEI CANALI TRASMESSI.
UHF 46
Mux SESTA RETE (PIEMONTE) 
Segnaliamo ulteriori novità dei canali trasmessi in questo multiplex, infatti, rispetto alla nostra precedente rilevazione, notiamo che sulla LCN 96 al posto di 6 Rete 1 Regione è ora presente l'identificativo AITV Suisse (precedentemente era senza LCN) che trasmette la programmazione di AITV. Sull' LCN 99 viene modificato l'identificativo di TELEALTO VENETO in TELEALTOVENETO 3, mentre sulla LCN 182 Amici Animali & Natura In Allestimento è ora denominato Rete 182 (viene decodificato come canale dati a schermo nero). Sulla LCN 213 (nella nostra precedente rilevazione questa numerazione non era utilizzata), viene aggiunta un'ulteriore copia di AITV nominata 6 Rete1 Regione, mentre Salute Tv In Allestimento (LCN 248) non è più a schermo nero ma ritrasmette la programmazione di Rete 188. Infine sulla LCN 697 (questa numerazione non era utilizzata) è stata inserita una copia di CANALE ARTE con l'aggiunta di un punto nell'identificativo CANALE ARTE.. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux SESTA RETE (PIEMONTE).



Mux SESTA RETE ‎(PIEMONTE)‎ - Z@pping TV


Ore 08.50 -  IN EVIDENZA  -  MUX NAZIONALI    LOMBARDIA  - MEDIASET MUX 3: IL FLUSSO DI TEST CONVERTITO DA DVB-T2 A DVB-T(1).
UHF 38 MEDIASET Mux 3 (TEST DVB-T)
Da ieri mattina sull' UHF 38 dal sito di Valcava Prato in località Caprino Bergamasco (Bergamo) e dalla postazione milanese di via Silva (sede TeleNova) risultano terminati i test di MEDIASET in DVB-T2 iniziati lo scorso 26 giugno. Il flusso attualmente risulta trasmesso nello standard DVB-T. Nel resto della penisola questa frequenza è trasmessa in modalità DVB-H, tecnologia in disuso, precedentemente utilizzata dai tivufonini. In onda nel multiplex c'è un solo canale privo di LCN denominato Diver che trasmette un loop dove si alternano immagini subacquee.
Ricordiamo che a partire dalla fine di agosto p.v.
MEDIASET aggiungerà al suo pacchetto Premium il nuovo canale FOX SPORTS in SD (standard definition), pertanto entro quella data occorrerà riorganizzare la trasmissione di alcuni canali e questi test potrebbero aprire la strada per la definitiva riconversione del flusso in tempi brevi.
Abbiamo inoltre realizzato la griglia e lo z@pping TV del nuovo
MEDIASET Mux 3 (DVB-T).








MEDIASET Mux 3 ‎(TEST DVB-T)‎ - Z@pping TV


Ore 00.35 -  MUX NAZIONALI  - TIMB MUX 2: RITORNA LA RADIO RTL 102.5.
UHF 60 TIMB Mux 2
Al posto dell'emittente RTL 102.5 Cool con la numerazione LCN 736 è stata inserita RTL 102.5, che fa ritorno sul digitale terrestre nella versione radiofonica. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del TIMB Mux 2.





 24 LUGLIO 2013 - Mercoledì 

Ore 21.40 -  MARCHE  - MUX FANO TV: ARRIVA TELE VOCE CRISTIANA.
UHF 45 Mux FANO TV
L'emittente religiosa DIOCESI TV, sintonizzabile con la numerazione LCN 216, cambia nome e logo e diventa TELE VOCE CRISTIANA, con identificativo VOCE CRISTIANA. Consulta la griglia dei canali del mux FANO TV.




