ARCHIVIO NEWS ABRUZZO

       MAGGIO 2012  
 

 31 MAGGIO 2012 - Giovedì 

Ore 21.15 - MAJELLA: TORNANO IN ONDA RETE CAPRI E TELEMARE.
UHF 57 Mux RETE CAPRI:
UHF 21 Mux TELEMARE:
Sono stati riattivati dalla postazione della Majella il mux nazionale RETE CAPRI
sul canale 57 UHF e il mux TELEMARE sul canale 21 UHF.



 30 MAGGIO 2012 - Mercoledì 

Ore 23.15 - MUX ONDA TV: RIATTIVATO DA BUSSI (PE), PROGRAMMA TEST PER ONDA TV NEWS.
UHF 59 Mux ONDA TV:
Dopo alcuni giorni di assenza è tornato sintonizzabile sul canale 59 UHF dalla postazione di Pietracorniale a Bussi sul Tirino (PE) il mux ONDA TV. E' stato attivato anche il canale ONDA TV NEWS, con LCN 171. Il programma test viene anche replicato su ONDA TV SHOPPING (LCN 291) e ONDA TV PLUS (LCN 646). ONDA TV SPORT (LCN 647) e ONDA TV L'AQUILA (LCN 648) hanno ancora lo schermo nero.

Ore 22.45 - MUX TELE A (ABRUZZO): AGGIUNTA LA NUMERAZIONE LCN A TELE A E TELE A+.
UHF 41 Mux TELE A (Abruzzo):
Aggiunta la numerazione LCN ai due canali del mux TELE A (Abruzzo). Tele A+ ora viene memorizzato nella posizione 79 e Tele A alla numero 80. Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del multiplex.

Ore 22.35 - MUX RETE 8: SU RETE 8 MEDICINA IN ONDA TELEMARE, CON PROBLEMI NEL SUO MULTIPLEX.
UHF 45 Mux RETE 8:
Da alcuni giorni nel mux RETE 8 sul canale RETE8 Medicina, con LCN 623, viene mandato in onda la programmazione di TELEMARE.


UHF 21 Mux TELEMARE:
Per quanto riguarda il mux TELEMARE c'è da segnalare che il canale 21 UHF è spento sia dalla postazione di San Silvesto a Pescara e sia dalla Majella.
Ringraziamo Nicolantonio di Chieti per averci fornito le informazioni.



Ore 17.20 - MUX TV SEI: NUOVA DENOMINAZIONE PER AB CHANNEL.
UHF 43 Mux TV SEI:
Novità per quanto riguarda il canale atriano AB CHANNEL. Fino a ieri l'emittente trasmetteva con LCN 634 nel mux TV SEI con il proprio logo durante il giorno e solo a tarda sera veniva inserito anche quello di Rete Italia 131. Questa mattina il canale ha una nuova denominazione Tv6 AbChannel e presenta il logo TV6 in alto a sinistra mentre, AB CHANNEL è sempre in basso a destra. Inoltre la programmazione tra LCN 131 di Rete Italia e LCN 634 di TV SEI è differita, almeno durante il giorno. Ringraziamo Nicolantonio di Chieti per la segnalazione.


 28 MAGGIO 2012 - Lunedì 

Ore 13.30 - MUX TV UNO: REALIZZATA LA PAGINA CON LA GRIGLIA CANALI.
UHF 33 Mux TV UNO:
Nella lista delle TV A L'AQUILA abbiamo aggiunto la nuova pagina con la griglia canali del mux dell'emittente del capoluogo abruzzese TV UNO, che trasmette dalla postazione di Monte Luco (AQ) sul canale 33 UHF. Il multiplex è composto da 6 canali: TV UNO (LCN 85), Tv Uno Donna (LCN 187), Speranza TV (LCN 297), Tv Uno Cultura (LCN 664), Tv Uno Storia (LCN 665) e LaQTV (LCN 666). Ringraziamo Tony de L'Aquila per averci fornito i dettagli.

Ore 00.25 - MUX TLT MOLISE: LE POSTAZIONI IN ABRUZZO E MOLISE.
UHF 31-43 Mux TLT MOLISE:

Abbiamo ricevuto una mail del direttore tecnico dell'emittente TLT MOLISE che ci comunica le frequenze assegnate in Abruzzo e Molise e le postazioni attive.
"Salve, volevo segnalarvi che TLT Molise ha assegnato il canale 31 UHF
per la regione Abruzzo nelle zone di sua competenza derivanti dalla vecchia copertura in tecnica analogica e precisamente dai siti di Monte Pallano di Bomba (CH) - Monte Farano di Tufillo (CH) - Castello di Castel di Sangro (AQ) - Roccaraso (AQ) tutti regolarmente in funzione. Inoltre per la regione Molise TLT Molise è stato assegnato il canale 43 UHF,  anche questi derivanti dalla copertura analogica: Ferrazzano (CB) - Petacciato (CB) - Schiavi d'Abruzzo (CH) - Monte La Rocca di Mirabello Sannitico (CB) - Monte Ferrone di Bonefro (CB) - Pesche (IS) - Monte Patalecchia (IS)." Abbiamo aggiornato la pagina con la griglia dei canali e con le frequenze del mux TLT MOLISE. Ringraziamo l'emittente per avercele segnalate. 



 26 MAGGIO 2012 - Sabato 

Ore 18.55 - CARSOLI (AQ): CON I POCHI MUX VA VIA ANCHE RAI MUX 1, CAUSA MALTEMPO, PROTESTE DEGLI ABITANTI.
La sfortuna si accanisce contro gli abitanti di Carsoli e della Piana del Cavaliere, in provincia de L'Aquila, dopo la scarsa copertura del
digitale terrestre, di cui vi abbiamo informato con la precedente news, ci mancava anche il maltempo a dimezzare i segnali ricevibili. Infatti, a causa di un forte temporale, dalle 14 di oggi è spento il RAI Mux 1 - ABRUZZO (UHF 35), e in questo momento che pubblichiamo la news il segnale non è tornato, come ci ha comunicato il nostro lettore Massimiliano da Riofreddo (Roma). Lui stesso ha anche scritto al quotidiano Il Centro, ecco il link della notizia pubblicata http://ilcentro.gelocal.it/laquila/cronaca/2012/05/25/news/digitale-un-lettore-piana-del-cavaliere-nessun-segnale-tv, per protestare contro la scarsa copertura del digitale, così come hanno fatto altri cittadini della zona che si stanno lamentando su Facebook e altri siti di informazione abruzzesi.

