ARCHIVIO NEWS ABRUZZO - NOVEMBRE 2012


 30 NOVEMBRE 2012 - Venerdì 

Ore 10.00 - PESCARA: ANTENNE SAN SILVESTRO... LA FARSA INFINITA.
ASSOCIAZIONE “NO ELETTROSMOG” SAN SILVESTRO PESCARA – ONLUS E GENITORI DI SAN SILVESTRO COLLE
COMUNICATO STAMPA.
Il giorno 30 novembre 2012 entro le ore 24 verranno spenti i ripetitori radio tv di San Silvestro sanzionati per assenza di Autorizzazioni ???
IL SINDACO DI PESCARA ARBORE MASCIA che combatte al fianco dei cittadini di san silvestro colle per tutelarne la salute da mesi dichiara che “ ORMAI CI SONO SOLO DUE STRADE PERCORRIBILI: DA UN LATO LA DELOCALIZZAZIONE ENTRO DUE MESI, OSSIA ENTRO FINE NOVEMBRE, DALL’ALTRO LO SPEGNIMENTO DEGLI IMPIANTI, SEMPRE ENTRO FINE NOVEMBRE””.
Ci faremo risentire giorno 1° dicembre o per annunciare la data della festa di liberazione del paese dagli impianti radio-tv o per dichiarare lo stato lotta. Poiché i proprietari degli impianti si ostinano a dire che sono legittimati ad esercire gli impianti di San Silvestro Colle, riportiamo pedissequamente quanto dispone l’art. 98 del D.Lgs. nr. 259/2003 (Codice delle Comunicazioni elettroniche), con preghiera di pareri:
Sanzioni
1. Le disposizioni del presente articolo si applicano alle reti e servizi di comunicazione elettronica ad uso pubblico.
2. In caso di installazione e fornitura di reti di comunicazione elettronica od offerta di servizi di comunicazione elettronica ad uso pubblico senza la relativa autorizzazione generale, il Ministero commina, se il fatto non costituisce reato, una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 15.000,00 ad euro 2.500.000,00, da stabilirsi in equo rapporto alla gravita' del fatto. Se il fatto riguarda la installazione o l'esercizio di impianti radioelettrici, la sanzione minima e' di euro 50.000,00.
3. Se il fatto riguarda la installazione o l'esercizio di impianti di radiodiffusione sonora o televisiva, si applica la pena della reclusione da uno a tre anni. La pena e' ridotta alla meta' se trattasi di impianti per la radiodiffusione sonora o televisiva in ambito locale.
4. Chiunque realizza trasmissioni, anche simultanee o parallele, contravvenendo ai limiti territoriali o temporali previsti dal titolo abilitativo e' punito con la reclusione da sei mesi a due anni. …omissis…
6. Indipendentemente dai provvedimenti assunti dall'Autorita' giudiziaria e fermo restando quanto disposto dai commi 2 e 3, il Ministero, ove il trasgressore non provveda, puo' provvedere direttamente, a spese del possessore, a suggellare, rimuovere o sequestrare l'impianto ritenuto abusivo. A noi ed ai nostri legali la norma sembra chiara.. perché non si applica?
AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE
LORO SEDI
Pescara 29 novembre 2012
Firmato: Di Lizio Brunella
Tratto da: http://www.abruzzonews24.it/101413/antenne-san-silvestro-la-farsa-infinita


 28 NOVEMBRE 2012 - Mercoledì 

Ore 11.55 - MUX ANTENNA 10: PERSISTONO I PROBLEMI TECNICI SUL SEGNALE DI 7 GOLD.
UHF 46 Mux ANTENNA 10:
Come avevamo già segnalato lo scorso 12 novembre, persistono i frequenti sganci audio/video su Antenna10 (LCN 13) durante la ripetizione della programmazione di 7 GOLD. La nostra segnalazione fa riferimento al programma Diretta Stadio, in onda nella prima serata di domenica scorsa; il flusso audio/video era spesso interrotto con soventi sganci alternati a schermo nero e verde, come potete vedere dalle immagini che vi alleghiamo qui sotto.





