LIGURIA IN DIGITALE

TV GENOVA
TV IMPERIA
TV LA SPEZIA
TV SAVONA

RAI Mux 1 (LIGURIA)Foto: MUX NAZIONALI
NEWS NAZIONALI
Foto: LCN NAZIONALE
LIGURIA NEWS
ARCHIVIO NEWS LIGURIA

Mux ANTENNA BLU TV
Mux PRIMANTENNA (LIGURIA)
Mux TELECITTA'
Mux TELERADIO PACE
Mux ENTELLA TV
Mux PRIMOCANALE
Mux TELECITY (LIGURIA)
Mux TELESTAR (LIGURIA)
Mux IMPERIA TV
Mux RTV 38 (LIGURIA)
Mux TELECUPOLE (LIGURIA)
Mux TELETURCHINO
Mux ITALIA 8
Foto:
Mux SESTA RETE (LIGURIA)
Mux TELELIGURIA SUD
Mux TELEVARAZZE
Mux LIGURIA TV
Mux STV
Mux TELEMASONE VALLESTURA




ARCHIVIO NEWS LIGURIA 2011


26 DICEMBRE 2011 - Lunedì 

Ore 23.25 -   MUX INTERREGIONALI  - MUX STUDIO NORD: ELIMINATO STUDIO 7 DALL'LCN 47.
UHF 32 (Lombardia) / UHF 45 (Liguria) / UHF 61 (Bologna e Romagna) Mux STUDIO NORD:
E' stato eliminato da questo mux il canale Studio 7 che occupava la posizione LCN 47, in conflitto con il nuovo canale Switch TV (TIMB Mux 2). Studio 7 resta disponibile sull'LCN 181. Abbiamo aggiornato lo z@pping tv, inserendo questo multiplex nella sezione MUX INTERREGIONALI nella pagina dei MUX NAZIONALI.



 05 DICEMBRE 2011 - Lunedì 

Ore 15.55 MUX LIGURIA TV E TELENORD : INSERITI GLI Z@PPING TV.
UHF 21 Mux LIGURIA TV:
UHF 43 Mux TELENORD:
Abbiamo inserito nelle liste delle emittenti tv che si ricevono in Liguria (pubblicate sul nostro sito) lo z@pping TV dei canali trasmessi dai mux di LIGURIA TV e TELENORD, che contengono le stesse emittenti tv.



 04 DICEMBRE 2011 - Domenica 

Ore 23.15 MUX TELECITTA': INSERITO LO Z@PPING TV.
UHF 41 Mux TELECITTA':
Abbiamo inserito nelle liste delle emittenti tv che si ricevono in Liguria (pubblicate sul nostro sito) lo z@pping TV dei canali trasmessi dal mux TELECITTA'.




 03 DICEMBRE 2011 - Sabato 

Ore 11.45 - TELECITY 1 DIVENTA 7 GOLD MUSICA.
UHF 41 (Lombardia / Piemonte) Mux TELESTAR:
UHF 27 (Provincia Alessandria) - UHF 45 (Piemonte) Mux TELECITY:
UHF 24 Mux TELECITY LIGURIA:
UHF 35 Mux ITALIA 8 LIGURIA:
Ennesimo cambio di denominazione per TELECITY 1 (nelle sue versioni trasmesse con diverse LCN e con diversa denominazione in base alla regione): ora trasmette con il logo 7 GOLD MUSICA TELECITY. Al momento l'epg non è ancora stata modificata, il cambiamento come detto riguarda nello specifico per il Piemonte TELECITY 1 AL (LCN 111), per la Liguria TELECITY 1 GE (LCN 114) e per la Lombardia TELECITY 1 MI (LCN 196).


Ed ora alcune segnalazioni che riguardano sempre queste tre regioni: il canale precedentemente nominato in epg TELESTAR 7 GOLD è ora stato modificato in Telestar Canale 77 (LCN 77), mentre l'ammiraglia del gruppo Telecity 7 Gold (LCN 10 Piemonte, LCN 14 Liguria, LCN 15 Lombardia) da molti giorni sta trasmettendo in video con il solo logo di 7 Gold.



Ore 07.45 - MUX PRIMOCANALE: INSERITO LO Z@PPING TV.
UHF 44 Mux PRIMOCANALE:
Abbiamo inserito nelle liste delle emittenti tv che si ricevono in Liguria (pubblicate sul nostro sito) lo z@pping TV dei canali trasmessi dal mux PRIMOCANALE.




 30 NOVEMBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 16.50 - DOMANI SI CONCLUDERA' LO SWITCH OFF IN PROVINCIA DI LA SPEZIA: ARRIVA IL DIGITALE TERRESTRE NEI COMUNI ALLUVIONATI.
Scatterà giovedì primo dicembre a Levanto, Bonassola, Borghetto Vara, Bugnato, Monterosso, Rochetta Vara e Vernazza, il passaggio al digitale terrestre. La cosiddetta operazione di “switch off”, prevista originariamente per lo scorso 4 novembre, era stata rinviata nei paesi maggiormente colpiti dall’alluvione del 25 ottobre.  Con la transizione al digitale tutti i programmi televisivi saranno trasmessi esclusivamente nella nuova tecnologia e il loro segnale potrà essere ricevuto unicamente attraverso un decoder o un apparecchio televisivo dotato di sintonizzatore digitale integrato.

Ore 00.30 - MUX ITALIA 8 LIGURIA: INSERITO LO Z@PPING TV.
UHF 35 Mux ITALIA 8 LIGURIA:
Abbiamo inserito ed aggiornato lo z@pping tv e la griglia dei canali trasmessi da questo multiplex in Liguria. Segnaliamo che il canale nominato Italiaotto AL_ (LCN 658) trasmette in video con logo Italiaotto 1, mentre il canale denominato Italiaotto Lomb_ (LCN 659) trasmette in video con il logo Italiaotto 2.



 29 NOVEMBRE 2011 - Martedì 

Ore 11.40 - LE TV A MASONE (GENOVA): GLI Z@PPING DEI MUX TELEMASONE VALLESTURA E TELETURCHINO.
UHF 31 Mux TELEMASONE VALLESTURA:
UHF 48 Mux TELETURCHINO:
Dopo aver aggiunto la lista delle tv che si ricevono a MASONE (GENOVA), inseriamo gli z@pping delle due emittenti locali di questa piccola località ligure:
del mux TELEMASONE VALLESTURA (
UHF 31), le tre emittenti, al momento della nostra rilevazione, non trasmettevano nulla, c'era solo uno schermo rosso, e del mux TELETURCHINO (UHF 48), i sei canali trasmettevano tutte la stessa programmazione di Teleturchino.





Ore 10.40 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A MASONE (GENOVA).
Nelle nostre pagine di LIGURIA IN DIGITALE abbiamo inserito la nuova lista delle
TV A MASONE (GENOVA), dove potete consultare tutti i mux ricevibili, la loro composizione e le immagini dei canali con il nostro esclusivo z@pping TV.

Ore 10.30 - RADIO FIESOLE (FIRENZE): OTTIMA RICEZIONE SUL PASSO DEL TURCHINO.
Mentre percorrevamo l'autostrada A26 dei trafori Milano-Genova, sul Passo del Turchino, a quota 500 m.s.l.m. tra le provincie di Alessandria e Genova, abbiamo ascoltato con ottima qualità Radio Fiesole, emittente radiofonica dell'omonima località fiorentina sulla frequenza FM 100.00 Mhz. Proseguendo verso Genova, l'ascolto in automobile della stazione si è affievolito dalle parti di Voltri, quando l'A26 si interseca con l'inizio della tangenziale di Genova. L'emissione di questa frequenza potrebbe provenire dal monte Serra (Pisa) in Toscana.

http://www.radiofiesole.it





 23 NOVEMBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 00.20 MUX TELEGENOVA: ELIMINATA CIELO.
UHF 29  Mux TELEGENOVA:
E' stato eliminato da questo multiplex il canale Cielo, quest'ultimo è disponibile in Liguria solo nel mux RETE A1 trasmesso sull' UHF 32.



 22 NOVEMBRE 2011 - Martedì 

Ore 23.00 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A VENTIMIGLIA E LATTE (IMPERIA).
Nelle nostre pagine di LIGURIA IN DIGITALE abbiamo inserito la nuova lista delle TV A VENTIMIGLIA E LATTE (Imperia), dove potete consultare tutti i mux ricevibili, la loro composizione e le immagini dei canali con il nostro esclusivo z@pping TV.


 19 NOVEMBRE 2011 - Sabato 

DA OGGI LE MAIL RICEVUTE SONO CONSULTABILI SOLO NELLA PAGINA DELLO  SPORTELLO TV DIGIT@LE

Ore 10.50 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA SANTO STEFANO MAGRA (LA SPEZIA).
Paolo - Santo Stefano Magra (La Spezia):
Buongiorno, abito a Santo Stefano Magra (SP) lo switch off è avvenuto circa una settimana fa nella zona di La Spezia. All'inizio vedevo tutto, ieri 18 novembre sono spariti L7-La7d e MTV ( imiei preferiti) sul canale 42 dal Monte Parodi e gli altri canali dei mux Timb. Sapete dirmi come mai, e se avremo modo di rivedere presto la 7 o se ci sarà da attendere molto tempo? Grazie Paolo.


 18 NOVEMBRE 2011 - Venerdì 

Ore 10.10 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A LA SPEZIA.
Nelle nostre pagine di LIGURIA IN DIGITALE abbiamo inserito la nuova lista delle TV A LA SPEZIA, dove potete consultare tutti i mux ricevibili, la loro composizione e le immagini dei canali con il nostro esclusivo z@pping TV.

Ore 09.05 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA VENTIMGLIA (IMPERIA).
Ci scrive un anonimo da Ventimiglia, in provincia di Imperia. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Salve, vi segnalo che a Ventimiglia (IM) il mux di Telegenova non risulta ancora visibile (non lo è più stata dopo lo switch-off). Allo stesso modo, non è visibile il mux di Rete A. Quanto dovremo aspettare ancora? Si sa qualcosa in merito? Grazie mille.
"


 17 NOVEMBRE 2011 - Giovedì 

Ore 23.50 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA SARZANA (LA SPEZIA).
Ci scrive un anonimo da Sarzana, in provincia di La Spezia. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Salve, utilizzo il digitale da anni nella zona di Sarzana, ma da domenica non vedo più i canali Rai... cosa è successo? Aggiungo: a Pietra Ligure si potrà ricevere la Rai in digitale? Dallo switch off non si vede.
"

Ore 14.50 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA LA SPEZIA.
Ci scrive un anonimo da La Spezia. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Abito a La Spezia dalla data di Switch-off Tivuitalia rai sport 1 e 2 non si vedono nel territorio ligure. Pare non abbia copertura a Genova e nelle altre province liguri. Come comportarmi? Grazie.
"

Ore 01.55 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA CAMPO LIGURE (GENOVA).
Ci scrive un anonimo da Campo Ligure, in provincia di Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno. Volevo sapere se c'è speranza di vedere a Campo Ligure anche altri mux Rai (2-3-4) quelli che raggruppano i vari RAIMOVIE,RAI5,RAI4,RAISPORT 1 e 2,RAISTORIA..........Grazie.
"

Ore 01.05 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA LA SPEZIA.
Ci scrive un anonimo da La Spezia. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"
ABITO A LA SPEZIA ZONA OSPEDALE. DAL GIORNO DEL PASSAGGIO AL DIGITALE NON VEDO PIU' RAISPORT 1 E 2 ? C'E' UN MOTIVO?"


 15 NOVEMBRE 2011 - Martedì 

Ore 14.45 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA LA SPEZIA.
Ci scrive un anonimo da La Spezia. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Il 12 novembre è andato ufficialmemte in funzione il digitale terrestre per la zona di La Spezia, però i programmi di Rai Sport 1 e 2 non ci sono. E' così oppure è un problema di ricezione mia?. Grazie.
"


 14 NOVEMBRE 2011 - Lunedì 

Ore 13.00 - MUX TELESTAR: ANCHE IN LIGURIA ARRIVA CANALE 77.
UHF 51 Mux TELESTAR LIGURIA:
Come era prevedibile, oltre che in Lombardia e in Piemonte, anche in Liguria è stato eliminato dal canale Telestar 7 Gold GE, con LCN 77, il logo di 7 Gold Plus ed è stato inserito quello di Canale 77. Al momento l'epg riporta ancora la scritta Telestar 7Gold GE.



Ore 12.50 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA SARZANA (LA SPEZIA).
Ci scrive Massimo da Sarzana, in provincia di La Spezia. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, approfitto del vostro utile servizio, per comunicare che nella mia zona, scrivo da Sarzana, SP, dal 12 Novembre, è scomparso il segnale digitale dei programmi RAI, tutti. Non si vede neppure MTV. Si vedono soltanto e benissimo, i programmi Mediaset, un po' LA 7, e qualche altro canale qua e là. Qualcuno gentimente sa cosa è successo ?  Grazie, cordiali saluti. Massimo.
"


 12 NOVEMBRE 2011 - Sabato 

Ore 15.35 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Matteo da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, ad oggi 12 novembre la situazione di Genova Albaro-Sturla non è delle migliori, abbiamo perso molti canali premium mediaset, soprattutto tutti i canali premium calcio ad esclusione di premium calcio hd2. Faccio presente che prima dello switch era il contrario si vedevano tutti tranne calcio hd2. Potete verificare se è un problema generale o è colpa del nostro impianto? Grazie mille Matteo.
"

Ore 12.50 -  IN EVIDENZA  - ESCLUSIVA: L'ELENCO DETTAGLIATO DEGLI IMPIANTI RIPETITORI NAZIONALI E DI LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA E MARCHE.
Riceviamo e pubblichiamo una mail dell'Associazione emittenti locali REA di Roma che descrive nel dettaglio la pianificazione fatta dall'AGCOM per l'assegnazione alle emittenti nazionali e locali di Liguria, Toscana, Umbria e Marche che mette in evidenza tra le altre cose, le problematiche di possibili interferenze con l'estero da parte delle emittenti toscane.

