Da Lunedì 12 a Domenica 18 AGOSTO 2013












Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.




COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre? Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.


















Il nostro nuovo indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it













 IN EVIDENZA 
TIMB MUX 2: CAMBIO DI FREQUENZA IN SICILIA DAL 19 AGOSTO.
UHF 60 > UHF 55 (Sicilia) TIMB Mux 2
Da lunedì 19 agosto cambia la frequenza di trasmissione del TIMB Mux 2 nella regione Sicilia. Su indicazione dell'Agcom l'attuale UHF 60 (Mhz 786,0) sarà sostituito dall' UHF 55 (Mhz 746,0), mentre le postazioni di emissione resteranno sempre le stesse. Per gli utenti siciliani occorrerà effettuare una risintonizzazione del ricevitore (TV o decoder) per continuare a ricevere le emittenti trasmesse dal TIMB Mux 2. Questo cambio di frequenza e' stato necessario per evitare le interferenze con un multiplex del provider GO PLUS dello stato di Malta, che opera nell'isola con il suo ottavo mux proprio sulla frequenza UHF 60.


Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 18 AGOSTO 2013 - Domenica 

Ore 23.50 -  ABRUZZO  - MUX TVQ (ABRUZZO): PROBLEMI TECNICI PER GENIO TV.
UHF 28 Mux TVQ (ABRUZZO)
Da alcuni giorni l'emittente Genio TV non sta più trasmettendo, ci sono in onda solo dei disturbi video con effetto neve analogico. Ricordiamo che il canale è presente in duplice copia con identificativo Genio TV (TVQ provider) con le numerazioni LCN 292 e 651. Abbiamo aggiornato con nuove immagini lo z@pping TV del mux TVQ (ABRUZZO).






 17 AGOSTO 2013 - Sabato 

Ore 21.45 -  MUX NAZIONALI  - MUX DFREE / MUX MEDIASET 1: INIZIATE LE TRASMISSIONI DI FOX SPORTS E FOX SPORT PLUS.
UHF 38-50 Mux DFREE
UHF 50-52 MEDIASET Mux 1
Oggi sono iniziate le trasmissioni dei due canali sportivi
del gruppo 21 ST CENTURY FOX: Fox Sports, con la numerazione LCN 382, sintonizzabile nel mux DFREE e Fox Sports Plus, con LCN 383, visibile nel MEDIASET Mux 1. Entrambe le emittenti sono codificate e fanno parte dell'offerta a pagamento di Mediaset Premium.











Ore 14.55 -  MARCHE   ABRUZZO  - MUX VERA TV (MARCHE / ABRUZZO): INIZIATA LA PROGRAMMAZIONE DI VERA ABRUZZO TV.
UHF 35 Mux VERA TV (MARCHE)
UHF 34 Mux VERA TV (ABRUZZO)
E' iniziata la programmazione del nuovo canale VERA ABRUZZO TV (LCN Marche 187, LCN Abruzzo 213). E' stato inserito il nuovo logo di VERA ABRUZZO TV al posto di quello di TVP ITALIA, con cui trasmetteva precedentemente. Inoltre da segnalare che è stato reinserito in sovraimpressione il logo VERA NEWS 24 del canale all news VERA NEWS (LCN Marche 638, LCN Abruzzo 692). Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV dei mux VERA TV (MARCHE) e VERA TV (ABRUZZO).









Ore 08.45 -  SICILIA  - MUX VIDEO REGIONE: ARRIVANO ABC E OK TV.
UHF 34 Mux VIDEO REGIONE
Sono stati inseriti in questo multiplex i canali ABC, con la numerazione LCN 33, e OK TV, con la LCN 170. Quest'ultimo trasmette la programmazione di ITALIA + senza nessun logo in sovraimpressione. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux VIDEO REGIONE.









 16 AGOSTO 2013 - Venerdì 

Ore 20.50 C'ERA UNA TVOLTA    PIEMONTE  - ANNO 1974: TELEMONFERRATO, TELEVISIONE VIA CAVO ANCHE A CASALE (AL).
Da La Stampa 30/7/1974
Dopo l'avvio di TeleTorino, anche nel Monferrato casalese c'è fermento per la nascita di Telemonferrato. E' il 30 luglio del '74 e presso la cancelleria del tribunale civile è stata presentata la documentazione per ottenere l'autorizzazione ad impiantare una tv via cavo a Casale Monferrato (Alessandria).
R.G.