 27 NOVEMBRE 2012 - Martedì 

Ore 21.35 - FURTO NELLA POSTAZIONE MOLISANA DI TRSP: DIECIMILA EURO IL DANNO PER L'EMITTENTE VASTESE.
VASTO - Ennesimo furto ai danni di Trsp, l'emittente televisiva di Vasto. Questa mattina l'editore, don Stellerino D'Anniballe, è venuto a conoscenza del danno subito nella postazione di Monte Patalecchia (nelle foto qui sotto) nel comune di Castelpetroso in provincia di Isernia. La scoperta è stata fatta da un tecnico che era stato mandato sul posto per controllare il funzionamento degli strumenti. Da qualche giorno infatti erano giunte a Trsp telefonate di diversi molisani che si lamentavano di non poter vedere i programmi dell'emittente televisiva vastese. Giunto alla postazione il tecnico ha notato che mancava il ripetitore portato via da ignoti dal gabbiotto in cemento, che custodisce gli strumenti per la trasmissione dei programmi in Molise. Il danno subìto -ha spiegato don Stellerino D'Anniballe- è di circa diecimila Euro, il furto probabilmente è stato compiuto nella notte tra sabato e domenica, poichè le prime telefonate dai molisani che non riuscivano a vedere Trsp sono giunte domenica.
Tratto da: http://www.vastoweb.com/notizie/furto-nella-postazione-molisana-di-trsp-diecimila-euro-il-danno-per-lemittente-vastese



 25 NOVEMBRE 2012 - Domenica 

Ore 11.35 - MUX TRSP (ABRUZZO): TV 12 PRODUCTION SU TELE 9, AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO)

L'emittente di Silvi Marina (Teramo) TELE 9 (LCN 74), presente nel mux
TRSP (ABRUZZO), trasmette in alcune ore della giornata la programmazione di TV 12 PRODUCTION, nuova società di produzioni televisive. Dal loro sito internet http://www.tv12production.it si legge che i propri programmi vanno in onda anche su TVSEI (LCN 14 nel mux TV SEI e mux ATV7). Inoltre abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@apping TV, con nuove immagini e nuovi loghi, del mux TRSP (ABRUZZO).






 23 NOVEMBRE 2012 - Venerdì 

Ore 10.35 - PESCARA SAN SILVESTRO: L'AGCOM CONFERMA LA POSIZIONE DEL COMUNE, SPEGNIMENTO SEMPRE PIU' VICINO?
PESCARA - Un nuovo documento della Commissione regionale Sanità per «rafforzare la battaglia del Comune».
E’ quello che martedì prossimo redigerà la presidente Nicoletta Verì. E prima del 30 novembre, scadenza ‘bonaria’ del lavoro del Tavolo tecnico regionale, il sindaco Luigi Albore Mascia vuole convocare una riunione, alla presenza anche dei rappresentanti del Comitato antiantenne, per decidere i prossimi passi che le Istituzioni andranno a compiere.
«Sicuramente non intendiamo retrocedere di un passo rispetto alle posizioni assunte», continua a ripetere da settimane il primo cittadino, «perché sia chiaro che la nostra non è una battaglia contro le imprese o delle aziende, ma è una battaglia per la salute e la serenità di oltre 2.500 persone, costrette da troppi anni a convivere con quelle antenne, ed è una battaglia per il rispetto delle regole».
Nei giorni scorsi le ordinanze di disattivazione degli impianti sono state sottoscritte dalla Dirigenza del Comune di Pescara in seguito a un’indagine eseguita non dal Comune, ma dalla Guardia di Finanza, che, comminando peraltro multe salatissime, ha certificato l’assenza delle necessarie autorizzazioni comunali a esercitare sul colle. Per evitare la disattivazione le emittenti possono presentare un Piano di risanamento, ma non a San Silvestro che non è più sito idoneo.
Nelle ultime ore è arrivata una nota del direttore dell’Agcom su sollecitazione delle emittenti radiotelevisive, «che non cambia di una virgola», spiega Mascia, «la posizione coerentemente assunta dall’amministrazione comunale».
Nel documento lungo sei pagine l’Agcom chiarisce diversi aspetti, mettendo in luce anche la volontà delle istituzioni locali e ricorda che già dal 2003 era stato indicato, tra gli altri siti alternativi, Pietracorniale, a Bussi sul Tirino. Nelle sue conclusioni l’Agcom ribadisce che ovviamente l’inclusione del sito off shore nel Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze non può determinare un obbligo per gli operatori a utilizzarlo.
Oltre alla piattaforma in mare, gli operatori hanno altri 129 siti alternativi a terra tra i quali scegliere dove trasferire i propri impianti. Infine l’Agcom ha ricordato che San Silvestro non è stato incluso nell’elenco dei siti idonei perché la sua esclusione deriva dal mancato assentimento da parte della Regione Abruzzo già dal 1998. «Il documento dell’Agcom, chiesto dalle emittenti», chiude Mascia, «non aggiunge molto rispetto a quanto emerso già nelle riunioni del Tavolo tecnico regionale, né modifica la sostanza delle ordinanze di disattivazione firmate dal Comune».