"Vi scrivo perchè il caso ha voluto che io sia entrato in possesso per conto della nostra associazione di emittenti REA con sede a Roma dei file che descrivono esattamente come hanno pianificato all'AGCOM le assegnazioni delle frequenze alle emittenti nazionali e locali.
Ne è venuto fuori un quadro devastante che bloccherà l'attività delle emittenti locali che passano al digitale, al momento soprattutto in Toscana.
Infatti da questi file ne emerge un quadro in cui anche chi avrà le frequenze non gli saranno utili quando le reti televisive estere (per la Toscana la Francia in Corsica e Costa Azzurra) protesteranno per le interferenze.
Infatti le emittenti assegnatarie di frequenze si illudono (o non hanno capito) di accendere gli impianti a potenze eguali a quelle delle emittenti nazionali ma non è così. Le differenze sono sconvolgenti: da 1 a 100 fino a oltre 1 a  1000 e per TUTTE le frequenze (escluso i microripetitori tra le montagne che non verrano nemmeno accesi per i costi).

I file li ho passati alle emittenti Toscane ma forse non li hanno capiti o li temono come un fantasma ma al Ministero giurano che li faranno rispettare; e chi conosce qualcosa di emissioni Tv e di centralini di antenna sa benissimo che differenze di questo tipo rendono impossibile la ricezione.
aggiungo sotto qualche tabellina esemplificativa:

Monte Cetona non è più previsto per la Toscana ma solo per l'Umbria. Non è prevedibile nessuna convivenza tra le due aree

MONTE CETONA
OGNI DIREZIONE  (PIENA AREA DI SERVIZIO IMPIANTO)
come detto è spento, non esiste.....

emittente
canale
potenza ERP max
riduzione potenza
risultato
watt ERP
nazionale
40 UHF
42 dBw
0 dB
42 dBw
15.800 w erp
locale
35 UHF
non esiste (dato Umbria)
non esiste (dato Umbria) non esiste (dato Umbria) non esiste (dato Umbria)
locale
43 UHF
non esiste (dato Umbria) non esiste (dato Umbria) non esiste (dato Umbria) non esiste (dato Umbria)

ROSELLE  (per Grosseto)
Nazionale eguale in OGNI DIREZIONE  (PIENA AREA DI SERVIZIO IMPIANTO)
Locale un buco di 25 dB in direzione 250 gradi   30 dB di meno (spento e basta)

emittente
canale
potenza ERP max
riduzione potenza
risultato
watt ERP
nazionale
52 UHF
47 dBw
0 dB
47 dBw
50.000 w erp
locale
35 UHF
17 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
17 dBw
50 w erp
locale
45 UHF
17 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
17 dBw
50 w erp
   
AMIATA
Nazionale eguale in OGNI DIREZIONE  (PIENA AREA DI SERVIZIO IMPIANTO)
Locale un buco di 25 dB in direzione 260 gradi  (è ESATTAMENTE LA CORSICA ma ci sono tantissime abitazioni in quella direzione bucata .....) potenza 20 dB di meno (spento è eguale)

emittente
canale
potenza ERP max
riduzione potenza
risultato
watt ERP
nazionale
52 UHF
42 dBw
0 dB
42 dBw
15.800 w erp
locale
35 UHF
17 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
17 dBw
50 w erp
locale
45 UHF
18 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
18 dBw
60 w erp
   
Poggio Incontro
Nazionale: eguale in OGNI DIREZIONE  (PIENA AREA DI SERVIZIO IMPIANTO)
Locale: un buco di 25 dB in direzione 260 gradi (è ESATTAMENTE LA CORSICA ma ci sono tantissime abitazioni in quella direzione bucata .....)  se non ci fosse il buco sarebbe solo 10 dB più basso

emittente
canale
potenza ERP max
riduzione potenza
risultato
watt ERP
nazionale
52 UHF
47 dBw
0 dB
47 dBw
50.000 w erp
locale
35 UHF
39 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
39 dBw
7900 w erp
locale
45 UHF
40 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
40 dBw
10.000 w erp
   
SECCHIETA
Nazionale: eguale in OGNI DIREZIONE  (PIENA AREA DI SERVIZIO IMPIANTO CON MINIME VARIAZIONI)
Locale: POCHISSIMI CANALI PREVISTI [un buco di 25 dB in direzione 260 gradi (è ESATTAMENTE LA CORSICA ma ci sono tantissime abitazioni in quella direzione bucata .....)
30 dB di meno  -   equivale a spento.....

emittente
canale
potenza ERP max
riduzione potenza
risultato
watt ERP
nazionale
52 UHF
47 dBw
0 dB
47 dBw
50.000 w erp
locale
35 UHF
17 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
17 dBw
50 w erp
locale
44 UHF
19 dBw
0 dB (a parte il buco come sopra)
19 dBw
79  w erp
   
Le stesse situazioni si ripetono per altri siti importanti come Serra (per tutte le frequenze....), Argentario (quà per prendere in giro meglio oltre al bassissimo livello hanno previsto polarizzazione invertita). Insomma, al Ministero interessa solo che le emittenti spengano (si chiama SWITCH OFF) e se non riaccendono gli va benissimo....
Allego i file delle regioni Liguria Toscana Umbria e Marche (oltre al file nazionali)  per poterne dare la massima diffusione anche al fine di svergognare la situazione di morte pianificata.
Associazione emittenti locali REA
"


ELENCO IMPIANTI NAZIONALI
ELENCO IMPIANTI LOCALI REGIONE LIGURIA
ELENCO IMPIANTI LOCALI REGIONE TOSCANA
ELENCO IMPIANTI LOCALI REGIONE UMBRIA
ELENCO IMPIANTI LOCALI REGIONE MARCHE


 11 NOVEMBRE 2011 - Venerdì 

Ore 22.40 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Simone da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buonasera, ho trovato per caso il vostro sito web e devo dire che è veramente  ben fatto e completo. Vi faccio una domanda che riguarda la città di Genova. Da quando c'è stato lo switch off la maggior parte dei canali Premium sono spariti.  Controllando sul vostro sito l'aggiornamento dei canali per Genova ne ho dedotto che non è un problema mio; a tal proposito vorrei sapere se e più o meno quando sarà di nuovo possibile visualizzare le reti sparite. Simone da Genova.
"

Ore 16.45 -  IN EVIDENZA  - SWITCH OFF: DOMANI IL PASSAGGIO DEFINITIVO AL DIGITALE ANCHE PER LA SPEZIA.
Il passaggio alla televisione digitale della città di La Spezia e di parte della provincia, inizialmente previsti per il 4 novembre e sospesi a causa dell’alluvione, avverrà domani 12 novembre.
Questa, nel dettaglio la lista dei comuni interessati alla transizione al digitale: Ameglia, Arcola, Beverino, Bolano, Calice al Cornoviglio, Castelnuovo Magra, Follo, Fosdinovo, La Spezia, Lerici, Ortonovo, Pignone, Portovenere, Riccò del Golfo di Spezia, Riomaggiore, Santo Stefano di Magra, Sarzana, Vezzano Ligure, Zeri.



 10 NOVEMBRE 2011 - Giovedì 

Ore 08.25 - TELEMASONE CHIEDE UN CONTRIBUTO DIGITALE (MA CONCRETO).
Riportiamo il comunicato pubblicato qualche giorno fa dal sito dell'emittente dell'omonimo comune della provincia di Genova, TeleMasone che chiede ai suoi telespettatori un contributo per adeguare i suoi impianti al digitale terrestre. Ricordiamo che al momento i programmi di TeleMasone non sono on air, le trasmissioni sono cessate il giorno del passaggio al digitale.
Con il passaggio al Digitale Terrestre, il Ministero obbliga la nostra emittente a trasmettere su 3 diversi canali. Per poterci adeguare a questo cambiamento abbiamo bisogno di una somma pari a circa 20.000 euro, che ci consentirà di acquistare le attrezzature INDISPENSABILI alla messa in onda dei canali. MANCA SOLO IL VOSTRO AIUTO!
La raccolta verrà effettuata dai nostri collaboratori che allestiranno un banchetto davanti all’ufficio postale nel corso del mese di Novembre (tempo permettendo), oppure attraverso il porta a porta.
TeleMasone esiste da quasi 30 anni, non dimentichiamoci che è una televisione locale e racconta, attraverso i vari filmati e le interviste, la storia del nostro paese!
Ciascuno di noi, almeno una volta nella vita, ha guardato anche solo un minuto di trasmissione…

http://www.telemasone.com

Ore 00.50 - MUX TELECAMPIONE: ATTIVAZIONE DI TLC3 MA SOLO DI NOTTE.
UHF 53 (Liguria) - UHF 66 (Lazio) - UHF 62 (Piemonte-Lombardia) Mux TELECAMPIONE:
Da quando Planet TV (LCN 183) ha preso il posto di TLC 3, quest' ultimo è stato eliminato, ma non del tutto, infatti effettuando una ricerca dei canali dopo la mezzanotte, oltre alla stessa Planet TV che continua a trasmettere regolarmente, si sintonizza un canale denominato TLC 3 (+1) senza LCN, con un cartello fisso con la scritta: le trasmissioni riprenderanno alle ore 6:00. Dopo le 6.00 del mattino successivo il canale viene disattivato, pensiamo pertanto che si tratti di una dimenticanza da parte di TeleCampione che attivava questo cartello per lasciare spazio di capacità trasmissiva nelle ore notturne ai canali a pagamento Nitegate. Alleghiamo due immagini scattate pochi minuti fa.




 09 NOVEMBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 22.00 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Tommaso da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buonasera, ringrazio tutto lo staff di italiaindigitale per lo splendido sito e per la quantità e la precisione delle informazioni presenti. Mi trovo in via Trento, zona Albaro di Genova. Siccome l'impianto centralizzato del mio condominio tarda ad essere aggiornato ho deciso di installare temporaneamente una mia antenna sul tetto del palazzo. Si tratta di una semplice logaritmica in linea ottica col monte Fasce dalla quale ottengo risultati molto soddisfacenti in termini di potenza e BER/MER su tutti i mux tranne che per Timb1 e Timb2 sui canali 47 e 60: segnale praticamente nullo e grande frustrazione. Ruotando l'antenna in direzioni diverse posso ottenere miglioramenti ma perdo di volta in volta gli altri segnali. Il problema è temporaneo oppure è noto e mi devo armare di santa pazienza e aspettare che sincronizzino le SFN? Un'antenna più direttiva potrebbe risolvere la situazione? Personalmente credo di no perché il segnale che ricevo è quasi nullo e dubito che questo sia dovuto alla presenza di segnali in opposizione di fase, ma potrei sbagliarmi. Chiedo lumi.  Grazie, Tommaso.
"


 08 NOVEMBRE 2011 - Martedì 

Ore 16.50 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Maurizio da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, dal giorno dello switch-off a Genova e fino ad oggi, il canale di LA7 è sparito dalla ricezione in tutta la mia zona, ponente della città (Prà), credo che l’antenna condominiale sia indirizzata verso il ripetitore M.Fasce, ho provato più volte a effettuare la sintonizzazione in automatico, cancellando le memorizzazioni precedenti, ed anche quella in manuale sui canali 60, 42 e 47 senza nessun effetto, non credo sia l’antenna perché è l’unico segnale che non viene recepito e inoltre, fino al giorno dello switch-off la trasmissione in digitale era perfetta, è possibile che ci siano ancora dei tempi tecnici di attesa o dobbiamo rinunciare a vederla? Grazie e Cordiali Saluti. Maurizio.
"


 07 NOVEMBRE 2011 - Lunedì 

Ore 20.05 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA VILLANOVA D'ALBENGA (SAVONA).
Ci scrive Stefano da Villanova D'Albenga, in provincia di Savona. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Stefano da Villanova D'Albenga (SV) Liguria. Qui abbiamo problemi di ricezione per tutti i 3 mux di telecom italia uhf 42 47 60 dall' impianto di monte Fasce Genova in alcune zone del comune
il segnale è basso ho potuto misurarlo perchè ho un misuratore di campo.
Idem per Rete A tutti i mux uhf 32 33 sempre da monte Fasce (Ge), il giorno del switch-off erano molto forti ora quasi assenti o evanescenti. Ho già contattato via mail Telecom Italia Media B. ma se ne infischiano, basterebbe potenziare di poco il segnale verso Albenga! Saluti. Stefano.
"


 06 NOVEMBRE 2011 - Domenica 

Ore 12.20 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DALLA LIGURIA.
Ci scrive un anonimo dalla Liguria. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buonasera... volevo sapere se avete notizie sul ripetitore di monte Tugio... non trasmette da venerdi sera... grazie...
"

Ore 12.00 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA MILLESIMO (SAVONA).
Ci scrive Daniela da Millesimo, in provincia di Savona. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Abito in Liguria, provincia di Savona (Millesimo) e prima dell'avvento del digitale terrestre vedevo i canali Boing e Cartoonito benissimo, contemporaneamente allo switch off non li vedo più: potreste indicarmi se è ancora possibile vederli e come fare per risintonizzarli? Grazie. Daniela.
"


 05 NOVEMBRE 2011 - Sabato 

Ore 10.15 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Beatrice da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Salve. Scrivo da Genova Centro. Possiedo due televisori:
- uno acquistato l'anno scorso con decoder incorporato, tramite il quale vedo tutti i canali senza problemi, dopo aver effettuato la  risintonizzazione a seguito dello switch off;
- l'altro, più vecchio, al quale ho collegato il decoder: vedo soltanto alcuni canali tipo cielo, rai movie, rai storia, arturo ed altri di  questo tipo, che prima dello switch off non vedevo.
Invece non ricevo per nulla, pur avendo effettuato più volte la risintonizzazione, i canali: RAI1, RAI2, RAI3, RETE4, CANALE 7, LA 7,  LA7 digitale, IRIS, RAI 4 ed altri ancora. Potete darmi un consiglio utile? Grazie. Beatrice
P.S.: Presumo che non sia un problema di antenna condominiale perchè con
uno de i televisori ricevo perfettamente.
"