Ore 15.15 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A CARSOLI (AQ) CON IL MUX DI TELESIRIO.
UHF 43 Mux TELESIRIO:
Abbiamo inserito nel nostro database di ABRUZZO IN DIGITALE la lista delle emittenti televisive ricevibili nella località di CARSOLI, in provincia de L'Aquila. Purtroppo nella Piana del Cavaliere sono stati attivati pochissimi mux, sembra che lo switch off si sia dimenticato di questa zona. Dei mux nazionali sono attivi solo RAI Mux 1 - ABRUZZO (UHF 35), RAI Mux 1 - LAZIO (VHF 06), quest'ultimo già presente dallo switch off laziale del novembre del 2009, e i MEDIASET mux 1 (UHF 52), MEDIASET mux 2 (UHF 36), e MEDIASET mux 4 (UHF 49). Non sono ancora stati attivati i tre mux TIMB, già presente in zona con i due mux nazionali pre switch off, ma ora spenti. Dei mux locali sono attivi solo quello di RETEBLU (UHF 31), con il solo TV2000 (LCN 28), e da ieri l'unico multiplex abruzzese TELESIRIO (UHF 43), di cui abbiamo realizzato la tabella con la griglia canali, per il momento è sintonizzabile la sola Telesirio con LCN 16, vi ricordiamo che l'altra postazione attiva dell'emittente marsicana è quella del monte Cimarani ad AVEZZANO (L'Aquila). Mancano all'appello in digitale alcune emittenti locali che erano presenti già in analogico, RETE 8, ATV7 e SUPER 3 di Roma, chissà se e quando verranno attivate.
Inoltre una strana curiosità che ha comunicato
AG-BRASC su Digital-Forum. Lui stesso ha sintonizzato entrambi i due mux locali con il centro frequenza spostato in avanti di 180 KHz. In pratica l'emissione di RETEBLU risulta avvenire su frequenza 554.180 MHz e non 554.000 MHz e TELESIRIO su 650.180 MHz invece che 650.000 MHz!
Consulta la nuova pagina delle TV A CARSOLI (AQ) e quella del mux
TELESIRIO.

Ore 14.05 - MUX ATV7: ATTIVATO A TERAMO E BUSSI PIETRACORNIALE (PE).
UHF 23 Mux ATV7:
Ci segnalano che il mux ATV7, con i suoi cinque canali duplicati, è ora finalmente attivo anche a Teramo, dalla postazione di Colle Izzone, e a Bussi sul Tirino (Pescara), dalla postazione di Pietracorniale.


 25 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 20.50 - MUX TV SEI: AGGIORNATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 43 Mux TV SEI:
Abbiamo aggiornato la pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TV SEI. Segnaliamo che è sempre presente l'emittente di Atri (TE) AB CHANNEL, con LCN 634, che, al contrario di quella sintonizzabile nel mux TIVUITALIA, ha il proprio logo in alto a destra ma non quello di RETE ITALIA 131 in basso a destra.


Ore 00.05 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A CASTEL DI SANGRO (AQ), CON IL MUX DI TLT MOLISE.
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a CASTEL DI SANGRO, località dell'alto Sangro in provincia de L'Aquila. Oltre i pochi mux nazionali sono sintonizzabili al momento solo due mux locali, la teatina RETE 8 sul canale 45 UHF e TLT MOLISE sul canale 31 UHF. Di quest'ultima abbiamo realizzato la pagina con la griglia dei canali trasmessi. Per tutti i dati ringraziamo Piero di Castel di Sangro (AQ). Vai alla nuova pagina delle TV A CASTEL DI SANGRO (AQ).



 24 MAGGIO 2012 - Giovedì 

Ore 16.15 - MUX TELEMAX: AGGIORNATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 51 Mux TELEMAX:
Abbiamo aggiornato la pagina con la griglia canali e lo z@pping TV del mux dell'emittente di Lanciano (Chieti) TELEMAX, che trasmette in tutta la regione Abruzzo sul canale 51 UHF.



Ore 10.40 - MUX RETE CAPRI: ATTIVATO DALLA MAJELLA SUL 57 UHF.
UHF 57 (All digital) / UHF 62 (Sardegna) Mux RETE CAPRI:
Nella giornata di ieri è stato attivato questo mux nazionale dall'importante postazione abruzzese del monte Majella, in località Rifugio Pomilio a 1.900 mt di altitudine, sul canale 57 UHF.



 23 MAGGIO 2012 - Mercoledì 

Ore 14.50 - MUX TELE A (ABRUZZO): REALIZZATA LA PAGINA CON LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 41 Mux TELE A (Abruzzo):
Abbiamo realizzato la nuova pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELE A (Abruzzo), che trasmette sul canale 41 UHF. Contiene solo due canali senza numerazione LCN, Tele A e Tele A+.




 22 MAGGIO 2012 - Martedì 

Ore 22.50 - MUX TELEPONTE: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 31 Mux TELEPONTE:
Abbiamo realizzato la pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEPONTE, emittente di Teramo. Il multiplex contiene due canali, TELE P (LCN 15) e TELE P SPORT (LCN 638).



Ore 16.30 - MUX ATV7: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 23 Mux ATV7:
Abbiamo realizzato la pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux ATV7, emittente storica abruzzese, che ha avuto sede ad Avezzano (L'Aquila), ed ora passata sotto la proprietà di TVR VOXSON di Roma. Il multiplex contiene la stessa ATV7 con LCN 91 e quattro suoi canali duplicati con le numerazioni 195, 606, 683 e 684. Per il momento è attivo solo dalle postazioni di Monte Luco a L'Aquila, della Majella (Chieti) e da Monte Cimarani per Avezzano e la Marsica.



 20 MAGGIO 2012 - Domenica 

Ore 23.00 - PESCARA: RADIO E TV BOICOTTANO IL VERTICE SU SAN SILVESTRO, LA RAI RICORRE AL TAR.
Pescara. Nulla di fatto: il tavolo tecnico convocato oggi dalla Regione e dal ministero allo Sviluppo per la delocalizzazione delle antenne di San Silvestro è finita in bagarre, con 25 rappresentanti delle emittenti radio-tv incapaci di trovare i delegati per rendere possibile la discussione, aggiornata al 4 giugno. Intanto, la Rai si appella al Tar, ma Comune e Regione si preparano al ricorso.
Senza scampo, l’Agcom ha stabilito in via definitiva lo smantellamento delle antenne dal colle di San Silvestro, fissando a novembre il termine ultimo. E la riunione tecnica convocata oggi presso la sede della Regione in via Passolanciano a Pescara avrebbe dovuto sancire i dettagli tecnici e i tempi del trasloco; al tavolo avrebbero dovuto sedere un rappresentante della Regione, uno del Comune, un rappresentante del Ministero per lo Sviluppo Economico, uno dell’Università de L’Aquila, uno dell’Agcom, 3 rappresentanti dell’emittenza televisiva locale e 2 dell’emittenza televisiva nazionale, un rappresentante dell’emittenza radiofonica nazionale e 2 di quella locale. Invece si è trasformata in una sorta di assemblea popolare, con 25 persone partecipanti solo fra le emittenti. “Un tentativo, forse, di prendere tempo sperando di riaprire la discussione, ma tale tentativo è naufragato”, ha commentato il sindaco Albore Mascia, “ma non consentiremo a nessuno di menare il can per l’aia sulla delocalizzazione delle antenne di San Silvestro, che va fatta con tempi certi e rigorosi”.
Senza i delegati nominati, senza possibilità di discutere con chiarezza,la Regione non ha potuto far altro che aggiornare la seduta al prossimo 4 giugno, ma in quella sede sarà lo stesso Ente a nominare i rappresentanti delegati per le emittenti. Radio e tv sono già state obbligate, dal Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, varato dall’Agcom a marzo, a togliere i ripetitori da di San Silvestro, escluso dai siti di trasmissione, spostandole entro novembre in altri siti: sono 129 quelli presenti in Abruzzo tra cui scegliere, 49 quelli più vicini all’attuale, la piattaforma off-shore, già esistente al largo della costa di Francavilla, quello individuato come preferibile dall’ateneo aquilano.
Al momento di attuare materialmente la migrazione, però, i titolari delle emittenti hanno storto il muso, dinanzi al costo dell’operazione a totale loro carico; la soluzione più fattibile sarebbe quella di spostarsi tutti insieme nello stesso posto, ma intanto si cerca di prendere tempo. Comune, Regione e Ministero, anche oggi, hanno ribadito il concetto, concordando un margine temporale congruo per lo spostamento. Ma se quei termini temporali fissati non dovessero essere rispettati, scatterà la denuncia per omissione d’atti d’ufficio.
Chiaro il tentativo di riaprire il dibattito sulla legittimità dello ‘spegnimento’ di San Silvestro, vanificato dal professor Graziosi, autore del progetto di delocalizzazione sulla piattaforma off-shore: l’ingegnere ha ripetuto come non si verificheranno interferente con i ripetitori dell’altra sponda dell’Adriatico, e che alimentare antenne sul mare non farà aumentare il costo energetico.
Più determinata la posizione di Rai Way, comparto logistico dell’azienda pubblica, che si è appellato al Tar del Lazio per impugnare il Piano nazionale delle frequenze: “Una decisione che certamente non condividiamo”, commenta ancora il sindaco, “anche per rispetto delle migliaia di residenti di San Silvestro che aspettano da trent’anni di vedere le antenne lasciare il sito. Quel ricorso comunque non ci spaventa e soprattutto il Comune di Pescara si costituirà subito con i propri legali in qualità di ‘soggetti interessati’ contro il ricorso stesso”.