Ore 16.40 - IL DISASTRO DEI "CANALINI" RAI SUL DIGITALE TERRESTRE.
Tutti in crisi i canali Rai sul digitale, con share che scendono fino all’abisso di Rai Storia (0,154 per cento) e di Rai Scuola (0,013)
Il passaggio al digitale terrestre – vi risparmiamo i dettagli tecnici – ha riempito di soldi le tasche di chi decenni prima (fine anni Settanta) aveva arraffato le frequenze, un bene pubblico, per farci soldi in proprio. Evidentemente la prepotenza ha il fiato lungo. Ma, non bastasse, è scattato anche l’obbligo per la Rai di attivare una pletora di canali “minori”, con relativi budget e staff. Quelli che vanno meglio sono un paio di canali da baby-sitting (Rai Gulp e Rai Yoyo) che sono nei radar dei piccoli spettatori (abilissimi nello scovare quel che gli interessa anche nella confusione indescrivibile e irrisolta che il DTT ha portato nei televisori di casa). Quelli in crisi sono gli altri (Rai4, Rai5, Rai Premium, Rai Sport 1 e 2, Rai News, Rai Scuola, Rai Storia) che, nel confronto 2012-2013 o perdono gravemente o non decollano, tant’è che oggi riscuotono share dello zero virgola, fino all’abisso di Rai Storia (0,154 per cento) e di Rai Scuola (0,013).
La ragione di tanto insuccesso è evidente: sono offerte prive di identità, collezioni di film, telefilm e repliche messe su con quattro soldi o, nel caso di Rai Storia e Rai Scuola, per obblighi di “servizio pubblico” (come seraficamente si usa dire nell’azienda pubblica, quando si fa una cosa televisivamente insensata). Varrebbe la pena di investire di più? Sicuramente no, come ci insegna tutto il resto del mondo che una follia del genere si è guardato bene dal metterla in piedi.
E allora perché da noi l’abbiamo fatto? La risposta è: il “Duopolio per saturazione” quel controllo monopolistico che, a beneficio del politicantismo e delle casse di Mediaset, impedisce il sorgere di concorrenti nei modi più vari, a partire da quello di intasare il mercato. Come avviene fin dalla metà degli anni Ottanta, quando nel resto d’Europa esistevano al massimo quattro reti, mentre da noi si consolidava il sistema delle sei reti (Rai+Mediaset). Che ha continuato a prosperare mentre ci si accaniva sul problema della scarsità dei canali, tant’è che i più feroci antiberlusconiani pretendevano che Emilio Fede andasse sul satellite per fare spazio ai coraggiosi editori –Espresso, RCS – a dire loro in fremente attesa. Così ci trastullammo fino agli anni Novanta, quando qualcuno ci raccontò che nel nuovo secolo si poteva finalmente superare la stretta tecnica e di mercato, inaugurando l’era della abbondanza: con i canali digitalizzati, i decoder e via magnificando. Allora sì che avremmo avuto la concorrenza!
Salvo che poi (a colpi di legge Gasparri che ha obbligato la Rai a inaugurare il pulviscolo di canali minori facendo da battistrada all’analogo comportamento di Mediaset) si è riprodotta la stessa saturazione duopolistica a cui pensavamo di sfuggire. Resta solo da inventarsi un altro trastullo dialettico (magari il web) per dire e dirci che non c’è problema, che il Duopolio è un morto che cammina e che non c’è bisogno di prendere il toro per le corna. Basta aspettare. Siamo abituati
Le Repubbliche si susseguono, ma la sostanza è la stessa.

Tratto da:
http://www.europaquotidiano.it/2013/07/24/il-disastro-dei-canalini-rai-sul-digitale-terrestre

Ore 11.40 -  LAZIO  - MUX TELEDONNA: PARTITA LA PROGRAMMAZIONE DI TO2.
VHF 05 Mux TELEDONNA
E' partita la programmazione del canale TO2, con la numerazione LCN 118. Stava a schermo nero da venerdì scorso, giorno del ritorno di questo multiplex nella zona di Roma. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux TELEDONNA.