 04 NOVEMBRE 2011 - Venerdì 

Ore 18.35 - RAI A GENOVA: I TRUCCHI PER PROVARE A RICEVERLA.
In qualche caso si può anche sperare di risolvere il problema con un piccolo trucchetto nel risintonizzare il decoder o la tv già dotata di «traduttore» del segnale. «Può capitare di non ricevere la Rai perch´ ad esempio si prende il segnale dal ripetitore di Portofino che trasmette sulla frequenza 09 - spiega Nicola Crasta, il referente dell'Ascom per gli antennisti -. I decoder e le tv più vecchie non la riconoscono come frequenza europea. In questo caso sarebbe sufficiente riprogrammare tutto, mettendo come paese, ad esempio, la Germania».
Ma c'è anche una questione di «forza» del segnale trasmesso. «Ad esempio quelli del monte Fasce sono volutamente e giustamente tenuti bassi dalla Rai per evitare altri problemi - conferma ancora l'esperto - In realtà in questo caso è sufficiente usare due antenne diverse, che ricevono e miscelano più segnali. Così la Rai funzionerà benissimo». Ma se riprogrammare il decoder può essere un'operazione da fare da soli, qui si va già sul tecnico. «Ma infatti, questa sarebbe stata un'operazione da fare con l'aiuto di un antennista - spiega Crasta -. Chi ha dimestichezza con il mestiere sa che è cosa da poco, ma bisogna farla. Non ci si può lamentare che non si vede niente, magari incolpare la Rai o un'altra emittente, se in realtà l'amministratore di condominio non ha mai provveduto a far predisporre l'antenna o verificare l'impianto. Magari anche solo cercando di ricevere il segnale da altri ripetitori».
C'è un terzo possibile problema. Ancora più tecnico. L'isofrequenza. «È la sommatoria di più segnali uguali - aggiunge l'antennista -. È un problema che esiste in tutta Italia, ma è ancor più sentito a Genova dove ci sono ben 16 ripetitori. Ma anche in questo caso è lavoro da esperti». Come fare comunque per tornare a vedere le trasmissioni normali? Anche i tecnici delle emittenti ci stanno lavorando. Si sta ricalibrando la trasmissione del segnale, ma ci vorranno ancora due o tre settimane di pazienza perch´ tutto vada a posto. Nel frattempo, specie in zona alte della città come Circonvallazione a monte, una parte di Nervi, Quarto alta, ma anche Sampierdarena nella zona dell'ospedale, la cosa più semplice è quella di chiedere l'intervento di in antennista esperto.

Tratto da: http://www.ilgiornale.it/genova/ecco_tutti_trucchi_provare_prendere_anche_segnale_rai

Ore 18.30 - RAI GENOVA: LA SEDE E' SENZA ELETTRICITA'.
Il Tg2 delle ore 18.00 riferisce che la sede genovese della TGR è al momento senza energia elettrica, i collegamenti con i TG nazionali sono effettuati via cellulare, i telefoni di rete fissa sono al momento isolati.
Il TGR delle 19.30 è andato in onda grazie all'ausilio di un gruppo elettrogeno.
TGR LIGURIA EDIZIONE DELLE 19.30


Ore 18.20 - EMERGENZA MALTEMPO IN LIGURIA: LA DIRETTA DI PRIMOCANALE.
L'emittente ligure Primocanale (LCN 10) oggi ha interrotto la normale programmazione per trasmettere uno speciale in diretta sull'emergenza maltempo a Genova. Per l'occasione ci informano che Primocanale Sport (LCN 12) sta trasmettendo la programmazione di Primocanale. Potete seguire la diretta in questo link: http://www.primocanale.it/streaming.php


 03 NOVEMBRE 2011 - Giovedì 

Ore 23.35 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA RECCO (GENOVA).
Ci scrive Paola da Recco, in provincia di Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Solo per segnalarvi che dopo lo S.O., abito nelle alture di Recco, sono completamente senza segnale gli uhf 26 e uhf 36, mentre prima dello s.o. erano attivi. Ci sono problemi? Il ns. non è un impianto condominiale. Il televisore è marca LG con decoder integrato. Avete suggerimenti? Grazie mille. Paola.
"

Ore 17.50 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Marco da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Al momento dal ripetitore del Monte fasce di Genova direzione ponente non ricevo i seguenti canali (mux):
CH.32 (Rete A Dvb 1)
CH.33 (Rete A Dvb 2)
CH.42 (Timb3 Dvb)
CH.45 (Studio Nord Tv Dvb) (segnale presente ma senza canali memorizzabili)
CH.52 (Mediaset Dvb 1)
CH.53 (Teleliguria Dvb)
CH.60 (Timb2 Dvb)
Potete dare informazioni a riguardo? Grazie, Marco
."

Ore 16.45 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive un anonimo da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Non vedo i canali La 7."


Ore 14.05 - REALIZZATA LA LISTA LCN DELLA LIGURIA.
E' disponibile la lista delle emittenti della Liguria ordinata in base alla numerazione automatica LCN. Per visualizzarla clicca nel link seguente >  LISTA LCN LIGURIA .


 02 NOVEMBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 23.50 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DALLA LIGURIA.
Ci scrive un anonimo dalla Liguria. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
" Zona Levante. Prima dello switch off si ricevevano perfettamente i canali di cartoni animati tipo Boing K2 cartoonito etc.......dopo lo switch off non si ricevono più nonostante la risintonizzazione quotidiana dei canali digitali. Potete aiutarci?
"

Ore 21.00 IN EVIDENZA  : LE ZONE ALLUVIONATE DELLA PROVINCIA DI LA SPEZIA NON PASSERANNO AL DIGITALE FINO A NUOVO ORDINE.
Lo switch off doveva avvenire il 3 e 4 novembre. Niente digitale terrestre, almeno per il momento, nella provincia della Spezia, in seguito alle tragiche inondazioni.
La Spezia - Le zone dell'alluvione non passeranno al digitale terrestre, almeno per il momento. La Provincia della Spezia dunque non effettuerà almeno per ora lo switch off, che sarebbe dovuto avvenire il 3 e 4 novembre. Lo ha deciso il ministero dello sviluppo economico. In particolare, le attivita' di transizione alla nuova tecnologia del servizio pubblico sono rinviate nei Comuni di Levanto, Monterosso al Mare, Vernazza, Borghetto di Vara, Rocchetta di Vara, Sesta Godano e Zignago. Le trasmissioni televisive in questi Comuni resteranno dunque in tecnica analogica per consentire la continuità del servizio pubblico, gli adempimenti tecnici necessari alla trasmissione e ricezione della tv digitale sono posticipati a quando sara' superata l'attuale fase di emergenza.
Tratto da: http://www.lanazione.it/laspezia/cronaca/2011/11/02/612424-alluvione_spezia

Ore 19.30  IN EVIDENZA  : ECCO IL MASTER PLAN DELLE PROVINCIE DI LA SPEZIA E MASSA CARRARA.
Oggi è uscito il masterplan ufficiale delle provincie di La Spezia e Massa Carrara. Ringraziamo Otgtv per averlo diffuso tramite Digital-forum.
Ecco in allegato il documento.

MASTERPLAN LA SPEZIA - MASSA CARRARA

Ore 19.00 - MUX EUROTELEVISION TELEGENOVA: AGGIUNTO IL CANALE GOLD TV ITALIA.
UHF 29 Mux EUROTELEVISION TELEGENOVA:
E' stato aggiunto un nuovo canale nel mux EUROTELEVISION TELEGENOVA sul canale 29 UHF. Si stratta della romana Gold TV Italia, con numerazione LCN 179.



Ore 18.45 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Evelina da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, nella mia zona di Genova Sturla non si ricevono i canali RAI 1 RAI 2 RAI3, gli altri nuovi della rai RAI 4 RAI 5 ECC  si, cosa  dobbiamo fare? Grazie. Evelina."

Ore 12.30 - MUX TELECAMPIONE: ELIMINATA TLC 3, CAMBIO DI LCN PER PLANET TV.
UHF 53 Mux TELECAMPIONE:
E' stato eliminato il canale time-shift TLC 3 (+1), e la sua numerazione LCN è stata presa da Planet TV, che passa dalla posizione 661 alla 183. Abbiamo aggiornato lo z@pping tv del multiplex.





Update ore 12.50: Alcuni istanti fa è stata aggiunta sotto il logo di Planet TV la scritta TLC 3, come potete vedere dalle immagini.



Ore 12.10 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Mauro da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, sono Mauro e abito a Genova - Quarto. Nei giorni scorsi l'amministratore ha fatto intervenire un antennista perchè alcuni condomini dicevano di non ricevere il segnale (io non vedevo solo LA7). L'antennista ha eliminato la vecchia centrale di testa a filtri della Fracarro e ha installato una nuova Centrale Mediasat Multidigit DTT 2000. Da quel momento il mio televisore (Sony KDL-32W4000) collegato all'impianto centralizzato non riesce più a ricevere i segnali RAI 1 - RAI 2 e RAI 3 che con il vecchio impianto, anche dopo lo switch off vedevo benissimo. Viste le mail degli altri utenti potete aggiornare le notizie sulla qualità del segnale RAI dal Monte Fasce? Su che canale viene trasmesso? Era proprio indispensabile sostituire l'antenna e la vecchia centrale a filtri Fracarro? Grazie per le risposte che riuscirete a darmi. Buon lavoro."


 31 OTTOBRE 2011 - Lunedì 

Ore 20.10 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA SESTRI LEVANTE (GENOVA).
Ci scrive Francesco da Sestri Levante, in provincia di Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Sono Francesco, ho ricevuto regolarmente i segnali dei mux Mediaset dal m.te Fasce (Genova) nel giorno dello switch off, poi la situazione è peggiorata sino a non ricevere più alcun segnale. Potrebbe essere un problema comune o dovuto al mio impianto? Grazie."

Ore 17.55 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA SAVONA.
Ci scrive Giovanni di Savona. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buonasera. Secondo le mie rilevazioni al momento non mi risultano essere mai stati attivati dal ripetitore Crocetta i mux dei seguenti canali: 28 Primantenna, 29 Telegenova e 53 Teleliguria. Confermo come da Voi segnalato in tabella che da tale ripetitore è assente il canale 35 Italia 8. PregandoVi di controllare se quanto da me indicato risulta corretto cordialmente saluto. Giovanni - Savona."

Ore 10.15 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive un anonimo di Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Salve da 4 giorni non si vede la Rai a Genova centro. Ho una tv con decoder incorporato e non si vede nulla, non prende manco il mux Rai muto e buio, con un altra tv col decoder esterno prendo il mux 1 ma a scatti  e non si sente quasi nulla. E' il famoso problema della Toscana che rompe i maroni o a Genova ce un problema sui ripetitori? Perche io prima prendevo la rai alla grande su entrambe le tv. Saluti "


 29 OTTOBRE 2011 - Sabato 

Ore 15.30 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Franco da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Dal giorno del passaggio al digitale terrestre non si vede piu calcio mediaset e collegati - la 7 e altri che dovrebbero essere sul canale 52. Genova centro. Cordiali saluti. Franco."

Ore 00.05 - I GENOVESI E IL DIGITALE TERRESTRE IN UN VIDEO DEL SECOLO XIX.
Genova - Ancora code fuori dai negozi di elettronica nel capoluogo ligure dopo lo switch off del digitale terrestre. I genovesi si attrezzano acquistando i decoder, ma qual è la situazione? Le telecamere del Secolo XIX hanno chiesto agli acquirenti quali sono le problematiche con cui si trovano a fare i conti, la facilità o meno di utilizzo delle apparecchiature, il costo dell'operazione che permette di vedere i programmi televisivi sul digitale.
Nel video il commento dei genovesi e di un responsabile vendite di un negozio di prodotti elettronici:
http://bcove.me/wmbxlw8y
Tratto da: http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2011/10/28/AOcAd2HB-digitale_terrestre_sconosciuto


 28 OTTOBRE 2011 - Venerdì 

Ore 18.00 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Emanuela da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Da casa mia che si trova a Sturla di fronte al monte Fasce non riesco a sintonizzare neppure manualmente il multiplex 2 di Mediaset con Boing, Iris e Coming soon television. Emanuela."

Ore 16.00 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive G.Pareto da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Ieri pomeriggio all' improvviso le reti rai 1-2-3-rai 24 sono diventate mute e si vedono movimenti a scatto. Io uso chiavetta SKY per sintonizzarle. Provato a risintonizzare ma nulla cambia, tutte altre mediaset la7 OK. Altri hanno mio stesso problema? G.Pareto."

Ore 14.50 - GENOVA DIGITALE: LA RAI RESTA UN MIRAGGIO.
GENOVA - Il segnale c’è, ma (la tv) non si vede. Oggi a Genova termina la procedura dello switch off ma ancora ieri decine di genovesi hanno scritto in redazione e sul sito del Secolo XIX lamentandosi per l’oscuramento di alcuni canali. Una situazione destinata a migliorare con l’accensione dei ripetitori ancora mancanti, soprattutto nel levante. Anche perché, in molti casi, il non captare alcuni canali non è colpa dell’assenza del segnale, ma della mancata sintonizzazione del decoder, per esempio, o di antenne vecchie e non adatte.
«È una situazione a macchia di leopardo - spiega l’antennista Giuseppe Giacomini - perché ad esempio in alcuni edifici di San Fruttuoso non si vede la Rai, in altri sì. Il problema spesso sono i filtri dell’antenna che vanno sostituiti. In ogni caso è un mezzo pasticcio e stiamo cercando di risolvere i problemi più urgenti». Un pasticcio al quale hanno contribuito diversi fattori: qualche problema sui ripetitori - ieri il monte Fasce trasmetteva un segnale debole e il mux 1, quello dove viaggiano Rai1, Rai2, e Rai3, non si vedeva in mezza Genova, molti problemi sulle antenne e una buona dose di impreparazione da parte di molti genovesi smarriti davanti a decoder e menù di installazione.