Tratto da: http://www.cityrumors.it/pescara/cronaca/pescara-vertice-tecnico-san-silvestro-antenne-ricorso-tar-rai


 18 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 10.00 - MUX TV ATRI: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 53 Mux TV ATRI:
Abbiamo realizzato la griglia canali e lo z@pping TV del mux TV ATRI. Abbiamo sintonizzato il multiplex dell'emittente, che trasmette un solo canale TV ATRI, con LCN 73, nella tarda mattinata del 10 maggio, giorno dello switch off teramano, dalla postazione di Colle Izzone a Teramo. Ci hanno poi comunicato che dalla serata dello stesso giorno era stato spento. Da masterplan infatti non risulta assegnata la postazione che serve la città di Teramo, ma solo quella nel comune di Atri (TE). All'emittente è stata assegnata le frequenza del canale 53 UHF, come risulta scritta anche in sovraimpressione dalle immagini che abbiamo realizzato, in quel momento trasmetteva solo un cartello del canale del Senato.



 18 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 09.10 - ANTENNE SAN SILVESTRO PESCARA: PRIMO VERTICE TECNICO.
PESCARA - “Primo vertice tecnico oggi, venerdì 18 maggio, presso la sede pescarese della Regione Abruzzo, per concordare le operazioni di migrazione delle antenne da San Silvestro colle sulla
piattaforma off shore già individuata o, in alternativa, su uno degli altri 129 siti segnalati nel Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze come siti idonei per accogliere gli impianti radiotelevisivi. Entro novembre, come già fissato nelle scorse settimane, le operazioni di delocalizzazione dovranno essere concluse, e intanto la ripresa dello sciopero della fame e della sete da parte di due residenti deve rappresentare un motivo di sollecito, per le Istituzioni, per far presto, non dilatare ulteriormente i tempi che devono essere stretti e rigorosi. La protesta dei cittadini, che sostengo in ogni modo, dev’essere il segnale dei timori e delle tensioni che ancora si vivono in quel quartiere della città che accoglie migliaia di residenti, ormai stanchi, esasperati e sfiduciati, anche a fronte di iniziative concrete assunte da Comune, Regione o Ministero. Quella protesta sarà un segnale soprattutto per i rappresentanti dell’Agcom, e del Ministero dello Sviluppo Economico che prenderanno parte alla riunione e che dovranno predisporre il piano di delocalizzazione”. Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia ricordando domani l’incontro fissato per mezzogiorno e la ripresa, oggi, dello sciopero della fame e della sete di due mamme di San Silvestro.
“La nostra amministrazione comunale – ha sottolineato il sindaco Albore Mascia – ha raggiunto un risultato storico ottenendo la delocalizzazione delle antenne, ma non con una semplice promessa, bensì con la formalizzazione del provvedimento attraverso l’esclusione del sito di San Silvestro dal Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze. Ora però arriva la parte più difficile, ossia quella più tecnica, l’attuazione concreta del dispositivo normativo. Da parte mia ho già sollecitato la Regione Abruzzo, e dal nostro punto di vista la competenza a dare attuazione al provvedimento è del Ministero per lo Sviluppo Economico che deve dire in concreto alle emittenti che devono trasferire i propri impianti. In tal senso sono molto ottimista visto come si è svolto l’ultimo incontro a L’Aquila, lo scorso 24 aprile, convocato proprio per individuare le fasi per la migrazione degli impianti: nel corso del vertice, al quale hanno preso parte i rappresentanti di 24-25 operatori radiotelevisivi, lo stesso Ministero non ha usato giri di parole, e ha detto senza mezzi termini che le antenne devono lasciare San Silvestro, una riunione infuocata, in cui i titolari delle emittenti non hanno ovviamente visto di buon occhio la posizione del Ministero, di Comune e Regione. E nonostante le opposizioni, il Ministero, rappresentato dal dottor Troisi e dal dottor Sambuco, ha mantenuta ferma la propria posizione, e ha ribadito che le antenne se ne devono andare, concordando un margine temporale congruo per lo spostamento. Se quei termini temporali fissati non dovessero essere rispettati, scatterà la denuncia per omissione d’atti d’ufficio. Nel corso dell’incontro – ha ancora ricordato il sindaco Albore Mascia -, ribadendo l’ipotesi di delocalizzazione delle antenne sulla piattaforma off shore già esistente, che dunque non dev’essere costruita, denominata ‘Francavilla’, abbiamo istituito un Tavolo tecnico di lavoro che dovrà operare in modo serrato per stabilire le modalità di migrazione dei ripetitori, un Tavolo di cui faranno parte un rappresentante della Regione Abruzzo, un rappresentante del Comune di Pescara, un rappresentante del Ministero per lo Sviluppo Economico, un rappresentante dell’Università de L’Aquila, un rappresentante dell’Agcom, 3 rappresentanti dell’emittenza televisiva locale e 2 dell’emittenza televisiva nazionale, un rappresentante dell’emittenza radiofonica nazionale e 2 di quella locale. E il primo incontro del Tavolo è stato fissato per domani, venerdì 18 maggio, alle 12, per mettere nero su bianco la procedura che intendiamo seguire per la migrazione degli impianti. La politica questa volta ha fatto tutto ciò che era possibile e abbiamo concesso sei mesi di tempo per completare la delocalizzazione, dunque entro novembre 2012. Ovviamente, come ho ribadito anche lo scorso 7 maggio quando due residenti hanno avviato lo sciopero della fame e della sete, condivido in ogni parte la posizione dei cittadini di San Silvestro – ha ribadito il sindaco Albore Mascia -, sono venuto sul colle tante volte perché quella per lo spostamento degli impianti è una battaglia di tutta la città e non solo di un quartiere, e anche il risultato sarà una vittoria per l’intero capoluogo adriatico. L’ho visto anche attraverso un sondaggio commissionato, in cui è emerso che tutta la città vuole la delocalizzazione degli impianti. Ovviamente esprimo preoccupazione per le condizioni di salute dei cittadini, due donne, che da oggi hanno ripreso lo sciopero della fame e della sete, ma è evidente che la ripresa della protesta ci aiuta a tenere alta la soglia di attenzione e dobbiamo arrivare alla riunione di domani facendo sentire forte la pressione della comunità che preme per raggiungere un traguardo storico, dal quale ormai ci separa un piccolo passo, ma la meta è vicina, e poi sarà festa per San Silvestro e per la città. Il mio obiettivo è quello di non far scendere l’attenzione, di continuare l’azione di pressing su Roma – ha ancora detto il sindaco Albore Mascia -, continuando a seguire l’iter del trasloco, di fatto cominciato tre settimane fa, anche se so che alcune emittenti avrebbero anche presentato un ricorso contro il Piano Nazionale di assegnazione delle frequenze. Ovviamente comprendo la diffidenza, la paura della gente di San Silvestro, troppe volte illusa da false promesse, e oggi stanca: noi non intendiamo cantare vittoria finchè non vedremo andar via anche l’ultima antenna, ma da quanto emerso nell’incontro de L’Aquila non ci sono riserve mentali presso le Istituzioni. Peraltro nei giorni scorsi ho accompagnato personalmente i cittadini presso la Procura della Repubblica dove è stata depositata una nuova denuncia per chiedere un intervento diretto della Magistratura per lo spegnimento delle emittenti che a questo punto non potrebbero trasmettere neanche in switch off da San Silvestro non disponendo delle necessarie autorizzazioni”.