Tratto da: http://www.primadanoi.it/news/cronaca/535157/Antenne-San-Silvestro


 20 NOVEMBRE 2012 - Martedì 

Ore 11.30 - MUX TRSP: RINOMINATO AGORA' TV, PROVE TECNICHE SU FARMABRUZZO.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO)

UHF 51 Mux TRSP (MOLISE)
In questo multiplex è stato rinominato con il giusto identificativo il canale AGORA' TV (LCN Abruzzo 119, Molise 115), non viene più sintonizzato con  il nominativo di SENTIERI TV. Inoltre sul nuovo canale FARMABRUZZO (LCN Abruzzo 643, Molise 616) non è più presente il monoscopio, ma prima sono andate in onda delle scritte di un menu di un server e poi sono stati inseriti due cartelli con il logo del canale, l'indirizzo internet (non ancora attivo) e la scritta prove tecniche di trasmissione, che vengono ripetuti in successione con musiche di sottofondo. Consulta la pagina con la griglia dei canali dei mux TRSP (ABRUZZO) TRSP (MOLISE).








 19 NOVEMBRE 2012 - Lunedì 

Ore 18.40 - MUX TELEMAX: RITORNA TLT MOLISE.
UHF 51 Mux TELEMAX
E' ritornata nel mux TELEMAX l'emittente TLT Molise, con LCN 110. Era stata eliminata momentaneamente per permettere alcuni lavori tecnici sul multiplex, è stato migliorato anche l'impianto di LAQTV (LCN 114), che non presenta più squadrettamenti ed interruzioni di segnale.




 16 NOVEMBRE 2012 - Venerdì 

Ore 19.55 - MUX TELEMAX: ELIMINATO TLT MOLISE.
UHF 51 Mux TELEMAX:
E' stata eliminata da questo mux l'emittente TLT Molise, che aveva la numerazione LCN 110. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del multiplex lancianese TELEMAX.



 15 NOVEMBRE 2012 - Giovedì 

Ore 22.45 - SOPRALLUOGO COMMISSIONE A PESCARA SAN SILVESTRO: IL SINDACO RIBADISCE LO "SWITCH OFF" DEL 30 NOVEMBRE.
I componenti della V Commissione hanno effettuato, ieri mattina, un sopralluogo nel sito di San Silvestro di Pescara, dove hanno incontrato i residenti del quartiere per affrontare il problema delle emittenti radio-televisive. La riunione si è svolta nella scuola primaria e dell’infanzia Leo Lionni.
Nel pdf del comunicato stampa in calce, si fa riferimento per un'errore di battitura all'anno 2011.

https://docs.google.com/file


 14 NOVEMBRE 2012 - Mercoledì 

Ore 12.15 - MUX TELEMARE - MUX RETE 8: LA TV RITRASMETTE PRODUZIONI DI RETE 8.
UHF 21 Mux TELEMARE
UHF 45 Mux RETE 8 (ABRUZZO)
UHF 21 Mux RETE 8 (MOLISE)
L'emittente pescarese La TV presente nul mux TELEMARE con LCN 274 e nel mux RETE 8 (nella versione abruzzese trasmessa sull' UHF 45 denominata RETE8 Live con LCN 622, e nella versione molisana sull' UHF 21 denominata sempre RETE 8 Live con LCN 633), oltre alle sue produzioni, trasmette programmi e rubriche prodotti dall'emittente di Chieti RETE 8.






 13 NOVEMBRE 2012 - Martedì 

Ore 10.10 - MUX ANTENNA 10: IN ONDA I PROMO DI ROSA TV SU ANTENNA 10.
UHF 46 Mux ANTENNA 10:
In alcune fasce orarie su Antenna10 (LCN 13) è in onda uno spot dell'emittente RosaTV (LCN 286), presente in questo stesso mux di ANTENNA 10.