«Mercoledì ci sono stati grossi problemi con il ripetitore della Rai sul monte Fasce, che trasmetteva un segnale debole e fino al mattino di ieri il segnale era indecoroso. Dal Righi, invece, non ci sono stati problemi e non ha avuto problemi nemmeno Mediaset, ma la situazione varia da quartiere a quartiere e dovrebbe migliorare con l’accensione dei ripetitori secondari» spiega ancora l’antennista, che prosegue: «La situazione è tutta in divenire. Bisogna ricordare che i canali disponibili tra radio e tv sono più di 250 e molti, in questi giorni, anche se non si lamentano perché riescono a vedere i canali principali, in realtà ricevono solo una parte dell’offerta del digitale terrestre».
E mentre gli amministratori di condominio sono subissati dalle telefonate dei condomini preoccupati perché non vedono più alcuni canali e i ritardatari si precipitano ad acquistare il decoder, gli addetti ai lavori invitano alla calma. «Ieri la situazione era ancora fluida - spiega Gabriele Talarico, che si occupa del digitale terrestre per la Regione Liguria - e i problemi possono essere molteplici. Certo, ci sono zone in cui è mancata la copertura, ma si tratta di uno dei problemi minori: gli impianti trasmittenti sono stati adeguati e le emittenti dovranno magari aggiustare il tiro. Il monte Fasce ha trasmesso con meno potenza del previsto, ma questo è successo anche perché il grande impianto sul monte Serra, in Toscana, trasmette ancora in analogico e lo influenza pesantemente». Bisogna ricordarsi che la Liguria sarebbe dovuta passare al digitale nel 2010 e la Toscana nel 2012 e che proprio a causa delle interferenze del monte Serra si decise di posticipare lo switch off ligure e di anticipare quello toscano, previsto dal 7 al 23 di novembre.
Tornando al problema più diffuso, cioè la “sparizione” di alcuni canali, potrebbe essere colpa dell’antenna: se è un problema di filtri, è necessario chiamare l’antennista e farli ritarare ma se è un problema di potenza, potrebbe essere necessario sostituirla. Molti decoder, infatti, non considerano il segnale se questo arriva troppo debolmente. «C’è un discorso legato alla città che fa sì che nella stessa via alcuni vedano e altri no - spiega Talarico -, a seconda del tipo di antenna che è installata sul tetto. Le derivazioni in casa, poi, a seconda del tipo di impianto, fanno passare tutti i segnali o solo una parte e capita che in cucina non si vedano tutti i canali che si vedono in salotto».
Ricapitolando: già nel corso della giornata la situazione dovrebbe stabilizzarsi, almeno a Genova. Le emittenti stanno ancora lavorando per ottimizzare il segnale, procedure che non potevano fare prima perché devono essere senza l’interferenza del segnale analogico. È bene quindi rifare, nei prossimi giorni, la sintonizzazione dei canali. Se i segnali arrivano con poca potenza e si vede tutto “a quadretti”, rivolgersi a un antennista. Se invece abbiamo due televisori in casa e su uno vediamo bene e sull’altro no, proviamo prima a scambiare i decoder e a vedere cosa succede. Se il problema persiste è meglio chiamare un tecnico per controllare se l’antenna è adeguata o se si tratta di solo di rifare la derivazione.

Tratto da:
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2011/10/28/AO5d9uHB-digitale_miraggio_lotteria


 27 OTTOBRE 2011 - Giovedì 

Ore 22.15 - REALIZZATE LE LISTE DELLE TV AD IMPERIA E A SANREMO.
Nelle nostre pagine di LIGURIA IN DIGITALE abbiamo inserito le nuova liste delle TV AD IMPERIA e delle TV A SANREMO (IM), dove potete consultare tutti i mux ricevibili, la loro composizione e le immagini dei canali con il nostro esclusivo z@pping TV.

Ore 11.00 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA GENOVA.
Ci scrive Massimo da Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Mancano parecchi canali quali La 7, Rai 4 e molti altri. Grazie per tutto. Massimo."

Ore 08.20 - SAVONA IN DIGITALE: REALIZZATA LA NUOVA LISTA TV.
Savona è in digitale, e nelle nostre pagine di LIGURIA IN DIGITALE abbiamo inserito la nuova lista delle TV A SAVONA, dove potete consultare tutti i mux ricevibili, la loro composizione e le immagini dei canali con il nostro esclusivo z@pping TV, per il momento solo di quelli nazionali, nei prossimi giorni verranno aggiornati anche i multiplex delle emittenti televisive locali.


 26 OTTOBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 23.30 - GENOVA IN DIGITALE: REALIZZATA LA NUOVA LISTA TV E LO Z@PPING TV DI RAI MUX 1 LIGURIA.
Da oggi Genova è in digitale, e nelle nostre pagine abbiamo inserito la nuova lista delle TV A GENOVA, dove potete consultare tutti i mux ricevibili, la loro composizione e le immagini dei canali, per il momento solo di quelli nazionali, nei prossimi giorni aggiungeremo anche quelle delle tv locali. Abbiamo realizzato anche la tabella con i dettagli dei canali, le postazioni trasmittenti e lo z@pping TV di RAI mux 1 LIGURIA, nella nostra sezione MUX NAZIONALI.

Ore 21.40 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA COGOLETO (GENOVA).
Ci scrive Marco da Cogoleto, in provincia di Genova. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Ciao a tutti,  qui a Cogoleto non si riescono a sintonizzare i canali Mediaset. Posso sapere le motivazioni e se esiste un modo per poter ricevere il segnale? Faccio rilevare di aver già risintonizzato la mia tv diverse volte. Grazie per quanto potrete fare, Marco. "


 25 OTTOBRE 2011 - Martedì 

Ore 22.00 - L'ANGOLO DEL BUONUMORE CON L'ATTESA DEL DIGITALE A GENOVA.
Digitale humanum est. La guida di Enzo Costa alla nuova tv.
La fenotipologia dei genovesi digitali terrestri. L'autore dei Lanternini e delle Rime bacate ci regala una preziosa guida al cambiamento epocale. Domani lo swtich off a Genova: niente panico.
Con l’arrivo del digitale terrestre si sono manifestati alcuni esemplari umani molto interessanti. Io ne ho isolati ed esaminati cinque. Eccoli qui di seguito.
Il consulente globale – È l’amico che sa tutto sul digitale terrestre, e purtroppo lo vuole spiegare a te: in questi giorni, se lo incontri, non hai scampo: anche se gli dici “Visto che brutta fine, Gheddafi?”, oppure “Certo che il freddo ora si fa sentire!” o anche “Ho avuto una colica renale terrificante!”, lui replicherà: “Sta arrivando il digitale terrestre!” e, quel che è peggio, si lancerà immediatamente in una prolusione sterminata su pregi e difetti del decoder, vizi e virtù dell’analogico, vantaggi e svantaggi dello switch-off, qualità e limiti del parch-on, delizie ed amarezze dello sdong-out, meriti e demeriti del tirx-down. Le ultime tre paroline se le è inventate lui, giacché il consulente globale (stra)parla a prescindere dalla sua competenza in materia, che non dico sia pari alla tua: è inferiore. Di solito, infatti, fa il fioraio. È lo stesso individuo che, fino ad un paio di settimane fa, se ti incontrava ti faceva una testa così su rating, bund, default, steller, woops e cheestick(almeno tre termini inesistenti, per contratto, li spara sempre).
L’esperto televisivo – Due cose lo distinguono dal consulente globale: il fatto che è un vero esperto patentato, e il fatto che invece che per la strada lo incontri alla tv. È lì che, via via disseminato per tiggì, comunicati di servizio e prologhi del meteo, ti spiega come fare col digitale. Ed è lì che ti chiedi come mai non abbiano chiamato, al posto suo, il tuo amico consulente globale, che ne sapeva di più e magari costava anche meno. Unico vantaggio: a switch-off ultimato, non lo vedi più. Però, molto probabilmente, non vedi più nemmeno la tv
Il black and white bloc – È quel signore gentile ed educato ma talmente esasperato dall’attesa acritica e messianica per il Sistema Televisivo del Multidigitale, che progetta di staccarsi a sorpresa dalla fila di acquirenti di decoder in cui si trova da oltre cinque ore, per lanciare un estintore contro l’incolpevole commessa. Poi, per fortuna, recede dall’insano proposito. Ma quando finalmente tocca a lui, compra un Phonola analogico in bianco e nero che era nel negozio a mo’ di arredamento vintage.
Il nonno multimediale – È l’unico che sa davvero tutto del digitale. Avendo scaricato dal web un programma pirata visto su YouTube che ha poi installato su un decoder di terza generazione da lui acquistato su e-bay, esibisce la calma olimpica di chi è certo che non solo riuscirà a vedere il digitale terrestre, ma lo vedrà in 3D. E senza condividerlo con i nipoti, che si accontenteranno della radio a galena.
L’ansioso apocalittico-luddista – Refrattario com’è a qualsivoglia novità nel campo della tecnologia, vive l’arrivo del digitale terrestre come una Sciagura Epocale da cui lui, se non l’umanità intera, non si riprenderà più. Non badando al fatto che avesse pensato le stesse cose per l’arrivo della banda larga, di Internet, del pc, della tv a colori, del mangiadischi e via via risalendo la corrente dei ritrovati tecnologici della seconda metà del 20º secolo. Maschera malamente i suoi malumori catastrofisti firmando articoli pseudospiritosi dedicati a cinque tipi umani alle prese con il digitale terrestre.
Tratto da: http://www.viveregenova.comune.genova.it/content/digitale-humanum-est-la-guida-di-enzo-costa-alla-nuova-tv

Ore 18.25 - DIGITALE TERRESTRE, E' L'ORA DI GENOVA.
Arriva anche a Genova il tanto atteso e temuto passaggio alla televisione digitale terrestre (DTT). Come già si sono accorti i residenti dell'imperiese e del savonese, non c'è un giorno preciso valido per tutti: dipende dalla zona dove si vive e dal ripetitore dove punta l'antenna di casa. A complicare la situazione c'è il fatto che alcune emittenti "staccano" in giorni diversi da altre.
Oltre allo spegnimento del segnale analogico, va ricordato che in questi giorni sono in corso prove tecniche e in alcuni casi capita che "sparisca" il segnale di qualche canale in digitale. E' il caso dell'emittente La7: ieri sera se ne sono accorti molti genovesi che hanno inutilmente provato a guardare i programmi in digitale (con i decoder o con i televisori nuovi).
Nella giornata di domani molti non saranno in grado di vedere i canali Mediaset e alcuni canali Rai. Entro venerdì 28 ottobre dovrebbe essere completato il passaggio dal vecchio al nuovo sistema per tutte le emittenti che si ricevono a Genova. Purtroppo non si sa quanto durerà il blackout ed è anche possibile che per alcune ore sia visibile ancora il segnale analogico e scompaia quello digitale: questo è dovuto al fatto che, al momento del passaggio definitivo al digitale terrestre, gli utenti dovranno risintonizzare tutti i canali come quando si compra un nuovo apparecchio e lo si porta a casa.
Per tutte le informazioni si può consultare il sito internet messo a disposizione dalla Regione Liguria a questo indirizzo 
www.digitaleterrestre.regione.liguria.it.
Tratto da: http://www.genovaogginotizie.it/cronaca/2011/10/25/news-43510/digitale-terrestre-ora-di-genova


 24 OTTOBRE 2011 - Lunedì 

Ore 20.20 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA RIVA LIGURE (IMPERIA).
Ci scrive un anonimo da Riva Ligure, in provincia di Imperia. Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Salve, io abito in Liguria in zona ponente per la preciosione Riva Ligure. Ho un TV con decoder dtt integrato Panasonic Viera e non riesco a ricevere i canali Mediaset come posso fare? Grazie."