Tratto da: http://www.pagineabruzzo.it/notizie/news/Pescara/51377/Antenne_san_silvestro_domani_primo_vertice_tecnico


 16 MAGGIO 2012 - Mercoledì 

Ore 15.30 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV AD AVEZZANO (AQ).
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili ad AVEZZANO, in provincia de L'Aquila. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv dei multiplex, per conoscere i canali effettivamente trasmessi (il link alla pagina è disponibile anche sulla homepage e nella sezione ABRUZZO IN DIGITALE). Vai alla nuova pagina delle TV AD AVEZZANO (AQ).

Ore 13.40 - LA SEDE DI TVNPOKER A NOTARESCO (TE).
Mentre seguivamo lo switch off dell'Abruzzo siamo passati in via Duca degli Abruzzi a Notaresco nel teramano. In questo edificio (foto qui sotto) un tempo sede delle scuole medie ed elementari, aveva la sua sede un' importantissima emittente locale, TVNPOKER. Come potete vedere, sono ancora presenti le parabole utilizzate per trasferire il segnale ai ripetitori.
TVNPOKER è stata una delle prime emittenti
abruzzesi, nata dopo la seconda metà degli anni 70 per merito del giornalista Vincenzo Angelico. TVN trasmetteva sui canali UHF 35 dal Colle della Giustizia di Atri (TE), UHF 37 dal Colle Morino di PIneto (TE) e sull'UHF 42 dal Colle Izzone per Teramo e sull'UHF 68 prima e 22 dopo da San Silvestro a Pescara. Sul finire degli anni '80 la tv era stata ceduta all'imprenditore Di Giuseppe che trasferì la sede poco lontano, nel comune di Montepagano, all'interno di un teatro. La tv perse la N chiamandosi solo TVPOKER e il logo era rappresentato dal pianeta Saturno. Ma il vento di tangentopoli arrivò anche da queste parti e TVPOKER si trovò in mezzo ad una istanza fallimentare. A dare una seconda gioventù all'emittente ci pensò ancora una volta Vincenzo Angelico che fece ripartire a inizio anni '90 dapprima una ReteSilvi e poi la nuova TVN con concessione comunitaria, (sempre nella sede della foto) a Notaresco. Questa volta il nome era di sole tre lettere, senza la parte finale POKER e le frequenze erano l'UHF 42 dal Colle della Giustizia di Atri (TE) e un altro 42 UHF dal Colle Izzone a Teramo.
All' inizio degli anni duemila, la Confartigianto di Teramo acquistò questa emittente che nel frattempo aveva perso il canale da Atri che serviva la fascia costiera a causa di interferenze con TRSP dalla
Majella e pare anche con Rai 3 dal Conero nelle Marche. TVN diventa TVTeramo e diventa la voce della Confartigianato teramana. Il resto è storia recente: per il digitale terrestre decide di partecipare
all'assegnazione di una frequenza e resta con un pugno di mosche in mano, ora è in attesa di un apparentamento (termine politico ma ideale per l'occasione) per poter tornare in onda. Azzardiamo un'ipotesi, visto che TVT ha una concessione comunitaria ereditata da TVN, noi consigliamo alla Confartigianato di bussare alla porta di TVATRI, presente a Teramo sull'UHF 53 con un solo canale nel multiplex, la stessa TVATRI, anch'essa comunitaria.
Infine una curiosità, Vincenzo Angelico (nella foto in basso a sinistra) sta caricando sul suo canale
Youtube molti video dell'archivio televisivo di TVNPOKER, potete visualizzarli in questo link:
http://www.youtube.com/channel/UChFiVPm3y6eSUUlEkO7zbOw
.


Nella immagine qui sotto Vincenzo Angelico.

Ore 12.30 - MUX TRSP: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 29 Mux TRSP:
Abbiamo realizzato la griglia canali e lo z@pping TV del mux TRSP, attivo dalla Majella (Chieti) sul canale 29 UHF. Trasmette un solo canale TRSP, con LCN 17.





