NEWS 2016


    LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA


                Da Lunedì 2
     a Domenica 8 MAGGIO 2016





www.litaliaindigitale.it
Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.



Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre?
Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.


https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/archivionewssettimana/news2015/news05-11gen2015/NEWS%20DELLA%20SETTIMANA.png








Il nostro indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it




MUX NAZIONALI

RAI Mux 1 (ABRUZZO)
RAI Mux 1 (BASILICATA)
RAI Mux 1 (CALABRIA)
RAI Mux 1 (CAMPANIA)
RAI Mux 1 (EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 1 (FRIULI VENEZIA GIULIA)
RAI Mux 1 (LAZIO)
RAI Mux 1 (LIGURIA)
RAI Mux 1 (LOMBARDIA)
RAI Mux 1 (MARCHE)
RAI Mux 1 (MOLISE)
RAI Mux 1 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (PUGLIA)
RAI Mux 1 (SARDEGNA)
RAI Mux 1 (SICILIA)
RAI Mux 1 (TOSCANA)
RAI Mux 1 (TRENTINO)
RAI Mux 1 (ALTO ADIGE)
RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA)
RAI Mux 1 (VENETO)
RAI Mux 1 (VENETO / EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 2
RAI Mux 3
RAI Mux 4
RAI Mux 5
RAI Mux 5 (DVB-T2)
RAI Mux 6 (LAZIO)

MEDIASET Mux 1
MEDIASET Mux 2
MEDIASET Mux 3
TIMB Mux 1
TIMB Mux 2
TIMB Mux 3

Mux DFREE

Mux CAIRO DUE

CANALE ITALIA Mux 1
CANALE ITALIA Mux 2

MEDIASET Mux 4
MEDIASET Mux 5
RETE A Mux 1
RETE A Mux 2

Mux LA 3

Mux RETECAPRI

Mux EUROPA 7 (DVB-T2)


LCN NAZIONALE

Mux STUDIO 1

Mux LA 9 (PIEMONTE)
Mux LA 9 (VENETO)
Mux LA 9 (TRENTINO)
Mux LA 9 (FRIULI VENEZIA GIULIA)
Mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA)
Mux LA 9 (MARCHE)

FRANCIA IN DIGITALE
SVIZZERA IN DIGITALE



LE TV A ROMA LE TV A MILANO LE TV A TORINO
LE TV A PESCARA
LISTA LCN A ROMA
LE TV A MILANO
LE TV A TORINO
LE TV A PESCARA
LE RADIO A ROMA
LE RADIO A MILANO LE RADIO A TORINO LE RADIO A PESCARA

LCN ROMA LCN MILANO LCN TORINO LCN PESCARA
https://lh6.googleusercontent.com/-pbWiqyb-MWI/Uy615CQvIEI/AAAAAAAFUEg/3fje_5yah8o/s1600/MILANO%25202.jpg
LISTA LCN A PESCARA

LCN NAZIONALE




Donazione tramite PayPal, il sito è in assoluto fra i più sicuri per cui non vi è motivo di diffidare.

L'ITALIA IN DIGITALE dal 2009 con voi



Clicca sulle immagini per vederle ingrandite.


8 MAGGIO 2016
Domenica

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 23.30 - MUX CANALE 10: INIZIATE LE TRASMISSIONI DI RADIO TOP 100 RTV.

UHF 42 Mux CANALE 10
https://lh3.googleusercontent.com/-2fEO1Uv_03g/VyHlIYUt7eI/AAAAAAAJOuA/aGUu5XhbID8fotFdIIVTLh6VlFw0C1VqACCo/s1600/Radio%2B%2BTop%2B100%2B52.png
L'emittente Radio Top 100 Rtv non è più a portante muta nel mux CANALE 10, dove è veicolata senza numerazione automatica, ma ha iniziato a trasmettere la propria programmazione. Inoltre è stata rinominata da Radio Top 100 a Radio Top 100 Rtv.