Ore 19.45 - DIGITALE A SAVONA: LA "TERRIBILE" AVVENTURA DEL SIGNOR ALDO.
SAVONA - E venne il giorno del digitale terrestre a Savona dove stamane è iniziato lo switch off. I primi canali ad abbandonare il vecchio segnale analogico sono stati quelli della Rai. Il passaggio si completerà poi mercoledì con l’addio all’analogico anche per Mediaset e La7. Prosegue dunque il viaggio del digitale terrestre in Liguria, per alcuni solo una formalità, ma per altri, soprattutto i più anziani, un’evento che può scombussolare abitudini ed equilibri consolidati in tanti anni di vecchia tv analogica. È il caso, ad esempio, del signor Aldo Terribile 88 anni, una delle tante persone che stamattina si sono recate nel negozio Video Service per ricevere assistenza.
Nel video del Secolo XIX i dubbi del signor Aldo e le soluzioni fornite da Roberto Basso, di Video Service Savona:
http://bcove.me/skri8hxr
Tratto da: http://www.ilsecoloxix.it/p/savona/2011/10/24/AOjxAhGB-digitale_avventura_terribile

Ore 12.05 - CHIAVARI, LAVAGNA E SESTRI: TV DIGITALE, IL GIORNO DEL CAOS, IERI ANTENNISTI IN PRIMA LINEA.
Chiavari - Caos nel primo giorno di trasmissione in digitale terrestre nella gran parte del Tigullio. Ieri, infatti, la rivoluzione delle televisioni ha avuto corso a Chiavari, Lavagna, Leivi, Carasco, Cogorno, ma anche a Sestri, Casarza, Castiglione, Moneglia. Ne segue che si è consumata una giornata autenticamente di fuoco, per gli antennisti del territorio, chiamati a verificare il funzionamento degli impianti nelle case, dopo lo spegnimento del segnale analogico da parte dei tecnici delle emittenti televisive.
«Le chiamate arrivano a ripetizione, ogni mezzo minuto», conferma Luigi Gandolfo, antennista di Casarza. I problemi più frequenti? Sembrano legati alla impreparazione della gente: «Qualcuno non ha impostato la nuova ricerca dei canali sul decoder. In tre o quattro, poi, addirittura, mi hanno chiamato chiedendo come mai non si vedesse più niente». Insomma, c’è anche chi, ancora, non sapeva nulla dello switch-off, ma, a parte questo, «il segnale nel centro di Casarza arriva molto bene. Un paio di impianti condominiali avevano problemi, ma li ho regolati a larga banda ed hanno subito preso tutti i canali». Invece, qualche problema si è avuto nel cuore del Tigullio, a Chiavari e Lavagna: «Abbiamo avuto problemi, anche in centro città, con il canale 46, che è quello delle tre reti principali Rai e che, in alcuni casi, sembra fornire un segnale “quadrettato” – spiega Gian Piero Lapi, anch’egli antennista -. Con gli amministratori con i quali lavoriamo, avevamo pianificato un controllo preventivo sui filtri, ma, comunque, nelle prossime ore e nei prossimi giorni, si capirà se i problemi siano dovuti agli impianti condominiali o alla trasmissione delle emittenti, intervenendo di conseguenza».
«Probabilmente, i problemi sul canale 46 sono dovuti ai filtri di alcuni condomini, che subiscono una interferenza da Portofino – aggiunge Marco Cafferata, che ha avuto analogo riscontro - Verificheremo via via. Comunque, di per sé, il segnale arriva bene, anche perché è alto come potenza, più di quanto ci aspettassimo. Sono reduce da controlli a Lavagna, nella zona della stazione, dove si vede benissimo. Semmai, ho riscontrato qualche problema in alcuni palazzi di Chiavari: direi quelli che rimangono troppo sotto al Curlo».
Adesso, la via maestra, per ciascuno, è effettuare la nuova sintonizzazione sui decoder, verificare come si veda e, in caso di problemi, chiamare l’antennista (attraverso l’amministratore, se si vive in condominio) aspettando il proprio turno, vista la ressa del momento: «Nei miei palazzi avevamo appeso cartelli informativi e abbiamo preso accordi con due ditte per un controllo preventivo sui filtri – spiega Moreno Maini, presidente, nel Tigullio, dell’Anaci, associazione degli amministratori condominiali - A questo punto, siamo in attesa di verificare l’andamento del segnale, casa per casa. Diciamo che ci vorrà qualche giorno, ma, dopo il fine settimana dovremmo avere le idee più chiare».
Certamente, al di fuori delle zone dove si sono riscontrati i problemi delineati sopra, i telespettatori avranno potuto apprezzare la qualità del nuovo segnale, che si presenta più nitido di quello in analogico, oltre ad offrire una ben più vasta gamma di canali.

Tratto da: http://www.ilsecoloxix.it/p/levante/2011/10/22/AO7eCmFB-giorno_digitale_antennisti

Ore 11.25 - IMPERIA: PASSAGGIO AL DIGITALE, «PAGHIAMO PER AVERE LO SCHERMO NERO».
I sindaci: l’unica soluzione è un ripetitore privato, ma non abbiamo i soldi.
Imperia - Pagare il canone per avere lo schermo nero: è quello che succede in Valle Arroscia dove la stragrande maggioranza delle famiglie non si sottrae a pagare l’abbonamento alla Rai ma, con l’avvento del digitale terrestre, non riceve le tre reti nazionali. «Siamo al grottesco - denuncia il vicesindaco di Rezzo, Marco Agnese - A quanto risulta anche da indagini giornalistiche, sulla costa il 90 per cento degli abitanti non paga il canone ma fruisce del servizio della Rai, nel nostro entroterra succede esattamente l’opposto: anche personalmente non conoscono una sola famiglia che evada il canone, tutti lo pagano ma nessuno riceve le tre reti Rai».

A quanto pare anche il servizio televisivo pubblico premia i soliti furbi. «La televisione da noi - continua Agnese - svolge, o meglio svolgeva pure un ruolo sociale: spesso è l’unica compagnia, l’unico mezzo di collegamento con il mondo per tanti anziani soli, privi di mezzi di locomozione personale e lontani dalla costa». Una beffa, insomma, nata con il passaggio al digitale terrestre e con la scomparsa della Comunità Montana che, fino a qualche mese fa, gestiva i ripetitori del segnale tv.

«Non abbiamo il servizio ma paghiamo il canone - polemizza Agnese Vinai, sindaco di Ranzo - Le antenne, una volta gestite dalla Comunità Montana, sono ormai abbandonate e, con le nostre povere finanze comunali, non abbiamo la possibilità di intervenire».
L’alternativa sarebbe quella di farsi carico dei ripetitori tuttora esistenti ma inattivi. «Dovremmo spendere 15mila euro per uno - spiega la Vinai - e avremmo bisogno almeno di due oltre ai costi di manutenzione ed energia elettrica: un sogno impossibile con le casse comunali». E’, infatti, tutta la bassa Valle Arroscia ad essere nella peggiore situazione per la ricezione dei programmi Rai. «Nelle nostre case non vediamo niente - sostiene Piero Claveri, sindaco di Aquila d’Arroscia - anche se tutti pagano il canone. Ci vorrebbe la parabola ma costa almeno 200 euro a televisore: la Regione dovrebbe darci una mano con contributi alle famiglie o ai comuni per gestire i ripetitori». Invece l’entroterra sembra dimenticato. «Ancora una volta siamo trattati da cittadini di serie B - contesta il sindaco di Borghetto d’Arroscia, Augusto Forno - Paghiamo il canone per non vedere nulla, siamo cittadini ligi ai nostri doveri ed in cambio riceviamo solo schiaffi».
Tratto da: http://www.ilsecoloxix.it/p/imperia/2011/10/21/AOZ4uSFB-paghiamo_schermo_avere


 21 OTTOBRE 2011 - Venerdì 

Ore 08.55 - TELEMASONE SOSPENDE I PROGRAMMI PER PASSARE AL DTT.
Ecco di seguito una segnalazione dal sito di TeleMasone:
"Avvisiamo tutti i telespettatori di TeleMasone Valle Stura che a causa del passaggio al digitale terrestre saremo costretti a sospendere le trasmissioni per una-due settimane. Quando le trasmissioni riprenderanno in digitale saremo sul canale LCN 74."

Tratto da: http://www.telemasone.com/2011/10/sospensione-temporanea-delle-trasmissioni


 18 OTTOBRE 2011 - Martedì 

Ore 08.35 - DAL 31 OTTOBRE SAMPTV ARRIVA SUL DIGITALE TERRESTRE.
Tempo di Digitale Terrestre a Genova e in Liguria, tempo di SampTv. Ormai ci siamo. Venerdì 28 ottobre il vecchio segnale analogico si spegnerà definitivamente nel capoluogo ligure per lasciare spazio al nuovo segnale digitale. Pronta come non mai, per l'occasione, anche la tivù ufficiale della Sampdoria, gestita direttamente da Alberto Marangon e da tutta l'equipe comunicazione di Corte Lambruschini. Dopo il lancio della nuova veste grafica del portale internet, www.Sampdoria.it, anche SampTv è pronta a rinnovare e a rinnovarsi. Con un unico obiettivo: rappresentare un punto fermo di informazione per tutti i tifosi del Doria. Ed è proprio per questo che col passaggio all'era digitale la tv tutta blucerchiata sarà fruibile da un numero sempre più crescente di supporters rispetto a prima. Da lunedì 31 ottobre, infatti, si alzerà il sipario sul nuovo palinsesto di SampTv, con importanti novità e soprese per chi ha il Doria che gli scorre nelle vene. Cambia il canale (sarà il 681 del digitale terrestre) ma non cambia la rosa giornalistica. Saranno i soliti Matteo Cantile, Federico Berlingheri e Federica Ruggero a guidare quotidianamente i tifosi all'interno dell'universo blucerchiato. A loro, i tifosi - appunto - non resta che mettersi comodi sul divano di casa, telecomando alla mano, canale 681 e... buona visione!
Tratto da: http://www.goal.com/it/news/5/serie-b/2011/10/17/2715928/la-sampdoria-diventa-digitale-dal-31-ottobre-samptv-approda


 17 OTTOBRE 2011 - Lunedì 

Ore 20.00 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA IMPERIA.
Ci scrive un anonimo da Imperia. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggere anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Salve io abito in Liguria a Imperia zona di Caramagna. Facendo piu volte la ricerca manuale e automatica non riesco a ricevere boing e nemmeno Mediaset Italia 2 è un problema di posizionamento dell'antenna oppure ce qualche altro problema? Ricevo 70 canali dtv contando anche i paytv e 10 radio sono normali cosi pochi canali? Spero di ricevere risposta da qualcheduno. Grazie mille.
"

Ore 15.35 - COMUNICAZIONE DI SERVIZIO PER LA LIGURIA.
Segnaliamo che nel documento della Fondazione Ugo Bordoni delle località liguri che passeranno al digitale il prossimo 19 ottobre, erano indicati, nei comuni parzialmente coinvolti, località al di fuori
della Liguria che non erano ancora interessate allo switch off. Oggi il documento è stato modificato correttamente.



 14 OTTOBRE 2011 - Venerdì 

Ore 19.45 - SANREMO: IL VIDEO Z@PPING TV DOPO LO SWITCH OFF.
DjAndrea, utente di digital forum, ha realizzato un nuovo video, questa volta si tratta dello z@pping tv dei canali free ricevuti dal suo impianto d'antenna a Sanremo (IM).

Video Z@pping dei canali free dopo lo switch off a sanremo


 

Ore 13.45 - I PRIMI GIORNI DELLO SWITCH-OFF IN LIGURIA.
Tranquillizza, come sempre, il Ministero dello Sviluppo Economico, si levano invece voci di protesta e vengono denunciati disservizi sul territorio. Lo switch-off ligure sta procedendo un po’ come i precedenti…
Un rompicapo. Può sembrare il termine esatto per definire il passaggio al digitale terrestre della Liguria, partendo dal Ponente, la provincia di Imperia, e arrivando via via al Savonese e poi oltre. Nella nota ufficiale del Ministero, “è positivo, dopo i primi tre giorni, il bilancio del passaggio alla televisione digitale in Liguria. Le operazioni tecniche si sono svolte regolarmente coinvolgendo 551 impianti su un totale di circa 2300, con il costante monitoraggio dei laboratori fissi e mobili dell'Ispettorato territoriale del Ministero”. Andando a toccare le cose con mano possiamo dire che non è stato tutto rose e fiori.
Se sui comuni costieri (vedi Ventimiglia, Bordighera o Ospedaletti) allo scoccare del 10 ottobre le cose sono filate relativamente lisce (in alcune zone, anche del centro cittadino di Bordighera servite dal ripetitore di piano Moreno, non c'era segnale), non altrettanto si può dire di paesi dell'entroterra o vallate dal nome quasi esotico, come Vallebona e Vallecrosia o paesi come Camporosso, Isolabona, San Biagio della Cima, Seborga (il noto principato con una sua moneta che nessuno riconosce). Qui il passaggio dalla Tv analogica al digitale non è stato poi indolore. E così giornali e siti web d'informazione locale sono stati presi d'assalto dalle critiche dei “poveri” utenti. Inoltre anche nei giorni successivi allo switch-off nelle zone di Ventimiglia e Bordighera molti decoder registravano come un segnale criptato quello di RaiUno e RaiDue, mentre tutti gli altri canali del pacchetto Rai erano perfettamente visibili (tra questi RaiTre, i due Rai Sport e gli altri).
Mettiamoci l'orografia della Liguria, con poche valli e monti a picco sul mare, mettiamoci tutto il resto, comprese persone che ignoravano del tutto il passaggio dall'analogico al digitale e il quadro, al solito, non è roseo. Nelle valli imperiesi molti paesi si sono trovati divisi in isolati: quelli che riuscivano a catturare il segnale e quelli che si sono trovati con la televisione muta, prevalentemente anziani. Per aiutarli si mobiliteranno, dal 17 ottobre, gli alunni delle medie superiori del Polo Tecnologico di Imperia (Istituti Itis Galilei, Nautico Doria, Ipssct Calvi), anche con interventi a domicilio, per adeguare i televisori al passaggio al digitale terrestre nella provincia imperiese. Un'iniziativa in collaborazione con la Provincia che mette a disposizione un mezzo per lo spostamento dei circa 30 studenti volontari che offrono il servizio.
A Sanremo, la città più importante della provincia, il passaggio è avvenuto nella mattinata dell'11. Partendo da Mediaset in prima mattinata alle 10.30, tutti i segnali analogici sono stati spenti ed anche le locali hanno acceso il loro nuovo segnale digitale come Telenord ed Imperia Tv mentre il bouquet Primocanale era già acceso dal 10 ottobre. La situazione, a detta dei tecnici, è stata “meno problematica del previsto” e i più fortunati sono stati gli utenti delle zone centrali della città: Ma i tecnici che erano alle prese con il ripetitore di Monte Bignone (che insieme a quello di Coldirodi serve Sanremo e dintorni) hanno segnalato abbassamenti e innalzamenti dei segnali che sono andati avanti per tutta la giornata.
Passando poi al giorno 12, verso il Levante ligure il primo disservizio è stato segnalato ad Andora, primo comune della provincia di Savona coinvolto dallo switch-off, dove per poco più di un'ora nella mattinata di mercoledì si è verificato un black out Tv, dal momento che i tecnici hanno spento il segnale analogico con un'ora e mezzo di anticipo rispetto all'orario previsto delle ore 10. I telespettatori di Ventimiglia, invece, dopo il primo giorno di DTT, si sono ritrovati con lo schermo 'nero', probabilmente a causa dalle interferenze con le frequenze francesi (il Ministero ha comunicato che il disservizio potrebbe durare 2 o 3 giorni). Oggi è toccato ai comuni costieri del Savonese (come Alassio, Garlenda, Ceriale) e alle località più all'interno Nasino, Castelvecchio, Erli, Castelbianco, Onzo, Testico, Stellanello, Casanova Lerrone, Garlenda, Villanova d'Albenga, Vendone, Zuccarello, Nasino).
Tratto da: http://www.b2b24.ilsole24ore.com/articoli/0,1254,24_ART_8960_cms


 12 OTTOBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 16.10 - TV DIGITALE A SANREMO, TEST DI RICEZIONE DI OGGI.
Anche oggi l'amico Djandrea, utente di digital-forum, ha pubblicato un video che mostra la qualità del segnale dei mux ricevuti dopo lo switch off di ieri a Sanremo.