 15 MAGGIO 2012 - Martedì 


Le notizie sullo SWITCH OFF dell' ABRUZZO

Ore 15.00 - ALLARME A SAN SILVESTRO: TRA LE ANTENNE SUI TRALICCI C'E' ANCHE UN RADAR MILITARE?
Un nuovo giallo nella storia infinita dello spostamento mai attuato dei ripetitori.
PESCARA. «Che bello… A San Silvestro non ci sono solo le antenne, ma anche i radar militari. Sono posti su tralicci a fianco di quelli con le antenne e sorgono a pochi metri dalle case. San Silvestro come obiettivo sensibile, in futuro anche come scudo umano?» L’interrogativo inquietante è scattato sabato, quando su internet Enio Salle, Marino Candeloro e Brunella Di Lizio hanno scovato un radar militare sui tralicci di San Silvestro, descritto, con tanto di foto e di commento tecnico.
«Sarà per questo che le Tv sono sicure che non se ne andranno mai? – si chiedono i tre – se le istituzioni lo sapevano, hanno taciuto. E ora forse ci diranno che gli impianti militari sono affari commerciali di Rai Way. All’inizio abbiamo stentato a crederci, poi però abbiamo riconsiderato solo alcuni dei tanti fatti anomali successi nel tempo e cominciamo ad avere dei dubbi».
In pratica la lotta per lo spostamento delle antenne rischia di naufragare di fronte ai problemi della difesa militare. E allora la domanda che sorge spontanea è: «ci sono o no installazioni militari nel sito Rai di San Silvestro? Se la risposta è sì, noi ed i nostri figli siamo o non siamo obiettivi sensibili?» commentano al Comitato. La richiesta che parte dai cittadini anti antenne e dalle mamme è rivolta alla magistratura, l’unica che sembra in grado di far piena luce sulla vicenda. Di fatto però un sopralluogo effettuato presso il ripetitore Rai Way, regolarmente recintato, non mostra apparentemente installazioni militari, visto che non c’è nessun cartello che vieta di avvicinarsi o di fotografare, come ha fatto PrimaDaNoi.it. E proprio per evitare inutili allarmismi, pubblichiamo la foto con la speranza di un chiarimento tecnico. Certo è che l’allarme a San Silvestro è palpabile, non solo tra gli attivisti del Comitato, ma anche tra la gente comune. Quando troppe domande rimangono senza risposta è del tutto naturale che si pensi al peggio o che si dia un’interpretazione diversa alle vicende che si sono susseguite. Come le parole di chi ha partecipato al Tavolo tecnico sulle antenne ed ha riferito che lo spostamento non si farà mai. Chi conosce la verità?
Tratto da: http://www.primadanoi.it/news/526947/Allarme-a-San-Silvestro-tra-le-antenne-sui-tralicci-c%E2%80%99%C3%A8-anche-un-radar-militare

Ore 01.40 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A ROSETO, GIULIANOVA E NOTARESCO (TE).
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a Roseto degli Abruzzi, Giulianova e Notaresco, nel teramano. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv dei multiplex, per conoscere i canali effettivamente trasmessi (il link alla pagina è disponibile anche sulla homepage e nella sezione ABRUZZO IN DIGITALE). Vai alla nuova pagina delle TV A ROSETO - GIULIANOVA - NOTARESCO (TE).


 13 MAGGIO 2012 - Domenica 

Ore 11.15 - MUX RTVA: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV, CON INFO SU TELE 9.
UHF 33 Mux RTVA:
Abbiamo realizzato la griglia canali e lo z@pping TV del nuovo mux RTVA, attivo da ieri sul canale 33 UHF dalla postazione di San Silvestro a Pescara. Contiene quattro canali, l'unico che trasmette è TELE 9 con LCN 74, RETE AZZURRA con LCN 87 e TELE 9 canale 2 con LCN 186 sono a schermo nero, mentre RTVA con LCN 95, che ieri stava trasmettendo, ora in onda ha una solo una scritta WD che si muove nello schermo, come potete vedere dalle immagini che vi alleghiamo nello z@pping TV.

Per quanto riguarda TELE 9, come già vi abbiamo informato questa notte alle ore 00.50 nella pagina dello SWITCH OFF IN ABRUZZO IN TEMPO REALE,
abbiamo ricevuto un messaggio direttamente da Claudia Gentile, direttrice responsabile di TELE 9:
"Tele 9 e' di nuovo on air da oggi sabato 12 maggio su tutta la provincia di Pescara (mux di San Silvestro) al canale 74 (numerazione automatica LCN), per essere sicuri di ricevere l'emittente occorre RISINTONIZZARE IL DECODER, presto vi daremo novita' sull'estensione della rete dal ripetitore della Majella e relative nuove frequenze e sulla nuova societa' proprietaria che gestirà l'emittente pur mantenendo al timone Claudia Gentile come direttrice responsabile". 
Ringraziamo l'emittente ed auguriamo a Claudia e a tutto lo staff di TELE 9 un grosso in bocca al lupo per la nuova avventura sul digitale terrestre.




Ore 09.50 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A SULMONA (AQ).
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a Sulmona, in provincia de L'Aquila. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv dei multiplex, per conoscere i canali effettivamente trasmessi (il link alla pagina è disponibile anche sulla homepage e nella sezione ABRUZZO IN DIGITALE). Vai alla nuova pagina delle TV A SULMONA (AQ).


 12 MAGGIO 2012 - Sabato 

Ore 22.50 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A L'AQUILA.
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a L'Aquila. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv dei multiplex, per conoscere i canali effettivamente trasmessi (il link alla pagina è disponibile anche sulla homepage e nella sezione ABRUZZO IN DIGITALE). Vai alla nuova pagina delle TV A L'AQUILA.

Ore 13.55 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A TERAMO.
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a Teramo. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv dei multiplex, per conoscere i canali effettivamente trasmessi (il link alla pagina è disponibile anche sulla homepage e nella sezione ABRUZZO IN DIGITALE). Vai alla nuova pagina delle TV A TERAMO.

Ore 11.00 - MUX TELEMARE: ARRIVANO I PROGRAMMI DI LA.TV.
UHF 21 Mux TELEMARE:
TELEMARE SPORT (LCN 274) da qualche giorno ha iniziato a trasmettere la programmazione dell'emittente LA.TV. Precedentemente questo canale era diffuso dal mux di TVQ. Abbiamo aggiornalo nelle liste delle emittenti tv che ricevono a CHIETI e PESCARA, la griglia dei canali e
lo z@pping tv del
mux TELEMARE.



Ore 01.20 - "L'ITALIA IN DIGITALE", CHE NUMERI !
Concedeteci ancora una volta di parlare di noi e di fare il punto della situazione di quanto accaduto nei giorni scorsi con lo switch off abruzzese. Anche se le operazioni termineranno martedì, possiamo già fare un bilancio di come è andato il passaggio in questa regione.
Il nostro giudizio è: tutti promossi. Non ci sono state le scene di delirio che qualcuno temeva, i cittadini erano adeguatamente preparati, mentre le emittenti hanno svolto in maniera egregiamente professionale il loro lavoro. Per quello che riguarda L'ITALIA IN DIGITALE, possiamo dirvi che le 400 (circa) mail che abbiamo ricevuto in 5 giorni sono solo un numero che fa capire quanti di voi in continuazione ci segnalavate i canali effettivamente accesi dalle varie postazioni abruzzesi.
Le nostre visite si sono iniziate a impennare ancor di più già dalla scorsa settimana, venerdì 4 maggio erano state 3.434. Poi lunedì 7 con l'inizio dello switch off, contestualmente alle nostre dirette da Pietracorniale Bussi e Sulmona, abbiamo raggiunto il nostro miglior risultato di sempre, con 5.400 contatti giornalieri e 17.309 pagine consultate nelle 24 ore. Un risultato da incorniciare che (probabilmente) non eguaglieremo più pertanto resterà ben scolpito nei nostri ricordi.
Analizzando anche il dato orario, tra le 12 e le 13 del 7 maggio eravate in 370 a seguire i nostri aggiornamenti e i nostri live. Numeri che si sono replicati anche nei giorni successivi e che hanno fatto più volte bloccare il nostro server (non riuscivamo ad accedere alla home page ne in altre sezioni di google sites) e per questo alcuni aggiornamenti sono arrivati un pò dopo, ma non è dipeso dalla nostra volontà.
La cosa che ci ha lasciato piacevolmente stupiti è che i tecnici dell'alta frequenza conosciuti in questi giorni conoscono e leggono il nostro sito e (parole dette dagli stessi addetti ai lavori) che certe notizie le apprendano prima da
L'ITALIA IN DIGITALE.
Salutiamo la squadra di RaiWay dell'Emilia Romagna e Veneto, in trasferta in Abruzzo, i tecnici del controllo qualità di Mediaset (squadra dell'Emilia, Veneto, Calabria e Sicilia), il capotecnico dell'alta frequenza di Canale Italia, di TeleMare, Rete8, TVQ, Antenna 10, Onda TV, TeleP e TV6, grazie per la disponibilità e
per aver risposto alle nostre numerose domande.
Infine ancora grazie a tutti voi che ci leggete tutti i giorni, per la continua fiducia che ci avete mostrato; ora per seguire gli switch off delle altre regioni ci affidiamo ancora una volta alla vostra collaborazione che è alla base di questo sito, nato quasi per gioco e che ora è diventato a tutti gli effetti un serio punto di riferimento per addetti ai lavori e utenti.