1974 : TELEMONFERRATO, TELEVISIONE VIA CAVO ANCHE A CASALE (AL).




 15 AGOSTO 2013 - Giovedì 

Ore 14.15 -  TOSCANA  - RETE VERSILIA PASSA ALLA FONDAZIONE DELLA MISERICORDIA.
ReteVersilia ha pagato un mese dei tre di stipendio arretrato ai dipendenti, e Roberto Monciatti ha annunciato il piano di risanamento dei conti col passaggio della maggior parte della proprietà alla Fondazione Misericordia Viareggio.
«Abbiamo consegnato una mensilità ai dipendenti di ReteVersilia — spiega il presidente dell’arciconfraternita — Quindi le cose si stanno normalizzando e conto entro agosto di versare un’altra mensilità. A quel punto saremo in una situazione sostenibile, con un solo mese di arretrato. Poi comincerà il rilancio commerciale dell’emittente. Adesso la rete deve andare avanti con le proprie forze riducendo spese, aumentando la pubblicità, e poi anche gli enti pubblici che la usano per le loro notizie dovranno mettersi un po’ la mano in tasca, anche in maniera indiretta. Ci aspettiamo aiuti ovviamente nelle giuste forme legali».
«Sono convinto — prosegue Monciatti di portare il bilancio 2013 ad una forma accettabile: la proprietà della rete è la Misericordia, ma per 10 anni passerà alla Fondazione Misercordia Viareggio perché la legge prevede che le attività commerciali non possono essere gestiti in forma maggioritaria da un’associazione del volontariato. L’alternativa sarebbe stata vendere, ora invece la Misericordia manterrà una quota molto minoritaria. Abbiamo quindi optato per la fondazione per 10 anni, e dopo questo periodo si vedrà. Ma sotto il profilo economico stiamo uscendo dal guado. A livello personale c’è la soddisfazione di smentire chi ci dava per finiti, o o che avremmo ceduto la tv a gruppi politici e di potere. Non è vero».



 14 AGOSTO 2013 - Mercoledì 

Ore 23.30 - TELECOM ITALIA MEDIA: PRONTA A NUOVA SVALUTAZIONE DELLE FREQUENZE TV.
(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano - Telecom Italia Media verso una nuova svalutazione delle frequenze televisive. Nella seconda parte dell'anno la controllata di Telecom, che in Borsa ha perso quasi il 50% nel 2013, potrebbe essere costretta a rettificare il valore dell'avviamento dei suoi multiplex (gli apparati di rete per il segnale tv che ospitano canali di terzi come La7, Real Time, D-Max, Giallo e Sportitalia) in caso di una nuova flessione del titolo sul listino. E' quanto segnalato dalla stessa societa' nella relazione semestrale. "Al 30 giugno 2013 la capitalizzazione di borsa ha raggiunto 125,2 milioni di euro (227,5 milioni di euro al 31 dicembre 2012) - si legge nel documento - Qualora il titolo assumesse un andamento ribassista, con conseguente riduzione della capitalizzazione di borsa, la societa' potrebbe essere obbligata ad effettuare nel corso del 2013 un nuovo impairment test, che potrebbe comportare una ulteriore riduzione del valore dell'avviamento iscritto nell'attivo di bilancio". Dal 30 giugno scorso, le azioni TiMedia hanno perso gia' perso altro terreno portando la capitalizzazione a 117 milioni.


Ore 23.10 -  MUX NAZIONALI  - MUX TIVUITALIA: ELIMINATI I QUATTRO CANALI DIGITMEDIA.
VHF 10 / UHF 22-27-28-43-51-59 Mux TIVUITALIA
In serata sono stati eliminati i quattro canali del gruppo DIGITMEDIA: Channel24 (LCN 130), Rete Italia (LCN 131), Air (LCN 138) e Fire (LCN 147). Inoltre il canale Ka- Boom (LCN 139) sta trasmettendo senza il proprio logo. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux TIVUITALIA.





