Da Lunedì 15 a Domenica 21 LUGLIO 2013











Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.





COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre? Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.
















 AVVISO: CONSIGLI SU COME RICEVERE TOPCRIME SUL CANALE (LCN) 39 

UHF 36 (Sardegna UHF 46) MEDIASET Mux 2
Molti nostri lettori ci scrivono che non riescono a vedere TOPCrime sul canale (LCN) 39. Ecco come fare.

Per poter ricevere TOPCrime (numerazione automatica LCN 39 - frequenza di trasmissione UHF 36) si consiglia di cancellare la attuale lista canali, effettuare una nuova risintonizzazione, controllare dal menu del decoder o tv se è attiva la numerazione automatica; controllare sempre dal menu il livello di segnale sulla frequenza UHF 36 (594.0 Mhz) del mux MEDIASET 2. Inoltre controllate nell'elenco dei canali se ricevete Cartoonito posizionato al numero 46, emittente trasmessa dallo stesso provider (mux) e quindi sulla stessa frequenza. Se ricevete Cartoonito allora dovete ricevere per forza anche TOPCrime. E' possibile che in diversi modelli di tv o decoder non si vada a posizionare sul numero 39 ma in un'altra numerazione pertanto controllate tutta la lista dei canali.
Il mux
MEDIASET 2 è trasmesso in quasi tutte le postazioni dove è attivo il mux MEDIASET 4 UHF 49 (698.0 Mhz), che contiene le emittenti generaliste Rete4 (LCN 4), Canale5 (LCN 5) e Italia1 (LCN 6).
La differenza è che il mux
MEDIASET 2 (UHF 36) è trasmesso in BANDA IV UHF (21>37), mentre il mux MEDIASET 4 (UHF 49) è trasmesso in BANDA V UHF (38>69). In molte zone, in particolare nella zona di Milano, gli impianti di antenna e di conseguenza le centraline, sono predisposti per ricevere i canali "privati" in quinta banda (si trattava di una disposizione in uso ai tempi della tv analogica) pertanto la frequenza UHF 36 viene tagliata fuori. In questi giorni stiamo ricevendo da tutta Italia e in particolar modo dalla Lombardia numerosissime mail di utenti che lamentano il medesimo problema. In ultima analisi potete provare a chiedere (se siete in un condominio con impianto centralizzato) ai vostri vicini di casa se loro lo ricevono, ma se non c'è verso di vederlo dovreste chiamare un tecnico antennista specializzato che aggiorni l'impianto di antenna.
Questi i canali trasmessi insieme a TOPCrime nel mux MEDIASET 2:
27 - ClassTV MSNBC
32 - QVC
34 - Mediaset Extra
35 - Mediaset Italia Due
39 - TOPcrime
40 - Boing

46 - Cartoonito
49 - Coming Soon Television

Se prima vedevate For you sul 39 con ottimo segnale è perchè era trasmesso su un'altra frequenza (nel mux RETE A 1) e non in quella di TOPCrime (mux MEDIASET 2).
Alcuni utenti, crediamo pochissimi, potrebbero avere ancora attivi dei vecchi registratori VHS, non fate passare il cavo di antenna in questi apparecchi, poichè di solito erano tarati per essere visti appunto sulla frequenza UHF 36 e potrebbero annullare il segnale del mux MEDIASET 2. Aggiungiamo inoltre per gli utenti della Lombardia che se vedete BOING (LCN 40) scritto tutto maiuscolo, non è detto che riceviate anche TOPcrime, visto che BOING è trasmesso anche dal provider (mux) TELECITY (LOMBARDIA) sull' UHF 45 in quinta banda appunto.
Infine ricordiamo che in Sardegna il mux
MEDIASET 2 è trasmesso in quinta banda, sulla frequenza UHF 46 (674,0 Mhz), la medesima banda del mux MEDIASET 4 UHF 52 (722.0 Mhz).
Sulla nostra pagina Facebook è attiva la discussione degli utenti sulla
ricezione di TOPcrime.

Ulteriori consigli da parte di Massimo di Cavriago (Reggio Emilia): per esperienza personale avevo lo stesso problema citato da diversi utenti. Ho provato in due modi: fare un reset di fabbrica con LCN attivato. L'altro modo è: alcuni decoder o TV hanno come opzione "lista canali rimossi nel cestino", controllare che all'interno di questa opzione non ci sono canali e se ci sono cancellarli. Se all'interno del cestino esiste 39 For you anche facendo una scansione TOPcrime non risultera' mai, in quanto il decoder mantiene in memoria il vecchio 39 For you . Bastera' cancellarlo poi fare una scansione manuale sulla frequenza UHF 36.