https://lh3.googleusercontent.com/-vCN5lyIqCbU/Vy-tecdQd4I/AAAAAAAJPpI/gmQxHg3-xwstu6sfM-NUk5mfcFeVL8i9QCCo/s1600/R%2BNO%2B01%2B%25282%2529.png
https://lh3.googleusercontent.com/-8vx4GrwCL7Y/Vy-teEVo1HI/AAAAAAAJPpI/dbIc7BKEF2kZNIA8WqdZtXylPMs8JduVACCo/s1600/00%2BB%2B%25283%2529.png

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 22.45 - MUX SAN PAOLO TELEVISION: ELIMINATI NAPOLI TIVU E AMICI ANIMALI TV.

UHF 21 Mux SAN PAOLO TELEVISION
Dal mux SAN PAOLO TELEVISION sono state eliminate due emittenti. Si tratta di Napoli Tivu (che era erroneamente identificata Napli Tivu) e AMICI ANIMALI TV. Il canale partenopeo occupava la LCN 217 mentre AMICI ANIMALI TV si posizionava sulla LCN 248.

https://lh3.googleusercontent.com/-ZK-GOQb9m-U/Vy-jS6So5YI/AAAAAAAJPoM/h7XKMcKaUDcl--o2-Nb-YikH9KGURztTgCCo/s1600/00%2BB%2B%25284%2529.png


7 MAGGIO 2016
Sabato

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 11.50 - MUX IES TV: MEDJUGORJE ITALIA TV AL POSTO DI AMICI ANIMALI TV, SCHERMO NERO PER IES CINEMA.

https://lh3.googleusercontent.com/-GN748oNEJuY/UxroEYmPmNI/AAAAAAAFQM8/wh8jxjsZ3xA/s1600/IES%2520TV%252060.jpg
UHF 53 Mux IES TV
https://lh3.googleusercontent.com/-TESnguf5waw/Vy2kdwsrgnI/AAAAAAAJPks/4xNdfumKweUtS5-CiWdVLj7pUQQDQ9sbgCCo/s1600/Medjugorje%2BItalia%2BTV%2B52.png
Il canale Amici Animali e Natura, veicolato con la numerazione LCN 248 dal mux IES TV, non sta più trasmettendo la programmazione di Amici Animali TV ma al suo posto è subentrato il canale religioso Medjugorje Italia TV. L'identificativo è rimasto Amici Animali e Natura.


https://lh3.googleusercontent.com/-CJAPaou_f4Y/Vy2n6AMCt8I/AAAAAAAJPmU/xbi6BWVRZJM_QYempIQNB-CFOblVvdwtgCCo/s1600/248%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-oNkmlF-1Ma4/Vy2n6hDIkQI/AAAAAAAJPmU/cgbvcn3FbsQ1At_xov7O76jkYhzTIUoZwCCo/s1600/248%2BB.png

https://lh3.googleusercontent.com/-A7KWm8272F4/Vy2n5xQkWCI/AAAAAAAJPmU/Lw3VbibxqJIdqaXjPgKDKVi_nBx6XeMgwCCo/s1600/248%2BC.png
https://lh3.googleusercontent.com/-nsGopJd5EZY/Vy2n5fSdoiI/AAAAAAAJPmU/AFTJ9_c4if4oifiw1zpGw0vaXixM1SacACCo/s1600/248%2BD.png

https://lh6.googleusercontent.com/-kyOUK_S90ZY/Uxrn-ccaCnI/AAAAAAAFQLc/WXOoUZheiM4/s1600/IES%2520Cinema%252052.jpg

L'emittente Ies Cinema (LCN 215) risulta al momento a schermo nero.


https://lh3.googleusercontent.com/-IsMVfM2mTZc/Vy2oKxULhuI/AAAAAAAJPnU/Lgs-1p6RgZM6DbG4QRUeBZX3vb9TeQb9wCCo/s1600/215%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-M_zFddN4JRY/Vy2oLued74I/AAAAAAAJPnU/8uDUwp-04EUTXEUfGNFVqa6_F86WR4nPwCCo/s1600/00%2BB.png


6 MAGGIO 2016
Venerdì

ABRUZZO IN DIGITALE

Ore 22.40 - MUX TVQ (ABRUZZO): FINE DELLE TRASMISSIONI PER TELEPONTE.

