LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA


              Da Lunedì 17
a Domenica 23 FEBBRAIO 2014

















Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.




COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it
e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre?
Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.


https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news/news2009-2010
https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news/news2009-2010

https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news
NEWS 2012

NEWS 2013
NEWS 2014

NEWS DA MERCOLEDI' 01 A DOMENICA 05 GENNAIO 2014













Il nostro nuovo indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it















RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA) RAI Mux 2
RAI Mux 1 (BASILICATA) RAI Mux 1 (SARDEGNA) RAI Mux 3
RAI Mux 1 (VENETO / EMILIA-ROMAGNA) RAI Mux 4

RAI Mux 5

RAI Mux 5 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (FRIULI) RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 6 (LAZIO)

Mux DFREE CANALE ITALIA Mux 1 Mux LA 9 (PIEMONTE)
Mux LA 3 CANALE ITALIA Mux 2 Mux LA 9 (VENETO)
Mux START UP COMMUNICATION Mux LA 9 (TRENTINO)
RETE A Mux 1 Mux EUROPA 7 (DVB-T2) Mux STUDIO 1 Mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA)
RETE A Mux 2 Mux TIVUITALIA Mux TELECAMPIONE Mux LA 9 (MARCHE)


 Consulta la nuova grafica della lista delle emittenti che si ricevono a ROMA, MILANO, TORINO e PESCARA 

Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 23 FEBBRAIO 2014 - Domenica 

Ore 22.35 -  LOMBARDIA  - MUX SAN PAOLO TELEVISION: INIZIA A TRASMETTERE ANIME PER CRISTO, TORNA LA LCN SU RTB VIRGILIO.
UHF 21-32 Mux SAN PAOLO TELEVISION
Sono iniziati i programmi dell'emittente religiosa Anime per Cristo (LCN 602). Oltre al logo dell'emittente, posizionato in alto a sinistra, è presente anche la scritta Sfc TV in basso a destra.


https://lh6.googleusercontent.com/-Mf4tU_tnImQ/UwpjSiWxyCI/AAAAAAAFMS8/H2ugvOJohRY/s1600/602%2520A%2520%25284%2529-001.png
https://lh5.googleusercontent.com/-7bM3BZwd4ho/UwpjSPgeguI/AAAAAAAFMTA/_vXKRQxNmIY/s1600/602%2520B%2520%25282%2529-001.png

In alcuni istanti il video è instabile e ci sono sganci video.

https://lh5.googleusercontent.com/-b8jqPTW2dLQ/UwpjeGnqkyI/AAAAAAAFMTI/BzGEZx6l5Dg/s1600/602%2520D-001.png
https://lh3.googleusercontent.com/-IIlgeqRHIaU/UwpjdZcfAKI/AAAAAAAFMTM/VpthBkvTYFE/s1600/602%2520E-001.png

https://lh3.googleusercontent.com/-MKfa3zNtZ4o/Uqr2CTwrcBI/AAAAAAAEbgQ/Sg-hpkwU2LI/s1600/RTB%2520VIRGILIO%252052.jpg

RTB Virgilio, che negli ultimi giorni era priva di LCN, è ora nuovamente sintonizzabile al numero 213.


https://lh5.googleusercontent.com/-bsL-BFEZTT8/UwpjL0XnoHI/AAAAAAAFMS0/W8aa0LlMsKM/s1600/213%2520A%2520%25282%2529-001.png
https://lh3.googleusercontent.com/-KcCwklxxHQc/UwpjWgnSafI/AAAAAAAFMS4/p-ob5_yigkA/s1600/213%2520B%2520%25282%2529-001.png

Resta ancora priva di LCN ReteBrescia. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux SAN PAOLO TELEVISION. Consulta anche la lista delle emittenti TV che si ricevono a MILANO.

https://lh4.googleusercontent.com/-WYCXKBJdumQ/UwpmW9Y6KDI/AAAAAAAFMUc/TUzW-q6lMf4/s1600/00%2520B.png

Ore 12.25 -  MUX NAZIONALI  - COMING SOON TELEVISION: "NON SAREMO PIU' IN ONDA DA FINE MARZO".
UHF 36-46 MEDIASET Mux 2
Sulla pagina Facebook di Coming Soon Television, in onda sul digitale terrestre sulla LCN 49 veicolata dal MEDIASET Mux 2, è recentemente comparso un post che annuncia la chiusura dell'emittente.


https://lh3.googleusercontent.com/-F7QExJ75sX4/UwnXhbW0LsI/AAAAAAAFL9U/_VFTY5-CAiI/s1600/coming%2520soon.PNG

Termina pertanto l'avventura di questo canale che, dopo la cessazione delle trasmissioni sul satellite, abbandononerà anche il digitale terrestre.
https://lh3.googleusercontent.com/-t-_VBLirqsU/UwnWW-geY9I/AAAAAAAFL84/JMzHQpSlQVk/s1600/49%2520A.png
https://lh5.googleusercontent.com/-dvt1hqL7zmY/UwnWW-ssaBI/AAAAAAAFL88/hVDJkHZgymk/s1600/49%2520B.png


 22 FEBBRAIO 2014 - Sabato 

Ore 19.05 - TV ZOOM: "SKY RADDOPPIA E PORTA SKY TG24 SUL DIGITALE TERRESTRE".
È questione di settimane: a Sky stanno lavorando alacremente per lo sbarco in chiaro del loro canale all news.
Si raddoppierebbe così la presenza di Sky sul digitale terrestre, che già ha Cielo al numero 26, un canale che ha aumentato del 130% i suoi ascolti negli ultimi 12 mesi. Secondo quanto risulta a TVZOOM starebbe infatti per partire a giorni dalla sede di Santa Giulia a Milano la richiesta al Ministero per l'ottenimento della numerazione del canale, che presumiamo sia attorno al 50, essendo già presenti RaiNews24 al 48 e Tgcom24 al 51 del LCN.
Con lo sbarco in chiaro, il Tg di Sarah Varetto diverrebbe quasi sicuramente il primo canale all news italiano, dato che il suo ascolto medio-giorno viaggia su una percentuale dello 0,4% sugli abbonati Sky (ieri addirittura 0,6%), mentre il canale all news della Rai è fermo allo 0,6% di share su tutta la platea televisiva. A distanza viaggia il canale di Mediaset, fermo allo 0,3%.
Sarebbero quindi visibili a tutti i pezzi forti della programmazione di Sky Tg24: dai confronti politici alle inchieste, fino agli editoriali, che negli ultimi mesi stanno dando al canale un'identità più coraggiosa e aggressiva. È evidente che questa scelta, oltre a dare a Sky Pubblicità un nuovo prodotto da vendere sul mercato, darebbe all'azienda di Rupert Murdoch uno strumento che ne aumenterebbe in maniera sostanziale la presenza in Italia, accrescendone anche l'impatto mediatico sulla politica e sulla nostra società. Emerge così una strategia della pay tv di News Corp, che blinda nella pay in esclusiva film, sport, serie tv, talent show, mentre mette in chiaro l'informazione e i secondi passaggi dell'intrattenimento.

Tratto da:
www.tvzoom.it/index.php?option=com_content&view=article&id=10757:sky-sky-tg-24-digitale-terrestre

Ore 18.50 -  LOMBARDIA  - MUX RETE 55: ARRIVA TELEFANTO, ELIMINATE LA 4 ITALIA, RETE 182 E AMICI ANIMALI & NATURA.
UHF 42 Mux RETE 55
https://lh6.googleusercontent.com/-R1_SqrUnvp4/UwjbjiKH1jI/AAAAAAAFL1w/1ujZeLl6Or4/s1600/TeleFanto%252052.jpg
Aggiorniamo di seguito la composizione del provider lombardo RETE 55 dove rileviamo che è stata inserita Telefanto (priva di LCN). E' stata eliminata La 4 Italia che occupava la LCN 129 e non risultano più inseriti Rete 182 e Amici Animali & Natura che erano a schermo nero (canali dati) ed occupavano rispettivamente le LCN 182 e 248. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETE 55. Consulta anche la lista delle TV A MILANO.
https://lh5.googleusercontent.com/-xj4X-ARBfTw/Uwh-sSCv0EI/AAAAAAAFLr4/cpDkrZK1E-Y/s1600/00%2520B%2520%25286%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-C30fVMireys/Uwjbwjso_xI/AAAAAAAFL2k/6qNDoZW6GzY/s1600/TeleFanto.png
https://lh3.googleusercontent.com/-NMehrKYWxAE/Uwh-qQU9x5I/AAAAAAAFLro/LVEVM_TfoLc/s1600/NO%252001%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-QMfk-h5OdMA/Uwh-rq0cdPI/AAAAAAAFLrw/53Ny0Yx5FIE/s1600/NO%252001%2520B%2520%25282%2529.jpg


 21 FEBBRAIO 2014 - Venerdì 

Ore 23.45 -  PIEMONTE  - MUX PRIMANTENNA (PIEMONTE): ARRIVA RADIO JUKEBOX.
UHF 21 Mux PRIMANTENNA (PIEMONTE)
Fa il suo ingresso in questo provider Radio JukeBox priva di numerazione LCN. Questa emittente radiofonica è anche presente in un altro provider piemontese, il mux QUARTARETE. Consulta la lista delle TV A TORINO e la griglia dei canali comprensiva dello z@pping TV del mux PRIMANTENNA (PIEMONTE).



https://lh3.googleusercontent.com/-TfVhitklRuI/UwfUgCOTApI/AAAAAAAFLi0/VQzvMjUOB9s/s1600/00%2520B%2520%25284%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-wzH0gzISeJs/UwfUfaDJ9UI/AAAAAAAFLis/PKnbDpHjyZw/s1600/R%2520NO%252001.jpg