Il nostro nuovo indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it






Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 21 LUGLIO 2013 - Domenica 

Ore 14.20  -  BASILICATA  - DIGITALE TERRESTRE A SINGHIOZZO IN PROVINCIA DI MATERA.
Ad oltre un anno dallo switch-off la ricezione dei canali non è ancora delle migliori. Il segnale tv continua a fare le bizze. Parecchie le criticità: da Irsina a Tursi passando per Oliveto e Stigliano.
Digitale terrestre a singhiozzo in diversi centri della provincia di Matera. Ad oltre un anno dallo switch-off (cioè dal passaggio dal sistema televisivo analogico al digitale ndr) in Basilicata la ricezione dei canali non è ancora delle migliori. Tutt’altro. Specie nell’entroterra, il segnale tv continua a fare le bizze. E a essere penalizzati sono, ovviamente, gli utenti. Che, in molti casi, pagano per qualcosa che – loro malgrado - non vedono. E non si tratta di situazioni circoscritte. Parecchie sono le criticità e i disagi dovuti, evidentemente, a una copertura del territorio a macchia di leopardo. Innumerevoli le segnalazioni. Al pari delle “zone buie”, cioè non coperte dal segnale o dove il segnale stesso è troppo debole per garantire una costante fruizione delle trasmissioni televisive (incluse quelle del cosiddetto “servizio pubblico”). Strano ma vero. A Tursi, ad esempio, c’è chi riesce a vedere solo i canali Mediaset e chi solo canali Rai, a seconda della zona dell’abitato. Va peggio ad Oliveto Lucano dove, nella parte bassa del paese, i residenti riescono a malapena a “prendere” le reti Rai. Un po’ meglio va nella parte alta. Problemi anche a Irsina e a Stigliano. In quest’ultimo comune, poi, si vanno ad aggiungere a croniche difficoltà come quella di poter vedere, sulla terza rete della Rai, il Tgr Basilicata anziché quello di Puglia o Calabria.

Tratto da: http://www.stigliano-mt.it/28-news/news/760-digitale-terrestre-a-singhiozzo-in-provincia

Ore 12.45  - LA TV CONVERGENTE PIACE ALLA PUBBLICITA'.
Qual è la tv che verrà? Satellitare, digitale terrestre e ora si parla di Hd, 3DTv, SmartTv, Catch Up Tv, Social Tv, WebTv, Connected Tv e 4K. E intanto dal 1° gennaio 2015 le aziende produttrici saranno obbligate a utilizzare sintonizzatori digitali per Dvb-T2 e Mpeg4. Siamo nel bel mezzo di una rivoluzione: YouTube apre i canali a pagamento, Amazon immagina la KindleTv e la nuova Xbox One si rilancia anche come piattaforma per guardare la televisione e accedere a contenuti on demand. Su come trasformare questi cambiamenti in opportunità il caso Piemonte è emblematico, se ne è parlato due giorni fa all'incontro «Una giornata dedicata al futuro della televisione: scenari, opportunità e iniziative per lo sviluppo del settore».
Il gap tecnologico prodotto dal digitale terrestre metteva a rischio le emittenti locali che hanno trovato nella Regione un supporto con bandi come il Fesr: 4.040.000 euro per la transizione al digitale con contributi mirati a progetti di investimento per l'innovazione tecnologica. Si è inoltre messo a disposizione un network di poli di innovazione per la ricerca, lo sviluppo e il trasferimento tecnologico e inoltre un servizio di formazione. «Il digitale – ricorda Roberto Moriondo (Agid, Agenzia per l'Italia Digitale) – è una formidabile opportunità, che però richiede profondi e coraggiosi cambiamenti, organizzativi e di processo».
Multimedialità, social network, interattività, WebTv... soprattutto nel rapporto con il web la televisione si trasforma. E qui sta il lavoro del consorzio Top-Ix che lavora sullo scambio traffico e sulla banda larga. La tv transita attraverso schermi differenti e si dispiega in un modello di fruizione pervasivo, ubiquo e frazionato (che ha portato all'insorgere di nuovi problemi come la dispersione degli investimenti pubblicitari e la quantificazione dello share). Internet significa inoltre aprirsi a una dimensione nuova, nazionale e internazionale, che stravolge completamente il concetto di tv locale e allo stesso tempo ne apre le prospettive. Csp, il centro di ricerca Ict, per esempio, immagina un «televisore come "visore evoluto" per accedere ai dati e alle applicazioni di internet delle cose» ci spiega Sergio Duretti, direttore generale di Csp. Una tv come risultato di una «combinazione di dati e contenuti multimediali che derivano da fonti diverse, tra webcam e sensori sparsi sul territorio, informazioni strutturate come i dati meteo delle centraline o le informazioni sulla qualità dell'aria raccolte in maniera "social", permette di fornire servizi di interesse pubblico trasformando dati opportunamente elaborati in contenuti ideali anche per canali tv tematici». E con buona pace del classico broadcasting ci troviamo davvero di fronte a un concetto di televisione completamente nuovo.