Qualità del segnale switch off Sanremo ‎‎(12/10/11 ore 12.30)‎‎



 11 OTTOBRE 2011 - Martedì 

Ore 17.50 - IMPERIA TV PASSATA REGOLARMENTE AL DTT ANCHE A SANREMO.
Anche Imperia Tv è approdata sul digitale terrestre che, tra ieri e oggi, ha già interessato le zone di Ventimiglia e Sanremo. La storica emittente del ponente ligure, che proprio nel 2011 festeggia i suoi 25 anni, prosegue l'attività dedicata all'informazione locale, approfondimento ed intrattenimento. Con la sintonizzazione automatica del decoder, Imperia Tv appare sul canale 16 del telecomando. La frequenza assegnatale dal ministero, che interessa solo gli antennisti e non gli utenti, è quella del canale 34.
Un risultato importante che premia gli sforzi dell’editore Francesco Zunino che, da solo, ha saputo superare anche quello che poteva essere un grande ostacolo. Tra le trasmissioni di approfondimento di Imperia Tv ci sono “A tutto ponente”, condotta da Federico Marchi il mercoledì sera alle 21, e “Microfono aperto”, di Andrea Pomati in onda sempre in prima serata il venerdì. A breve, proprio con l'avvento del digitale terrestre, saranno ideati e realizzati nuovi format dedicati all'approfondimento e al territorio.

Tratto da: http://www.sanremonews.it/2011/10/11/leggi-notizia/argomenti/altre-notizie/articolo/imperia-tv-ha-regolarmente-acceso-i-propri-canali-in-digitale-terrestre-anche-a-sanremo

Ore 17.40 - TV DIGITALE A SANREMO, TEST DI RICEZIONE.
Djandrea, utente di digital-forum, ha pubblicato un video che mostra la qualità del segnale di tutti i canali dopo switch off (test fatto oggi verso le 16.30) a Sanremo, città coinvolta oggi nel passaggio
alla tv digitale. Ringraziamo Djandrea per averci autorizzato a pubblicare sulle nostre pagine il suo video.

Qualità del segnale di tutti i canali dopo switch off Sanremo



 08 OTTOBRE 2011 - Sabato 

Ore 12.20 - DIGITAL-FORUM: OTG TV PUBBLICA LE LCN DELLA LIGURIA.
Otgtv ha inserito su Digital Forum, un post con le LCN dal 10 al 19 che saranno assegnate alle emittenti locali in Liguria.
Autorizzazioni LCN Liguria:
10 PRIMOCANALE
11 TELEGENOVA
12 TELECITY
13 TELENORD
14
15 TELEPACE
16
17 ENTELLA TV
18 TELELIGURIA
19 TLS TELELIGURIASUD
SuL 14 e 16 dovrebbero esserci Primocanale Sport (Telecittà) o Telestar Liguria.


 07 OTTOBRE 2011 - Venerdì 

Ore 07.45 - MASTERPLAN: ECCO LE TV CHE SI VEDRANNO A SANREMO DA MARTEDI'.
Abbiamo ipotizzato una probabile situazione, in base ai documenti del masterplan, delle frequenze che potrebbero essere attivate da martedì 11 ottobre a Sanremo (Imperia). Questa lista è stata realizzata ordinando per frequenza i multiplex in base alle postazioni che servono quest'area.
Consulta le TV A SANREMO.

Ore 07.25 - MASTERPLAN: ECCO LE TV CHE SI VEDRANNO A VENTIMIGLIA DA LUNEDI'.
Abbiamo ipotizzato una probabile situazione, in base ai documenti del masterplan, delle frequenze che potrebbero essere attivate da lunedì 10 ottobre a Ventimiglia (Imperia), ultima città del ponente ligure al confine con la Francia che insieme a Bordighera, Camporosso, Ospedaletti, Vallebona e Vallecrosia, daranno inizio allo switch off ligure. Questa lista è stata realizzata ordinando per frequenza i multiplex in base alle postazioni che servono quest'area. Consulta le TV A VENTIMIGLIA.


 06 OTTOBRE 2011 - Giovedì 

Ore 14.30 - I MUX LIGURI ORDINATI PER PROVINCIA, FREQUENZA E PROVIDER.
Dopo aver pubblicato sulle nostre pagine il documento postato sulle pagine di digital-forum da Otg tv dell'omonimo sito, abbiamo provveduto ad analizzarlo e lo abbiamo ordinato in vari modi:
per provincia, per frequenza (VHF - UHF) e in ordine alfabetico del nome provider (multipilex).  In vista dello switch off in questa regione, le pagine di LIGURIA IN DIGITALE, ieri hanno avuto un'impennata di visite, superando per contatti le pagine di Piemonte-Lombardia e Roma. Vi ringraziamo inoltre per i continui apprezzamenti e suggerimenti che riceviamo quotidianamente.
Consulta le seguenti liste:
LISTA PROVINCIA GENOVA ORDINATA PER FREQUENZA
LISTA PROVINCIA GENOVA ORDINATA PER MULTIPLEX
LISTA PROVINCIA IMPERIA ORDINATA PER FREQUENZA
LISTA PROVINCIA IMPERIA ORDINATA PER MULTIPLEX
LISTA PROVINCIA LA SPEZIA ORDINATA PER FREQUENZA
LISTA PROVINCIA LA SPEZIA ORDINATA PER MULTIPLEX

LISTA PROVINCIA SAVONA ORDINATA PER FREQUENZA
LISTA PROVINCIA SAVONA ORDINATA PER MULTIPLEX


 05 OTTOBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 17.35 - LA GRADUATORIA E LE FREQUENZE ASSEGNATE IN LIGURIA CON IL PUNTO DI VISTA DI MILLECANALI.
Dalla Liguria (che inizierà lo switch off lunedì prossimo) in poi ci sarà una graduatoria delle Tv per l’assegnazione dei canali (o meno) quali ‘operatori di rete’. Ecco cosa è successo a Genova e in regione...
Lunedì sera, verso le 19.30, sono cominciati gli invii dei decreti di assegnazione delle frequenze per lo switch off ligure. Un passo che viene subito dopo il licenziamento della graduatoria definitiva tra i 21 soggetti (emittenti singole, altre riunite sotto intese o consorzi). Da notare che la graduatoria del Ministero dello Sviluppo Economico contiene un errore: nella posizione 16, all'intesa tra Stv, Varazze Tv, OttoToscana è stata eliminata per dimenticanza Telesanremo. Nulla cambia, con l'assegnazione anche all'emittente del canale assegnato, il 22.
A livello regionale vince, quindi, Telecity davanti alla extraregionale Canale Italia, a sua volta davanti a Primocanale. Alla fine l'unica esclusa, un po' a sorpresa, è la fiorentina Italia 7: ha partecipato da sola, con un unico impianto acceso sopra alla Spezia e ora dovrà ricorrere al must carrier. Per le singole voci, per il patrimonio ha vinto l'intesa tra le due Canale Italia, davanti a Telecity: dietro di loro una voragine di punti. Come dipendenti il primo posto è nettamente di Primocanale, mentre per la copertura ha vinto Telenord, ma con parametri 'altri' troviamo anche Telecity, Primocanale, Telegenova e la giovanissima Liguria Tv. Tutti contenti? Lo scopriremo solo da lunedì prossimo quando le operazioni cominceranno. E le interferenze con la vicina Francia diventeranno realtà.
Nel frattempo ci sono pervenuti i commenti delle due associazioni principali del settore. Ecco cosa ci ha inviato la Frt Tv Locali:
«L'Associazione Tv Locali FRT esprime soddisfazione per il risultato della graduatoria, pubblicata sul sito del Ministero dello sviluppo economico, relativa all'assegnazione delle frequenze alle tv locali operanti nella regione Liguria, che vede ben 9 emittenti associate nelle prime 10 posizioni e 14 nelle prime 18 posizioni. Al primo posto si è classificata l'emittente Telecity, di proprietà vicepresidente della FRT, Giorgio Tacchino. Ciò è significativo e conferma che le Tv locali associate alla FRT sono le più importanti sotto il profilo imprenditoriale ed editoriale. Tuttavia, le preoccupazioni manifestate nei giorni scorsi dalla Federazione relativamente al rischio di stravolgimento delle posizioni in graduatoria, a causa dell'uso improprio delle intese tra emittenti minori, permangono, soprattutto in alcune regioni che presentano problematiche di natura frequenziale quali la Toscana, per le quali si auspica che il Ministero sappia trovare le giuste soluzioni per garantire la sopravvivenza delle emittenti regionali e provinciali più importanti».
Ed eccoci ad Aeranti-Corallo: «Con riferimento alla problematica della transizione alle trasmissioni televisive digitali terrestri nelle Regioni Liguria, Toscana, Umbria, Marche e nella provincia di Viterbo, l'Avv. Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo ha dichiarato: “Abbiamo constatato, con soddisfazione, che tutte le 14 Tv locali associate Aeranti-Corallo, operanti in Liguria, potranno svolgere, a pieno titolo, l'attività di operatore di rete per la Tv digitale terrestre in ambito locale, con l'assegnazione delle relative frequenze di trasmissione.
Siamo, inoltre, in attesa della pubblicazione delle graduatorie relative alla Toscana e all'Umbria. La Toscana, in particolare, rappresenta il primo vero banco di prova delle nuove procedure per l'assegnazione delle frequenze per le Tv locali. Infatti in Toscana opera un numero di Tv locali molto superiore alle frequenze disponibili e quindi le graduatorie di tale regione consentiranno di comprendere, in concreto, quale impatto abbiano le norme del bando di gara, in termini di quantità di imprese che potranno svolgere l'attività di operatore di rete”.
In ogni caso Aeranti-Corallo ritiene indispensabile un differimento degli switch-off calendarizzati nel corso del 2011 e, pertanto, ha formulato una richiesta in tal senso al Ministro Romani. È infatti evidente che occorre garantire alle Tv locali i tempi tecnici necessari per poter ricevere le forniture degli impianti per trasmettere in digitale, tenendo conto che non è certamente possibile operare gli acquisti prima di aver ottenuto l'assegnazione frequenziale; diversamente si rischierebbe di effettuare investimenti al buio.
Occorre altresì considerare che ai fini della transizione, il Ministero deve rispettare il termine (previsto dalla delibera Agcom n. 366/10/CONS) di 15 giorni prima dello switch-off per l'attribuzione delle numerazioni LCN e il termine (previsto dalla delibera Agcom n.353/11/CONS) di 50 giorni prima dello switch off per la definizione degli obblighi di must carrier a favore dei soggetti non utilmente collocati nelle graduatorie».
Ecco la tabella della graduatoria della Liguria e le frequenze assegnate:

1) C. 24 Telecity Liguria

2) C. 39 Canale Italia - Canale Italia 2
3) C. 44 Primocanale
4) C. 43 Telenord
5) C. 29 Telegenova - Lombardia Digitale
6) C. 41 Telecittà
7) C. 21 Liguria Tv
8) C. 51 Telestar Liguria
9) C. 53 Teleliguria - Tlc Telecampione
10) C. 35 Italia 8 - Tv9
11) C. 34 Imperia Tv - Antenna Blu Tv - Teleriviera
12) C. 31 Teleradiopace - Tele Liguria Sud - Telemasone - Teleradiopace 2
13) C. 45 Studio Nord Tv - Telemondo
14) C. 48 Entella Tv - Rtv 38 - Teleturchino
15) C. 27 Telecupole (solo SV IM)
16) C. 22 Stv - Tv Varazze - OttoToscana - Telesanremo
17) C. 28 Primantenna - Motori Tv
18) C. 25 Rete 37
19) C. 27 Tv Italia (solo GE SP) C. 22 (solo IM SV)
20) C.25 E21 Network - Odeon 24 - E21 Lombardia - Telegranda (solo GE IM SV) c. 28 (solo SP)
21) esclusa Italia 7
Tratto da: http://www.millecanali.it/ed-ecco-la-graduatoria-della-liguria

Ore 10.20 - ASSEGNATE LE FREQUENZE ALLE TV IN LIGURIA.
Otg TV dell'omonimo sito ha pubblicato nei giorni scorsi su digital-forum le frequenze che dovrebbero essere assegnate alle emittenti in Liguria dal prossimo lunedì, data di inizio dello switch off. Potete visualizzare il documento in questo link:
http://www.otgtv.it/TRANSFER/liguriaprova.pdf


 04 OTTOBRE 2011 - Martedì 

Ore 21.10 - TV DIGITALE: FRT, SODDISFAZIONE PER GRADUATORIA LIGURIA.
Ansa.it - ROMA - L'Associazione Tv Locali FRT "esprime soddisfazione per il risultato della graduatoria, pubblicata sul sito del ministero dello Sviluppo economico, relativa all'assegnazione delle frequenze alle tv locali operanti nella regione Liguria, che vede ben 9 emittenti associate nelle prime 10 posizioni e 14 nelle prime 18 posizioni".
"Al primo posto - prosegue la nota - si e' classificata l'emittente Telecity, di proprieta' vicepresidente della FRT, Giorgio Tacchino. Cio' e' significativo e conferma che le tv locali associate alla FRT sono le piu' importanti sotto il profilo imprenditoriale ed editoriale".
"Tuttavia - si legge ancora -, le preoccupazioni manifestate nei giorni scorsi dalla Federazione relativamente al rischio di stravolgimento delle posizioni in graduatoria, a causa dell'uso improprio delle intese tra emittenti minori, permangono, soprattutto in alcune regioni che presentano problematiche di natura frequenziale quali la Toscana, per le quali si auspica che il ministero sappia trovare le giuste soluzioni per garantire la sopravvivenza delle emittenti regionali e provinciali piu' importanti".