UHF 28 Mux TVQ (ABRUZZO)
Nel mux regionale TVQ (ABRUZZO) l'emittente teramana TELEPONTE, denominata Tele p  (TVQ provider) con la numerazione LCN 15, da alcuni giorni non trasmette più la propria programmazione. E' presente una schermata nera che si alterna di continuo ad una grigia e poi ad una verde.

https://lh3.googleusercontent.com/-hZQTnrxqkLo/Vyz5FbLxXOI/AAAAAAAJPik/7J6ptdGnsU4_54XXmkC-iwnbJrVZVIhQACCo/s1600/15%2BA.png

https://lh3.googleusercontent.com/-udU-ORKua4I/Vyz5FIRxv6I/AAAAAAAJPik/x89F9bSiIGsWjEYKHGnM6eQUPytWgtWcQCCo/s1600/15%2BA%2B%25283%2529.png
https://lh3.googleusercontent.com/-piX-BusYDf8/Vyz5E9S83uI/AAAAAAAJPik/uUGB6ALNzcM2l8tAv3q6sGGoHoBPQD9RgCCo/s1600/15%2BA%2B%25282%2529.png

https://lh3.googleusercontent.com/-4EER3cQtdOw/Vyz5FqmenfI/AAAAAAAJPik/_N1QgBk-YvcZZXWiFfK8eMiGrZR79sBSQCCo/s1600/tvq%2B900.png

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 17.35 - MUX RETE 55: ELIMINATI NAPOLI TIVU E AMICI ANIMALI E NATURA.

UHF 42 Mux RETE 55
Nel mux RETE 55 sono state eliminate le emittenti NAPOLI TIVU (LCN 217) e Amici Animali e Natura (LCN 248).


https://lh3.googleusercontent.com/-9mOGOH2mZQQ/Vyy2qDEf9GI/AAAAAAAJPec/3KabgX3vHFkpetvkFRSCRVxgHndrDA75QCCo/s1600/00%2BB%2B%25285%2529.png

ABRUZZO IN DIGITALE

Ore 11.55 - E' CRISI A TELEPONTE DI TERAMO.

Di Lino Nazionale.
Un sipario sceso in un modo che nessuno si sarebbe mai aspettato, ma per chi in quella emittente ci ha lavorato e ci lavora tutt’oggi era ormai inevitabile. Teleponte è morta. O meglio, è stata oscurata. Il provider Tvq che ha messo a disposizione il canale 15 per garantire una copertura regionale della storica emittente di Teramo ha spento il segnale già da qualche giorno per mancato versamento canone. L’Enel ha ridotto la potenza della fornitura dei ripetitori per bollette non pagate. Stipendi arretrati a giornalisti e tecnici.
Tutti sapevano della situazione di Teleponte. Ma proprio da quell’emittente non sono mai arrivate conferme, mai. Solo mezze verità. O bugie costruite ad arte da chi aveva tutto l’interesse a non far trapelare nulla. Solo negli ultimissimi giorni è venuto a galla lo status di Teleponte. Eppure, che la proprietà non stesse rispettando i termini con dipendenti, come gli storici tecnici, i partita Iva (giornalisti, volti noti di Teleponte), i fornitori, era un dato di fatto. Primi segnali di crisi nell’inverno del 2013 quando ci fu un ritardo di tre mesi nel pagamento delle spettanze.
La situazione si è ripetuta anche negli ultimi mesi del 2015. Ed ora. Eppure nessuno è mai uscito allo scoperto da quella Tv locale per dire come stavano realmente le cose, dando credito ad una proprietà che settimanalmente accampava scuse, addossando responsabilità altrui. Come quella di un presunto attentato ai ripetitori, causa dell’oscuramento. Falso! La verità è tutt’altra! Una verità amara.
Ai colleghi con cui ho avuto il piacere di lavorare e nei cui confronti nutro profonda stima, rimprovero il fatto di aver cercato di mascherare la situazione in questi ultimi 12 mesi. Da giornalisti, avrebbero dovuto raccontare la verità su una difficoltà interna a Teleponte. Avrebbero probabilmente ottenuto il sostegno della categoria e forse oggi Teleponte non sarebbe stata oscurata. O forse l’attuale proprietà, costretta con le spalle al muro, avrebbe potuto cedere l’emittente prima che fosse troppo tardi. Della vicenda si sta interessando il sindacato, l’Assostampa.
Ma anche qui, il sindacato arriva quando la situazione sembra ormai irreparabile. Perché abbiamo contezza che abbia atteso o preso tempo per aver creduto alle “favole”, anzi, alle cazzate, costruite attorno al caso Teleponte. Quintino Pallante, editore di Tele Molise e Tv6 è pronto a rilevare il logo. Ma solo quello. Né debiti, né altro, neppure i dipendenti. O comunque non tutti. Del resto lui il suo staff lo ha già.
Davvero un peccato che Teleponte, fondata da Fernando Scarpelli, diretta per anni da Walter Cori che era stato capace di creare un riferimento importante per tutta la provincia visto che si trattava della principale finestra di informazione nel teramano, debba morire in questo modo. Non lo merita il territorio, non lo meritano tecnici e giornalisti, non lo merita l’informazione in generale. Ma quando hai a che fare con gente senza scrupoli, questo rischio va calcolato.