Tratto da: http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2013-07-21/convergente-piace-pubblicita

Ore 10.25  -  LAZIO  - MUX TELEVITA LAZIO: ARRIVA UN DUPLICATO DI FATIMA TV, MODIFICATO IL LOGO.
UHF 41 Mux TELEVITA LAZIO
E' stato inserito un duplicato del canale religioso Fatima Tv con la numerazione LCN 636. L'altra copia già presente con la LCN 217 ha modificato l'identificativo, da Fatima 217 a Fatima Tv, e il proprio logo, togliendo la scritta della LCN, qui sotto vi alleghiamo entrambi i loghi. Inoltre in onda passa di continuo un ticker che avvisa che dal mese di Agosto rimarrà visibile solo sulla nuova numerazione 636, pertanto sul 217 verrà eliminato ed occorrerà risintonizzare per continuarlo a vedere. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux TELEVITA LAZIO.







 20 LUGLIO 2013 - Sabato 

Ore 23.00 -  PIEMONTE  - MUX TELECUPOLE (PIEMONTE): ELIMINATA PALCO.
UHF 23-42-58 Mux TELECUPOLE (PIEMONTE)
Rispetto alla nostra precedente rilevazione segnaliamo che è stata eliminata l'emittente musicale PALCO che occupava l' LCN 693. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELECUPOLE (PIEMONTE).


Ore 14.55 -  VENETO  - ADDIO AL GIORNALISTA IVANO POCCHIESA, PIONIERE DELLA TV PRIVATA BELLUNESE.
BELLUNO – Lutto nel mondo del giornalismo veneto. All’età di 77 anni si è spento Ivano Pocchiesa Cno, considerato il “padre” dell’emittenza televisiva privata in provincia di Belluno. Nato il 1° agosto 1935, era giornalista pubblicista iscritto all’Ordine del Veneto dal 6 settembre 1977. A darne notizia è stata l’Associazione Bellunesi nel Mondo, il cui presidente, Oscar De Bona, lo ricorda come “una figura storica, dinamica, che ha dato la vita per il giornalismo, la televisione, la radio, la cultura locale”.

Documentarista e regista, aveva alle spalle un’intensa attività iniziata giovanissimo nel campo del cinema, della fotografia, della radio e della televisione privata. Nel 1963, assieme ad alcuni amici, aveva infatti fondato il Cinefotoclub di Belluno guidandolo per dieci anni.
Nel 1974 è stato tra i fondatori della prima emittente radiotelevisiva della provincia di Belluno, “Radio Teledolomiti”, che ha diretto fino al 1986. Dal 1980 al 1995 ha, inoltre, diretto “Radio City Belluno” curando, contemporaneamente, le edizioni discografiche “MD Communication” e “Belumat”.
Produttore di decine di documentari radiofonici, televisivi e servizi speciali, dal 1973 è stato consigliere e membro dell’Esecutivo dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, oltre che vicedirettore della rivista mensile “Bellunesi nel Mondo”. Dal 1990 al 1995 è stato responsabile dell’Ufficio stampa di Longarone Fiere Srl, mentre dal 1998 al 2000 ha coordinato il Bollettino del Distretto 2060 (Triveneto) del Rotary Club e diretto il Bollettino mensile del Rotary Club di Feltre.