Ore 23.15 -  MUX NAZIONALI   LOMBARDIA   ABRUZZO  - CAMBIO DI FREQUENZA TIMB MUX 2: NUOVE ATTIVAZIONI DELL'UHF 55 IN LOMBARDIA E ABRUZZO.
UHF 55-60 TIMB Mux 2
Due nuove attivazioni per la nuova frequenza UHF 55 del TIMB Mux 2. Una nella giornata di ieri in LOMBARDIA dalla postazione di MARESANA a Ponteranica (Bergamo), e l'altra oggi in ABRUZZO dall'impianto sito sul MONTE ARNONE nel comune di Oricola (L'Aquila). Pertanto abbiamo aggiornato le liste delle emittenti ricevibili nella città di BERGAMO e nella località di CARSOLI (L'Aquila) nella Piana del Cavaliere.
RegionePostazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
LombardiaMARESANA
PonteranicaBGVerticale
AbruzzoMONTE ARNONEOricolaAQOrizzontale

https://lh3.googleusercontent.com/-pxSx1FJVyjk/UwcmB7CQO-I/AAAAAAAFKyM/INELCkRNZyM/s1600/00%2520B%2520%25288%2529.jpg

Ore 18.45 -  LOMBARDIA  - MUX TELE 7 LAGHI: REINSERITO IL LOGO SU TELESETTELAGHI DUE, PREALPI TV A SCHERMO NERO.
UHF 34 Mux TELE 7 LAGHI
https://lh5.googleusercontent.com/-fSyo6E5HCq4/UnU-_PDz5nI/AAAAAAAFLbw/sGHFuThrQqc/s1600/TELESETTELAGHI%25202%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-Gy8ZALpYNR4/UnU_GWsisWI/AAAAAAAE3o0/aJOQEOqNzp0/s1600/VARESE%2520SPORT%2520TV%252052.jpg
Nuovamente on air il logo di stazione di TELESETTELAGHI DUE (LCN 215) insieme a quello di VARESE SPORT TV.



https://lh3.googleusercontent.com/-zFP6J4sxKY4/UweL2kYdB7I/AAAAAAAFLZc/8T-in4S1uVI/s1600/215%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-u_Eil4OiFMY/UweL3pyuN6I/AAAAAAAFLZk/Ef2w2DiXUi4/s1600/215%2520B%2520%25282%2529.jpg


PREALPI TV (LCN 686) risulta attualmente a schermo nero.


https://lh4.googleusercontent.com/-78jVpWIZqEI/UweL1xT9s0I/AAAAAAAFLZU/HwKmkzAGtx4/s1600/686%2520A%2520%25283%2529.jpg

Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELE 7 LAGHI.

Ore 17.30 -  LOMBARDIA  - MUX TELEPACE (LOMBARDIA): ARRIVA SUPERGAME.
UHF 39 Mux TELEPACE (LOMBARDIA)
https://lh5.googleusercontent.com/-se4oncJxbbE/Uwd2tSH0_9I/AAAAAAAFLL8/A2qB6J50MQ4/s1600/SUPERGAME%2520TV%252052.jpg
Rispetto alla nostra precedente rilevazione segnaliamo che è stata inserita Supergame sulla LCN 186.
In alcune occasioni il canale presenta brevi sganci sul video.


https://lh5.googleusercontent.com/-So7hG7CYDdw/Uwd2aR7U4TI/AAAAAAAFLQw/7AXeAEfGib8/s1600/186%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-3ypcBsQ7f1Y/Uwd2b9X-SHI/AAAAAAAFLQ4/8Iur1KJ76cM/s1600/186%2520B.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-VEvMUz47kqE/Uwd2dTBDWTI/AAAAAAAFLRA/UOjGrSCtKao/s1600/186%2520C.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-VO_EJDIM9EY/Uwd2d73PhvI/AAAAAAAFLR4/coDVolMCxcc/s1600/186%2520D.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-R7hzTI_nEP4/Uwd2e-3RAmI/AAAAAAAFLSA/ZOlHmC08lT8/s1600/186%2520E.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-FauM-gW4QAI/Uwd4GzfLHUI/AAAAAAAFLNI/EgrxZdKeKT8/s1600/SPORT%2520CHANNEL%252052.jpg

SPORTCHANNEL.IT.. (LCN 626) abbandona la ritrasmissione di RADIO NUMBER ONE TV ed è regolarmente on air con la sua programmazione.


https://lh5.googleusercontent.com/-mKG2bDEPh9Y/Uwd2frfX7rI/AAAAAAAFLKU/NeQOllRjNjQ/s1600/626%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ZERyAo3uEMg/Uwd2h2g2auI/AAAAAAAFLKk/7seAFwpDt7s/s1600/626%2520B%2520%25282%2529.jpg

Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEPACE (LOMBARDIA) e la lista delle TV A MILANO.
https://lh6.googleusercontent.com/-c5TRhjQl0PE/Uwd2ZfkVEII/AAAAAAAFLPQ/v9kwTpa4jyY/s1600/00%2520B%2520%25286%2529.jpg

Ore 12.35 - MEDIASET E I DIRITTI D'AUTORE: DIFFICILE IL RISARCIMENTO DA GOOGLE.
Strada sempre più in salita nella causa da 500 milioni di danni intentata dal Biscione al colosso del web per i filmati on line.
ROMA – Si fa più impervia la strada di Mediaset verso il risarcimento danni chiesto a Google per la diffusione – tramite You Tube – di migliaia di spezzoni delle proprie trasmissioni tv senza il pagamento dei diritti d’autore.
A porre dei paletti è il Tribunale Civile di Roma, davanti al quale nel 2008 il Biscione aveva trascinato Big G. con una causa da 500milioni di danni.
La nona sezione specializzata di proprietà intellettuale, presieduta da Tommaso Marvasi, con un’ordinanza dello scorso 14 febbraio, ricorda che la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha posto parametri molto più stringenti per l’ottenimento dei risarcimenti per violazione del diritto d’autore.
In base a due recenti sentenze Ue infatti, si stabilisce che il provider – in questo caso Google – non ha l’obbligo di vigilare su tutti i contenuti pubblicati dagli utenti. Pertanto l’obbligo di risarcimento interviene solo se la violazione viene segnalata tramite una diffida.
Una linea nel solco della quale sembra volersi muovere ora anche il tribunale di Roma che ha disposto la convocazione dei consulenti d’ufficio per delimitare la quantificazione del danno secondo i principi enunciati dalla Corte Ue, sulla responsabilità del provider.
In pratica il Tribunale vuole capire, filmato per filmato, se dal canto suo Mediaset abbia fatto la segnalazione a Google e se, di conseguenza, Google abbia o meno provveduto a intervenire.
Una decisione che, come scrive anche il professor Guido Scorza sul Fatto Quotidiano, evidenzia “il fermo convincimento del Tribunale circa l’impossibilità – alla stregua del diritto europeo, come di recente interpretato dalla Corte di Giustizia Ue – di ritenere sussistente, anche solo indirettamente, un obbligo generale di sorveglianza in capo all’internet service provider”. (Adnkronos)
Tratto da: www.giornalisticalabria.it/2014/02/20/mediaset-e-i-diritti-d%E2%80%99autore-difficile-il-risarcimento-da-google

Ore 12.20 -  SARDEGNA  - SARDEGNA UNO: ALTRI DUE GIORNI DI SCIOPERO.
CAGLIARI – L’assemblea dei lavoratori di Sardegna Uno Tv, riunita l'atro ieri a Cagliari, ha proclamato altre due giornate di sciopero in attesa del primo incontro azienda-sindacati previsto dalla procedura di mobilità ex legge 223 avviata dall’azienda nei confronti di 13 dipendenti.
L’incontro tra i rappresentanti sindacali e i vertici di Sardegna Uno Tv è in programma per oggi pomeriggio, 21 febbraio, a Cagliari presso lo studio legale “Macciotta e associati”.
I lavoratori di Sardegna Uno Tv, negli ultimi giorni, hanno portato avanti diverse iniziative in difesa dei posti di lavoro.
Giornalisti e tecnici sono sempre più convinti che solo la politica possa trovare una soluzione alla loro vertenza.
Servono risposte urgenti, interventi mirati per mettere ordine al sistema dell’editoria e garantire, così, il pluralismo dell’informazione nell’isola.
I dipendenti di Sardegna Uno Tv nelle scorse settimane hanno presentato un documento a tutti i candidati alla Presidenza della Regione per rivendicare una legge organica di settore e, soprattutto, l’eliminazione dei criteri di discrezionalità per la concessione di risorse pubbliche agli editori.
Giornalisti e tecnici di Sardegna Uno rivolgono i migliori auguri di buon lavoro al nuovo Presidente della Regione Francesco Pigliaru. La sua attenzione ai temi segnalati dai sindacati e dai lavoratori, ribadita a più riprese durante la campagna elettorale, rappresenta un’apertura importante per tutto il mondo dell’informazione.
Serve adesso un approfondimento urgente. Lavoratori e rappresentanze sindacali aziendali chiedono al neo Governatore, nei tempi e con le modalità che riterrà più opportuni, un incontro a tutto campo per illustrare i termini della vertenza e le ragioni che hanno determinato 34 giorni consecutivi di sciopero totale in audio e video.
Tratto da: www.giornalisticalabria.it/2014/02/20/sardegna-uno-tv-altri-due-giorni-di-sciopero

Ore 11.40 -  MUX NAZIONALI  - TIMB MUX 2: ARRIVA EASY KIDS, NUOVO CANALE PER BAMBINI.
UHF 55-60 TIMB Mux 2
https://lh3.googleusercontent.com/-7aEhRJFbw6Y/UwckdhdR1SI/AAAAAAAFKr4/KZ1HVrbBylU/s1600/EASY%2520KIDS%252052.jpg
E' stato aggiunto in questo multiplex un nuovo canale dedicato ai bambini EASY KIDS, che si posiziona con la numerazione LCN 238.
Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del TIMB Mux 2.