 12 NOVEMBRE 2012 - Lunedì 

Ore 22.25 - ANTENNE PESCARA: VISITA COMMISSIONE SANITA' REGIONE ABRUZZO A SAN SILVESTRO COLLE.
COMUNICATO STAMPA. GIORNO 14 NOVEMBRE DALLE ORE 11 CIRCA, SU SPECIFICO INVITO DEI CITTADINI DI SAN SILVESTRO, I COMPONENTI LA COMMISSIONE ‘SANITA” DELLA REGIONE ABRUZZO VERRANNO SULLA NOSTRA COLLINA DELLA ‘VERGOGNA’ E DELL’ILLEGALITA’ PER UNA VISITA CONOSCITIVA DEL PROBLEMA ANTENNE. ABBIAMO INVITATO IL SINDICO DI PESCARA.
AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE LORO SEDI Dopo le Ordinanze Dirigenziali di spegnimento degli impianti operanti in San Silvestro, emanate dal Comune di Pescara, diversi titolari di emittenti locali hanno incontrato i capigruppo consiliari della Regione Abruzzo per chiedere il reinserimento del Sito di San Silvestro Colle tra quelli idonei ad ospitare gli impianti radiotelevisivi. Hanno dichiarato che con il digitale terrestre i livelli dei campi elettromagnetici si sono ridotti e rientrati nei limiti di legge. Hanno altresi’ dichiarato che non hanno soldi sufficienti per sostenere i costi della delocalizzazione. Noi rispondiamo loro che da anni sono abusivi, cosa che ha scritto anche l’Avv. Montanino nelle memorie difensive depositate al Tar in difesa del Comune di Pescara contro il ricorso Rai e Rai Way avverso la delibera AGCOM che avrebbe illegittimamente escluso San Silvestro dal novero dei siti idonei per gli impianti TV in Digitale Terrestre. Per correttezza ne riportiamo una breve sintesi: 1)L’impianto TV digitale Rai/Rai Way alla data del mese di maggio 2004 non era LEGITTIMAMENTE in funzione visto che: detto sito non risulta contemplato dai PNAF vigenti; non si fa menzione di Autorizzazioni degli impianti e ne’ vi e’ traccia negli archivi Comunali, almeno a partire dall’anno 2005; dagli accertamenti effettuati dall’ARTA e’ costantemente emerso il superamento dei limiti di Legge; L’Avv. Montanino scrive ancora” In realta’ il caparbio attaccamento al sito in questione (SAN SILVESTRO) da parte della Rai/Rai Way trova una adeguata spiegazione nel fatto che quegli impianti servono effettivamente un bacino di utenza ben pi ampio di quello dichiarato A TERMINI DI LEGGE e di contratto (la Provincia di Pescara): un semplice accesso al sito internet di Rai Way consente infatti di verificare che il sito di Pescara San Silvestro viene indicato dalla emittente pubblica per ogni localita’ della costa Abruzzese, ivi compreso quelle della Provincia di Teramo (Giulianova ecc), della Provincia di Chieti (Vasto ecc) e aggiungiamo noi della Provincia di Ascoli Piceno (Cupra Marittima ecc.).
INOLTRE VORREMMO FAR SAPERE A TUTTI CHE I COSTI DELLA DELOCALIZZAZIONE SONO PARI A CIRCA 5 MILIONI DI EURO. SIAMO CIRCA 2500 ABITANTI. FATE VOI IL CONTO DI QUANTO POCO VALE LA VITA DI NOI RESIDENTI, BAMBINI COMPRESO!!! RAI WAY, MEDIASET, LA SETTE, TELEMONTECARLO, PIERANGELI, SPATOCCO, ECC. SONO COSI’ ‘POVERI’ DA NON POTER SOSTENERE TALI SPESE? MA FATECI IL PIACERE!!! SENZA CONTARE CHE LE EMITTENTI ABRUZZESI STANNO PER RICEVERE DALLA REGIONE ABRUZZO UN MILIONE DI EURO A FONDO PERDUTO PROPRIO PER IL DIGITALE TERRESTRE!!

Tratto da: http://www.abruzzonews24.it/100027/visita-commissione-sanita-regione-abruzzo-a-san-silvestro


Ore 15.55 - MUX ATV7: TORNA LA PROGRAMMAZIONE DI TV SEI CON IL FORMATO ERRATO.
UHF 23 Mux ATV7

Nella serata di ieri sono tornati regolarmente in onda i programmi di TVSEI (Abruzzo), LCN 14 nel mux ATV7. Ieri vi avevamo segnalato che il canale in questo multiplex era a schermo nero. Dopo il ripristino, notiamo che il formato di trasmissione non è in 16:9 ma in 4:3, mentre nel mux TV SEI (UHF 43) la stessa emittente trasmette con il regolare formato. Vi alleghiamo le relative immagini.

LCN 14 - TVSEI (Abruzzo) - UHF 23 Mux ATV7  (errato formato 4:3)



LCN 14 - TVSEI - UHF 43 Mux TV SEI (corretto formato 16:9)



Ore 12.25 - MUX ANTENNA 10: PROBLEMI TECNICI SUL SEGNALE DI 7 GOLD.
UHF 46 Mux ANTENNA 10:
Nella serata di ieri su Antenna10 (LCN 13) durante la ripetizione della programmazione di 7 GOLD il flusso audio/video era spesso interrotto con soventi sganci alternati a schermo nero e verde, come potete vedere dalle immagini che vi alleghiamo qui sotto.





Ore 11.25 - MUX TVQ (ABRUZZO): IN ALCUNE FASCE ORARIE E' IN ONDA TVQ NEWS.
UHF 28 Mux TVQ (ABRUZZO):
Nel mux TVQ (ABRUZZO) i seguenti canali: 19 TVQ, 292 TVQ Sport, 649 TVQ Rosa, 650 TVQ Music e 651 Genio TV (TVQ provider) trasmettono la medesima programmazione del canale principale TVQ. Il canale 172 TVQ News invece in alcune fasce orarie trasmette alcuni programmi con un nuovo logo che potete vedere qui sotto, mentre in altre torna a trasmettere la stessa programmazione di TVQ. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux TVQ (ABRUZZO).