Ore 10.40 -  MUX NAZIONALI  - MEDIASET MUX 1: CARTOON NETWORK IN CHIARO. * (CON UPDATE).
UHF 52-50 MEDIASET Mux 1
Il canale Cartoon Network - Premium (LCN 353) sta trasmettendo in questo momento in chiaro ed è quindi visibile a tutti, senza nessun abbonamento a Mediaset Premium.
Consulta la griglia dei canali con i dettagli tecnici e lo z@pping TV del MEDIASET Mux 1.


Update ore 11.30: Cartoon Network - Premium (LCN 353) da alcuni minuti è stato nuovamente codificato.






 23 LUGLIO 2013 - Martedì 

Ore 19.50 -  MARCHE  - MUX VIDEO TOLENTINO: ARRIVA RADIO STUDIO 7, VA VIA MARCHE INFO.
UHF 23-29-39 Mux VIDEO TOLENTINO
Da alcuni giorni su VideoTolentino 5 (LCN 611) non è più in onda la programmazione con il logo di MARCHE INFO, ma ora è presente un cartello fisso di RADIO STUDIO 7, emittente radiofonica di Macerata. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali del mux VIDEO TOLENTINO.




Ore 11.00 -  PIEMONTE  - MUX RETE 7 (PIEMONTE): INSERITE NUOVE DENOMINAZIONI, CAMBIO DI LOGO PER PEOPLE TV.
UHF 32 Mux RETE 7 (PIEMONTE)
Rispetto alla nostra precedente rilevazione segnaliamo l'introduzione di un nuovo logo di PeopleTV-Rete 7 (LCN 217), dove, oltre alla modifica del carattere di scrittura, viene aggiunta la scritta LG3 REP. Sono stati inseriti inoltre nuovi identificativi, sulla LCN 287 è ora presente ITALIA 9 N VN che ritrasmette AB Channel (già presente in questo mux sulla LCN 174), poi è stato aggiunto PRIMASETTE sulla LCN 615 che ritrasmette LA4ITALIA (anch'essa già presente nel medesimo mux sulla LCN 129). Alla posizione LCN 616 è stata aggiunta SPORT 7 che ritrasmette anch'essa la programmazione di AB Channel. Infine sono state aggiunti due canali che si sintonizzano come radio denominati SHOPPING VN (LCN 637) e PIEMONTE VN (LCN 638), tutte e due risultano mute; mentre sul numero 639 è stato aggiunto un canale denominato THE SOUND VN che si sintonizza come canale dati (a schermo nero).
Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux
RETE 7 (PIEMONTE).













Mux RETE 7 (PIEMONTE) - Z@pping TV


Ore 10.30 -  EMILIA-ROMAGNA  - TELEDUCATO NON CHIUDE: L'EDITORE REPLICA AI POLITICI.
L'intervento di Pier Gaiti dopo i comunicati di solidarietà nei confronti delle lavoratrici licenziate: l'emittente annuncia una "radicale trasformazione".
"La riduzione dell'organico di Teleducato fa parte di un processo di riorganizzazione intrapreso per necessità economiche e per cogliere anche le possibilità fornite dall'innovazione tecnologica con il passaggio al digitale terrestre". Lo comunica l'editore dell'emittente rispondendo ai comunicati di inviati da diverse forze politiche dopo l'annuncio del licenziamento di tre giornaliste di Parma.
"In tale prospettiva - si legge ancora - è indifferibile apportare una radicale trasformazione al palinsesto dell'informazione, con riferimento sia alla produzione del telegiornale, sia alla messa in onda di programmi ed approfondimenti giornalistici.
Con questo comunicato intendiamo ribadire che Teleducato NON chiude, ma si trasforma per diventare più moderna ed interattiva, potenziando la possibilità di dare informazioni immediate. Per tanto diffidiamo chiunque dal fare intendere o sottintendere una possibile chiusura dell'emittente televisiva, riservandoci ogni eventuale richiesta di danni".