https://lh4.googleusercontent.com/-mXHmCG_UBGg/UqXNYlqQAmI/AAAAAAAEZTc/uyBTUZaVQOA/s1600/TIMB%25202%2520133.png
https://lh3.googleusercontent.com/-pxSx1FJVyjk/UwcmB7CQO-I/AAAAAAAFKyM/INELCkRNZyM/s1600/00%2520B%2520%25288%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-vYMcYlBEhlg/Uwcl_3T2FwI/AAAAAAAFKx8/F1VPyiquk_w/s1600/238%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-UfowQhj4-9w/UwcmA9Hb8oI/AAAAAAAFKyE/r91g-avBSZ8/s1600/238%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-2Dy5pqjccCc/Uwcm3tO1qAI/AAAAAAAFK3w/gf6poLSaW-M/s1600/238%2520C.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/--3lsaEnl5GY/UwcmzqPzJ_I/AAAAAAAFK3Q/OncNcThQtpo/s1600/238%2520D.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-_x2WO5w2Nfw/Uwcm0iM14bI/AAAAAAAFK3Y/okVz3X94nEQ/s1600/238%2520E.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-XACs3DMYKY4/Uwcm21DBT3I/AAAAAAAFK3o/oZfI5ofJAeM/s1600/238%2520F.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-4PiTbWcEc5E/Uwcm4YYN5BI/AAAAAAAFKy8/UozyHALIE6E/s1600/238%2520G.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-IrJx26H5h_U/Uwcm5ZWDncI/AAAAAAAFK34/CzZt3Ncz9v0/s1600/238%2520H.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-lUtCVF-XYwY/Uwcm1pj3KoI/AAAAAAAFK3g/t8OrgnN8idg/s1600/238%2520i.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-Q7XKtmzb3Ns/Uwcm6XrsENI/AAAAAAAFKzQ/6hlphq-Tkjg/s1600/238%2520l.jpg

Ore 01.50 - DISCOVERY INTERESSATA ALL'ACQUISTO DI UNA FREQUENZA TV.
(MF-DJ) Con Rai, Mediaset e Telecom Italia Media fuori dai giochi per eccesso di capacità (chi ha più di due multiplex non può concorrere), all’asta per l’assegnazione delle frequenze tv, che parte sulle ceneri dell’ex beauty contest voluto dal governo, potranno partecipare tutti gli altri broadcaster attivi in Italia o interessati a entrare in un mercato che rappresenta pur sempre un bacino d’utenza di più di 22 milioni di telespettatori e un giro d’affari a livello pubblicitario di 3,5 miliardi.
La gara per l’acquisto dei tre lotti di frequenze, scrive MF, è scattata il 12 febbraio con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del bando. I potenziali pretendenti hanno 60 giorni di tempo utile per fare le proprie offerte: la deadline è fissata per l’11 aprile. La base d’asta è di 90,75 milioni, il che equivale ad assegnare a ogni singolo multiplex un valore di 30 milioni. Cifra alla portata di molti soggetti, industriali e finanziari. Tra i più interessati a studiare il dossier c’è il colosso Usa Discovery Channel, oramai il quarto operatore nazionale con uno share superiore al 5% e una solida raccolta vicina a quella di un big del calibro di Urbano Cairo. Discovery, in Italia, possiede 12 canali tra piattaforma digitale free e satellitare a pagamento, tra cui spiccano Real Time e DMax, su cui è stato lanciato il 6 Nazioni di rugby.
Tratto da: www.primaonline.it/2014/02/20/179199/discovery-interessato-allacquisto-delle-frequenze-tv

Ore 00.55 -  MUX NAZIONALI  - MEDIASET MUX 3 / MEDIASET MUX 4: CANALE 5 E LE TRASMISSIONI IN ALTA DEFINIZIONE.
https://lh3.googleusercontent.com/-1qF4t7mRBio/UqdC4L1LvbI/AAAAAAAEaCs/UqZap8FXSA8/s1600/MEDIASET%252060.jpg
UHF 24-29-38 MEDIASET Mux 3
UHF 49-52 MEDIASET Mux 4
https://lh6.googleusercontent.com/-my2xOrD4mM4/UqdCu7rv_cI/AAAAAAAEZss/LDyWv4Cbetk/s1600/CANALE%25205%252052.jpg
Canale5 (LCN 5), in occasione della trasmissione di eventi in HD nativo, ricorda con una sovraimpressione posizionata in basso a destra del logo di stazione, che la trasmissione è disponibile anche in alta definizione sulla LCN 505 di Canale5 HD del MEDIASET Mux 3.


https://lh3.googleusercontent.com/-IY1qEIP--iA/UwaQj7BZDdI/AAAAAAAFKnY/KXsTP8aiZGY/s1600/1.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-LKfZhzKitYQ/UwaQlwd_YzI/AAAAAAAFKnw/dd9UGlPs8Gk/s1600/4.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-QMGzP0KUy3U/UwaQnPhVb_I/AAAAAAAFKoA/4EH8M8S4dyA/s1600/6.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-uz3dJvL9Bqs/UwaQkt1zsgI/AAAAAAAFKng/ye4hHH6Ge8U/s1600/2.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/--UAF29Jl4WY/UwaQnsMQsJI/AAAAAAAFKoI/0gmnUTPE05k/s1600/7.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-tV-JoOmdcNw/UwaQpjeek_I/AAAAAAAFKog/UPWp8rfkJH0/s1600/10.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-dX0CqfcLJX8/UwaQpI7yLyI/AAAAAAAFKoY/YdCUROstW5c/s1600/9.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-3VbUpJ0ZGZI/UL8rXw3AYRI/AAAAAAACI8A/XPEkvgAu7fg/s1600/CANALE%25205%2520HD%252052.jpg

La medesima sovraimpressione sembra presente anche sulla stessa Canale5 HD (LCN 505), infatti tale scritta è coperta dal logo HD che, per l'occasione, non è più semitrasparente.



https://lh3.googleusercontent.com/-nq3-hEgPRVY/UwaQqYUbAGI/AAAAAAAFKoo/jQ3bweHt6h8/s1600/11.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-jiAn2Y1sNfs/UwaQrzdm-jI/AAAAAAAFKo4/tlkrmETj8sY/s1600/13.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-vqWmqRmyQd8/UwaQsefjWVI/AAAAAAAFKpA/zErgOeXW-fc/s1600/14.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-NoRveQJtIFc/UwaQtOuAifI/AAAAAAAFKq8/fUWhduYHw3U/s1600/15.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-f-ZgCyDNw-s/UwaQrCcvpuI/AAAAAAAFKqE/y7h1u-Wx-k0/s1600/12.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-O2O6S13pCL0/UwaQtk90ZNI/AAAAAAAFKrE/f5AxVHDj990/s1600/16.jpg


 20 FEBBRAIO 2014 - Giovedì 

Ore 14.40 -  LOMBARDIA  - MUX TELELOMBARDIA: INIZIATI I PROGRAMMI DI SEI LA TV.
UHF 46 Mux TELELOMBARDIA
https://lh5.googleusercontent.com/-lAIOVAeqan0/UvVGOEzHoPI/AAAAAAAFAr4/A6FKa0a0VHs/s1600/SEILATV%252052.jpg
Il nuovo canale SEILATV, che si posiziona sulla LCN 216, non è più in onda con il cartello ma ha iniziato a trasmettere qualche programma. In alto a sinistra è presente la scritta TRASMISSIONE SPERIMENTALE, infatti il palinsesto ufficiale inizierà il prossimo 3 marzo. Nel logo di stazione che si posiziona in basso a destra è presente anche la scritta BERGAMO. Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del mux TELELOMBARDIA.
https://lh3.googleusercontent.com/-R5gwhSOsqeY/UwYECT-_t5I/AAAAAAAFKIo/jK7IkJmHpQI/s1600/216%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-n544E_EJmC8/UwYEDUvaHnI/AAAAAAAFKIw/c7dPmA_AfzU/s1600/216%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-47PDtUTc5nM/UwYH8KtycbI/AAAAAAAFKJE/TlerKAwXfaE/s1600/216%2520D.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-nV4hvGGxUY4/UwYH9F4FJWI/AAAAAAAFKJM/VQmG--jbWaM/s1600/216%2520E.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-ZdD866lkaTM/UwYH-q3YmLI/AAAAAAAFKJU/vgsZ32hlm0M/s1600/216%2520F.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-CJdsewLDW-U/UwYH_ohtPTI/AAAAAAAFKJc/8ACdOukAf-4/s1600/216%2520G.jpg


https://lh4.googleusercontent.com/-LXSvZpzNGCU/UwYIXPq1sFI/AAAAAAAFKKU/w-ef-lIVVC0/s1600/1607014_647374391989926_1171692980_n.jpg

Ore 11.20 -  LAZIO  - MUX TELEROMA 56 (LAZIO): CAMBIO DI FREQUENZA A ROMA E FROSINONE, DALL'UHF 29 PASSA ALL'UHF 35.
UHF 29-35 Mux TELEROMA 56
Ieri c'è stato il cambio di frequenza, dall' UHF 29 all' UHF 35, del mux TELEROMA 56 (LAZIO) dalle postazioni di MONTE CAVO - VETTA a Rocca di Papa (Roma), con copertura della città di Roma, e di MONTE LUNGO nel comune di Alatri (Frosinone). Dalla nostra zona di ricezione, Monterotondo Scalo (Roma), al momento sull' UHF 35 non riceviamo nessun segnale del provider TELEROMA 56 (LAZIO), anche nella città di Roma ci comunicano che in alcune zone è impossibile la ricezione, in altre è perfettamente sintonizzabile. Ricordiamo che sull' UHF 35 trasmetteva in precedenza il mux ITR SORA (LAZIO) B dalla postazione di VERMICINO - VIA DELLE CORNUFELLE sito nel comune di Frascati (Roma), non più ricevibile. L' UHF 29 ora risulta senza nessun segnale. Abbiamo aggiornato le lista delle emittenti ricevibili nella capitale e in ciociaria, per visionarle vai alle pagine delle TV A ROMA e delle TV A FROSINONE.