 11 NOVEMBRE 2012 - Domenica 

Ore 22.05 IN EVIDENZA  - MUX TRSP: ABRUZZO IN DIGITALE IN ONDA SU FARMABRUZZO.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO)

UHF 51 Mux TRSP (MOLISE)
Da qualche ora è in onda sul monoscopio di FARMABRUZZO (LCN Abruzzo 643, Molise 616) il logo di ABRUZZO IN DIGITALE, con la scritta dell'indirizzo internet della nostra sezione regionale. Ringraziamo l'amico e collaboratore Francesco di Vasto che ci ha fatto questa cortesia, ed inoltre ci annuncia che a breve partiranno le trasmissioni di questo nuovo canale. Abbiamo aggiornato gli z@pping TV dei mux TRSP (Abruzzo) TRSP (MOLISE).





Update ore 23.00:
Ci sono arrivate due mail di alcuni nostri lettori a riguardo della presenza del nostro logo ABRUZZO IN DIGITALE su FARMABRUZZO, eccole nel dettaglio:

Pino da Lanciano (Chieti):
Ciao Abruzzo in Digitale ho visto che su Farmabruzzo c'è sotto scritto pure Abruzzo in Digitale e il logo è lo stesso del vostro sito. Avete aperto un canale tv? O collaborerete con questa emittente?
- Nulla di tutto ciò, è stato un regalo del nostro amico e collaboratore Francesco di Vasto che per qualche ora ha inserito nella parte sottostante la scritta FARMABRUZZO, il logo di Abruzzo in digitale.



Anonimo da Pescara:
Vi leggo tutti i giorni siete l'unico sito serio per sapere le notizie sulla tv. Ora vi chiedo se Abruzzo in digitale e' il nome del nuovo canale che state mettendo in Abruzzo? Fate il tg?
- Nulla di tutto ciò, è stato un regalo del nostro amico e collaboratore Francesco di Vasto che per qualche ora ha inserito nella parte sottostante la scritta FARMABRUZZO, il logo di Abruzzo in digitale.



Ore 18.25 - MUX TELEPONTE - MUX TVQ: TELE P PER LE DIRETTE AGGIUNGE L'OROLOGIO.
UHF 31 Mux TELEPONTE
UHF 28 Mux TVQ (ABRUZZO)
UHF 34 Mux TVQ (MOLISE)
Durante la messa in onda di programmi in diretta l'emittente teramana TELE P (LCN 15 in Abruzzo), aggiunge l'orario in basso al proprio logo.



Ore 15.00 - MUX TRSP: DOPPIO LOGO SU TRSP, AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO)

UHF 51 Mux TRSP (MOLISE)
L'emittente di Vasto (Chieti) TRSP (LCN Abruzzo 17, Molise 15) ha trasmesso nella serata di ieri la sua programmazione con un doppio logo in onda, come potete vedere dalle immagini qui sotto. Inoltre abbiamo aggiornato lo z@pping TV del mux TRSP (Abruzzo) con nuove immagini di SENTIERI TV (LCN Abruzzo 119, Molise 115), che trasmette la nuova emittente TV AGORA', e di FARMABRUZZO (LCN Abruzzo 643, Molise 616), che manda sempre in onda il monoscopio che sgancia alternandosi tra bianco e e nero e colori.








Update ore 16.15:
Il canale FARMABRUZZO (LCN Abruzzo 643, Molise 616) in tarda mattinata era andato a schemo nero, da pochi minuti è stato ripristinato il monoscopio privo di sganci video che si vede regolarmente a colori. Abbiamo aggiornato gli z@pping TV dei mux TRSP (Abruzzo) TRSP (MOLISE).



Ore 13.50 - MUX ATV7: TV SEI A SCHERMO NERO.
UHF 23 Mux ATV7

Da questa mattina risulta a schermo nero TVSEI (Abruzzo), LCN 14 nel mux ATV7. Quest'ultima è regolarmente in onda nel multiplex TV SEI trasmesso sull' UHF 43




Ore 11.00 - MUX ANTENNA 10: NUOVO LOGO PER DAN PRODUCTION.
UHF 46 Mux ANTENNA 10
Cambio di logo per il canale Dan Production, con LCN 631. Qui sotto potete vedere alla sinistra quello nuovo, con sfondo giallo a fumetto, a destra il logo precedentemente in onda.
Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del mux ANTENNA 10.





 09 NOVEMBRE 2012 - Venerdì 

Ore 10.40 - MUX TELE A (ABRUZZO): RITORNA ARTE OGGI TV.
UHF 41 Mux TELE A (ABRUZZO)
E' ritornato nella versione abruzzese del mux TELE A il canale Arte Oggi TV, con la numerazione LCN 689. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali, con i dettagli tecnici, e lo z@pping TV del multiplex di TELE A (ABRUZZO).