 10 MAGGIO 2012 - Giovedì 

Ore 13.25 - MUX TVQ: ON TV SU TVQ 1.
UHF 28 Mux TVQ:
Il canale TVQ 1, con LCN 172, non è più a schermo nero ma sta trasmettendo con il logo di ON TV in basso a destra e quello di TVQ è stato spostato a sinistra. Questa stessa programmazione è in onda anche su TVQ 2 (LNC 292) e TVQ 3 (senza LCN).






Ore 09.20 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A CHIETI.
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a Chieti aggiornata con l'ultima attivazione del mux TRSP dalla Majella. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv dei multiplex, per conoscere i canali effettivamente trasmessi (il link alla pagina è disponibile anche sulla homepage e nella sezione ABRUZZO IN DIGITALE). Vai alla nuova pagina delle TV A CHIETI.

Ore 18.40 - MUX TVQ: IDENTIFICATO COME RETE DI TELERADIO PACE, AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 28 Mux TVQ:
Dopo le vostre segnalazioni, abbiamo analizzato il segnale di TVQ e nelle specifiche viene indicato come identificativo del mux il nome TELERADIO PACE, come potete vedere dall'immagine qui sotto. Abbiamo chiesto poche ore fa al tecnico dell'alta frequenza di TVQ che era allo scuro di questa cosa e ci ha garantito che si tratta di un problema di configurazione dell'apparato e di un'errata impostazione del metadato emesso. E' da escludere pertanto la vendita da parte dell'emittente ad altri soggetti. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del mux TVQ, che ha inserito le nuove numerazioni LCN a tre dei suoi quattro canali: TVQ (LCN 19), TVQ 1 (LCN 172) che è a schermo nero, TVQ 2 (LNC 292) che manda in onda un'altra programmazione ma con lo stesso logo di TVQ, TVQ 3 (senza LCN) che è un duplicato di TVQ 2.



Ore 09.35 - TV TERAMO SI SPEGNE... MA SOLO PER IL MOMENTO.
Il 7 maggio è iniziato lo switch-off. Il passaggio delle trasmissioni televisive al digitale terrestre sta infatti interessando il territorio regionale e domani (oggi n.d.r.) toccherà a Teramo entrare nella nuova veste televisiva. Sull'argomento interviene ora il direttore dell'emittente TvTeramo, Luciano Di Marzio con una lettera aperta:
La nostra emittente, per qualche giorno, non potrà trasmettere in quanto il Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni ha emanato, tardivamente, il bando per l'assegnazione delle frequenze tv non permettendo, in questo modo, ad alcune emittenti di poter "riaccendere" il proprio segnale il giorno dello switch off. La decisione di TvTeramo di partecipare senza intese con altre emittenti al bando - e nonostante ciò posizionarsi al 19° posto della graduatoria - è stata una scelta responsabile in quanto, non avendo le risorse necessarie a completare gli investimenti e a "riempire" i 6 palinsesti necessari per poter mantenere la frequenza, ha preferito usufruire dell'obbligo di must carrier a cui sono soggette le emittenti aggiudicatarie delle frequenze a favore dei soggetti non utilmente collocati in graduatoria. Ciò permetterà alla nostra emittente di trasmettere su un canale di proprietà di una delle emittenti aggiudicatarie ad un costo agevolato stabilito dal Ministero. Quindi, non appena si concluderà tale iter e ci verrà assegnato un canale potremmo riprendere regolarmente le nostre trasmissioni ampliando la nostra copertura che sarà estesa a quasi tutta la Provincia.
Abbiamo acquistato questa televisione nel lontano 2000 e, con non pochi sacrifici, siamo riusciti per 12 anni a sopravvivere nonostante la mancanza di risorse e senza i proventi provenienti dalla pubblicità a causa del carattere comunitario della nostra emittente. Tutto ciò è stato possibile solo grazie ad una grande volontà e l'impegno costante dei tanti collaboratori (direttori, giornalisti e aspiranti giornalisti) che per anni hanno svolto, anche gratuitamente, il proprio lavoro e cogliamo l'occasione per ringraziarli ancora una volta tutti. Come ringraziamo i tecnici che ci hanno permesso di trasmettere, tra i primi in Italia, in streaming live sul nostro sito internet.
La nostra emittente, storica in quanto il suo inizio di attività risale al 1974, non può finire qui la sua avventura e quindi, non appena ci sarà assegnato il canale, ve lo comunicheremo e ritorneremo nelle vostre case con tante novità: una su tutte sarà quella di incentivare la tv di strada dando la possibilità a tutti di esprimere in tv la propria opinione. Cogliamo l'occasione per ringraziare, altresì, tutte le emittenti che ci hanno autorizzato a ritrasmettere i loro programmi in questi anni; in particolar modo TV2000, RAI NEWS e tutti quelli che ci hanno inviato gratuitamente i loro programmi e format permettendoci di arricchire il nostro palinsesto. Per tutti quelli che seguono sulla nostra emittente la S. MESSA e il SANTO ROSARIO potranno continuare a seguirli sul canale digitale di TV2000.
Luciano Di Marzio
Direttore TvTeramo
Tratto da: http://www.teramonews.com/notizie-cronaca-provincia-teramo/25307-anche-tvteramo-si-prepara-allo-switch-off-dopo-38-anni-si-passa-al-digitale


 09 MAGGIO 2012 - Mercoledì 

Ore 23.45 - COLLE MORINO PINETO (TE): LE ATTIVAZIONI DI OGGI.
Oggi è stata una giornata di pausa per lo switch off abruzzese, pertanto abbiamo potuto ordinare tutte le informazioni che abbiamo raccolto in questi giorni. Inoltre abbiamo realizzato un video dalla postazione di colle Morino Pineto (TE), ripetitore che serve Roseto degli Abruzzi, Giulianova, Atri e la val Vomano.