UHF 35 (586,0 Mhz)
Postazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
MONTE LUNGOAlatriFROrizzontale
MONTE CAVO - VETTA
Rocca di Papa
RMOrizzontale

https://lh4.googleusercontent.com/-MN1VGDaGYuE/UwR6J4OcDnI/AAAAAAAFIzc/v-wjce_iK8c/s1600/00%2520B.jpg

Mux TELEROMA 56 (LAZIO) - Z@pping TV



 19 FEBBRAIO 2014 - Mercoledì 

Ore 19.50 -  LAZIO  - MUX TELEDONNA: RITORNA TO2, ARRIVANO DUE CANALI TEST.
VHF 05 Mux TELEDONNA
https://lh3.googleusercontent.com/-5x1OiJX9DCg/UiXpJcK8uRI/AAAAAAADblk/wdUHK7o4vw0/s1600/TO2%252052.jpg
Dopo dieci giorni di assenza ritorna in questo multiplex l'emittente TO2 con la numerazione LCN 118. Inoltre sono stati aggiunti due canali, risultano sintonizzati come dati e sono a schermo nero, test 1 con la LCN 665 e test 2 con la LCN 695. Al momento non vengono memorizzati su tutti i decoder in quanto sono privi di tutti i dati pid (video, audio, PMT e PCR), risulta attivo solo il SID, l'identificativo del servizio. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEDONNA.


https://lh5.googleusercontent.com/-avNSuv-xUJc/UwT2Mp0i2OI/AAAAAAAFJ78/jYo8IPUWYFg/s1600/00%2520B%2520%25287%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-ASKAeHhF-_8/UwT2SxWD7NI/AAAAAAAFKAs/JYHmJOd7VPM/s1600/118%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-etA1i3ic92A/UwT2Tjo8izI/AAAAAAAFKA0/rIoSsOFuQBI/s1600/118%2520B.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-Hy1pBy3ElJQ/UwT6e6r19mI/AAAAAAAFKBE/VLlAqJ369Os/s1600/TS%2520TELEDONNA.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-Y8Y_OlDo4Us/UwT2RFKwGKI/AAAAAAAFKAc/z80-UB4Q01U/s1600/665%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-0fwBMt-Aecc/UwT2R5wDu8I/AAAAAAAFKAk/nU9lknRvkik/s1600/695%2520A.jpg

Ore 17.05 -  CROAZIA   ABRUZZO  - CROAZIA IN DIGITALE - HRT D8 MUX D: ARRIVANO MREZA TV E RTL KOCKICA, AGGIORNATO LO ZAPPING TV.
UHF 34 HRT D8 Mux D
https://lh5.googleusercontent.com/-TFZuZw596EU/UwTEFMx4LYI/AAAAAAAFJYQ/5CcHHSobwaA/s1600/RTL%2520KOCKICA%252052.jpg
Rispetto alla nostra ultima rilevazione delle emittenti televisive croate di cui vi abbiamo parlato nello SPECIALE CROAZIA IN DIGITALE lo scorso mese di ottobre, segnaliamo che nel HRT D8 Mux D, che trasmette sulla frequenza UHF 34, ricevuto in questo giorni di propagazione sulla costa abruzzese, sono stati aggiunti recentemente due nuovi canali. Sono RTL KOCKICA e Mreza TV, identificato MrezaST, entrambi senza numerazioni LCN come le altre tre emittenti del multiplex. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV con nuove immagini di HRT D8 Mux D.


UHF 34 HRT D8 Mux D

https://lh4.googleusercontent.com/-9_SiU63Mdrc/UwTMRMFzzmI/AAAAAAAFJhM/GTetOqC6kTA/s1600/00%2520B%2520%25283%2529.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-37vdu91kRIM/UwTPOmgRaGI/AAAAAAAFJkI/XYHeRcgObuo/s1600/CH%252034%2520B.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-91zAuVxHPaQ/UwTMI5C9nWI/AAAAAAAFJjY/of7v3SAZtnI/s1600/NO%252003%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-tpVsxWYUH1E/UwTMJnaeqZI/AAAAAAAFJjg/RS_yLOlCx0U/s1600/NO%252003%2520B.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-OtS63v_rxPM/UwTMKz4RlyI/AAAAAAAFJjI/kAUm7v7Kz0s/s1600/NO%252002%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-XFuxKPJwyuE/UwTML_lNQgI/AAAAAAAFJjQ/2MLDjT_rNpo/s1600/NO%252002%2520B.jpg













https://lh3.googleusercontent.com/-h8-wAp3Bkao/UwTLeBdSpFI/AAAAAAAFJeM/epb1XWOc7G4/s1600/CMC%2520133%2520%25282%2529.png

HRT D8 Mux D - Z@pping TV


Ore 15.25 - CAIRO ALLA FINESTRA DELL'ASTA PER LE FREQUENZE.
Con gli 88 milioni avuti in dote da Telecom per l'acquisto de La7, e non ancora utilizzati, Urbano Cairo potrebbe partecipare all'asta frequenze del digitale terrestre. Il dossier lo sta guardando. Ma la partecipazione è tutt'altro che scontata perché, dopo avere comperato una delle tre frequenze all'asta, bisogna anche realizzare la rete di trasmissione. Il prezzo delle frequenze non è comunque elevato: 30 milioni l'una per un totale di 90 (se andrà bene) molto lontano dagli 1,2 miliardi previsti solo due anni fa dall'allora ministro Corrado Passera. Se Cairo partecipasse, Ti Media dovrebbe dire addio a uno dei migliori clienti, che naturalmente passerebbe nel nuovo network. E il suo valore, in vista della fusione con i mux dell'Espresso, si ridurebbe senz'altro.

Tratto da: www.ilgiornale.it/news/economia/cairo-finestra-dellasta-frequenze

ECCO PERCHE' A CAIRO CONVERREBBE PARTECIPARE ALL'ASTA.
Cairo sta valutando il dossier. L’investimento appare ragionevole: non inciderebbe in modo pesante sul business plan e gli garantirebbe anche la possibilità futura di rivendere il mux per la banda larga mobile.
Gli operatori hanno cominciato a studiare il dossier per valutare la partecipazione all'asta per le frequenze televisive (ex beauty contest) prevista per l'estate, anche se restano i problemi relativi al posizionamento dei canali sul telecomando.
Secondo voci, in lizza potrebbe esserci Urbano Cairo. Non è escluso che, oltre ad altri piccoli e medi broadcaster, anche banche d'affari (come Clessidra) o investitori finanziari possano essere interessati all'asta. Si tratta, infatti, di un piccolo investimento, la base d'asta è di 90,75 milioni per i tre multiplex in gara (30 milioni circa per 1 mux), che nel prossimo futuro, in vista della liberazione delle frequenze per la banda larga mobile, potrebbe essere monetizzato in maniera esponenziale ricedendo i mux allo Stato a peso d'oro.
L'imprenditore torinese, che lo scorso anno ha comprato La7 da Telecom Italia Media per 1 mln di euro, sta giustamente valutando l'eventuale partecipazione all'asta, avendo in cassa gli 88 milioni avuti da Telecom Italia al momento della cessione.

L'operazione sarebbe fattibile, secondo voci raccolte da Key4biz, e Cairo potrebbe usare 30 mln di quella 'dote' per acquistare un multiplex.
Se così fosse, farebbe anche un piacere a Mediaset, per esempio, evitando che quelle frequenze vadano a un operatore già sul campo o a un new entrant.
Una possibile mossa di Cairo in questa direzione sembra, quindi, verosimile perché non peserebbe in maniera 'stravolgente' sul business plan e non si presenterebbe neanche il problema delle realizzazione delle reti di trasmissione, perché lo deve fare in cinque anni e coprire il 50% del territorio e il 10% di tutte le regioni italiane che si può fare tranquillamente con una ventina di trasmettitori e che comunque potrebbe anche affittare. Non si tratta quindi di un impegno gravoso per il proprio bilancio.

La base d'asta è, infatti, praticabile anche per piccoli operatori per cui può essere un'operazione ragionevole: compri le frequenze e diventi un operatore infrastrutturale senza l'onere di costruire le reti di trasmissione ma affittando i trasmettitori. Del resto Cairo oggi li affitta da Timb (Telecom Italia Media Broadcasting) che in ogni caso non vedrebbe ridurre di molto il suo valore se perdesse questo cliente, in quanto resta un potenziale carrier.

Sulle frequenze acquistate, Cairo potrebbe ospitare oltre ai propri canali televisivi anche altri e diventare un competitore sulla capacità trasmissiva, vista la fame di banda che c'è al momento e di cui potrebbe aver bisogno anche Mediaset in un prossimo futuro.
Molto più difficile, invece, capire quanto Sky Italia possa essere interessata a partecipare all'asta per ampliare l'offerta sul digitale terrestre dov'è già presente con il canale Cielo.

Il ragionamento sulla convenienza o meno di Cairo di partecipare all'asta è ovviamente estendibile anche per altri piccoli e medi broadcaster come Discovery che in Italia possiede sette canali.

La domanda che devono porsi è: conviene ammortizzare questi 30 mln di euro in venti anni di licenza con l'eventuale possibilità di partecipare alla liberazione dello spettro quando sarà necessario per i servizi di banda larga mobile e quindi di monetizzare in quella fase l'investimento?
La risposta sembra scontata ed è per questa ragione che sicuramente l'asta non andrà deserta.

Tratto da: www.key4biz.it/News/2014/02/19/TV_digitale/Asta_frequenze_frequenze_tv_cairo_multiplex

Ore 13.30 -  LOMBARDIA  - MUX VIDEOSTAR (A): INSERITA AB CHANNEL, ELIMINATA GIOELLI PER TUTTI.
UHF 24 Mux VIDEOSTAR (A)
https://lh4.googleusercontent.com/-DC0Q6GvoWJw/UuV4rdsNYYI/AAAAAAAE24o/JxeFXpy_O5U/s1600/ROCKTUNE%252052.jpg
Aggiorniamo la composizione del multiplex A del provider VIDEOSTAR, segnalando l'arrivo sulla LCN 219 della tv abruzzese AB Channel. Nella nostra precedente rilevazione alla posizione 219 era invece presente la tv commerciale Gioielli Per Tutti che è stata eliminata. Monitorando le radio trasmesse, segnaliamo le seguenti variazioni: sulla LCN 790 non è più on air VD Radio Star ma Rocktune, la stessa VD Radio Star è ora priva della numerazione automatica, mentre resta sempre inserita la copia identificata VD Radio Star* sulla LCN 678. Inoltre sono state eliminate VOR Voice of Russia e Lifegate che occupavano rispettivamente le numerazioni 792 e 810. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux VIDEOSTAR (A). Consulta anche la lista delle TV A MILANO.

https://lh4.googleusercontent.com/-Ax9-RwTajZE/UwSeLZK6qXI/AAAAAAAFJLw/IbK2aqvredw/s1600/00%2520B%25201%2520%25283%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-3SGuC2lBt2w/UwSeMNJnq7I/AAAAAAAFJL4/slnJYgVs9pw/s1600/00%2520B%25202%2520%25283%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-umh-kPLMU40/UwSeEqm6TmI/AAAAAAAFJLM/RX3hQBs0340/s1600/219%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-pV0CZhVxUFQ/UwSeF2caQdI/AAAAAAAFJLY/guxdymwA2EQ/s1600/219%2520B%2520%25283%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-rToxYEeNREU/UwSjWS3DH2I/AAAAAAAFJQA/rUZKDuuWFD8/s1600/R%2520790%2520%25282%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-I6AaKWvEQ-I/UwSjXKH8m2I/AAAAAAAFJQI/vfjw3By74YM/s1600/R%2520678.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-jWxziXvF0XM/UwSjVz8IiGI/AAAAAAAFJP4/baLJAAMwqs0/s1600/R%2520NO%252001%2520%25282%2529.jpg

Mux VIDEOSTAR ‎(A)‎ - Z@pping TV



 18 FEBBRAIO 2014 - Martedì 

Ore 22.35 -  MUX NAZIONALI   LOMBARDIA  - CAMBIO DI FREQUENZA TIMB MUX 2: LE NUOVE ATTIVAZIONI DELL'UHF 55 IN LOMBARDIA.
UHF 55-60 TIMB Mux 2
Altre quattro attivazioni per la nuova frequenza UHF 55 del TIMB Mux 2 in LOMBARDIA, le elenchiamo qui in basso nella nostra griglia.


RegionePostazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
LombardiaMONTE GOI
ComoCOVerticale
LombardiaMONTE MADDALENABresciaBSVerticale
LombardiaMONTE ORFANOCologneBSOrizzontale
LombardiaMADONNA DELLA STELLA PEDRONA
GussagoBSOrizzontale

Ore 20.20 - GLI ASCOLTI DELLE RADIO: I DATI EURISKO DEL 2° SEMESTRE E INTERO 2013.
L'Istituto Eurisko ha pubblicato i dati dell'indagine Radio Monitor del secondo semestre 2013 e dell'intero anno 2013. Nei link sottostanti è possibile scaricare il pdf con gli ascolti delle emittenti radio nazionali e locali.

www.radiomonitor.it/dox/2013/RadioMonitor_dati_anno_2013.pdf
www.radiomonitor.it/dox/2013/RadioMonitor_dati_2o_semestre_2013.pdf


Ore 16.50 -  LOMBARDIA  - MUX TELE 7 LAGHI: TELESETTELAGHI DUE SENZA LOGO, PREALPI TV A SCHERMO NERO.
UHF 34 Mux TELE 7 LAGHI
La programmazione di TELESETTELAGHI DUE (LCN 215) è in onda senza il logo di stazione che riportava oltre il marchio dell'emittente anche quello di VARESE SPORT TV.


https://lh5.googleusercontent.com/-XzdKXAa7NHM/UwN9pN7Zo3I/AAAAAAAFIqc/MNiPuewaCRw/s1600/215%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-jP6ycjZnc88/UwN9qOx1FVI/AAAAAAAFIqk/s4aN8pz5axY/s1600/215%2520B.jpg

Inoltre su PREALPI TV (LCN 686), che trasmetteva la programmazione della tv abruzzese TRSP di Vasto (CH), è in onda la schermata generata da un decoder che vedete qui in basso.
https://lh3.googleusercontent.com/-u9qxe8k8bm8/UwN9n1c4elI/AAAAAAAFIqM/i_R5rRYG0Yo/s1600/686%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-15JquMe26QQ/UwN9oTd6VvI/AAAAAAAFIqU/Goy1gg3UAgQ/s1600/686%2520B%2520%25282%2529.jpg
La stessa TRSP ha cessato le sue trasmissioni sul satellite e PREALPI TV, che ne ritrasmetteva il segnale H24, sta continuando comunque a veicolare questo canale che non ha più la sua portante. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELE 7 LAGHI. Consulta anche la lista delle emittenti TV che si ricevono a MILANO.
https://lh4.googleusercontent.com/-41B4dgSoFnE/UuZjnwN-93I/AAAAAAAE3so/w0YJHjCa2s8/s1600/00%2520B.jpg

Ore 15.35 -  CALABRIA  - LE GRADUATORIE CORECOM IN CALABRIA PER I CONTRIBUTI 2013.
REGGIO CALABRIA – Pubblicata dal Corecom Calabria la graduatoria dei contributi, per l’anno 2013, alle emittenti televisive locali relativa ai benefici previsti dalla legge 448/98 e dal decreto ministeriale 5 novembre 2004. 
Il relativo bando, contenente il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 24 giugno 2013, era stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 199 del 26 agosto 2013.
“Grazie al protocollo d’intesa firmato, il 7 maggio 2012, dal Corecom Calabria e dal Sindacato Giornalisti della Calabria – ricorda il vicesegretario nazionale Fnsi, Carlo Parisi – rigorosi controlli e verifiche del sindacato e dell’Inpgi sulla posizione contrattuale e contributiva del personale giornalistico consentono di premiare le aziende editoriali che rispettano la professione giornalistica garantendo l’applicazione del contratto di lavoro ed il pagamento degli stipendi e dei contributi”.
“Un’opportunità, quella dei contributi alle emittenti televisive locali (nel 2012 sono stati distribuiti oltre 95 milioni di euro dei quali oltre 2milioni e 121 mila in Calabria) – sottolinea Carlo Parisi – direttamente proporzionale al numero dei giornalisti impiegati ed al loro utilizzo. La possibilità di accedere a queste preziose risorse finanziarie favorisce, infatti, sia l’occupazione di nuovi giornalisti, sia la regolarizzazione delle posizioni anomale presenti scongiurando, così, le pesanti sanzioni previste nei casi di omissione contributiva e sfruttamento di lavoro nero”.
“Certo – ammonisce il vicesegretario della Federazione della Stampa – non sempre “regolarità contributiva” è sinonimo di “regolarità retributiva”, pertanto i giornalisti, ovvero coloro i quali consentono alle aziende di beneficiare di sostanziose fette di torta, non possono derogare al diritto di rivendicare a viva voce e senza reticenze la corresponsione delle spettanze dovute, senza ritardi o trattenute di sorta”.
La graduatoria viene stilata dal Corecom (Alessandro Manganaro presidente, Carmelo Carabetta e Gregorio Corigliano componenti) tenendo conto del numero dei dipendenti a tempo indeterminato (con particolare riferimento al personale giornalistico dipendente) e – in piccola parte – del fatturato (massimo 200 punti). Vengono, infatti, assegnati 60 punti per ogni giornalista professionista, 45 per ogni pubblicista o praticante, 30 per ogni altro dipendente, 15 per gli assunti con contratto di formazione lavoro. Per i dipendenti a tempo determinato, invece, 12 punti per anno per ogni giornalista professionista, 9 per ogni praticante o pubblicista e 6 per ogni altro dipendente a tempo determinato o con contratto di apprendistato. Le unità di personale assunte con contratto a tempo parziale ovvero a tipologia di orario ridotto modulato flessibile sono valutate nella misura percentuale corrispondente alla quota di orario della prestazione effettivamente svolta, rapportata al contratto a tempo pieno. Si prendono in considerazione i contratti di lavoro stipulati anteriormente al 31 dicembre dell’anno precedente a quello di presentazione della domanda per ottenere il contributo. Il punteggio è rapportato al periodo di durata del contratto.
Esclusi, dunque, i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) che, pur prevedendo la medesima aliquota contributiva dei contratti di lavori dipendente, non danno diritto a punteggio.
Delle 32 domande presentate dalle aziende per l’anno 2013, 29 hanno superato il primo esame del 27 novembre ed altre quattro si sono viste azzerare il punteggio dei dipendenti per irregolarità contributiva. Nella graduatoria stilata il 24 gennaio scorso al primo posto (ma soltanto in virtù di oltre 1 milione di euro di fatturato) figura Teleuropa con 970,07 punti (26 dipendenti di cui 9 giornalisti che le hanno fruttato 362 punti), tallonata da Radio Tele International 813,50 punti (24 dipendenti di cui 9 giornalisti) che, però, con 385,88 punti svetta al primo posto per impiego di personale giornalistico.
Al terzo posto Video Calabria con 693,91 punti (17 dipendenti di cui 4 giornalisti) seguita da: Reggio TV 643,88 punti (29 dipendenti di cui 7 giornalisti), Telereggio (che nell’anno di riferimento era ancora aperta) 462,59 punti (14 dipendenti di cui 3 giornalisti), Telemia 372,07 punti (12 dipendenti di cui 5 giornalisti), Telestars 223,99 (15 dipendenti d cui 3 giornalisti), Rete 3 181,65 (8 dipendenti di cui 3 giornalisti), Radio Tele Jonio 166,27 (5 dipendenti), Calabria Tv 163,98 (8 dipendenti di cui 1 giornalista), Tele A1 Corigliano 160,10 (4 dipendenti), Tele A 57 89,70 (7 dipendenti di cui 1 giornalista), Telelibera Cassano 85,43 (2 dipendenti di cui 1 giornalista), Radio Tele Diogene 69,04 (4 dipendenti di cui 2 giornalisti), Soverato Uno 55,27 (4 dipendenti), Telitalia 48,71 (9 dipendenti di cui 1 giornalista), Telemormanno 34,05 (1 dipendente), Viva Voce TV (2 dipendenti giornalisti), Rete Sud 5,86 (13 dipendenti), Promovideo Gerace Network 3,49 (nessun dipendente), Televideo Pm 2,39 (nessun dipendente), Esse TV 1,73 (nessun dipendente), Azzurra TV 1,32 (nessun dipendente), Tele Magna Graecia 1,15 (nessun dipendente), Rete Azzurra Tv 1,06 (nessun dipendente), Soverato Uno minoranze linguistiche 0,99 (nessun dipendente), Canale 10 Radio Tv 0,05 (nessun dipendente), Telediamante 0,46 (nessun dipendente), Teleradio Speranza S.G. 0,44 (1 dipendente giornalista).
Azzerato in parte, per “irregolarità contributiva”, il punteggio relativo ai dipendenti di: Telitalia, Viva Voce Tv, Rete Sud e Teleradio Speranza. Escluse, infine: Tele Tebe, GS Channel e Tua Channel.