E’ stato anche direttore responsabile di “Radio Company”, “Corriere di Bilt” e “Filò”. I funerali avranno luogo a Belluno, lunedì 22 luglio alle ore 15.30, nella Chiesa di Santo Stefano.
Tratto da:
http://www.giornalisticalabria.it/2013/07/20/addio-al-giornalista-ivano-pocchiesa-pioniere-della-tv-privata

Ore 12.00 -  UMBRIA   LAZIO  - MUX RTUA: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
VHF 07 - UHF 45 Mux RTUA
Abbiamo realizzato la griglia dei canali e lo z@pping TV con le immagini del mux RTUA, acronimo di RADIO TELEDIFFUSIONI UMBRE AQUESIO, emittente con sede ad Orvieto in provincia di Terni. Trasmette sulle frequenze VHF 07 dalla postazione del monte Amiata con copertura delle province di Gosseto e Viterbo, e sull' UHF 45 da Colonnetta di Prodo ad Orvieto (TR). Il multiplex contiene 4 tv e 2 radio: RTUA (LCN 18); RTUA2 (LCN 171); Voltapagina (LCN 271); TELE RADIO LEO (LCN 666), emittente di Orte (VT), al momento della nostra rilevazione stava trasmettendo il canale all news satellitare EURONEWS; RADIO AQUESIO (LCN 776); RADIO ORTE (LCN 777). Consulta la griglia dei canali, con i loghi e i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux RTUA. Vai anche alla lista delle TV A VITERBO, dove è stato inserito questo multiplex.




Mux RTUA - Z@pping TV


Ore 00.50 -  MARCHE  - MUX VIDEO TOLENTINO: ARRIVA RTM.
UHF 23-29-39 Mux VIDEO TOLENTINO
E' stata aggiunta nel multiplex di VIDEO TOLENTINO l'emittente tv di Ascoli Piceno RTM, al momento è priva di numerazione LCN. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux VIDEO TOLENTINO. Ringraziamo Roberto G. per la segnalazione.





Ore 00.15 - SU DINAMICA RITORNA VIRGIN RADIO TV.
Torna in onda l'emittente musicale Virgin Radio TV, che aveva cessato le trasmissioni tempo fa sul digitale terrestre. E' presente ora su un programma, che va in onda sul canale Dinamica (LCN 249), sintonizzabile su alcuni mux locali legati a 7 GOLD, dal titolo Garage Revolver, il cui logo si alterna con quello di Virgin Radio TV. Vi alleghiamo alcune immagini.









 19 LUGLIO 2013 - Venerdì 

Ore 19.00 -  LAZIO  - MUX TELEDONNA: RIACCESO IL VHF 05 DA MONTE CAVO A ROMA.
VHF 05 Mux TELEDONNA
E' stato riacceso il mux TELEDONNA sulla frequenza VHF 05 dalla postazione di Monte Cavo (Roma). Questo multiplex non era attivo dallo scorso dicembre in quanto non era rientrato in posizione utile nella graduatoria per le riassegnazioni delle frequenze alle tv locali. Contiene 6 canali, qui sotto potete vedere la lista, Teleambiente (LCN 78), Teledonna (LCN 98), RTVA (LCN 117), Teleambiente Abruzzo (LCN 172), che trasmettono regolarmente la loro programmazione, Consumatori Channel (senza LCN) che manda in onda un rullo di programmi radiofonici con l'audio di Spazio Radio, emittente romana in FM, e TO2 (LCN 118) che risulta a schermo nero. Una curiosità: nel momento in cui abbiamo rilevato attivo questo multiplex, (verso le ore 18.00 di questo pomeriggio) avevamo sintonizzato anche un altro canale, Teleambiente 2, con la numerazione LCN 10, che è stato successivamente rimosso. Vi alleghiamo le immagini che avevamo catturato al momento della nostra prima rilevazione con la relativa lista canali. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEDONNA.






Mux TELEDONNA - Z@pping TV



 17 LUGLIO 2013 - Mercoledì 

Ore 23.00 -  LOMBARDIA  - MUX TELENOVA LOMBARDIA: TORNA TELENOVA NEWS.
UHF 59 Mux TELENOVA LOMBARDIA
Segnaliamo che su Telenova2 (LCN 664) è presente nuovamente il logo di TELENOVA NEWS (dallo scorso aprile era stato infatti reinserito quello di Telenova2). Inoltre tutti i canali del provider trasmettono ora nel formato panoramico 16:9. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELENOVA LOMBARDIA.