 07 NOVEMBRE 2012 - Mercoledì 

Ore 21.15 - MUX TVQ (ABRUZZO): NUOVO LOGO PER TVQ NEWS.
UHF 28 Mux TVQ (ABRUZZO):
Nel mux TVQ (ABRUZZO) sul canale TVQ News (LCN 172) è in onda un nuovo logo. Da segnalare che sempre su questa emittente dal 4 novembre è partita una nuova trasmissione di Antonella Allegrino “Il mondo come io lo vedo”, che andrà in onda ogni domenica alle ore 9.00. Vi alleghiamo il video del promo.





Ore 10.15 - SINDACO DI PESCARA: SAN SILVESTRO NON IDONEO PER LE ANTENNE.
(ANSA) - PESCARA - Il Sindaco Pescara annuncia indagine epidemiologica.
''Il C
omune di Pescara e la Regione Abruzzo proseguiranno insieme lungo la strada ormai tracciata per la delocalizzazione delle antenne, partendo da un dato ormai incontrovertibile al quale tutti i titolari delle emittenti radiotelevisive dovranno uniformarsi: San Silvestro non e' piu' sito idoneo per ospitare gli impianti che dunque vanno spostati''. Lo ha annunciato il sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia, alla Conferenza regionale dei Capigruppo sulla delocalizzazione delle antenne.
Tratto da: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/abruzzo/2012/11/06/Mascia-Silvestro-idoneo-antenne


 06 NOVEMBRE 2012 - Martedì 

Ore 19.00 - PESCARA SAN SILVESTRO: NOTIFICATI 59 PROVVEDIMENTI DI DISATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI.
PESCARA. Il Sindaco: «mi spiace per le emittenti ma la strada è tracciata». Il lavoro è concluso. Adesso si entra nella fase finale.
Gli uffici del Comune di Pescara hanno terminato la notifica di tutti i provvedimenti dirigenziali per la disattivazione delle 59 antenne posizionate in località San Silvestro del capoluogo adriatico che, in base alle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, sono sprovviste delle autorizzazioni comunali per operare in quel sito. In tutto sono 55 le aziende a cui il Comune ha notificato gli atti con la relativa ingiunzione di pagamento delle sanzioni.
Il sindaco Mascia non ha nascosto la propria sorpresa per quel tentativo estremo di «bypassare il processo di delocalizzazione», da attuare entro sei mesi dalla sua istituzione, ovvero entro il prossimo e ormai imminente 30 novembre.
Oggi Mascia ricorderà che le ordinanze dirigenziali per lo spegnimento di 59 emittenti radiotelevisive «sono un atto dovuto da parte dell’amministrazione comunale in seguito a un’indagine condotta non dal Comune, ma dalla Guardia di Finanza che ha accertato, per i 59 impianti, l’assenza delle autorizzazioni comunali, Guardia di Finanza che peraltro ha anche comminato multe salate che 58 emittenti su 59 sanzionate non risultano ancora aver pagato».
«Comprendo il malumore», ammette il primo cittadino, «comprendo le preoccupazioni per i costi legati all’operazione».
Le emittenti hanno chiesto al presidente della Regione Chiodi e al presidente del Consiglio regionale Pagano ‘un intervento, una legge regionale che le tuteli. In sostanza la Regione Abruzzo dovrebbe legiferare contro se stessa, visto che è stata la prima a promuovere la delocalizzazione delle antenne, a commissionare e a pagare uno studio affidato alla Facoltà di Ingegneria dell’Università de L’Aquila, con il professor Graziosi.
Quello studio ha prodotto la proposta di delocalizzazione off shore, ovvero su una piattaforma in mare, un’idea sperimentale che è piaciuta anche all’Agcom che ha inserito il sito nel Piano Nazionale di assegnazione delle Frequenze, insieme ad altri 129 siti a terra già esistenti e situati in Abruzzo, tra i quali le emittenti possono scegliere di spostarsi.
In merito alla vicenda, il direttore Generale del Comune, Stefano Ilari, membro del Tavolo tecnico regionale istituito per la delocalizzazione, ha anche inviato una nota, indirizzata tra gli altri all’Agcom e al Ministero dello Sviluppo Economico, chiarendo che «non risponde al vero che il Comune di Pescara ha indicato esclusivamente la piattaforma off-shore quale sito idoneo a cogliere l’obiettivo della delocalizzazione».