Tratto da: www.giornalisticalabria.it/2014/02/16/tv-le-graduatorie-corecom-per-i-contributi-2013


Ore 15.00 -  PUGLIA  - TELENORBA: DOPO ANNI DI SACRIFICI SPUNTANO 14 ESUBERI.
BARI – L’Associazione della Stampa di Puglia esprime preoccupazione per il piano di ristrutturazione aziendale presentato da Telenorba, nel quale è previsto l’esubero di 14 giornalisti su un totale di 74 esuberi.
La crisi economica generale, e del settore dell’emittenza radiotelevisiva privata locale in particolare, non può giustificare il ricorso alla messa in mobilità di un numero così elevato di giornalisti.
I colleghi della redazione giornalistica, in particolare quelli delle sedi periferiche, sono reduci da quasi due anni di pesanti sacrifici, con il ricorso alla Cig in deroga.
La prima emittente locale d’Italia per indici d’ascolto ed entità di contributi pubblici ricevuti ha il dovere di affrontare le criticità di bilancio in modo non traumatico.
Il sindacato dei giornalisti è, pertanto, pronto al confronto con l’azienda, a partire già dai prossimi giorni, ragionando di sacrifici nella sola prospettiva della salvaguardia dei livelli occupazionali, dichiarandosi fin d’ora indisponibile a qualsiasi intesa che implichi l’esodo anche di un solo giornalista.
E’, altresì, auspicabile un intervento concreto delle istituzioni pubbliche regionali, chiamate a farsi carico della crisi che colpisce l’editoria nel suo complesso, andando oltre le consuete ma inutili manifestazioni di vicinanza e solidarietà.
Il Comitato di redazione di Telenorba sottoscrive il documento dell’Assostampa Puglia, invitando l’azienda al dialogo e alla concertazione nell’interesse esclusivo della redazione e a salvaguardia della qualità dell’informazione, da sempre fiore all’occhiello dell’emittente.

Tratto da:
www.giornalisticalabria.it/2014/02/17/telenorba-dopo-anni-di-sacrifici-spuntano-14-esuberi

Ore 14.55 - LA NUOVA OFFERTA LT MULTIMEDIA SU SATELLITE E DIGITALE TERRESTRE.
Dal 20 febbraio chiusura solo su satellite di Alice Cucina, Sport Uno, Sport Due e Sport Tre.
Alla luce dei risultati di diffusione e copertura e visti i rilevamenti di ascolto delle prime sei settimane del 2014, da lunedì 17 febbraio 2014, LT Televisioni adegua la propria offerta sia sul satellite sia sul digitale terrestre.
Come riportato nel comunicato LT Televisioni comunica che con il 15 febbraio è terminata la fase di trasmissione satellitare di sperimentazione. La sperimentazione si era resa necessaria al fine di verificare le reali condizioni di fattibilità operativa alla luce dell’uscita dal mercato pay dei canali storici Alice, Leonardo e Marcopolo e al fine di testare il mercato per il possibile lancio di un progetto dedicato allo sport italiano. La società di Valter La Tona (Gruppo LT Mltimedia) dal 20 febbraio chiuderà solo su satellite i canali Alice Cucina, Sport Uno, Sport Due e Sport Tre (già convertito in Nuvolari), mentre dal 24 febbraio tornerà in onda su satellite come canale autonomo Nuvolari. Al momento il canale non è visibile sul digitale terrestre, ma da satellite in chiaro, previa risintonizzazione, con copertura Italia, Europa e Mediterraneo (Eutelsat Hot Bird 13.0° Est, trasponder 7, frequenza 11334 MHz, polarizzazione orizzontale, symbol rate 27500, fec 3/4).
Altra novità riguarda Marcopolo che sbarca sul dtt al canale (LCN) 224 sull’intero territorio nazionale (con copertura TIMB mux ch. UHF 60 in conversione al ch. UHF 55). Il canale è anche visibile da satellite in chiaro, previa risintonizzazione, con copertura Italia, Europa e Mediterraneo (Eutelsat Hot Bird 13.0° Est, trasponder 7, frequenza 11334 MHz, polarizzazione orizzontale, symbol rate 27500, fec 3/4).
Alice (in lingua italiana) è visibile in chiaro da satellite, previa risintonizzazione, con copertura Italia, Europa e Mediterraneo ed anche visibile sul digitale terrestre al canale 221.
Alice (in lingua tedesca): il canale è visibile da satellite in chiaro con copertura Germania, Austria, Svizzera e Europa (SES Astra 19.2° Est, trasponder 27, frequenza 11612 MHz, polarizzazione orizzontale, symbol rate 22000, fec 5/6).
Leonardo è on air da satellite in chiaro, previa risintonizzazione, con copertura Italia, Europa e Mediterraneo (Eutelsat Hot Bird 13.0° Est, trasponder 7, frequenza 11334 MHz, polarizzazione orizzontale, symbol rate 27500, fec 3/4). Inoltre è anche visibile sul digitale terrestre al canale 222 sull’intero territorio nazionale (con copertura TIMB mux ch. UHF 60 in conversione al ch. UHF 55).
Marcopolo, Alice e Leonardo sono anche in live streaming gratuito (previa registrazione) su pc, tablet e smartphone sulla piattaforma Italia Smart all’indirizzo web
www.italiasmart.tv con copertura Italia o tramite app. disponibili gratuitamente su Google-play, Samsung-Apps e App Store. La raccolta pubblicitaria è affidata alla concessionaria interna DAD (Digital advertising Spa).

Tratto da:
www.pubblicitaitalia.it/2014021822453/media/la-nuova-offerta-tv-lt-multimedia-da-oggi-marcopolo-arriva-sul-digitale-terrestre

Ore 12.45 -  MUX NAZIONALI   PIEMONTE  - CAMBIO DI FREQUENZA TIMB MUX 2: L'UHF 55 ATTIVATO A NOVARA.
UHF 55-60 TIMB Mux 2
Nella giornata di ieri la nuova frequenza UHF 55 del TIMB Mux 2 è stata attivata in Piemonte nella città di Novara dalla postazione sita in VIA 23 MARZO. Ricordiamo che per qualche altro mese rimane attivo anche l' UHF 60. Consulta la composizione del multiplex e le immagni dei canali nella pagina dedicata al TIMB Mux 2.

RegionePostazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
PiemonteVIA 23 MARZO
NovaraNOOrizzontale

https://lh4.googleusercontent.com/-C3wnv2Z_6dk/UwHt5plEGKI/AAAAAAAFIXw/SaDZMEo3Dss/s1600/00%2520B%2520%25287%2529.jpg
 
Ripetitori in via 23 Marzo a Novara



 17 FEBBRAIO 2014 - Lunedì 

Ore 22.00 - L'ESPRESSO: "UNA FREQUENZA RESTA FUORI DA FUSIONE TIMB-RETE A".
Saranno conferiti solo 4 multiplex. Prima firma a marzo (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma.
https://lh4.googleusercontent.com/-mXHmCG_UBGg/UqXNYlqQAmI/AAAAAAAEZTc/uyBTUZaVQOA/s1600/TIMB%25202%2520133.pngSi allungano i tempi e si restringe il perimetro dell'alleanza Telecom-Espresso nelle frequenze televisive. Il matrimonio tra Telecom Italia Media Broadcasting (TimB) e Rete A, che pochi giorni fa il viceministro dello Sviluppo economico Antonio Catricala' aveva definito "imminente", compira' i suoi passi formali solo a marzo per poi arrivare al closing definitivo a giugno: il rallentamento, secondo quanto apprende Radiocor, e' legato alla volonta' di Telecom di non conferire nella joint venture tutte e tre le frequenze possedute ma di mantenere la proprieta' di una, il canale 55 Uhf, che verrebbe comunque affidata in gestione alla nuova societa' TimB-ReteA. Il cambio di programma comportera' verosimilmente delle modifiche nelle valutazioni degli asset e nei rapporti di forza dell'alleanza: il progetto iniziale prevedeva la creazione di un operatore di rete con cinque multiplex a disposizione (i sistemi di diffusione del segnale televisivo) e partecipato al 70% da Telecom Italia Media e al 30% da Rete A (gruppo L'Espresso). La valutazione dei cinque multiplex (tre appunto conferiti da Telecom e due da Rete A) si aggira sui 500 milioni di euro. Ora occorrera' definire come i valori e le quote partecipative muteranno una volta escluso un multiplex dall'alleanza
La prima firma per l'operazione potrebbe arrivare in coincidenza con il consiglio di amministrazione di Telecom Italia Media fissato per il 4 marzo mentre il closing, conteggiati i termini per il vaglio delle Autorita', e' atteso per il giugno prossimo
L'intenzione da parte dei due partner nelle frequenze televisive e' quella poi di procedere in una seconda fase alla ricerca di un acquirente per la nuova societa' in modo da valorizzare al massimo l'asset e da consentire sia a Telecom sia all'Espresso di uscire dal business televisivo.

Tratto da: www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/prima-pagina/dettaglio

Ore 16.30 -  PIEMONTE  - VCO AZZURRA TV E LA RITRASMISSIONE DELLA TV SVIZZERA RSI LA 1.
UHF 21 Mux TELERITMO
UHF 35 Mux VIDEOGRUPPO PIEMONTE
UHF 39-41 Mux VCO AZZURRA TV

https://lh3.googleusercontent.com/-lAxq9aqrG9c/Uhogv04teDI/AAAAAAADW1A/oIhDU66mJ-I/s1600/VIDEONORD%252052.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-bX9chbkq9D4/UqIL6nhBVQI/AAAAAAAEWe8/LlZzfFsbDVk/s1600/RAS%2520RSI%2520LA1%252052.jpg
Di seguito vi proponiamo le immagini di VCO AZZURRA TV, emittente di Verbania (VCO), mentre ritrasmette la programmazione della TV Svizzera RSI LA1.
Per i telespettatori piemontesi più attenti questa notizia non è sicuramente una novità ma noi de L'ITALIA IN DIGITALE non avevamo ancora avuto modo di poter catturare le relative immagini e di effettuare un breve articolo che per il suo aspetto ci riporta per un attimo negli anni 70, quando era stata autorizzata la ritrasmissione dei contenuti delle tv straniere in Italia ma con l'obbligo di celarne la pubblicità.