Mux TELENOVA LOMBARDIA - Z@pping TV


Ore 22.20 -  LOMBARDIA  - MUX RETE 55 (LOMBARDIA): ARRIVA RETE 188 DA VERIFICARE.
UHF 42 Mux RETE 55 (LOMBARDIA)
Rispetto al nostro aggiornamento della scorsa settimana rileviamo in questo mux ulteriori modifiche. Sulla LCN 182, dove era trasmessa Rete 188 in epg nominata Amici Animali & Natura, è ora presente un canale dati (pertanto a schermo nero) denominato Rete 182, inedito identificativo. Sulla LCN 188 torna Rete 188, mentre GALAXY TV che occupava l' LCN 194 è ora priva di numerazione. Sulla LCN 248 dove era presente una copia di Rete 188 identificata come Salute TV, è ora on air un altro canale dati (schermo nero) nominato Amici Animali & Natura. Infine sulla LCN 295 subentra una copia di Rete 188 denominata in una maniera ambigua: Rete 188 da verificare. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETE 55 (LOMBARDIA).











Ore 14.35 -  PIEMONTE   LOMBARDIA  - MUX TELESTAR (PIEMONTE) - MUX TELESTAR (LOMBARDIA): ARRIVA ITALIA TV.
UHF 41 Mux TELESTAR (PIEMONTE)
UHF 41 Mux TELESTAR (LOMBARDIA)
Fa il suo ingresso in questo multiplex l'emittente ITALIATV (LCN 179). Abbiamo aggiornato le griglie dei canali e gli z@pping TV dei mux TELESTAR (LOMBARDIA) e TELESTAR (PIEMONTE).







Ore 09.25 -  LOMBARDIA  - MUX TELEPACE (LOMBARDIA): ARRIVA MARIA VISION, ELIMINATA SHALOM TV.
UHF 39 Mux TELEPACE (LOMBARDIA)
Fa il suo ingresso in questo mux il canale religioso Maria Vision che si posiziona sulla LCN 171. Contestualmente, rispetto alla nostra precedente rilevazione, segnaliamo che è stata eliminata Shalom tv (in video era presente il logo Medjugorje Italia TV) che occupava la LCN 649. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEPACE (LOMBARDIA).





 16 LUGLIO 2013 - Martedì 

Ore 16.55 -  MALTA   SICILIA  - SPECIALE MALTA IN DIGITALE.

                     SPECIALE MALTA IN DIGITALE

          



      LA TV DIGITALE TERRESTRE A MALTA


© L'ITALIA IN DIGITALE - 16 Luglio 2013

A cura di
ANDREW di MALTA, ANDREA POMILIO & RICCARDO GAFFOGLIO
In collaborazione con RADIO TV SICILIA



Continuiamo ad allargare i nostri orizzonti e dopo la sezione SPECIALE FRANCIA IN DIGITALE, con i dettagli dei canali e gli z@pping TV dei mux ricevuti a NIZZA, ci spostiamo decisamente più a sud e andiamo a MALTA.

Grazie alle rilevazioni effettuate dell'amico Andrew, collaboratore di Radio TV Sicilia e da oggi anche de L'ITALIA IN DIGITALE, inseriamo la lista delle tv che si ricevono sull' isola di MALTA.

La Repubblica di Malta è uno stato insulare membro dell'Unione Europea; è un arcipelago situato nel Mediterraneo, nel Canale di Malta, a 80 km dalla Sicilia, a 284 km dalla Tunisia e a 333 km dalla Libia, compreso nella regione fisica italiana.
Con un'estensione di 316 km² è uno degli stati più piccoli e densamente popolati al mondo. La sua capitale è La Valletta mentre la città più abitata è Birkirkara.
L'isola principale è caratterizzata da un grande numero di città che, insieme alla capitale, formano una conurbazione di circa 416 mila abitanti.

Il Paese ha due lingue ufficiali, il maltese e l'inglese. L'italiano è stata la lingua ufficiale fino al 1934, ed è ancora molto diffuso, infatti è compreso da circa due terzi dei maltesi.




A Malta è presente un servizio di TV via cavo che si chiama MELITA, per conoscere i canali trasmessi, le numerazioni e i costi dei pacchetti, consulta il relativo sito.



www.melita.com/personal/tv/channels



Torniamo al digitale terrestre, qui a Malta non è eccessivamente difficoltoso ricevere la tv italiana, i principali segnali di casa nostra giungono dalla postazione siciliana di monte Lauro a Buccheri in provincia di Siracusa, che dista dall'isola circa 130 km in linea d'aria.



Il provider maltese GO ha il monopolio della distribuzione del digitale terrestre che assume l'apposita denominazione GO PLUS TV.
Sono diffusi canali in chiaro e altri codificati, questi ultimi sono la maggior parte.