Tratto da: http://www.primadanoi.it/news/cronaca/534701/San-Silvestro-Mascia-ha--spento


 04 NOVEMBRE 2012 - Domenica 

Ore 23.55 - MUX TRSP: ARRIVA AGORA' TV SU SENTIERI TV E UN MONOSCOPIO SU FARMABRUZZO.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO)

UHF 51 Mux TRSP (MOLISE)
Novità nel mux vastese di TRSP. Il canale SENTIERI TV, che occupa in Abruzzo l' LCN 119 e in Molise l' LCN 115, ora trasmette la programmazione di una nuova emittente TV AGORA'. Inoltre il canale FARMABRUZZO, in Abruzzo con LCN 643 e in Molise con LCN 616, non è più a schermo nero ma ora in onda c'è un monoscopio che si alterna a colori e in bianco e nero, come potete vedere dalle immagini che ci ha fornito il nostro collaboratore Samuele di Chieti.




Ore 16.15 - IL CASO DELLE ANTENNE DI SAN SILVESTRO APPRODA A L'AQUILA.
Le emittenti non vogliono mollare il sito di San Silvestro. Il Sindaco: «Andate sulla piattaforma off-shore».
«Le antenne oggi situate a San Silvestro devono lasciare il sito perché prive delle necessarie autorizzazioni, come certificato dalla Guardia di Finanza, e perché San Silvestro è stato ufficialmente e definitivamente escluso dal Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze. Lo ripeto da tre anni, portando avanti con la Regione Abruzzo una battaglia che ha visto schierato in prima linea lo stesso Presidente Chiodi, lo ribadisco dallo scorso marzo, ossia da quando è stato pubblicato il nuovo Piano, e lo ripeterò martedì prossimo, 6 novembre, a L’Aquila, dove sono stato convocato in audizione alla riunione della Conferenza dei Capigruppo, come da lettera ricevuta dal Dirigente Vicentina Terio. Ci sarò martedì a L’Aquila, e riterrei anche opportuno che la Conferenza invitasse lo stesso Presidente Chiodi e anche i cittadini di San Silvestro, una comunità di migliaia di utenti che hanno avuto modo di seguire tutte le tappe di un percorso lungo, difficile, e pieno di ostacoli». Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia ufficializzando la convocazione del vertice previsto per martedì prossimo, 6 novembre.
OBIETTIVO DELOCALIZZAZIONE. «L’incontro di martedì – ha detto il sindaco Albore Mascia – fa sicuramente seguito all’incontro già avuto dal Presidente del Consiglio regionale Nazario Pagano con una delegazione dei titolari delle emittenti, che oggi sta tentando tutte le strade possibili pur di evitare la delocalizzazione. Già in seguito a quell’incontro ho espresso la mia sorpresa per quel tentativo delle emittenti di bypassare, evidentemente, il Tavolo tecnico regionale istituito dalla stessa Regione Abruzzo e che aveva l’obiettivo di agevolare il processo di delocalizzazione, da attuare entro sei mesi dalla sua istituzione, ovvero entro il prossimo e ormai imminente 30 novembre, individuando in maniera congiunta il nuovo sito più idoneo, ma comunque con la volontà chiara e dichiarata di portare via le antenne da San Silvestro. E’ stata la stessa Regione Abruzzo, e non il Comune di Pescara, come erroneamente tentano oggi di affermare i titolari delle emittenti, a commissionare e a pagare uno studio di delocalizzazione affidato a un’Istituzione qualificata, ossia la Facoltà di Ingegneria dell’Università de L’Aquila, con il professor Graziosi, e quello studio ha prodotto una proposta innovativa, la delocalizzazione off shore, ovvero su una piattaforma in mare, un’idea sperimentale che però, mi spiace per le emittenti, è piaciuta anche all’Agcom che ha inserito il sito nel Piano Nazionale di assegnazione delle Frequenze, insieme ad altri 129 siti a terra già esistenti e situati in Abruzzo, tra i quali le emittenti possono scegliere di spostarsi. Perché, sia chiaro, mai nessuno ha inteso obbligare le emittenti ad andarsene su una piattaforma in mare, men che meno indicando una specifica struttura, proprio perché in Abruzzo ci sono altri 129 siti idonei a terra tra cui poter scegliere, ma quello che è sicuro e sul quale non intendiamo retrocedere di un passo è che le antenne dovranno lasciare San Silvestro che semplicemente non è più sito idoneo, dunque gli impianti vanno spostati per rispettare le regole e la legge. Oggi mi sorprende dunque che le emittenti tentino di giocarsi la carta della Regione Abruzzo, forse dimenticando che la battaglia per la delocalizzazione delle stesse antenne da San Silvestro è una battaglia pescarese, ma anche del Presidente della Regione Abruzzo Chiodi che con me, con il consigliere Sospiri, con gli assessori Seccia e Del Trecco, e con i residenti del colle, è venuto decine di volte a Roma presso l’Agcom per perorare la causa dello spostamento degli impianti. Oggi addirittura i titolari delle emittenti vengono a dire che occorre ripetere le misurazioni