Tratto da: www.cityrumors.it/rubriche/editoriali-rubriche/237975-teleponte-silenzi-sapeva

TELEPONTE IN CRISI: CHIESTO UN TAVOLO PROVINCIALE.
TERAMO – E’ una vertenza destinata a spostarsi sul tavolo provinciale quella relativa al futuro dell’emittente televisiva teramana Teleponte, dove oltre all’oscuramento delle frequenze i lavoratori si trovano ad affrontare anche il problema del mancato pagamento degli stipendi. Una situazione che questa mattina è stata al centro di un incontro con l’amministratore delegato Mario Schintu e il presidente Aldo Di Francesco, al termine del quale la redazione e il direttore responsabile, unitamente all’Assostampa e alla Cgil, hanno confermato lo stato di agitazione già proclamato lo scorso 30 aprile. “I giornalisti e i tecnici, al momento in opera solo in rete e in registrata sul sito di Teleponte per l’oscuramento del segnale – si legge in una nota congiunta dei due sindacati – si limiteranno a leggere le notizie astenendosi dai servizi audio-video. Nella riunione di questa mattina non sono state fugate le preoccupazioni sulla situazione aziendale, sugli stipendi arretrati e sugli scenari futuri. Redazione e sindacati, quindi, hanno chiesto l’attivazione di un tavolo istituzionale presso la Provincia”. Intanto,questa mattina, la proprietà si è impegnata a pagare due mensilità entro martedì mattina, con i sindacati che attendono anche la presentazione di un piano aziendale che dia garanzie rispetto alla salvaguardia dei livelli occupazionali. “Permane la preoccupazione per quella che è, da oltre 30 anni, una delle realtà giornalistiche più significative della nostra provincia e della nostra regione – concludono Cgil e Assostampa – un luogo che ha raccontato e dato voce alle storie dei cittadini, alle vicende sociali e politiche, alla cultura, alla sport e all’associazionismo”.