I principali ripetitori isolani del segnale televisivo digitale sono due:
uno è sito sulla torre (grattacielo) di Portomaso nella località di San Juliens, mentre l'altro impianto si trova nella località di Naxxar.





FOTO POSTAZIONE GRATTACIELO PORTOMASO



















FOTO POSTAZIONE NAXXAR













Sono inoltre presenti altre postazioni TV e gap filler indicati in questa cartina che abbiamo reperito in rete.


Il provider GO è un "quadruple-play operator" di telecomunicazioni con un portafoglio completo di servizi: fisso, mobile, Internet a banda larga e televisione digitale.
Per conoscere i canali trasmessi e i pacchetti con i relativi costi, consulta il sito in calce.



www.go.com.mt



Torniamo infine alla nostra lista delle TV A MALTA che pubblichiamo nella nuova sezione MALTA IN DIGITALE.
Nei prossimi giorni analizzeremo le composizioni dei mux in chiaro e criptati, inserendo i canali trasmessi, i parametri tecnici e (per i canali in chiaro) gli z@pping TV.
Consulta l'elenco delle TV che si ricevono nell'isola di MALTA.












© L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2013

www.litaliaindigitale.it

Ore 12.40 - ALL'AGCOM SI INSEDIA IL TAVOLO TECNICO PER IL PASSAGGIO AL DVB-T2.
Dal 1° gennaio 2015 il nuovo standard di trasmissione radiotelevisiva sarà obbligatorio per tutti i dispositivi.
Costituito presso l’Agcom, con delibera 367/13/CONS, il tavolo tecnico per l’individuazione delle soluzioni relative allo standard dei decoder e alla navigazione tematica dei canali (EPG) in previsione dell’obbligo di integrazione del DVB-T2 in tutti i dispositivi atti a ricevere servizi radiotelevisivi venduti a partire dal 1 gennaio 2015 (come stabilito dall’art. 3-quinquies, comma 5 della legge 44/2012).
Scopo di tale tavolo sarà quello di individuare, anche mediante procedure di coregolamentazione, le soluzioni relative allo standard dei decodificatori e alla navigazione tematica dei canali attraverso le guide elettroniche ai programmi (EPG). Il coordinamento dei lavori, che dovranno concludersi entro 180 giorni dall’insediamento del tavolo, è stato affidato ad Antonio Provenzano, dirigente dell’Ufficio pluralismo, concorrenza e autorizzazioni della Direzione Servizi Media dell’Agcom.
Le Tv locali che aderiscono all’Associazione Aeranti-Corallo ha aderito dal 4 luglio ai lavori del tavolo tecnico.
A partire dal 1° gennaio 2015, quindi, le aziende produttrici di televisori saranno obbligate a utilizzare solo sintonizzatori digitali in grado di ricevere i nuovi standard, DVB-T2 e Mpeg4.

Le nuove tv, dal 1° luglio 2015, saranno le uniche a poter essere commercializzate. Gli standard DVB-T2 e Mpeg4 necessitano, inoltre, di un numero più limitato di frequenze e ciò consentirà la trasmissione di una quantità più ampia e avanzata di contenuti.

Il DVB-T2 consente, infatti, una maggiore ampiezza di banda e la trasmissione della tv digitale terrestre in alta definizione mentre lo standard Mpeg4 assicura una maggiore qualità audio-video.
Ottimo. Ma è anche vero che tutto questo necessiterà, come appunto precisa il governo, di nuovi televisori e decoder in grado di supportare queste tecnologie.

Chi ha, quindi, intenzione di comprare prossimamente un nuovo televisore, verifichi prima che sia in grado di supportare il DVB-T2 o che sia dotato dell’apposito decoder.
Tuttavia chi non ha intenzione di cambiare il televisore continuerà ugualmente a ricevere il segnale televisivo in standard DVB-T1 con la qualità che ha sempre avuto. L’unica differenza è che non potrà vedere i canali trasmessi con la nuova tecnologia.
E’ ovvio che ci sia bisogno di chiarezza, specie per i telespettatori più anziani o quelli meno abbienti, che non sono sicuramente interessati ad avere un televisore di nuova generazione, se questo significa dover spendere altri soldi.