Mentre eravamo in postazione abbiamo incontrato i tecnici del controllo qualità di Mediaset che stavano attivando alcuni mux Mediaset.




Pertanto da questa postazione risultano attivi i seguenti mux:

UHF 31 Mux TELEPONTE
UHF 35 RAI Mux 1 (Abruzzo)
UHF 36 MEDIASET Mux 2
UHF 43 Mux TVSEI
UHF 49 MEDIASET Mux 4
UHF 50 D-FREE

Manca all'appello, rispetto al masterplan dell'Abruzzo, il canale UHF 39 di RETEAZZURRA.

Ore 18.55 - MUX ATTIVI DA MAJELLA E PESCARA SAN SILVESTRO: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE.
Con queste tabelle vogliamo riepilogare i mux attivi dalle due più importanti postazioni abruzzesi, quella del monte Majella (CH) e quella di San Silvestro di Pescara. Ne approfittiamo inoltre per rispondere alle numerose email che stiamo ricevendo dai nostri lettori (non riusciamo a evaderle tutte singolarmente) che ci chiedono come mai non si riceve più TELE 9, TELEMAX, ATV7, TRSP e RETECAPRI.
Per quello che riguarda TELE 9 era inserita prima dello switch off nel mux di TELEMAX da San Silvestro; al momento non è disponibile su nessun multiplex regionale e non sappiamo quando tornerà visibile, anche se fino a lunedì mandava in onda un promo che ricordava ai telespettatori che dal giorno successivo l'emittente si sarebbe vista sulla LCN 74. 

I mux di TELEMAX e ATV7, sono attivi dal Monte Majella e non da San Silvestro, pertanto chi riceve i canali solo da quest'ultima postazione è normale che non li sintonizzi più; non siamo a consocenza della data in cui essi verranno attivati dalla postazione pescarese.
Il mux di TRSP non è attivo nè da Majella e nè da San Silvestro e anche qui non abbiamo date certe da fornirvi per le attivazioni.
Infine manca all'appello anche il mux RETECAPRI
dalla Majella.

 MUX ATTIVI DAL MONTE MAIELLA (Chieti) 


Mux
Nazionali


MuxLocali
VHF
08
Mux EUROPA 7 (DVB-T2)
UHF21Mux TELEMARE
UHF27
Mux TIVUITALIA

UHF23Mux ATV7
UHF36
MEDIASET Mux 2
UHF28Mux TVQ
UHF38MEDIASET Mux 3 (DVB-H)

UHF41Mux TELE A
UHF42
RETE A Mux 2
UHF45Mux RETE 8
UHF44RETE A Mux 1

UHF46Mux ANTENNA 10
UHF47TIMB Mux 1
UHF51Mux TELEMAX
UHF48TIMB Mux 3



UHF49MEDIASET Mux 4



UHF50Mux D-FREE



UHF52MEDIASET Mux 1



UHF56MEDIASET Mux 5




UHF60
TIMB Mux 2





 MUX ATTIVI DA SAN SILVESTRO (Pescara) 


Mux
Nazionali


MuxLocali
VHF
05
RAI Mux 1
UHF21Mux TELEMARE
UHF26
RAI Mux 3

UHF28Mux TVQ
UHF27Mux TIVUITALIA
UHF43Mux TV SEI
UHF30RAI Mux 2
UHF45Mux RETE 8
UHF36
MEDIASET Mux 2
UHF46Mux ANTENNA 10
UHF38MEDIASET Mux 3 (DVB-H)



UHF40RAI Mux 4




UHF42RETE A Mux 2



UHF44RETE A Mux 1



UHF47TIMB Mux 1



UHF48TIMB Mux 3



UHF49
MEDIASET Mux 4



UHF50
Mux D-FREE



UHF52MEDIASET Mux 1



UHF56MEDIASET Mux 5



UHF60TIMB Mux 2




Ore 08.40 - PESCARA SAN SILVESTRO: COME RICEVERE IL MUX 1 DELLA RAI SUL VHF 05.
IMPORTANTE: per poter ricevere il Mux 1 RAI con i canali Rai 1, Rai 2 e Rai 3, per gli utenti che ricevono da San Silvestro Pescara, occore un'antenna per la banda VHF, poichè il suddetto mux trasmette sul canale 05 VHF, e da ieri mattina che irradia regolarmente con potente segnale e la ricezione risulta con potenza e qualità 100%.
Stiamo ricevendo numerose email da cittadini di Pescara e paesi ai confini del capoluogo abruzzese che si lamentano di ricevere tutti i canali, anche gli altri Rai, ma non Rai 1, 2 e 3.
Bisogna far controllare gli impianti di antenna e disporre anche di una per la ricezione per il VHF 05. Questo problema è una ovvia conseguenza in quanto Rai 1 analogico in precedenza era trasmesso in UHF 60 e sappiamo con certezza che molti impianti in città e dintorni sono sprovvisti dell'antenna VHF adatta ora a ricevere il mux 1 della Rai.
Prima di chiamare un tecnico specializzato per far controllare il vostro impianto ed eventalmente far aggiungere un'antenna per la ricezione della frequenza VHF 05 in polarità orizzonatale, dal menu del vostro decoder o tv con dtt controllate che livello di segnale avete sulla frequezza VHF 05 - 177,500 Mhz, se il segnale è zero non disponete dell'antenna necessaria, se ci fosse segnale buono o ottimo effettuate una ricerca manuale della frequenza o una ricerca automatica con risintonizzazione di tutti i canali. Per chi riceve anche dalla postazione di Pietracorniale-Bussi (Pescara) ricordiamo che il mux 1 trasmette anche sul canale 35 UHF.


 08 MAGGIO 2012 - Martedì 

Ore 23.50 -  ABRUZZO  - MAJELLA BY NIGHT.
Prima di andare a dormire, vogliamo mostrarvi questa suggestiva immagine del Rifugio Pomilio, in località Rapino (CH) sul monte Majella a 1890 metri. E' stata catturata pochi istanti fa dalla webcam sita nei pressi delle antenne. Questa è la prima notte all digital dei TX abruzzesi di questa postazione: la pubblichiamo perchè la troviamo particolarmente suggestiva.


Ore 20.35 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A PESCARA.
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a Pescara aggiornata con le tutte le nuove attivazioni di oggi del digitale terrestre. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv per conoscere i canali effettivamente trasmessi (il link alla pagina è disponibile anche sulla homepage e nella sezione ABRUZZO IN DIGITALE). Nelle prossime ore saranno online anche le liste di Chieti, Sulmona e Bussi. Vai alla nuova pagina delle TV A PESCARA.

Ore 20.25 - SWITCH OFF MAJELLA E SAN SILVESTRO: RESOCONTO DELLE FREQUENZE ATTIVATE.
Il secondo giorno di switch off in Abruzzo, ha interessato la zona più densamente popolata della regione, ovvero le località servite dalla postazioni di Majella e San Silvestro, insieme ad altri ripetitori minori. Abbiamo ricevuto numerose mail che tutto sommato sono state per la maggior parte di commenti positivi e i disagi non sembrerebbero essere stati eccessivi. Analizziamo pertanto ora nel dettaglio le due postazioni di Majella e San Silvestro e facciamo il punto della situazione dei mux effettivamente attivi.