delle emissioni di onde elettromagnetiche che non sarebbero aggiornate al passaggio al digitale; allora occorre loro ricordare che il nuovo Piano Nazionale delle Frequenze è stato varato tra febbraio e marzo 2012, ben sapendo che in Abruzzo a giugno ci sarebbe stato il passaggio al digitale, quindi evidentemente l’Agcom e il Ministero avevano comunque valutato la situazione in divenire, ma comunque hanno accolto l’istanza della città e delle Istituzioni e hanno deciso per l’esclusione dal Piano di San Silvestro. E non basta: martedì ricorderò, in sede di Conferenza dei Capigruppo, che le ordinanze dirigenziali, e non sindacali, dunque atti che hanno natura tecnica e non politica, che stiamo emanando per lo spegnimento di 59 emittenti radiotelevisive sono un atto dovuto da parte dell’amministrazione comunale in seguito a un’indagine condotta non dal Comune, ma dalla Guardia di Finanza che ha accertato, per i 59 impianti, l’assenza delle autorizzazioni comunali, Guardia di Finanza che peraltro ha anche comminato multe salate che 58 emittenti su 59 sanzionate non risultano ancora aver pagato. Nell’ordinanza di disattivazione ovviamente abbiamo dato alle emittenti la possibilità di presentare un Piano di risanamento, ma ovviamente non a San Silvestro dove non possiamo autorizzare alcunché non essendo più sito idoneo. E dalle emittenti, sino a oggi, non è pervenuta alcun Piano di risanamento alternativo. A questo punto – ha aggiunto il sindaco Albore Mascia – non posso non esprimere la delusione per lo scarso spirito di collaborazione dimostrato dalle emittenti interessate dal provvedimento: comprendo il malumore, comprendo le preoccupazioni per i costi legati all’operazione di delocalizzazione, in seguito a una battaglia però che ormai va avanti da più di vent’anni, ma tutto ciò non giustifica l’atteggiamento assunto dalle stesse emittenti, che addirittura oggi chiedono al Presidente della Regione Chiodi e al Presidente del Consiglio regionale Pagano ‘un intervento, se necessario con legge regionale, che tuteli l’esistenza delle 59 emittenti radiotelevisive, vittime di un vero e proprio attacco cruento di un sindaco, emittenti vittime di un sopruso’. In sostanza la Regione Abruzzo dovrebbe legiferare contro se stessa, visto che è stata la prima a promuovere la delocalizzazione delle antenne, anche grazie all’impegno dei propri consiglieri di maggioranza, e a commissionare e pagare lo studio per la delocalizzazione. Il Comune di Pescara, sono certo con la Regione Abruzzo, andrà avanti lungo il percorso ormai tracciato, ricordando alle emittenti la scadenza inderogabile del 30 novembre per la presentazione di un Piano di risanamento per chiedere le autorizzazioni comunali, pena la disattivazione degli impianti esistenti, e in questo caso non sarà certo il Comune di Pescara a determinare un’eventuale ‘interruzione di pubblico servizio’, visto che il Comune ha concesso tutto il tempo necessario e previsto dalla normativa per i relativi adeguamenti. Martedì richiariremo l’intera vicenda, auspicando anche l’estensione dell’invito alla riunione al Presidente Chiodi e anche ai cittadini di San Silvestro, primi interessati da quella battaglia che oggi ci vede protagonisti”. In merito alla vicenda, il Direttore Generale del Comune, Stefano Ilari, membro del Tavolo tecnico regionale istituito per la delocalizzazione, ha anche inviato una nota, indirizzata tra gli altri all’Agcom e al Ministero dello Sviluppo Economico, chiarendo che “non risponde al vero che il Comune di Pescara ha indicato esclusivamente la piattaforma off-shore quale sito idoneo a cogliere l’obiettivo della delocalizzazione; il Comune di Pescara si è limitato, tramite i suoi rappresentanti, a considerare dovuta la delocalizzazione degli impianti ricetrasmittenti dall’attuale sito di San Silvestro, poiché non ricompreso nel Piano Nazionale delle Frequenze; in tal senso gli stessi rappresentanti del Comune hanno fatto sempre riferimento allo studio commissionato dalla Regione Abruzzo all’Università degli Studi de L’Aquila e firmato dal professor Graziosi, senza fare alcun riferimento a piattaforme esistenti, la cui idoneità, sia in termini tecnici che in termini di autorizzazioni amministrative, dovrà essere valutata non dal Comune, bensì da altri organi, in primis dalla stessa Regione Abruzzo; a fronte di quanto esposto, invece, del tutto inopinatamente il Tavolo tecnico istituito per individuare le modalità per addivenire alla prescritta delocalizzazione, si è trasformato in uno sterile confronto tra le parti addirittura sulla opportunità della delocalizzazione stessa».

Tratto da:
http://www.abruzzoindependent.it/news/Antenne-Mascia-a-L-Aquila