TELEPONTE IN CRISI: PALLANTE (TV6) AVVIA L'OPERAZIONE SALVATAGGIO.
Trasmissioni oscurate, una procedura di sfratto in corso e personale senza stipendi sono i segnali dei problemi dell’azienda. L’editore molisano rileverebbe logo e canale, direttore torna Cori?
TERAMO - Alle tante cose che ha perso negli ultimi anni Teramo aggiunge, in questi giorni, la possibilità di perdere la “sua” televisione. Teleponte, la storica emittente privata che resta la più seguita nel Teramano, è entrata in una crisi da cui sembra difficile possa uscire, anche se all’orizzonte si profila il salvataggio almeno del logo e del canale da parte di Quintino Pallante, l’editore molisano che ha di recente rilevato Tv6.
http://ilcentro.gelocal.it/polopoly_fs/1.13423189.1462545301!/httpImage/image.jpg_gen/derivatives/detail_558/image.jpg
I SEGNALI -
I segnali che la società editoriale condotta da Aldo Di Francesco (formalmente presidente onorario, di fatto il “dominus” di Teleponte) sia in forte difficoltà economica sono diversi. In questi giorni le trasmissioni di Teleponte sono invisibili sia sul canale 15 che su quelli provinciali. Se da editore e direzione le spiegazioni date sull’oscuramento rimandano a problemi tecnici dovuti a eventi disastrosi, quelle fornite dal personale sono molto diverse. Il “nero” che appare sul teleschermo sarebbe, nel caso del 15, riconducibile al fatto che la proprietà di Teleponte non ha pagato al provider, che è Tvq, il canone mensile. Quanto ai canali provinciali, ci sarebbe stato da parte dell’Enel un abbassamento della tensione ai ripetitori di Colle Izzone e Colle Morino dovuto a un mancato pagamento delle bollette. È recente anche la notifica a Teleponte di un provvedimento di sfratto per morosità da parte del Consorzio industriale, proprietario dei locali di via Gammarana dove ha sede l’emittente. La televisione ha comunque ottenuto una proroga fino a fine maggio per la zona della redazione e fino a metà giugno per quella dei tecnici. Si parla di una situazione difficile della società anche con l’Erario. Di certo c’è che un ex giornalista di Teleponte ha ricevuto una visita dall’Agenzia delle entrate, che gli chiedeva conto di 78mila euro che gli sarebbero stati pagati da Teleponte anni fa ma che lui ignorava di dover incassare e ovviamente non ha mai incassato. Quanto al personale, è previsto oggi un incontro sindacale alla presenza dell’amministratore di Fin Television Mario Schintu per la questione degli stipendi arretrati. Sia giornalisti che tecnici avanzano diverse mensilità. Quella di oggi potrebbe essere l’occasione, per la proprietà, di chiarire quale sarà il futuro di Teleponte. Se questo chiarimento non ci sarà, è facile prevedere un inasprimento della vertenza.
IL FUTURO - Che Teramo resti senza una tv locale è una possibilità in questo momento tanto concreta quanto terrificante, ma qualcuno si starebbe muovendo per scongiurarla. Le indiscrezioni dell’ambiente giornalistico parlano di una trattativa avviata tra Aldo Di Francesco e Quintino Pallante, editore di Telemolise e Tv6. Pallante, tuttavia, non rileverebbe le quote di Fin Television e men che meno i debiti di Teleponte. La sua intenzione sarebbe salvare il logo e il canale con una proprietà diversa. Nel mercato televisivo esistono le condizioni per fare un’operazione del genere e Pallante in questo mondo non è certo l’ultimo arrivato. È chiaro che l’imprenditore molisano poi rifonderebbe la tv completamente, con personale nuovo. Per la direzione si fa il nome di un grande ex, quel Walter Cori che ha diretto Teleponte per tanti anni, attualmente a capo dell’emittente della Val Vibrata Super J.
LA STORIA - Teleponte venne fondata nei primi anni 80 da Fernando Scarpelli e inizialmente aveva sede a Val Vomano. Nel luglio del ’97, dopo essere passata per due anni di autogestione, venne ceduta al gruppo Foodinvest della famiglia Malavolta, che detenne il 95% di Fin Television fino all’estate 2008, quando passò alla Ladis e a Di Francesco. All’epoca del passaggio di proprietà Walter Cori era il direttore e lo rimase fino al 2010. Poi si sono susseguiti vari direttori e amministratori e quella che sembrava una realtà solidissima, una colonna tra i media teramani, ha cominciato a sgretolarsi. Ora, forse, è il momento di una nuova svolta.