Ore 11.00 - FREQUENZA E DIGITALE: TELE LIGURIA SUD E' SALVA.
E' arrivata solo in tarda serata la comunicazione ufficiale del Minstero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni in cui si attesta che l'emittente televisiva Tele Liguria Sud, unica emittente di servizio del territorio spezzino, potrà proseguire le sue trasmissioni.
Tele Liguria Sud, nata nel 1977 dalla mente di Don Dino Viviani, ha ottenuto l'assegnazione della frequenza per il digitale terrestre. Il canale di trasmissione non cambia da oggi ma dal mese di novembre. Solo nei prossimi giorni si saprà con precisione quale numero del telecomando bisognerà premere per vedere il canale.

Tratto da: http://www.cittadellaspezia.com/mobile/articolo.aspx?id=94469

Ore 10.55 - I SINDACI LANCIANO L'ALLARME: "NIENTE SOLDI PER GLI IMPIANTI".
Cambiare costa. E molti comuni, alle prese con la crisi, non hanno i soldi per realizzare l'operazione. Per i privati non resta che la parabola.
"Il 20 ottobre qui a Rezzoaglio resteremo al buio, non vedremo più alcunché". L'allarme parte da Roberto Fontana, primo cittadino del comune della Val d'Aveto dove cinquecento persone per vedere la televisione dovranno utilizzare la parabola. Niente digitale terrestre e niente emittenti locali per loro, obbligati a seguire sul video solo i grandi network nazionali. Il sindaco chiede così un aiuto economico alla Regione Liguria: "Servono trentamila euro per rinnovare l'impianto. Una cifra che, in un momento d
i tagli e di crisi economica, il Comune da solo non può assolutamente sostenere".
La situazione di Rezzoaglio non è l'unica. Sono molte le località liguri dell'entroterra che, nonostante le innovazioni tecnologiche della tv digitale, se utilizzassero soltanto un semplice decoder al momento dello "switch off" non vedrebbero più immagini sul piccolo schermo. Il motivo? In Liguria gli impianti di trasmissione sono 2.968, di cui 257 di proprietà di comuni o di ex Comunità montane (passate sotto la giurisdizione dell'unione dei comuni). Proprio in queste zone la situazione è più critica. Per convertire gli impianti già esistenti al digitale servirebbero dai tre ai sette mila euro, mentre, per realizzarli ex novo, si parla di cifre che oscillano intorno ai trentamila euro; una somma che dovrebbe essere sborsata o dalle emittenti che hanno convenienza a far funzionare gli impianti in quelle zone (ad oggi nessuna) o dagli enti locali, che dopo tutti i tagli del governo, non hanno risorse disponibili da investire.
"La tecnologia si paga. Una volta sarebbero bastati 500 euro, mentre oggi con meno di tre milaeuro nulla si fa" ricorda Mario Mura, ispettore per la Liguria del Ministero dello Sviluppo Economico. Renzo Guccinelli, assessore per lo Sviluppo Economico fa sapere: "La Regione aiuterà con un contributo solo le nuove unioni comunali che decideranno di riattivare gli impianti già appartenenti alle Comunità montane. Per gli altri non è previsto alcun tipo di stanziamento né dalla Regione, né dal Ministero".
Risultato? Migliaia di persone saranno costrette a utilizzare la televisione satellitare per poter vedere anche i canali Rai e Mediaset. Spesa prevista almeno 200 euro: 150 per l'installazione di una parabola e 50 per il decoder sat. Un prezzo ben più salato rispetto ai 20-30 euro necessari per acquistare un semplice decoder, con la beffa di aver pagato il canone Rai e non poter vedere i programmi. "Ho provato a scrivere e a mettermi in contatto con la Rai già mesi fa ma nessuno mi ha risposto o mi ha dato qualche indicazione - ricorda il sindaco di Rezzoaglio - Credo sia molto grave che i miei cittadini pur pagando il canone non abbiano un servizio garantito".
I due colossi della televisione italiana, intanto hanno già provveduto ad adeguarsi alle nuove tecnologie. La Rai ha riconvertito tutti i suoi impianti mentre Mediaset, pur avendone diminuito il numero, ha ottimizzato la rete. Il problema per le zone più decentrate però resta. "La Regione non è responsabile del passaggio al digitale - ribadisce Lucia Pasetti, referente per la Regione Liguria - Abbiamo fatto quello che potevano: supportato le televisioni locali per diminuire al massimo le criticità e semplificato l'iter burocratico per le autorizzazioni. Più di questo è impossibile".
A pochi giorni dall'avvio della televisione digitale sono ancora tanti, dunque, i problemi da risolvere. Ai telespettatori non resta che attendere il 10 ottobre e verificare cosa succederà. A proprie spese.
Tratto da: http://genova.repubblica.it/cronaca/2011/10/04/news/i_sindaci_lanciano_l_allarme_niente_soldi_per_gli_impianti


 29 SETTEMBRE 2011 - Giovedì 

Ore 17.05 - INSERITO IL CALENDARIO CON I COMUNI CHE PASSANO AL DTT IN LIGURIA.
Nella pagina de L'ITALIA IN DIGITALE dedicata alla LIGURIA, abbiamo inserito l'elenco dei comuni che passeranno alla tv digitale dal prossimo 10 ottobre. Il documento è tratto dal sito della Fondazione Ugo Bordoni. Come è noto si inizia da Ponente con Bordighera, Vallecrosia, Ventimiglia, Camporosso, Ospedaletti e Vallebona, per continuare il giorno successivo con Sanremo, Dolceacqua e via di seguito.


 26 SETTEMBRE 2011 - Lunedì 

Ore 18.15 - POCHI GIORNI ALLO SWITCH OFF IN LIGURIA: INFORMAZIONI VIA WEB DALLA REGIONE.
In occasione del passaggio al digitale terrestre della Liguria, previsto a partire dal 10 ottobre prossimo, la Regione Liguria, su iniziativa dell’assessore allo Sviluppo Economico Renzo Guccinelli, ha messo su Internet il nuovo sito web www.digitaleterrestre.regione.liguria.it. Il sito, in rete da oggi, è stato realizzato per dare supporto alle attività del Ministero dello Sviluppo Economico sul territorio e fornire ogni utile indicazione sullo switch-off ai cittadini, agli enti locali e a tutti i soggetti coinvolti.
Navigando sul sito si possono trovare tutte le informazioni su come attrezzarsi per il passaggio dall’analogico al digitale. Sono inoltre forniti consigli e suggerimenti, risposte ai quesiti più frequenti, numeri utili e link di approfondimento e di informativa specialistica. Nel sito, la Regione Liguria informa anche su tutte le iniziative che, pur non avendo competenze dirette, per accompagnare nel modo più efficace il passaggio al digitale. www.digitaleterrestre.regione.liguria.it verrà aggiornato costantemente per seguire il passaggio che dal 10 ottobre al 4 novembre interesserà tutto il territorio regionale. Il sito indica le date e dei luoghi dove si terranno presidi informativi per la cittadinanza e corsi di formazione per i volontari aderenti al progetto 'volontario digitale'.

Tratto da: http://www.sanremonews.it/2011/09/26/leggi-notizia/argomenti/altre-notizie/articolo/pochi-giorni-allo-switch-off-in-liguria-la-regione-ha-predisposto-le-informazioni-via-web

Ore 18.05 - VUOI VEDERE IL DTT? DOMANI L'INSERTO DEL SECOLO XIX.
Genova - Mancano pochi giorni al cosiddetto “switch-off”, la “rivoluzione” del digitale terrestre: a partire dal 10 ottobre, anche in Liguria il segnale analogico che ci ha permesso sin qui di vedere la televisione lascerà il posto al digitale terrestre e senza un apparecchio televisivo o un decoder appropriati, non vedremo più nulla. Che cosa dobbiamo fare? Quanto dobbiamo spendere? Quale decoder è meglio comprare? A chi dobbiamo rivolgerci se non riusciamo a ricevere il segnale? Per rispondere a queste e molte altre domande, domani, martedì 27 settembre, Il Secolo XIX darà in omaggio a tutti i lettori un inserto di 16 pagine che fornisce tutte le istruzioni per affrontare l’avvento della nuova tecnologia senza perdere tempo e senza spese eccessive.
Un “manuale” alla portata di tutti, pieno di consigli utili e di esempi concreti, con all’interno anche una guida per orientarsi nell’offerta di decoder, dal modello base al più caro.
Ecco qualche esempio delle domande più frequenti: che cosa devo fare se non vedo i canali del digitale terrestre? Come illuminare le zone d’ombra? Come faccio a risintonizzare i canali dopo lo “switch-off”? Se non sono capace di risintonizzare i canali, devo per forza chiamare l’antennista? Esiste un contributo pubblico per l’acquisto dei decoder? Nelle altre Regioni d’Italia già passate al digitale, ci sono stati problemi? Qual è il ruolo di Regioni e Comuni? Quanto costa il digitale terrestre? A quanti televisori posso collegare il decoder? La mia antenna è già stata predisposta per il digitale terrestre tre anni fa: avrò problemi? Per sapere le risposte, non c’è che da comprare Il Secolo XIX del 27 settembre, con l’inserto gratuito sul digitale terrestre.
Tratto da: http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2011/09/26/AOb2rr7-terrestre_inserto_digitale.shtml


 20 SETTEMBRE 2011 - Martedì 

Ore 15.45 - VENTIMIGLIA PASSAGGIO AL DTT IN MIGLIAIA ANCORA SENZA DECODER. A BREVE ASSEMBLEA CON GLI ANTENNISTI.
Mancano ormai poco più di due settimane di tempo allo switch off, che porterà al passaggio dall’analogico al digitale terrestre. E anche a ponente, la città di Ventimiglia si sta preparando a questa operazione. “Lo stiamo vivendo ovviamente come una innovazione ed un miglioramento importante, ma al contempo con una certa apprensione per la scarsa informazione che si è fatta, soprattutto dal governo centrale”, ha dichiarato Scullino. Sono ancora migliaia le persone che non si sono ancora attrezzate con decoder o televisione di nuova generazione, che potrebbero ritrovarsi, dal 10 ottobre in avanti, senza ricevere più il segnale. In questi giorni intanto è in calendario una assemblea con gli antennisti di Ventimiglia, nella quale il Comune dovrebbe dare le linee guida. Si dovrebbe discutere anche del prezzario per tutte le persone che avranno bisogno di interventi per la ricezione del segnale. Lo Switch-off in Provincia di Imperia dovrebbe avvenire dal 10 al 13 ottobre. Ecco più nel dettaglio alcune città: Ventimiglia (10/10), Sanremo (11/10), Imperia (12/10).
Tratto da: http://www.sanremonews.it/2011/09/20/leggi-notizia/argomenti/altre-notizie/articolo/ventimiglia-passaggio-digitale-terrestre-in-migliaia-ancora-senza-decoder-a-breve-assemblea


 16 SETTEMBRE 2011 - Venerdì 

Ore 23.45 - BANDO ASSEGNAZIONE FREQUENZE TV LOCALI LIGURIA: I DETTAGLI DA OTGTV SU DIGITAL-FORUM.
Riportiamo un post inserito nelle scorse ore su digital- forum da OTGTV, in merito alla prima parte del bando di assegnazione delle frequenze per la regione Liguria.
Entro oggi, infatti, andava consegnato il malloppo cartaceo che costituisce (insieme alla parte online) la documentazione per stilare la graduatoria tra le emittenti locali. Alle notizie in mio possesso sarebbero 38 le emittenti coinvolte a vario titolo. 11 hanno partecipato a titolo personale, 20 tramite delle "intese" e 6 con dei "consorzi". La differenza sta che il consorzio prevede la nascita di una nuova società che fungerà da operatore di rete unico per tutta la regione e per tutte le emittenti; l'intesa è poco più di una scrittura privata (per ora) con cui varie tv decidono di concorrere per la stessa frequenza, rimanendo operatori di rete nella propria area di servizio. Area che, giova ricordarlo, non può assolutamente essere sovrapponibile neanche in un misero pixel con quello delle altre coinvolte nell'intesa.