Tratto da: http://parma.repubblica.it/cronaca/2013/07/22/news/teleducato_non_chiude_l_editore_replica_ai_politici


 22 LUGLIO 2013 - Lunedì 

Ore 23.45 -  CALABRIA  - GS CHANNEL: "ECCO PERCHE' LA NOSTRA TV NON SI VEDE A REGGIO CALABRIA".
L’amministratore spiega che “l’intero bouquet di canali tv non è visibile su Reggio Calabria” perché le frequenze sono in “triplex”.
REGGIO CALABRIA – Gs Channel radiotelevisione di Reggio Calabria ringrazia tutti i telespettatori che in questi mesi continuano ad inviare centinaia e centinaia di email e a chiamare presso i centralini lamentando di non ricevere il canale televisivo.
L’Amministratore unico, Francesco Recupero, spiega che l’intero bouquet di canali televisivi non è visibile su Reggio Calabria, mentre nelle altre città della Calabria non si riscontra alcun problema. Dopo aver preso atto, che il passaggio dall’analogico al digitale a Gs Channel è stata assegnata la frequenza 538 MHz canale 29 UHF diventando operatore di rete per la regione Calabria, questa frequenza purtroppo risulta non compatibile nell’area dello stretto con la normale ricezione da parte di tutti gli utenti del territorio, ma assolutamente idonea per il resto della Calabria.
Tutto ciò è causato dal fatto che la frequenza 29 UHF è stata assegnata dal Ministero dello Sviluppo Economico e Comunicazione anche ad altre due emittenti siciliane che si ricevono a Reggio Calabria dai siti di Calanna (RC) da Fontanelle (ME) e Valverde (CT), quindi è impossibile che più emittenti possano coesistere, questo dimostra che l’area dello Stretto è influenzata dalla vicinissima Sicilia con la sovrapposizione dei canali e viceversa, il telespettatore rileva sul proprio televisore: “Assenza di segnale, nessun servizio”.
In questi dieci mesi dopo aver contattato telefonicamente tantissime volte le altre due emittenti siciliane non si è riusciti a trovare alcuna soluzione tecnica, invitandoli però a segnalare la problematica al Ministero, organo che può stabilire a quale delle tre emittenti va sostituito il canale di trasmissione.
Dopo le numerose denunce inviate da Gs Channel Ministero dello Sviluppo Economico e Comunicazione, e ai relativi Ispettorati Territoriali di Calabria e Sicilia, in data 11 dicembre 2012, 30 gennaio 2013, si è arrivati al dunque. La Direzione Generale del Ministero di Roma in data 10 giugno 2013, ha richiesto all’Ispettorato Calabria che ha sede a Reggio e all’Ispettorato Sicilia con sede a Palermo di verificare la presenza di interferenze segnalate, e di individuarne la provenienza. Nel caso in cui la situazione interferenziale sia confermata di apportare le modifiche al fine di risolvere la problematica, eventualmente imponendo il rispetto del valore di campo interferenziale massimo, previsto dall’A.G.C.O.M. nei PDV della regione Calabria per il canale 29 UHF.