TG TELEPONTE DEL 06.05.2016




5 MAGGIO 2016
Giovedì

SICILIA IN DIGITALE

Ore 12.45 - MUX TELEVITA SICILIA: ACCESO L'UHF 29 A CALTAGIRONE (CT).

https://lh5.googleusercontent.com/-s0EWrmLLI6I/U2DGVa7D_WI/AAAAAAAFg5w/GEk4Mr1P_Vw/s1600/TELEVITA%252060.jpg
UHF 31 Mux TELEVITA SICILIA
https://lh4.googleusercontent.com/-PdBCfp1dzDY/VF9QCWV_70I/AAAAAAAGqu4/MBmMUMt-o4Q/s1600/TELE%2520PEGASO%252052.jpg
Ritorna on air il mux TELEVITA SICILIA. Dopo aver spento lo scorso 8 marzo l' UHF 31, da alcuni giorni è stata accesa la nuova frequenza UHF 29 dalla postazione di CONTRADA MAZZONE a Caltagirone in provincia di Catania. Il multiplex veicola due canali TV, TELE VITA con la numerazione LCN 210 e TELE PEGASO con la LCN 812.


https://lh3.googleusercontent.com/-rymnclzO2JI/VysbEmNUOhI/AAAAAAAJPds/ZBuaRsh3lxAhRTZXIWt-oa6Pi-udd3TPQCCo/s1600/00%2BB.png
https://lh3.googleusercontent.com/-AV7wk6BRY-M/VysbHPt6mlI/AAAAAAAJPds/w_Aex6CPf2sFMsvdRlyA_7lGUz6cvW1vgCCo/s1600/210%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-Y65gosxgVqc/VysbGBdcg7I/AAAAAAAJPds/QSq7_RTUndQ85juMkht3ySEqdE0c7__ZQCCo/s1600/210%2BB.png
https://lh3.googleusercontent.com/-nwAS2RF2KZU/VysbHrpzf5I/AAAAAAAJPd0/yTupA-TqOUAgdPLuQbIfKWRqaVbxZizHwCCo/s1600/812%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-cnfZr-pDtAU/VysbGp4MQjI/AAAAAAAJPds/sReiQuAy6iINzfbamviZ8AcvuMd1FolngCCo/s1600/812%2BB.png


4 MAGGIO 2016
Mercoledì

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 11.00 - MUX QUARTARETE: AGGIUNTA TELEREPORTER, ELIMINATE SHOWTV-AB CHANNEL E RADIO UNITO.IT.

UHF 24 Mux QUARTARETE
Occupiamoci della sezione PIEMONTE IN DIGITALE dove da qualche giorno nel mux QUARTARETE sulla LCN 19 è stata inserita l'emittente lombarda Telereporter.



https://lh3.googleusercontent.com/-pAKETY07i84/Vym17e8z7aI/AAAAAAAJPXU/4aOBz6na1OcDVW4K_Shjks7WGEHKysyaQCCo/s1600/19%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-ZoT_173MpZI/Vym17sgLXkI/AAAAAAAJPXU/rtoTgPBGt_kiLVjlGo0Dd36f06pifNQTgCCo/s1600/19%2BB.png

Contestualmente sono state eliminate ShowTV-AB Channel che occupava la numerazione automatica 216 e l'emittente radiofonica Radio Unito.it che era priva di LCN.
https://lh3.googleusercontent.com/-_wktmBDNRRY/Vym2WakfREI/AAAAAAAJPXc/BaOl-w5kPYgvdKwUYStHvl0DiIzCj3CMACCo/s1600/00%2BB.png


2 MAGGIO 2016
Lunedì


Ore 22.30 - TV LOCALI, NUOVE FREQUENZE: I BANDI PER OPERATORI DI RETE E FORNITORI DI SERVIZI MEDIA AUDIOVISIVI.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato oggi i bandi per le graduatorie sia degli operatori di rete locale relativamente alle nuove frequenze coordinate attribuite all’Italia, cioè non interferenti con i paesi confinanti, sia dei fornitori di servizi media audiovisivi che potranno essere trasportati sui multiplex, a partire dalle regioni oggetto della cosiddetta “rottamazione delle frequenze”.
Le regioni interessate sono Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna.
Per l’assegnazione delle nuove frequenze sono stati adottati singoli bandi di gara per ciascuna frequenza.
Le domande di partecipazione al Ministero dello Sviluppo Economico potranno essere presentate dal 9 maggio al 10 giugno 2016.