Mux TIVUITALIA - Z@pping TV


Ore 19.30 -  MUX NAZIONALI   ABRUZZO  - CONFLITTO DI PID TRA IL MUX RETECAPRI E IL MUX TELEMARE.
UHF 57 Mux RETECAPRI
UHF 21 Mux TELEMARE
Siamo in Abruzzo per delle rilevazioni e sintonizzando il mux nazionale RETECAPRI e il mux locale chietino TELEMARE abbiamo notato che questi due provider hanno gli stessi pid, il TID (Identificativo Trasport Stream) 4096 e l' ONID (Identificativo Original Network) 8572, quindi alcuni modelli di tv e decoder li considerano come fossero lo stesso multiplex, inoltre cinque canali hanno anche gli stessi SID (Identificativo del servizio):

SID 1: CAPRI STORE > TELEMARE
SID 2: Retecapri > La TV
SID 3: RadioCapriTelevisiON > TELEMARE SPORT
SID 4: Neko Tv > TELEMARE SHOW
SID 5: Capri Casinò > TELEMARE CULTURA

Pertanto abbiamo constatato che in base al modello di tv o decoder che si possiede, dopo la risintonizzazione, si possono creare le seguenti situazioni:

- viene sintonizzato uno solo dei due mux.

- si sintonizzano tutti i canali in quanto hanno tutte le numerazioni LCN diverse ma con i nominativi dell' EPG invertiti, cioè sulla LCN 20 si vede Retecapri con l'identificativo La TV, e viceversa sulla LCN 274 si vede La TV con l'identificativo Retecapri, e così via per gli altri quattro canali.

Quanto accade è ampiamente documentato dalle immagini in calce.
Abbiamo inoltrato una segnalazione a
RETECAPRI e a TELEMARE (gruppo RETEOTTO) con l'auspicio che uno dei provider corregga al più presto questo incoveniente tecnico, in quanto ci sono evidenti difficoltà a ricevere correttamente tutti i canali. Nell'occasione abbiamo aggiornato con nuove immagini gli z@pping TV del mux RETECAPRI e del mux TELEMARE.


TID: 4096

ONID : 8572





TID: 4096

ONID : 8572










Ore 15.15 - ANCHE L'UNGHERIA CENTRALE PASSA AL DIGITALE TERRESTRE.
E' avvenuto il 31 luglio 2013, alle ore 13.30 il passaggio al digitale terrestre per la trasmissione televisiva in Ungheria centrale. Le trasmissioni analogiche resteranno attive nel resto del Paese fino alla conversione completa che avverrà il 31 ottobre. La chiusura delle trasmissioni analogiche riguarda i telespettatori che non hanno sottoscritto un abbonamento alla tv con rispetto al canale pubblico M1 (nella foto la vecchia sede della tv nazionale magiara) e alle reti commerciali RTL Klub e TV2. Con il passaggio al digitale sono disponibili da subito 4 canali gratuiti, più numerosi a pagamento. Secondo un sondaggio dell'autority sui media, su 4,2 milioni di famiglie in Ungheria oltre 500mila hanno ancora accesso solo alla tv analogica.



 13 AGOSTO 2013 - Martedì 

Ore 23.10 -  SICILIA  - MUX TRS - TELE RADIO SCIACCA: ARRIVA STUDIO 98.
UHF 33 Mux TRS - TELE RADIO SCIACCA
E' stata aggiunta questa mattina l'emittente agrigentina Studio 98, con la numerazione LCN 95, all'interno del mux TRS - TELE RADIO SCIACCA, su tutta la sua rete irradiante in SFN dai siti di Capo San Marco, Kronio-Monte San Calogero, Sambuca di Sicilia e Villaseta sulla frequenza UHF 33. Con questo nuovo arrivo il multiplex risulta composto da quattro canali TV e da una radio: Tele Radio Sciacca (LCN 19), Tele Occidente (LCN 73), Studio 98 (LCN 95), TRS SOLE (LCN 611) e TRS RADIO (LCN 819). Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TRS - TELE RADIO SCIACCA.