I primi scatti che vi proponiamo fanno riferimento alla ritrasmissione in diretta del TG delle ore 20 della tv elvetica.

https://lh6.googleusercontent.com/-zSjWwE9pgis/UwEtN2G9enI/AAAAAAAFIGU/Dl7W-QK8MYw/s1600/01.png
https://lh6.googleusercontent.com/-rzmm4MGbTw4/UwEtNzk1x8I/AAAAAAAFIGY/CDct471xfdE/s1600/02.png

https://lh4.googleusercontent.com/-L0vWpDfHSrc/UwEtNzID6BI/AAAAAAAFIGI/LEK--ZFwtM4/s1600/03.png
https://lh3.googleusercontent.com/-YEPh5HeEs1w/UwEtOqALj_I/AAAAAAAFIGg/hy5oj1J29CE/s1600/04.png

https://lh6.googleusercontent.com/-7AeL5jIaFSc/UwEtO5ENOwI/AAAAAAAFIGo/d4h6VmEcAII/s1600/05.png
https://lh4.googleusercontent.com/-pJQD_qWbR14/UwEtPe5x3OI/AAAAAAAFIG4/oYujTNUiAr0/s1600/06.png

https://lh6.googleusercontent.com/-KhauxEikSyA/UwEtPZ0rngI/AAAAAAAFIGw/unE4E2IM4oc/s1600/07.png
https://lh6.googleusercontent.com/-EmhVfCNPZCQ/UwEtQA6kBFI/AAAAAAAFIHA/Uu78XtBkFuM/s1600/08.png

https://lh3.googleusercontent.com/-CpSVxuzKVYA/UwEtQU3YJ9I/AAAAAAAFIHI/urY-gWkvmt4/s1600/09.png
https://lh3.googleusercontent.com/-0eZ-QcdzAio/UwEtQ8hOreI/AAAAAAAFIHQ/gjDkNocW0O8/s1600/10.png

Al termine dell'edizione, sul finire della sigla, viene inserita la pubblicità locale, quindi la linea ripassa alla RSI LA 1 per il meteo svizzero.

https://lh3.googleusercontent.com/-Ysr4Z2D4d7s/UwEtRPahaPI/AAAAAAAFIHY/J03C8AD9qoI/s1600/11%2520A.png

https://lh4.googleusercontent.com/-q5XS9_b1KjI/UwEtRjtAr0I/AAAAAAAFIHk/xQo58jf4LyM/s1600/11%2520B.png
https://lh3.googleusercontent.com/-0KH26Dss2vI/UwEtR7LGViI/AAAAAAAFIHo/uXFcmz3SWqo/s1600/12.png

https://lh4.googleusercontent.com/-9e_Lfk5MGqw/UwEtSKWiuoI/AAAAAAAFIHw/g1c0pfFRojE/s1600/13.png
https://lh3.googleusercontent.com/-jhXW9AqE0BM/UwEtSlJrRCI/AAAAAAAFIIE/lj1UYMmNFU0/s1600/14.png

La ritrasmissione dei programmi d' oltralpe da parte di VCO AZZURRA TV non si ferma al solo TG e al meteo. Infatti nella serata di sabato, mentre catturavamo queste immagini, al termine delle previsioni del tempo è andato in onda il programma di approfondimento FALO'.

https://lh5.googleusercontent.com/-8mqiOQb4c1A/UwEtTMM7OQI/AAAAAAAFIIA/6u-P76vQbB4/s1600/15.png
https://lh5.googleusercontent.com/-4L_q1PmAxJ0/UwEtTAcj2hI/AAAAAAAFIII/gcrXMfVMIjs/s1600/16.png

https://lh6.googleusercontent.com/-sk_qrYjKOr4/UwEtTgvitpI/AAAAAAAFIIM/CuM6oULwq_Q/s1600/17.png
https://lh5.googleusercontent.com/-TVmPkmvqdeg/UwEtUlwJWvI/AAAAAAAFIIg/AuXGeD_ZhVw/s1600/18.png

https://lh5.googleusercontent.com/-POJmamjZx4g/UwEtUocFpCI/AAAAAAAFIIc/pGT3gzTzd_s/s1600/19.png
https://lh4.googleusercontent.com/-xhZrbVEpt1w/UwEtUlGAAuI/AAAAAAAFIIk/kT5KqrWI7jM/s1600/20.png

Ricordiamo che VCO AZZURRA TV è in onda sulla LCN 19 nel mux VIDEOGRUPPO PIEMONTE identificata AZZURRAVIDEONORD, da dove abbiamo campionato queste immagini e dove l'emittente piemontese aggiunge in basso a sinistra anche il logo di stazione di VIDEONORD.
VCO AZZURRA TV è presente anche nel mux TELERITMO sempre sulla LCN 19 identificata TELE VCO e sulle LCN 19 e 188 nell'omonimo mux VCO AZZURRA TV identificata VCO AZZURRA TV.

Ore 15.30 -  MUX NAZIONALI  - MUX LA 3: CARTELLO DI RISINTONIZZAZIONE SU CANALE 5 HD PROVVISORIO.
UHF 22-37 Mux LA 3
Su Canale5HD PROVVISORIO, senza numerazione LCN, non è più in onda la programmazione in alta definizione di Canale 5, ma ora è stato inserito un cartello, non in HD ma in standard definition, che invita alla risintonizzazione per continuare a vedere Canale5 HD, diffuso dal nuovo MEDIASET Mux 3 con la LCN 505. Inoltre è stato leggermente modificato l'identificativo con il suffisso HD ora attaccato, senza spazio, alla scritta Canale5. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del Mux LA 3.
https://lh4.googleusercontent.com/-9ABCepkQRis/UwIZyFthOtI/AAAAAAAFIgA/fGXJzjT_oTg/s1600/00%2520B%2520%25283%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-xyyUoBLMROw/UwIZwR_WJSI/AAAAAAAFIfw/e9JQXF31HAE/s1600/NO%252000%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-TeIla4jsFZY/UwIZxW5PgtI/AAAAAAAFIf4/Q8hcaYQjkZA/s1600/NO%252000%2520B%2520%25282%2529.jpg

Ore 14.50 - GVE: NUOVI INVESTIMENTI PER VERO TV E DUE NUOVI CANALI IN ARRIVO.
Per Guido Veneziani Editore il 2014 sarà un anno particolarmente “televisivo”.
A partire da Vero Tv (canale 55 Dtt free), per il quale l’editore ha messo a disposizione un budget di 7mln di euro.
Come riporta “Daily Media”, la rete avrà a disposizione 200 ore di nuovo prodotto, tutto realizzato internamente da GVE.
Nel corso dell’anno il gruppo intende inoltre lanciare, nel primo e nel secondo semestre, due nuovi canali sul digitale terrestre free alle posizioni 137 e 144.
Entrambe le reti saranno profilate secondo il target femminile della casa editrice.
Nel 2013 Guido Veneziani Editore ha registrato un fatturato consolidato pari a 180mln di euro (+12,5%) di cui il 41% derivanti dalle attività editoriali dei periodici e da Vero Tv.
Tratto da: http://sonsofapollo.blogspot.it/2014/02/gve-nuovi-investimenti-per-vero-tv

http://4.bp.blogspot.com/-bga1zggkTnM/Uv6ClAFcj2I/AAAAAAABGL0/8qauduHr8dU/s1600/Per-Vero-Tv-un-investimento-da-7mln-di-euro.jpg

Ore 14.50 - RAI SEMPRE PIU' DIGITALE E RAI SCUOLA DIVENTA RAI QUARK.
ALLA PUBBLICITÀ PIACCIONO I NUOVI CANALI TEMATICI: RIFORMATE RAI5 E RAI-STORIA, ORA TOCCA ALLA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA.
Sul digitale il dg Rai Luigi Gubitosi, giocherà molte delle sue carte. Nel corso del 2013 ha investito un terzo del budget di 186 milioni dedicato alla digitalizzazione dell’infrastruttura. Il Tg2 è partito, Tg1 e Tg3 partiranno in primavera e entro l’estate anche le redazioni giornalistiche locali passeranno al digitale. In più stanno per partire le gare per i data center che permetteranno di potenziare l’offerta online di Rai. Sul fronte dell’offerta dei contenuti anche a Viale Mazzini si punta a potenziare i canali tematici: costi minori, pubblicità mirata. Ecco quindi la nuova Rai5, più mirata a programma culturali con teatro, balletto e musica (tra cui la prima della Scala). Ecco Rai Quark, che prenderà il posto di Rai Scuola con un’offerta di informazione scientifico- divulgativa. Ristrutturazione anche per Rai Storia, che ora si affida a un panel di storici per il suo palinsesto, che ha raggiunto punte di 600 mila spettatori. Infine il progetto Teche: l’immenso archivio Rai. Qui la digitalizzazione sarà il motore. Potrebbe diventare anche il fulcro di un’offerta a pagamento: ad abbonamento o a pay-per-view, magari con sconti rilevanti agli utenti che sono in regola con il canone.