Partecipano da sole (salvo errori e omissioni):
Italia 7 Toscana
Liguria Tv
Primocanale
Rete 37
Telecittà
Telecity Liguria
Telecupole Piemonte
Telegenova
Telenord
Telestar Liguria
Tv Italia

Partecipano a consorzi (salvo errori e omissioni):
Editrice 21 Network e Telegranda
Motori Tv e Primantenna
Studio Nord Tv e Telemondo

Partecipano a intese (salvo errori e omissioni):
Antenna Blu Tv, Imperia Tv e Teleriviera
Canale Italia e Canale Italia 2
Entella Tv, Rtv 38 e Teleturchino
Italia 8 e Tv9
OttoToscana, Stv, Telesanremo e Tv Varazze
Tele Liguria Sud, Telemasone, Teleradiopace e Teleradiopace 2
Teleliguria e Tlc Telecampione

Ha scelto di non partecipare l'emittente Videotaro che aveva un impianto sul monte Maggiorasca (Santo Stefano d'Aveto - GE) che però copre solo una parte della provincia di Parma. L'impianto è stato
quindi eliminato.
Tratto da: http://www.digital-forum.it/showthread.php?t=130854

Ore 10.35 - ECCO COME PREPARARSI ALL'ARRIVO DEL DIGITALE, O TRA UN MESE ADDIO TV.
... Che tra il 10 ottobre e il 4 novembre cambierà la storia dell’etere in tutta la regione. Più che di tante lettere e delle solite sparate, ci sarebbe bisogno di un po’ più di chiarezza, soprattutto in una Liguria che, più che il problema dei monti, in questo caso h
a il problema di un’età media di abitanti molto alta, che rende ancor più incomprensibile un linguaggio di per sé già riservato ai tecnici. «Esiste il rischio che molte persone male informate, o con poca dimestichezza con le nuove tecnologie, si ritrovino tagliate fuori dai segnali radiotelevisivi - attacca il capogruppo della Lega Nord in Regione, Edoardo Rixi - Burlando e la sua giunta non hanno finora sufficientemente diffuso la notizia che entro il 4 novembre la Liguria passerà al digitale terrestre. Non mi risulta che la Regione si sia adoperata per informare i liguri mediante un’adeguata campagna informativa. Come se non bastasse, vari sindaci dell’entroterra hanno paventato il rischio che il nuovo segnale digitale terrestre abbia una copertura territoriale inferiore a quella del vecchio segnale analogico. Se ciò fosse vero, significherebbe che gran parte del nostro entroterra resterebbe semplicemente tagliato fuori».
Continua a leggere qui:
http://www.ilgiornale.it/genova/ecco_come_prepararsi_allarrivo_digitale_o_mese_addio_tv


 15 SETTEMBRE 2011 - Giovedì 

Ore 21.30 - LA MAGGIOR PARTE DEI LIGURI USA GIA' IL DIGITALE TERRESTRE.
Mentre qualcuno cerca di spiegare quanto sarebbe “traumatico” il
  passaggio al digitale terrestre in Liguria, invocando azioni per far slittare lo switch off, i dati delineano una situazione di fatto ben diversa. I più recenti dati Auditel, infatti, mostrano come la maggior parte dei liguri già sia sintonizzato sulla tv digitale, ad un mese dallo spegnimento del segnale analogico. Nelle rilevazioni ed elaborazioni di Nielsen Tv Audience Measurement Italy, emerge che nel mese di luglio 2011 in Liguria l’ascolto medio giornaliero è stato di 241.571 utenti. In vista del passaggio fissato al 10 ottobre, con termine ultimo a novembre, il dato interessante riguarda la spartizione percentuale tra le piattaforme, ovvero analogico tradizionale, satellitare e digitale terrestre. Qui sta la sorpresa: il digitale terrestre è già la piattaforma più utilizzata dagli spettatori liguri, con uno share del 47%, ampiamente sopra gli utenti della vecchia tv analogica che si ferma al 35% e della parabola che registra un 17%.
Continua a leggere qui:
http://www.ivg.it/2011/09/televisione-la-maggior-dei-liguri-gia-usa-il-digitale-terrestre

Ore 21.25 - DTT, RIXI (LEGA): IN LIGURIA LE FAMIGLIE OSCURATE NON PAGHINO IL CANONE RAI.
Ancora deve arrivare e già monta la polemica. Parliamo del digitale
terrestre, che all'inizio di novembre spazzerà via la "vecchia televisione" (e in alcuni casi anche i vecchi televisori), con il rischio che in molte zone non si riceva alcun segnale tv. Dopo l'allarme lanciato ieri dal presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, ora è il turno dell'opposizione. Edoardo Rixi, Capogruppo della Lega Nord in Regione Liguria, ha preparato un’interrogazione in Consiglio Regionale riguardo all’imminente passaggio al digitale terrestre delle reti televisive liguri. “Non si capisce - dice l'esponente leghista - perché la Giunta non abbia finora sufficientemente diffuso la notizia che entro il 4 novembre 2011 la Liguria passerà al digitale terrestre.
Continua a leggere qui:
http://www.genovaogginotizie.it/cronaca/2011/9/15/news-37251/digitale-terrestre-rixi-lega-le-famiglie-oscurate
E qui: http://www.savonanews.it/2011/09/15/leggi-notizia/argomenti/politica-2/articolo/digitale-terrestre-rixi-la-regione-non-pubblicizza-il-passaggio-e-non-garantisce-la-copertura-tele

Ore 17.45 - IL CALENDARIO UFFICIALE DELLO SWITCH OFF IN TOSCANA, UMBRIA, LIGURIA E PROV. DI VITERBO.
Dal sito Decoder Comunicazioni ecco le date ufficiali dello switch off nei comuni di Toscana, Umbria, Liguria e provincia di Viterbo. La lista è divisa per località.

Consulta il CALENDARIO DEL PASSAGGIO AL DIGITALE TERRESTRE NEI COMUNI DELLA TOSCANA, UMBRIA, LIGURIA E PROV. DI VITERBO


 13 SETTEMBRE 2011 - Martedì 

Ore 10.30 - SAVONA: SELVA DI ANTENNE, SCOPPIA IL CASO.
Savona - Sono necessarie per vedere Sky e tutti i nuovi canali satellitari, e saranno fondamentali tra pochi giorni in quei paesini dell’entroterra dove il segnale del digitale terrestre non arriva o arriva male, ma di certo la selva di antenne paraboliche che proliferano su tutti i tetti e sempre più spesso le facciate dei palazzi non è un bello spettacolo alla vista né un segno di decoro architettonico. L’ultimo caso esploso è quello della darsena, con diverse “padellone” rimaste a rovinare la vista porto dalla nuova piazza del complesso Crescent retaggio di un passato duro a morire. Ieri alcuni cittadini hanno scritto una mail al Secolo XIX per denunciare lo scempio e chiedere spiegazioni. «È mai possibile che in una piazza nuova di zecca, nuova vetrina della città, resistano orrori simili?» è la denuncia.
Continua e leggere qui:
http://www.ilsecoloxix.it/p/savona/2011/09/13/AOH8Hl3-selva_scoppia_antenne


 19 AGOSTO 2011 - Venerdì 

Ore 23.50 - LA SPEZIA NON VUOLE PERDERE TELELIGURIA SUD.
Anche il presidente della Provincia Marino Fiasella si pronuncia in difesa dell’ emittente Teleliguriasud che, a causa della redistribuzione delle frequenze televisive sul digitale terrestre, rischia di chiudere i battenti. Continua a leggere qui:
http://www.cittadellaspezia.com/mobile/articolo.aspx?id=91490


 17 AGOSTO 2011 - Mercoledì 

Ore 19.20 - LIGURIA, CONTO ALLA ROVESCIA PER IL DIGITALE TERRESTRE.
35 giorni di tempo per chiedere al Ministero dello Sviluppo la numerazione per il proprio canale digitale terrestre. E' ufficialmente partita la "gara" tra le emittenti TV della Liguria (Primocanale, TeleGenova, TeleNord, TeleCity, etc) per ottenere l'assegnazione del "numero" più basso nel telecomando digitale. Una vera e propria battaglia che potrebbe determinare il successo di una emittente in barba ai più elementari criteri di classificazione in termini di "qualità", gli unici che, ci si aspetterebbe, dovrebbero determinare la scelta degli Utenti. Nel corso dell'autunno 2011 (ma in molti mormorano di un possibile slittamento) anche la Liguria vedrà scomparire i canali televisivi attualmente trasmessi "in analogico".
Continua a leggere qui:
http://www.genovaogginotizie.it/cronaca/2011/8/17/news-33215/editoria-35-giorni-per-la-numerazione-digitale

Ore 19.05 - INSERITI I COUNTDOWN DEGLI SWITCH OFF.
Quanto manca all'inizio dello switch off in Liguria, Toscana, Marche, Umbria e in provincia di Viterbo? Abbiamo inserito un countdown nelle pagine delle relative regioni che diventeranno nei prossimi mesi aree all digital, il conteggio segna i giorni che mancano all'avvio dei lavori nelle relative aree.


 16 AGOSTO 2011 - Martedì 

Ore 12.40 - TV DIGITALE: REGIONE LIGURIA BOCCIA PIANO NAZIONALE FREQUENZE.
ANSA.it - GENOVA - La Regione Liguria boccia il piano frequenze nazionale in vista del passaggio al digitale terrestre previsto in autunno. "Il governo deve assolutamente rimediare al pasticcio che ha
prodotto con le procedure di assegnazione delle frequenze televisive per il digitale terrestre", affermano in una nota congiunta gli assessori regionali allo Sviluppo Economico, Trasporti e Infrastrutture Renzo Guccinelli, Enrico Vesco e Raffaella Paita."Garantendo solo Mediaset e Rai - spiegano - si rischia di cancellare decenni di pluralismo e informazione locale che rappresentano un enorme patrimonio di identita' e cultura in tutto il Paese. La Liguria poi risulta penalizzata per altre due ragioni specifiche: la situazione orografica, che richiede ingenti investimenti per coprire un territorio parcellizzato e difficile, e il possibile rischio di interferenze con i segnali digitali provenienti da Corsica e Francia a causa di una mancata intesa preventiva sulle frequenze". Secondo la Regione Liguria, occorre una forte mobilitazione in difesa del patrimonio informativo ligure "con una attenzione particolare anche alle televisioni comunitarie che, per le loro precise caratteristiche, peraltro previste dalla legge, oggi rischiamo di essere ingiustamente penalizzate a causa di criteri assolutamente iniqui".



 08 AGOSTO 2011 - Lunedì 

Ore 12.25 - AGCOM PUBBLICA IL PIANO DELLE FREQUENZE PER LA LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA, MARCHE E PROVINCIA DI VITERBO.
L'Agcom ha reso noto il piano di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo digitale terrestre delle regioni Liguria, Toscana, Umbria e Marche e della provincia di Viterbo, (aree tecniche n.8, 9 e 10).
Le frequenze che andranno alle tv locali sono 18 per la Liguria, 18 per la Toscana, 18 per l’Umbria, 17 per le Marche e 18 per la provincia di Viterbo. In Liguria e Toscana alcune frequenze non sono attivabili in quanto sono state assegnate alla vicina Francia.
Sono state pubblicate anche le frequenze in Uhf assegnate al mux 1 della Rai, diverse per ogni regione, e sono:

LIGURIA - Canale 46
TOSCANA -
Canale 27
MARCHE –
Canale 32
UMBRIA –
Canale 29
PROVINCIA DI VITERBO –
Canale 28

Per i dettagli leggere i seguenti documenti Agcom:

DELIBERA N.423/11/CONS

Allegato 1 alla delibera n. 423/11/CONS
Allegato 2 alla delibera n. 423/11/CONS
Allegato 1 alla relazione tecnica

Allegato 2 alla relazione tecnica
Il documento integra DELIBERA N. 330/11/CONS


 07 AGOSTO 2011 - Domenica 

Ore 21.35 - LIGURIA DI PONENTE: IL PASSAGGIO IN DIGITALE E IL DISAGIO DELLA COMUNITA' MONTANA.
'Dalla metà di Ottobre nelle case dell’alta Valle Argentina non sarà più possibile vedere i canali televisivi della RAI. E’ necessario agire subito e fare qualcosa per non aggiungere un ulteriore disagio alla gente che vive in montagna” Lo denuncia Marco Franchello, responsabile del settore ambiente del Circolo di Futuro e Libertà per l’Italia di Badalucco e Taggia. Sarebbe la conseguenza immediata del cosiddetto switch off, ovvero del passaggio al digitale terrestre del territorio della provincia di Imperia. “In sostanza dal 16 ottobre comincerà la commutazione del segnale televisivo. Entro Natale tutta la Liguria di ponente sarà digitalizzata – spiega Franchello – ciò significa che il segnale trasmesso dalle antenne televisive per essere ricevuto dal televisore avrà bisogno di un decoder, che sul mercato viene a costare dai trenta ai cento euro, se l’apparecchio televisivo è ancora di vecchia generazione. Ma questo non sarà sufficiente nelle case dell’alta Valle Argentina: Molini di Triora e Triora perché la RAI in queste aree non ha intenzione di sostituire i vecchi ripetitori che tra l’altro non erano di sua proprietà. E il rischio lo corre anche Badalucco, dove la situazione è analoga, ma si spera che essendo la popolazione molto più elevata la RAI provveda ad adeguare i suoi ponti”. Continua a leggere qui:
http://www.riviera24.it/articoli/2011/08/07/115509/dopo-lo-switch-off-niente-segnale-rai-in-valle-argentina


 05 AGOSTO 2011 - Venerdì 

Ore 19.30 - LIGURIA DI PONENTE, IL CASO DEGLI IMPIANTI DELLE COMUNITA' MONTANE.
Lo scorso 19 luglio ad Imperia, il Ministero dello Sviluppo Economico ha convocato un tavolo tecnico a cui hanno partecipano Regione Liguria e altri soggetti coinvolti, per comunicare le date ufficiali dello switch off e offrire tutte le informazioni utili per avviare, per le rispettive competenze e le attività legate al passaggio al digitale. La Task Force sarà il principale soggetto di riferimento per il passaggio del territorio ligure alla nuova tecnologia. In provincia di Imperia, ci sono circa 50 impianti TV di proprietà degli Enti Locali. Alleghiamo questa relazione che tra le altre cose, fa il punto su alcuni impianti di Ventimiglia.

Estratto della riunione tenutasi a Imperia in data 19luglio


 04 AGOSTO 2011 - Giovedì 

Ore 15.05 - PORTOFINO, VIA UNA DELLE ANTENNE RAI.
Una delle due grandi antenne della Rai che da decenni sorgono sul monte di Portofino sarà smantellata entro breve in base a un progetto messo a punto per ridurre l'impatto negativo dell'impianto sul paesaggio. Lo ha stabilito la Regione approvando oggi in Consiglio due varianti al Piano del Parco di Portofino del 2002 e al Regolamento edilizio del 2007 che danno tra l'altro il via libera a un progetto di modifica dell'Hotel Cenobio dei Dogi di Camogli.L'assemblea ha approvato all'unanimità i documenti con l' astensione della Lega Nord. Continua a leggere qui:
http://genova.repubblica.it/cronaca/2011/08/04/news/portofino_via_l_antenna