Ma per tutti gli altri la regola non vale. Non si può certo fermare l’innovazione tecnologica. E’ come voler dire, che non è necessario sostituire i vecchi pc con quelli tecnologicamente più avanzati, perché tanto potrai collegarti lo stesso a internet.
Il passaggio al DVB-T2 è una tappa importante.

Oggi la banda a disposizione per le trasmissioni tv si va riducendo per la "fame" di frequenze di smartphone, tablet, ecc.. che hanno portato prima a destinare una parte dello spettro al nuovo standard dei telefonini 4G e, che porteranno via, dal 2015 un'altra parte significativa di frequenze. C'è, quindi, la necessità di far stare su una banda sempre più stretta un numero sempre crescente di canali e questo sarà possibile solo con il passaggio al nuovo standard DVB-T2.

Quali i vantaggi?

Intanto con questo standard, per esempio, all'interno dello stesso multiplex è possibile avere fino a 6 canali in alta definizione contro i 2 attuali.
Riguardo invece al telespettatore, molto dipenderà dalla scelta del broadcaster: si potrebbe pensare a contenuti premium (come il calcio, i grandi film ecc...) veicolati, magari in alta definizione o in 3D, con il nuovo standard. Per quei contenuti occorrerà dotarsi del nuovo decoder o comprare un televisore che ne sia dotato. Ma le due tecnologie, quella attuale e la prossima, continueranno a coesistere ancora per qualche anno.

Tratto da:
http://www.key4biz.it/News/2013/07/15/TV_digitale/digitale_terrestre_agcom_dvbt2

Ore 00.55 -  SICILIA  - MUX TELETNA: ARRIVANO NUOVI CANALI.
UHF 57 Mux TELETNA
Sono arrivati nuovi canali nel mux catanese di TELETNA. Sono state aggiunte 5 emittenti tv: Tg Norba 24 (LCN 180), Telejonica (LCN 285), Sicilia News 24 (LCN 604), Sicilia Channel Gusto (LCN 682), Sicilia Sport 24 (LCN 693), e due emittenti radiofoniche Radio SIS e Radio Telecolor, entrambe senza numerazione LCN. Sono state eliminate Antenna Sicilia (LCN 10) e Telecolor (LCN 12). Al momento questa nuova configurazione è attiva solo dalla postazione di Contrada Carminello a Valverde (CT), con copertura della città di Catania e provincia. Nelle altre postazioni siciliane del multiplex, che irradia sempre sulla frequenza UHF 57, è ancora attiva la precedente composizione dei canali con le tre emittenti Antenna Sicilia (LCN 10), Telecolor (LCN 12) e Teletna (LCN 290). Abbiamo aggiornato la griglia dei canali del mux TELETNA.


 15 LUGLIO 2013 - Lunedì 

Ore 23.55 -  SICILIA  - MUX TGS - TELE GIORNALE SICILIA: NUOVI LOGHI PER TGS E RGS.
UHF 22 Mux TGS - TELE GIORNALE SICILIA
Da oggi nuovi loghi per i dei due canali, TGS con LCN 15 e la radio RGS con LCN 815, del mux TGS - TELE GIORNALE SICILIA, emittente di Palermo, che trasmette sulla frequenza UHF 22. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e realizzato lo z@pping TV con le immagini del mux TGS - TELE GIORNALE SICILIA.
Si ringrazia Salvo di Radio TV Sicilia.







Mux TGS - TELE GIORNALE SICILIA - Z@pping TV


Ore 22.40 -  LAZIO  - MUX CANALE 10 LAZIO: ARRIVA MARIA VISION, VA VIA ALBUM, CANALE 10 ATTIVA IL 16:9.
UHF 42 Mux CANALE 10 LAZIO
L'emittente religiosa marchigiana Maria Vision, con sede nella località di Loreto (Ancona), espande la propria copertura anche a Roma e nel Lazio. Infatti è arrivata nel mux CANALE 10 LAZIO con la numerazione LCN 670. Vi ricordiamo che è visibile, come potete leggere nella locandina che vi alleghiamo qui sotto, anche nelle regioni Marche con LCN 630, Emilia Romagna con LCN 684, Trentino Alto Adige con LCN 641, Lombardia con LCN 614 e Veneto con LCN 660. Altre novità del multiplex romano, l'emittente Canale 10 (LCN 19) ha attivato il formato video panoramico 16:9, anche se la maggior parte della programmazione è ancora in 4:3, così come il telegiornale, mandato in onda con le bande nere laterali. Inoltre il proprio canale time-shift CANALE 10+1, con LCN 211, è rimasto con il formato video 4:3, ma le trasmissioni vengono mandate in 16:9 e le immagini e il logo risultano deformati, schiacciati lateralmente. Infine è stato eliminato il canale Album, che aveva la numerazione LCN 669, ultimamente non aveva più una sua programmazione ed era diventato un duplicato di Canale 10. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV con nuove immagini del mux CANALE 10 LAZIO.