Ore 19.00 - LA MOVIEMAX PARTE CON UNA SUA TV: CINEMAX TELEVISION.
Il gruppo della distribuzione per grande schermo e televisione lancia un canale a ottobre. Moviemax parte con una sua tv. Si chiama Cinemax, dai film d'azione a quelli romantici.
Moviemax debutta in televisione con un proprio canale dedicato al cinema. Si chiama Cinemax Television e partirà a ottobre, anche se al momento non c'è una data precisa. Il distributore di film per il cinema, l'home video e la tv si impegna così in prima persona sul digitale terrestre con un'offerta che ancora non è stata rivelata ma che secondo quando risulta a ItaliaOggi dovrebbe contenere vari generi, dalle commedie ai film di azione, con un occhio particolare ai film romantici per attrarre il pubblico femminile. Inoltre dovrebbe trasmettere anche serie tv innovative, mai arrivate in Italia, ma anche su questo al momento non trapela di più.
Il canale non è certo fra i primi del telecomando, il 144, eredità di Vero Lady dell'editore Veneziani. Moviemax l'ha preso «in gestione» e certo servirà un po' di pubblicità per far conoscere la nuova offerta. Sulla carta, però, Cinemax ha il vantaggio di avere un'offerta dedicata al cinema, un genere che per via dei costi non gode di ampia copertura nelle centinaia di nuovi canali del digitale, eccettuati i due maggiori, Rai Movie e Iris di Mediaset. Ma come mai un distributore che lavora con le altre televisioni si mette a fare un proprio canale? Sicuramente qui si tratta di ottimizzare la library di diritti che al momento non trovano collocazione altrove. Sembra però che il gruppo non la stia considerando un'attività residuale e che, passato il primo periodo di test, potrebbe anche valutare un investimento specifico in prodotti televisivi per rendere più attrattiva l'offerta. Per ora, infatti, l'investimento non è eccessivo: i diritti sono già acquisiti, mentre non sarebbe particolarmente oneroso il contratto di fornitura di banda con il gruppo Espresso, che ospita Cinemax su uno dei suoi multiplex.
Un supporto dai diversi partner, per cui anche bassi livelli di share, almeno all'inizio, consentirebbero di arrivare a pareggio con la raccolta. Quello che manca è la concessionaria pubblicitaria. Sembra che alcuni contatti siano già stati avviati con grandi gruppi del settore, ma ancora non è stata presa una decisione. C'è da vedere poi, se Moviemax, oltre a essersi impegnata in tv, voglia farlo anche nel cinema, gestendo direttamente delle sale. La neocostituita srl Cinemax, infatti, ha infatti come oggetto sociale «l'attività di gestione delle sale cinematografiche nonché la promozione e gestione di iniziative industriali e commerciali nel campo radiofonico, televisivo e dell'informazione». Diversificazione, insomma, per il gruppo guidato dall'a.d. Rino Garbetta quotato a Piazza Affari. Anche se ovviamente il grosso dell'attività resterà legata ai contratti con í grandi gruppi televisivi. Moviemax, che nel primo semestre è riuscita a tornare all'utile (1,8 milioni) pur in presenza di ricavi in calo (6,2 milioni, -13%) e ha completato la ristrutturazione del debito, ha infatti contratti con i maggiori broadcaster, sia per la televisione gratuita che a pagamento. In particolare con Sky è in corsoun accordo dal marzo 2012, con cui l'operatore si è impegnato ad acquistare sino a settembre 2014 18 film all'anno da trasmettere sul satellite o sul digitale terrestre e i cui introiti dipendono dall'andamento del box office dei diversi film. C'è poi l'attività di produzione, sulla quale Moviemax si è impegnata da qualche tempo e che dovrebbe avere ancora più impulso anche dopo la costituzione della Moviemax Production.
Tratto da: http://www.tvzoom.it/index.php?option=com_content&view=article&id=8228:la-moviemax-parte-con-una-sua-tv

Consulta anche la nostra news pubblicata sabato 10 agosto.


Ore 09.50 -  MARCHE  - MUX VERA TV (MARCHE): TVP ITALIA RINOMINATA VERA ABRUZZO TV.
UHF 35 Mux VERA TV (MARCHE)
Dopo aver aggiornato la composizione del mux VERA TV (ABRUZZO) vi segnaliamo che anche nella versione marchigiana del multiplex VERA TV (MARCHE) il canale TVP ITALIA, sintonizzabile con la LCN 187, è stato rinominato in VERA ABRUZZO TV, ma trasmette sempre la programmazione di TVP ITALIA. Inoltre alcune curiosità che abbiamo notato durante la nostra rilevazione: VERA NEWS (LCN 638) trasmetteva senza il proprio logo, mentre su VERA SPORT (LCN 639) era presente in sovraimpressione un altro logo di VERA TV in basso a sinistra. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux VERA TV (MARCHE).