Frequenze coordinate - Assegnazione dei diritti d’uso
REGIONECANALI
PIEMONTE60
LOMBARDIA7 - 11
VENETO58 - 60
FRIULI VENEZIA GIULIA58 - 60
EMILIA ROMAGNA58 - 60
MARCHE6 – 58 - 60
ABRUZZO6 – 7 - 58
MOLISE60
CAMPANIA6
PUGLIA7 – 24 – 58 - 60
BASILICATA6
CALABRIA58
SARDEGNA60
TOSCANA58
LIGURIA58

Bando per la formazione delle graduatorie regionali dei fornitori di servizi di media audiovisivi (tv locali).
Dopo la fase di consultazione pubblica sul documento Linee guida per la formazione delle graduatorie regionali dei fornitori di servizi media audiovisivi “, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato il bando per la predisposizione delle graduatorie delle regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna dei fornitori di servizi di media audiovisivi, autorizzati ai sensi della delibera AGCOM n. 353/11/Cons e titolari di marchi/palinsesti diffusi con la relativa numerazione automatica LCN attribuita dal Ministero.
La procedura di gara è finalizzata alla formazione delle graduatorie regionali utili all’individuazione dei soggetti che avranno diritto di essere trasportati sulle frequenze coordinate assegnate agli operatori di rete in ambito locale, ai sensi dell’articolo 6, commi 9-ter e quater, del decreto legge n.145/2013 e successive modifiche, a partire dalle regioni oggetto della c.d. “rottamazione delle frequenze”.
Il Ministero si riserva di emanare successivamente, ai fini dell’attribuzione della nuova numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre (LCN), un bando finalizzato alla formazione delle graduatorie per le restanti regioni nonché per l’aggiornamento delle posizioni dei fornitori di servizi di media audiovisivi partecipanti alla presente procedura, ai sensi dell’art. 6, commi 9-quinquies e septies del citato decreto legge, n.145/13, convertito dalla legge n. 9/14, come modificata dall’art.1, comma 147 della legge n. 190/14.
La compilazione delle domande di partecipazione, redatte secondo le modalità indicate nel bando, deve avvenire, a pena di esclusione, seguendo la procedura online specificata sul sito www.bandofornitori.it. L’inserimento dei dati sarà guidato dalle istruzioni pubblicate sulle pagine del sito.
La domanda di partecipazione, unitamente agli allegati, deve pervenire esclusivamente nella forma oggetto di stampa, a:
Ministero dello Sviluppo Economico
Viale America 201, 00144 Roma,
Direzione Generale Servizi di Comunicazione Elettronica, Radiodiffusione e Postali
Divisione IV, piano 5°, stanza A553, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 10.00 alle ore 13.00
La domanda di partecipazione potrà essere presentata dal 9 maggio al 10 giugno 2016 tramite consegna a mano, corriere o posta assicurata o tramite scansione elettronica della domanda e dei documenti richiesti con invio alla casella di posta certificata: dgscerp.garetv@pec.mise.gov.it .
Le domande pervenute oltre il termine previsto saranno escluse dalla procedura.
Il responsabile del procedimento è il Dr. Giovanni Gagliano, Dirigente della Divisione IV DGSCERP.

Allegati

  • Legge 23 dicembre 2014, n. 190 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015). Art. 1, comma 147 (pdf)
  • Linee Guida (pdf). Documento definitivo, rivisto a seguito delle osservazioni pervenute da parte degli operatori e delle associazioni di categoria.(15 luglio 2015)

SICILIA IN DIGITALE

Ore 12.55 - MUX RTP 1: RITORNA ON AIR IL LOGO DI R.T.P. RETEDUE.