Ore 20.10 -  EMILIA-ROMAGNA  - RAVENNA: CLASS ACTION CONTRO LA RAI, GIOVEDI' L'UDIENZA.
I difetti di ricezione del digitale terrestre al centro del ricorso di 171 ravennati al Tar: si chiede la restituzione del canon 2010.
RAVENNA - E' fissata per il 18 luglio al Tar l'udienza della Class Action promossa dall'avvocato Andrea Maestri che, l'autunno scorso, raccolse 170 sostenitori. Motivo del contendere al Tar del Lazio il ripristino del segnale Rai, che mal si riceve in alcune zone di Ravenna dopo il passaggio al digitale terrestre. “Si sono costituite in giudizio - spiega Maestri - sia la Rai che la società controllata, proprietaria e gestore delle reti e delle infrastrutture, Rai Way, rappresentate e difese da due dei massimi studi legali nazionali". Tra i legali si trova il professor Giuseppe De Vergottini, professore emerito di diritto costituzionale, uno dei 30 saggi nominati da Letta per le Riforme. ‘Insomma, è come Davide contro Golia. Siamo piccoli, ma siamo tanti e speriamo di riuscire ad abbattere, metaforicamente, il gigante", aggiunge Maestri.
Rai e Rai Way si sono costituite in giudizio con separatti atti: per la precisione, Rai Way, che non è la concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo ma la società strumentale che gestisce le reti, controllata dalla Rai al 99%, si è costituita ‘ad opponendum' pur non essendo stata noi citata in giudizio. “Entrambe le società si difendono sul piano tecnico - aggiunge l'avvocato ravennate -, ricorrendo a non pochi cavilli meramente formalistici come quello di affermare che la "diffusione" è garantita secondo gli standard previsti dal contratto di servizio col Ministero e solo di "diffusione" parla il contratto e non di effettiva "ricezione": quest'ultima spetta ai singoli cittadini, i quali, continuano a dire da Roma, non hanno posizionato bene le antenne".
Ci sarebbe però, aggiunge Maestri, una contraddizione quando si afferma che “sono stati aperti canali ulteriori per una pù¹ efficace radiodiffusione. Rai pretenderebbe anche che fosse coinvolto nel giudizio il Ministero, in quanto è esso che dà la concessione. Chiusura totale sulla restituzione del canone dallo swich off (passaggio al digitale) del 2010 ad oggi: è un'imposta dovuta per il semplice possesso dell'apparecchio e non un corrispettivo per un servizio. Sarà una bella e dura battaglia, ma non ci arrendiamo e arriveremo fino in fondo."

Tratto da: http://www.romagnanoi.it/news/ravenna/1190420/Class-action-contro-la-Rai

Ore 07.25 -  MUX NAZIONALI   PIEMONTE  - RAI MUX 5 (DVB-T2): NUOVA ATTIVAZIONE A TORINO EREMO.
VHF 11 / UHF 53 RAI Mux 5 (DVB-T2)
Qualche giorno fa vi avevamo informato sulla conversione del MEDIASET Mux 3 da DVB-H a DVB-T2 dalla postazione di Valcava (LC) in Lombardia; oggi rileviamo che la Rai ha attivato dalla sua più importante postazione subalpina, quella di Torino Eremo, il RAI Mux 5 (DVB-T2) sulla frequenza VHF 11 con un flusso di test che veicola 3 canali. Al momento sono in onda solo dei loop di filmati HD a 10 Mbit/s e la potenza di emissione è notevolmente limitata. Nei prossimi giorni realizzeremo la griglia dettagliata dei canali con i parametri tecnici, correlata come sempre dalle immagini del nostro z@pping TV. Per il momento inseriamo questi scatti realizzati dall'utente di Digital-Forum Agosto1968 che ringraziamo per averci autorizzato a pubblicarle. Come potete vedere in basso a destra è presente il logo Rai con la farfalla, in uso dall'azienda televisiva di stato fino a qualche anno fa.







© L'ITALIA IN DIGITALE

2
009 > 2013

www.litaliaindigitale.it