Per l’Amministratore unico del gruppo radiotelevisivo Gs Channel nonché esperto in telecomunicazioni, sarà impossibile potere gestire le stesse frequenze nell’area dello stretto in quanto per un fatto orografico con le due coste vicinissime calabresi e siciliane, inevitabilmente, come si è sempre verificato al tempo dell’analogico, i segnali si sovrapporranno comunque, quindi l’alternativa per la risoluzione del problema sarà la sostituzione del canale di trasmissione oppure anche la sostituzione del sito di Pellaro (RC) con Forza D’Agrò (ME) come già richiesto da GS Channel, il tutto rigorosamente autorizzato dal Ministero, ovviamente dietro l’autorevole parere dell’Ispettorato Territoriale della Calabria.
La non visione dell’intero bouquet ha inciso sulla raccolta pubblicitaria, con una ricaduta occupazionale importante. Ha penalizzando le tv del bouquet, oltre a Gs Channel News sul 95, nel bouquet sono visibili Telitalia sul 71, Gs Sport sul 287, Made in Calabria sul 629, rappresentando anche un disagio a livello sociale, considerata l’importanza dell’emittente su scala regionale, essendo queste un imprescindibile strumento di partecipazione alla vita pubblica dei cittadini. La situazione ormai perdura da novembre 2012, e malgrado tutto, Gs Channel non ha mai minacciato o pensato di chiudere le emittenti, specie adesso che la città di Reggio Calabria sta attraversando una fase critica ed, ha bisogno di un messaggio forte e positivo di unione verso l’intera comunità, nè intende strumentalizzare i telespettatori per arrivare a soluzioni brevi e facili, ha veramente rispetto per ognuno di loro.
Gs Channel sta affrontando le problematiche tecniche sia con la Direzione generale del Ministero di Roma, sia con l’Ispettorato Territoriale Calabria, improntando il rapporto sulla reciproca stima e fiducia e con il rispetto verso chi rappresenta le istituzioni, che sono arbitro e garanzia verso l’emittenza, indistintamente, nel rispetto delle leggi vigenti. Non si può non avere fiducia in loro che rappresentano la colonna portante della nostra Italia, confidando che a giorni si giunga ad una soluzione del problema e che consentirà nel giro di pochissimo, la visione delle trasmissioni, il diritto alla libera informazione ed al pluralismo.
Per Gs Channel le immagini a volte senza nessun commento, basti pensare al Caso Fallara che in esclusiva segue con le proprie telecamere nelle aule del Tribunale di Reggio Calabria, un argomento questo che ha un interesse sociale altissimo in particolar modo per la città di Reggio Calabria, le cui riprese si possono seguire anche sul canale youtube di GS Channel News.
Gs Channel News è la prima rete calabrese all news 24 ore su 24, dove è in primo piano la politica, la cronaca, la cultura e lo sport rappresentando il punto di riferimento radiotelevisivo sulle news.