UHF 39 Mux RTP 1
https://lh5.googleusercontent.com/-FP0mFBgWmyk/U1kjMR76b3I/AAAAAAAFeTk/tWcBAljf74Q/s1600/RTP%2520RETEDUE%252052.jpg
Ulteriori novità sul mux RTP 1; pochi giorni dopo la pubblicazione della nostra notizia, abbiamo notato che R.T.P. RETEDUE (LCN 72) ha ristabilito in onda il proprio logo originale. Abbiamo nuovamente aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RTP 1.


https://lh3.googleusercontent.com/-JGTpVZxsWPY/VycsbNI_mLI/AAAAAAAJPTM/-EzxxMc5zC8Kj9Kgk6VmKNnwkG6__GscQCCo/s1600/72%2BA%2B%25282%2529.png
https://lh3.googleusercontent.com/-jmWc3tud_4s/Vycsai4qXLI/AAAAAAAJPTM/HA0IvYbZN5cpTxTuaLs-suqDRNOXp_ZdgCCo/s1600/72%2BB%2B%25282%2529.png
https://lh3.googleusercontent.com/-xzIwzuKNvk4/VvJwer41NBI/AAAAAAAJHz0/VdraL8O8QUUL0KBRkldSpyuMrQGCpTyyACCo/s864-Ic42/00%2BB.png

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 10.50 - MUX RETE 7 PIEMONTE: AGGIUNTA ODEON 24.

UHF 32 Mux RETE 7 PIEMONTE
https://lh3.googleusercontent.com/-tmlSOYVReiA/VvcCWhiVWwI/AAAAAAAJIZI/w0t7_bEjmMo2HainNj-oifCugEnsf4S4ACCo/s52-Ic42/ODEON%2525252024%2525252052.jpg
Rispetto alla nostra precedente rilevazione, segnaliamo che nel mux RETE 7 PIEMONTE è stata aggiunta Odeon 24 che si posiziona sulla LCN 177.



https://lh3.googleusercontent.com/-jLnNn3ihjaI/VycNHWaERDI/AAAAAAAJPRo/6H9z1lP0IWMleX77O1tkKCz75zSFGbWGACCo/s1600/177%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-PPYr50Ye_XQ/VycNH-J9jfI/AAAAAAAJPRo/CuXLu0ZBA8MUKV0Wh53euy_I2_1LA-TCwCCo/s1600/177%2BB.png


Ricordiamo che TELECAMPIONE (LCN 75) ha da tempo cessato la ritrasmissione di ORLER TV.


https://lh3.googleusercontent.com/-9RCV4qrcgJ0/VycNIoCh5WI/AAAAAAAJPRo/WWNuCqAZ2cczwmNI8FDhTb49Et2d0T8UgCCo/s1600/75%2BA%2B%25282%2529.png
https://lh3.googleusercontent.com/-q1ZKEIUc2Ak/VycNJJEdWxI/AAAAAAAJPRo/XsOhFefyx6UaQrqz1Hv_uf6XXXlo3e1HwCCo/s1600/75%2BB%2B%25282%2529.png


https://lh3.googleusercontent.com/-q3YPfO-w41M/VycNK0XwHmI/AAAAAAAJPRo/WhDLh3EnlakTn6cvGsoSsnJ_6FRlpbygQCCo/s1600/00%2BB%2B%25282%2529.png



https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/archivionewssettimana/news2015/news05-11gen2015/NEWS%20DELLA%20SETTIMANA.png







https://lh4.googleusercontent.com/-8-L1EG8a4kE/VKVLXfSJeHI/AAAAAAAG5ic/6z7JSXs2j2g/s1600/ANNO%25202012.png











Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?

Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it
e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.


©
L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2016


www.litaliaindigitale.it


Copyright
ANDREA POMILIO - RICCARDO GAFFOGLIO