 12 AGOSTO 2013 - Lunedì 

Ore 23.00 -  ABRUZZO  - MUX RTVA: PROBLEMI TECNICI PER SETTE CANALI.
UHF 33 Mux RTVA
Problemi tecnici per 7 degli 8 canali del mux RTVA che trasmette sull' UHF 33 dalla sola postazione di San Silvestro a Pescara. Le emittenti tv TELEAMBIENTE ABRUZZO con identificativo TELEAMBIETE ABR (LCN 78), RETE AZZURRA (LCN 87), RTVA (LCN 95), RETE AZZURRA 2 (LCN 189), TELE 9 CANALE 3 (LCN 296), RETE AZZURRA 3 (LCN 299) e RETE AZZURRA 4 (LCN 670) non stanno più trasmettendo. Da parecchie settimane su tutti e sette i canali è in onda una schermata nera con delle striscie oblique blu. L'unico canale funzionante e regolarmente in onda è la sola TELE 9 CANALE 5 (LCN 662), che trasmette la programmazione di TELE 9 (LCN 74) sintonizzabile nel mux TRSP (ABRUZZO) che irradia sulla frequenza UHF 29. Alcune delle emittenti che abbiamo citato precedentemente (che come detto in questo mux hanno problemi tecnici) sono regolarmente in onda in altri provider, come ad esempio nel mux vastese TRSP (ABRUZZO) è presente (e funzionante) Rete Azzurra, sempre con la LCN 87, mentre TELEAMBIENTE ABRUZZO è on air con la LCN 172 nel mux laziale di TELEDONNA, sul VHF 05 dalla postazione di Monte Cavo a Rocca di Papa (Roma), con copertura della città di Roma e parte delle provincia. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux RTVA.










Ore 19.15 -  SICILIA  - MUX TRM SICILIA - TELEMED (EST) - RMK TV: MODIFICATO IL LOGO DI TRM.
UHF 21 Mux TRM SICILIA (A)
UHF 21 Mux TRM SICILIA (B)


UHF 28 Mux TELEMED (EST)
UHF 28 Mux RMK TV
E' stato modificato il logo del canale TRM, sintonizzabile in diversi mux locali siciliani con la LCN 13. E' stato eliminato in sovraimpressione il numero 13 della LCN, non è più visualizzabile come TRM 13 ma solo con TRM. Gli identificativi nei multiplex sono rimasti con il nominativo TRM13, tranne che sul mux RMK TV, dove era già nominato solo TRM. Abbiamo aggiornato le griglie dei canali e gli z@pping TV dei mux TRM SICILIA (A), TRM SICILIA (B), TELEMED (EST) e RMK TV.




Ore 15.35 -  TOSCANA  - CERCANO DI LEGGERE UN COMUNICATO SINDACALE, SALTA LA CORRENTE A RETEVERSILIA.
VIAREGGIO. “L’editore della televisione Roberto Monciatti, che è anche il presidente della Misericordia di Viareggio, ha staccato la corrente all’interno dell’emittente per impedirci di leggere il comunicato sindacale nel corso del telegiornale di stasera”. Lo affermano i dipendenti dell’emittente viareggina, in agitazione da qualche mese. I dipendenti sono saliti sul terrazzo dell’emittente in segno di protesta.
I dipendenti di Reteversilia poi sono riusciti a leggere il comunicato sindacale, che prima gli era stato vietato dall’editore.
Intanto Giusy dell’ufficio commerciale afferma che l’emittente ha un potenziale commerciale notevole e che l’ufficio non è stato potenziato, la crisi è dovuta alla cattiva gestione e non certo all’avvento del digitale che ha rafforzato l’emittenza locale. “Se avessi avuto quello che mi spetta – dice – mi sarei potenziato da sola l’ufficio che ha senza dubbio un potenziale economico importante”.