Tratto da: http://www.giornalisticalabria.it/2013/07/22/gs-channel

Ore 22.10 -  TRENTINO  - MUX RTTR: ARRIVA ORLER CHANNEL, VANNO VIA RTTR +1 E RTT LA RADIO.
UHF 45 mux RTTR
E' stato aggiunto in questo mux ORLER CHANNEL, con la numerazione LCN 168. Inoltre è stata rimossa l'emittente radiofonica RTT La Radio, che aveva la LCN 768. Contestualmente a queste modifiche è stato rimosso (per errore?) l'identificativo del canale RTTR +1, da notare che il canale senza flussi video e audio è sintonizzabile su alcuni decoder a schermo nero con la LCN 603, il nostro software lo sintonizza come TV Service 3. Sul multiplex sono comunque presenti 2.75 Mbps liberi. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del mux RTTR.










Mux RTTR - Z@pping TV


Ore 16.25 -  ABRUZZO  - PESCARA SAN SILVESTRO: NUOVO SERVIZIO DEL TGR ABRUZZO SULLA PROTESTA CONTRO LE ANTENNE.


Ore 15.40 - AUDITEL CANALI ALL DIGITAL GIUGNO 2013: BOOM REAL TIME E MEDIASET EXTRA, MALE TGCOM24.
Se le generaliste crollano, le specializzate del digitale terrestre salgono. I dati del mese auditel giugno 2013 (2-06/29-06) confermano sostanzialmente le abitudini ormai storiche degli spettatori che, durante il periodo estivo, si dividono tra le proposte – ben più interessanti – degli ormai famosi altri, abbandonando i palinsesti un po’ ripetitivi dei primi sette canali del telecomando. Ma entriamo nel dettaglio, anche se stavolta “rivoluzioniamo” lo schema per partire dalle reti all news. Sì, perché finalmente sono disponibili i dati di TgCom24 – la all news Mediaset nata poco meno di due anni fa e diretta ora da Alessandro Banfi.
E i risultati però sono tutt’altro che confortanti per il Biscione. Nonostante il canale venga pubblicizzato ripetitivamente sulle reti Mediaset, con le flash news, e nonostante il successo del sito web, il network all news si ferma ad un misero 0.29% di share nel totale giornata. Il canale del Biscione viene addirittura superato “alla grande” da Sky TG24 che raggiunge lo 0.41%. RaiNews, che pure non fa faville con la nuova direzione targata Monica Maggioni, è invece allo 0.65%. Entrando nel dettaglio delle fasce, TgCom funziona la mattina tra le 7 e le 9 e tra le 9 e le 12, rispettivamente 0.76% e 0.52% di share, ma Sky Tg24 è all’1.07% e lo 0.48%, mentre RaiNews fa la parte del leone con il 2.43% e lo 0.96%. Fa pensare inoltre il fatto che nella fascia 7-9 TgCom pareggi con Tg Norba 24, che non è ricevibile in tutta Italia, arrivato allo 0.76%. Nel resto della giornata, è allo 0.29% nella fascia 12-15 e 15-18, 0.21% nella fascia 18-20.30, 0.13% in prima serata e 0.25% in seconda serata. Ben al di sotto degli obiettivi di rete.
SEMIGENERALISTE – Boom di Real Time che nelle 24 ore colleziona l’1.85%, tra le 15 e le 18 è al 2.28% con 234 mila spettatori mentre in seconda serata agguanta il 2.74% con 311 mila spettatori. La fascia/giorno più vista è la 23-24 di domenica 9 giugno all’interno della quale è stato trasmesso Io e la mia ossessione (574 mila spettatori). Il cugino al maschile, DMAX, aggancia l’1.37% (1.76% in seconda serata). La fascia/giorno più vista è la 14-15 di domenica 9 giugno che ha proposto Man vs Food (537 mila spettatori). Carlo Freccero invece può lasciare la nave sereno: Rai4, dopo un breve periodo di “stop”, torna sopra l’1% di share (1.03%) nelle 24 ore, in prima serata è all’1.12% (271 mila spettatori) e in seconda all’1.43%. Male manco a parlarne La5 che, nonostante il cambio di rotta con il nuovo palinsesto alla Real Time, è allo 0.71% nelle 24 ore (0.72% in prima serata), mentre Italia2 allo 0.50%. Incredibile il dato di Mediaset Extra che raggiunge l’1.08% di share e in preserale è addirittura all’1.23%. Altre reti: Cielo 0.72%, Arturo allo 0.07%, La7d 0.57%, Tv2000 0.70%, Vero 0.21%.
FILM, SERIE TV E FICTION – Grandissimo successo per Iris: il restyling porta il canale cinematografico del Biscione all’1.39% (1.68% con 406 mila spettatori in prima serata, 2.02% in seconda serata). Fascia oraria più vista quella dedicata ai film western, in particolare la 22-23 di martedì 4 giugno quando è andato in onda Terra di confine (932 mila spettatori). Rai Movie cresce all’1.03% mentre Rai Premium è all’1.14% (1.25% in prima serata con 301 mila spettatori). Giallo cresce allo 0.93%.