Tratto da: www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2014/02/17/news/primi_effetti_dei_cantieri_pi_digitale_e_il_canale_scuola_diventa_rai_quark

Ore 13.30 - PARTE L'ASTA DELLE FREQUENZE: POCHI EDITORI E BANCHE D'AFFARI, UNA GARA AI MINIMI TERMINI.
TRE RETI DI CUI SONO UNA DI BUONA QUALITÀ MA CON ALCUNI PROBLEMI DI INTERFERENZE. PREZZI BASSI MA NON DEL TUTTO COMPETITIVI CON UN MERCATO DI 'AFFITTO' MOLTO AFFOLLATO IN CUI STANNO ENTRANDO GLI OPERATORI LOCALI. POTREBBERO PRESENTARSI DEGLI INVESTITORI FINANZIARI. MA CI SONO ANCHE VOCI SU UN INTERESSE DI CAIRO.
I l prodotto presenta qualche difetto di fabbrica, ma il prezzo in compenso è buono, interessante. E le stesse spese di gestione sono ragionevoli. Benvenuti all’outlet delle frequenze televisive. Alla cassa c’è lo Stato italiano - che mette all’asta tre reti nazionali di ripetitori – mentre cercano il business qualche editore (assai timidamente) e le banche d’affari, ben più attente. Tre reti nazionali vanno all’asta, dunque. Il Garante delle Comunicazioni (l’AgCom) ha fissato i paletti generali della gara (ad aprile 2013) mentre il ministero dello Sviluppo Economico detta le regole operative praticamente adesso, dieci mesi dopo. Arbitro è l’Unione Europea che ha chiesto l’asta – fin dal 2006 – per portare nuovi editori nell’arena della tv italiana. U n’arena dominata ancora da Rai e Mediaset, escluse per legge da questa gara che punta a favorire la concorrenza, come peraltro è fuori Telecom.
Aprire il mercato è un tentativo a rischio se l’asta dovesse andare deserta (prima ipotesi); se altrimenti qualche banca d’affari prenderà le frequenze per pura speculazione. Con l’idea – cioè – di pagare 30 un bene che venderà a 100, un domani. Nel 2014, la nostra televisione è il solito campo minato. I tre colossi Rai, Mediaset e Sky dominano sia il mercato gratuito sia quello pay. Ed editori emergenti – come Discovery, il più vitale, braccio italiano del colosso Usa “Discovery Communication LLC” – sono spaventati da una ulteriore trappola: il telecomando. Tu puoi anche comprare le migliori frequenze e lanciare programmi attrattivi. Ma solo in pochi ti cercheranno se il tuo canale è supponiamo al numero 47 del telecomando perché le postazioni migliori sono ormai tutte prese. Peraltro i capi italiani di Discovery dovrebbero spiegare l’investimento prima ai loro legali di stanza a Londra, poi al quartier generale americano. E non è facile convincere alla spesa dei manager esteri che ci considerano un Paese ad alto rischio per la sciagurata tendenza al changing law, a cambiare in corsa le “regole del gioco” e le leggi. Anche Sky Italia studia le regole dell’asta. I conti della paytv, però, non sono floridi. E l’asta, d’altra parte, consente al gruppo di Murdoch di concorrere per uno solo dei tre “lotti” in palio, il “Lotto 2”. Non il migliore. Questo “Lotto 2” usa la tecnologia Vhf. Significa che Sky sarebbe chiamata a forti investimenti per raggiungere davvero il 91,1% della case italiane (come promesso dallo Stato che vende). In sostanza, parte delle famiglie sarebbe costretta a cambiare l’antenna sul tetto di casa per agganciare il segnale: fino al 50% (secondo i tecnici della paytv); circa il 14% (secondo il Garante, l’AgCom). La base d’asta del “Lotto 2” è a 29 milioni 824 mila e spiccioli. Prima di sganciarli, Sky giudicherà se sia più conveniente noleggiare gli impianti di una qualsiasi società che offre “capacità trasmissiva”. E ce ne sono (anche tra emittenti regionali come Canale Italia). Tutto fermo, dunque? Un pensiero alle frequenze lo sta facendo – raccontano – Urbano Cairo, che è liquido e valuta di associare altri canali alla sua la7 e a la7d. Il presidente del Torino va tenuto d’occhio. Una banca d’affari non ragiona come un editore. Fa mera speculazione. Compra le frequenze, accende magari una televisione fantasma che nessuno vede aspettando l’occasione giusta per rivendere i ripetitori, a un valore maggiorato. Il pezzo migliore, il gioiello di famiglia è il “Lotto 3”, il terzo appunto di quelli all’asta. Si compone di due canali. Il numero 25 raggiunge brillantemente tutta la Penisola, con l’eccezione di tre regioni. Per questo viene venduto in abbinata al canale 59, che completa il puzzle arrivando in Liguria, Sardegna e Toscana. Questo “Lotto 3”, alla fine, realizza una rete nazionale di qualità pari alle migliori del Paese. Un gioiellino. Base d’asta a 31 milioni 625 mila e rotti. Il canale 59 (uno dei due del “Lotto 3”) ricade peraltro in una fetta dello spettro frequenziale (la “Banda 700”) che comprende tutti i canali dal 49 al 60. Dal 28 novembre 2015, questa “Banda 700” non ospiterà più le semplici trasmissioni televisive, ma sarà destinata alla ben più strategica “banda larga in mobilità”. Sarà l’autostrada che farà viaggiare i dati dei nostri smartphone. Chi compra il “Lotto 3” – dunque – dovrà rendere allo Stato questo canale 59 nel 2015 (perché in “Banda 700”) e riceverà in cambio un canale equivalente, per continuare a fare la tv. In teoria – dicono le regole dell’asta – questa sostituzione dovrà avvenire a costo zero per le casse pubbliche. Nella realtà, chi avrà il canale 59 proverà a vendere cara la pelle e a lucrare una qualche compensazione economica, nel momento in cui dovrà ridarlo indietro. Le regole ministeriali dell’asta impongono al compratore di accendere i ripetitori per davvero. Ma l’obbligo non scoraggerà gli speculatori perché è abbastanza “dolce”. La famigerata banca d’affari avrà 5 anni di tempo per raggiungere il 50% della popolazione italiana. Certo, non potrà illuminare solo la parte più ricca del Paese (tipo la Lombardia, troppo comodo) mentre sarà tenuta ad arrivare ad almeno il 10% di italiani in ogni regione. Il costo di questa illuminazione, però, è contenuto. Chi vuole toccare 10-11 milioni di telespettatori lombardi – ad esempio può limitarsi ad attivare un solo ripetitore sui monti della Valcava (provincia di Lecco). Ed è poca roba. Il ripetitore, peraltro, non va necessariamente costruito dal niente. Basterà chiamare Rai Way – la società dei tralicci della tv di Stato – oppure Elettronica Industriale Towers (famiglia Berlusconi), oppure la stessa Telecom (assai dotata su questo fronte) per noleggiare un traliccio già esistente. Alla fine dei conti, l’intera operazione di illuminazione potrà costare una decina di milioni, ma spalmati in 5 anni. Niente di che... Ora, perché mai un editore televisivo dovrebbe rinunciare a tutte queste frequenze? La partita sarà davvero riservata agli speculatori delle banche di affari? Dell’incognita telecomando, abbiamo già detto. Del dominio di Rai, Mediaset e Sky nella raccolta di pubblicità e abbonati, anche. Ma un nuovo editore avrebbe anche un altro problema. Alcune frequenze in vendita hanno un qualche difetto di fabbrica. Ospiteranno un segnale tv che, in qualche caso, rischia di invadere il territorio di Nazioni confinanti alla nostra. I tecnici più smaliziati sospettano che il canale 23 (“Lotto 1” dell’asta) possa sconfinare verso la Slovenia. Il canale 11 (“Lotto 2”) invadere la stessa Slovenia, la Croazia e l’Albania. Il canale 59 (“Lotto 3”), la Francia. Il Garante nega categoricamente il problema: i rischi di sforamento – lascia intendere - sarebbero limitati al solo canale 23 del “Lotto 1” (bersaglio gli sloveni). Ma chi ha voglia di una battaglia legale o diplomatica con gli amici dell’altra sponda dell’Adriatico? Il viceministro uscente alle Comunicazioni Antonio Catricalà, regista della gara sulle frequenze tv.

Tratto da: www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2014/02/17/news/parte_lasta_delle_frequenze_pochi_editori_e_banche_daffari_una_gara_ai_minimi_termini

Ore 13.05 -  MUX NAZIONALI  - TIMB MUX 2: ARRIVA MARCOPOLO, ELIMINATI IDENTIFICATIVO E LOGO DAI TRE CANALI CON LCN 60, 61 E 62.
UHF 55-60 TIMB Mux 2
https://lh6.googleusercontent.com/-xcXUrXDfGWg/UwHuSTEPVSI/AAAAAAAFIPY/Fmvf8HJIRdU/s1600/MARCOPOLO%252052.jpg
Si arricchisce l'offerta dei canali in chiaro sul digitale terrestre del gruppo LT MULTIMEDIA, infatti da questa mattina è arrivata anche l'emittente MARCOPOLO con la numerazione LCN 224. Inoltre sono stati tolti l'identificativo e il logo on air ai canali che erano denominati CANALE 60, CANALE 61 e CANALE 62, rispettivamente posizionate sulle LCN 60, 61 e 62, ora tutti e tre si sintonizzano senza nome e in onda c'è sempre la stessa programmazione senza nessun marchio di stazione. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del TIMB Mux 2.
https://lh4.googleusercontent.com/-mXHmCG_UBGg/UqXNYlqQAmI/AAAAAAAEZTc/uyBTUZaVQOA/s1600/TIMB%25202%2520133.png
https://lh4.googleusercontent.com/-C3wnv2Z_6dk/UwHt5plEGKI/AAAAAAAFIXw/SaDZMEo3Dss/s1600/00%2520B%2520%25287%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-O_OiF4a1PfI/UwHt3Bus6EI/AAAAAAAFIXY/azPSzOXv-9Y/s1600/224%2520A.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-f93Yu8AqWh4/UwHt47FKasI/AAAAAAAFIXo/Vch2r5_FoIo/s1600/224%2520C.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-DKhPEIZyVNo/UwHt2QbKl2I/AAAAAAAFIXQ/gxkeT6RGWRo/s1600/224%2520D.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-yeF8Qwv-f-k/UwHt6e7zvRI/AAAAAAAFIX4/LNE8JClgcfA/s1600/60%2520A%2520%25288%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-sCWrmnyxpUI/UwHt7LD7dxI/AAAAAAAFIYA/y4QuME-1e18/s1600/60%2520B%2520%25288%2529.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-5JZ3LQTRsy8/UwHt8GhCl8I/AAAAAAAFIYI/BGQbFdq-Wyw/s1600/61%2520A%2520%25288%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-jbOosT7kfSY/UwHt846TxaI/AAAAAAAFIYQ/0H35q3_vdms/s1600/61%2520B%2520%25288%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-ZHBT4tEvDY8/UwHt9fvi94I/AAAAAAAFIYY/O_OK9ZhWEak/s1600/62%2520A%2520%25288%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-u6gLbNC-Ylk/UwHt-eu8MdI/AAAAAAAFIYg/A4J8IF0nS40/s1600/62%2520B%2520%25288%2529.jpg


NEWS DA MERCOLEDI' 01 A DOMENICA 05 GENNAIO 2014


© L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2014
www.litaliaindigitale.it