Tratto da: http://www.versiliatoday.it/2013/08/09/cercano-di-leggere-un-comunicato-sindacale-salta-il-segnale-di-reteversilia

Sullo stato di crisi di ReteVersilia inseriamo un recente articolo di Versilia Today.

”E’ inaccettabile che l’emittente televisiva di Viareggio “Rete Versilia”, da tre mesi non paghi i propri dipendenti”. Così i lavoratori della storica emittente viareggina legata alla Misericordia di Viareggio. Dipendenti che da oggi inizieranno a distribuire volantini per informare della loro situazione al Festivale Pucciniano, durante il Carnevale estivo, e in Versiliana a Villa Bertelli.
“Non ci sono giustificazioni – scrive – per chi lascia i propri lavoratori con le loro famiglie, senza il becco di un quattrino da più di 90 giorni, nell’impossibilità di vivere, per meglio dire sopravvivere ai tempi di oggi, rinunciando di fatto ai bisogni primari. Queste, sono purtroppo le condizioni che si trovano ad affrontare quotidianamente i lavoratori. E come si dice in questi casi, “ piove sul bagnato” perché di fatto, oltre che alle mancate retribuzioni degli ultimi 3 mesi, si sommano anche i tempi biblici per il pagamento delle ore in cassa integrazione in deroga, quindi, oltre che la beffa anche l’inganno”.
“Le Organizzazioni Sindacali fistel-cisl e slc cgil di lucca e la rsa, esprimono fortissime preoccupazioni sul proseguo di questa vertenza, sia dal punto di vista occupazionale che produttivo di questa emittente. Possiamo affermare tranquillamente, che solo attraverso il buon senso, la volontà e la determinazione di questi “ragazzi”, se ancora oggi, possiamo continuare ad avere una emittente “decente”. Una crisi che si è manifestata ad inizio 2012, riuscendo ad arginarla a fine anno attraverso la sottoscrizione di due accordi sindacali, il primo che prevedeva il recupero di alcune mensilità non pagate nel corso dell’anno e l’altro, al ricorso ad un primo trimestre con proroga di ulteriori tre mesi di ricorso alla cassa integrazione in deroga. Vi era inoltre, alcuni progetti e piani di lavoro aziendali, volte al rilancio di questa emittente”.
“Purtroppo – concludono i lavoratori – a circa un anno di distanza, i problemi sono ben lontani dall’essere stati risolti e oltre a richiedere un ulteriore intervento di cassa integrazione in deroga, si è manifestata una totale inadeguatezza da parte dei vertici di Rete Versilia a trovare proporre soluzioni per uscire dalle difficoltà. Non abbiamo nemmeno riscontri sugli esiti dei progetti in essere nel 2013 e ne tanto meno, un piano aziendale, volto al rilancio di questa emittente. Di certo, il settore delle emittenti televisive locali ha avuto una forte contrazione in termini di risorse economiche, derivato soprattutto dalla riduzione delle pubblicità e dai contributi, ma pensare di risolvere i problemi standosene alla finestra nell’attesa che “passi al nottata”, non sia la soluzione migliore. Troviamo per di più sconcertante e irrispettoso nei confronti di quei dipendenti, che danno comunque l’anima tutti i giorni nella speranza di salvaguardare il proprio posto di lavoro. Come richiesto nell’incontro del 30 luglio, Le Organizzazioni Sindacali, la RSA e i lavoratori, sono in attesa di un celere incontro, per avere risposte sia sulle retribuzioni mancanti, che la presentazione di un piano aziendale. Ci riserviamo, in mancanza di una data celere, di attuare uno stato di agitazione sindacale e una protesta attraverso tutte le forme che riterremo di intraprendere”.

Tratto da: http://www.versiliatoday.it/2013/08/09/da-oltre-90-giorni-senza-stipendio-i-lavoratori-di-reteversilia-vicini-allo-sciopero

Ore 15.20 -  MUX NAZIONALI  - MUX TIVUITALIA: DOPPIO LOGO PER CHANNEL 24.
VHF 10 / UHF 22-27-28-43-51-59 Mux TIVUITALIA
In tarda mattinata Channel24 (LCN 130) ha trasmesso per alcuni minuti con il proprio logo posizionato contemporaneamente in basso a destra e in alto a destra dello schermo, sovrapponendosi a quello di Italian Television.






© L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2013
www.litaliaindigitale.it