KIDS E CARTONI ANIMATI – Vola Rai YoYo che arriva all’1.46% nelle 24 ore con ben il 2.24% tra le 7 e le 9 e il 3.04% tra le 9 e le 12, mentre Cartoonito si ferma allo 0.76% (1.11 tra le 15 e le 18). Ritorna a crescere Boing, che arriva all’1.05% di share e supera RaiGulp, fermo invece allo 0.44%. Altri canali: Frisbee 0.49%, K2 0.70%, Super! 0.67%.
ALTRI CANALI – Nella sfida tra i canali culturali, Rai5 è allo 0.38% di share superato da Focus che cresce leggermente e arriva allo 0.55%, RaiStoria invece si ferma allo 0.19%. Rai Scuola allo 0.01%. Per quanto riguarda i canali sportivi Rai, Rai Sport1 vola allo 0.74% di share mentre Rai Sport 2 cresce allo 0.46%. SportItalia1 ottiene invece lo 0.31% (in seconda serata lo 0.74%), mentre SportItalia2 lo 0.11%, e Sportitalia24 lo 0.18%. Sempre interessanti i dati dei canali musicali con Radio Italia in testa con lo 0.22% mentre RTL 102.5 è allo 0.21%. Ovviamente è nella fascia 9-12 che ottengono il loro miglior risultato: 0.94% per il primo, 0.88 per il secondo.
Tratto da: http://www.davidemaggio.it/archives/78545/auditel-canali-all-digital-giugno-2013-boom-real-time-e-mediaset-extra-male-tgcom24

Ore 11.40 -  PIEMONTE  - MUX QUARTARETE: INSERITA UNA COPIA DI 4RETE E 4 RETEBLU.
UHF 24 Mux QUARTARETE
Rispetto alla nostra precedente rilevazione segnaliamo che è stata inserita una copia di 4Rete (LCN 11) sulla LCN 612 ed una copia di 4Rete Blu (LCN 112) sulla LCN 614. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux QUARTARETE.







Ore 09.35 -  SICILIA  - MUX TV7 PARTINICO: ARRIVA TELE ONE CON DUE NUMERAZIONI LCN.
VHF 07 Mux TV7 PARTINICO
In questo multiplex sono state inserite due copie dell'emittente TELE ONE con le numerazioni LCN 19 e 655. Inoltre è stato eliminato TELE OCCIDENTE che aveva la LCN 73. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TV7 PARTINICO.







Ore 01.00 -  ESCLUSIVA   -  MUX NAZIONALI    PIEMONTE  - RAI MUX 5 (DVB-T2): LE IMMAGINI E I DETTAGLI TECNICI DEI TEST RAI DVB-T2 IN ALTA DEFINIZIONE.
VHF 11 / UHF 53 RAI Mux 5 (DVB-T2)
Abbiamo effettuato una rilevazione nei pressi della postazione tv Rai di Torino Eremo dove da qualche giorno è attivo, sulla frequenza VHF 11 (Mhz 219,5) in polarizzazione orizzontale, un flusso nella nuova modalità DVB-T2. Questo multiplex trasmette tre canali test in alta definizione privi di numerazione automatica LCN e con questi identificativi: RaiT2HD1, RaiT2HD2 e RaiT2HD3. Sono in onda dei filmati con il vecchio logo Rai con la farfalla, pertanto non si tratta della trasmissione dei tre canali generalisti Rai in HD. L'emissione di questo segnale è a potenza ridotta, infatti copre un'area limitata rispetto alle altre frequenze Rai irradiate da questa postazione. Inoltre c'è da considerare che nella città di Torino le poche antenne di terza banda VHF (in polarizzazione orizzontale) sono rivolte verso monte Turu e non verso l'Eremo, pertanto la maggior parte degli utenti del capoluogo subalpino non è in grado di ricevere questo segnale di test anche disponendo di un decoder DVB-T2. L'ITALIA IN DIGITALE pubblica in esclusiva la griglia dei tre canali, con i relativi parametri tecnici, e le immagini che potete visualizzare qui sotto e tramite il nostro z@pping tv nella pagina dedicata a RAI Mux 5 (DVB-T2).











RaiT2HD1



RaiT2HD2



RaiT2HD3



Rai Mux 5 (DVB-T2) - Z@pping TV






© L'ITALIA IN DIGITALE

2
009 > 2013

www.litaliaindigitale.it