Mux attivi Monte Majella (Chieti)

VHF 08 - Mux EUROPA 7 (DVBT2)
UHF 21 - Mux TELEMARE
UHF 23 - Mux ATV7
UHF 28 - Mux TVQ
UHF 27 - Mux TIVUITALIA
UHF 36 - MEDIASET Mux 2
UHF 38 - MEDIASET Mux 3 Dvb-H 
UHF 41 - Mux TELE A
UHF 42 - RETE A Mux 2
UHF 44 - RETE A Mux 1
UHF 45 - Mux RETE 8
UHF 46 - Mux ANTENNA 10
UHF 47 - TIMB Mux 1
UHF 48 - TIMB Mux 3
UHF 49 - MEDIASET Mux 4
UHF 50 - Mux D-FREE
UHF 51 - Mux TELEMAX
UHF 52 - MEDIASET Mux 1
UHF 56 - MEDIASET Mux 5
UHF 60 - TIMB Mux 2

Mux attivi San Silvestro (Pescara)

VHF 05 - RAI Mux 1 ABRUZZO
UHF 21 - Mux TELEMARE
UHF 26 - RAI Mux 3
UHF 27 - Mux TIVUITALIA
UHF 28 - Mux TVQ
UHF 30 - RAI Mux 2 
UHF 36 - MEDIASET Mux 2
UHF 38 - MEDIASET Mux 3 Dvb-H 
UHF 40 - RAI Mux 4
UHF 42 - RETE A Mux 2
UHF 43 - Mux TVSEI
UHF 44 - RETE A Mux 1
UHF 45 - Mux RETE 8
UHF 46 - Mux ANTENNA 10
UHF 47 - TIMB Mux 1
UHF 48 - TIMB Mux 3
UHF 49 - MEDIASET Mux 4
UHF 50 - Mux D-FREE
UHF 52 - MEDIASET Mux 1
UHF 56 - MEDIASET Mux 5
UHF 60 - TIMB Mux 2

Ore 10.30 - MUX RETE 8: REALIZZATA LA PAGINA CON LA GRIGLIA DEI CANALI.
UHF 45 Mux RETE 8:
Abbiamo realizzato la griglia con la composizione dei canali e lo z@pping TV del mux RETE 8.



 07 MAGGIO 2012 - Lunedì 

Ore 23.30 - MUX ONDA TV: REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 59 Mux ONDA TV:
Abbiamo realizzato la nuova griglia dei canali del mux dell'emittente di Sulmona (AQ) ONDA TV. E' stato attivato oggi dalle postazioni di Monte San Cosimo - Prezza (AQ) e da Pietracorniale - Bussi sul Tirino (PE). Al momento risulta attivo solo il canale con LCN 19 ONDA TV, mentre gli altri 5 canali sono a schermo nero. Attraverso il nostro z@pping TV potete visualizzare le immagini dei canali del mux ONDA TV.


Ore 15.55 -
MUX RETE 8: IL PRIMO Z@PPING TV CON I NUOVI CANALI.
UHF 45 Mux RETE 8:
Abbiamo realizzato lo z@pping TV del nuovo mux RETE 8, attivato poche ore fa dalle postazioni di Pietracorniale Bussi e Monte San San Cosimo a Sulmona. Potete vedere tra l'altro le immagini dei nuovi canali: RETE8 News (LCN 112), RETE8 Live (LCN 622) a schermo nero, RETE8 Medicina (LCN 623) con barre colorate, RETE8 Meraviglie (LCN 624).



 06 MAGGIO 2012 - Domenica 

Ore 21.55 -
MUX TELEMAX: IN DIGITALE DALLA MAJELLA, RELIZZATO LO Z@PPING TV.
UHF 27-51 (Post switch off UHF 51) Mux TELEMAX:
Abbiamo realizzato lo z@pping TV del mux TELEMAX acceso oggi dalla postazione della Majella sul canale 51 UHF, stessa frequenza che utilizzerà in tutto l'Abruzzo dopo lo switch off. Il multiplex è composta da 6 canali tutte copie di Telemax. Vi ricordiamo che questo mux è diverso per il momento a quello della stessa emittente sull' UHF 27 dalla postazione di San Silvestro-Pescara che contiene solo due canali, Telemax con LCN 11 e TELE 9 con LCN 18.


Ore 21.15 - MUX ANTENNA 10: IN DIGITALE DALLA MAJELLA, REALIZZATO LO Z@PPING TV.
UHF 55 (Post switch off UHF 46) Mux ANTENNA 10:
ANTENNA 10 ha già attivato il suo mux digitale dalla Majella sul canale 55 UHF. Oltre ad Antenna10 con LCN 13, ci sono 10 Informa con LCN 115 e Abruzzo Informa con LCN 286, queste due ultime sono in onda solo con delle barre colorate. Per conoscere gli altri cinque canali consultate la griglia e lo z@pping tv del multiplex. Vi ricordiamo che ANTENNA 10 utilizzerà in tutta la regione l' UHF 46.


Ore 14.30 - MUX TELEMAX: ACCESO IN DIGITALE (PER POCO) DALLA MAJELLA.
UHF 27-51 (Post switch off UHF 51) Mux TELEMAX:
Dalle ore 13.00 alle ore 14.00 circa il canale UHF 51 dalla postazione della Majella di TELEMAX di Lanciano è stato convertito al digitale. Mentre scriviamo pertanto il segnale è tornato in analogico. Il mux era composto da 6 canali tutte copie di TeleMax, curiosamente uno di essi aveva la posizione LCN 1, mentre altri tre erano posizionati in conflitto tra loro sull' LCN 624. La composizione era diversa da quella sull' UHF 27 di San Silvestro-Pescara che contiene Telemax con LCN 11 e TELE 9 con LCN 18. Ricordiamo che TELEMAX utilizzerà in tutta la regione l' UHF 51 . Qui sotto l'immagine della copertina con la lista dei canali.


Ore 13.55 - LO SWITCH OFF DELL'ABRUZZO IN TEMPO REALE SU L'ITALIA IN DIGITALE.
Domani inizia il tanto atteso switch off in Abruzzo, dopo un rinvio (scongiurato), finalmente ci siamo.
Il nostro countdown è agli sgoccioli e domattina si parte con la zona di Bussi, Sulmona, Raiano, Campo di Giove, Caramanico, Cocullo, Torre de' Passeri e dintorni.
Noi de L'ITALIA IN DIGITALE saremo sul posto per seguire il passaggio analogico/digitale ed abbiamo realizzato una pagina "LO SWITCH OFF IN ABRUZZO IN TEMPO REALE" che vi racconterà il diario cronologico di queste giornate. Inseriremo le notizie in tempo reale e cercheremo di informarvi sulle effettive accensioni dei mux nei giorni a venire. Come sempre chiediamo la vostra collaborazione, potete inviare le vostre segnalazioni alla casella italiaindigitale@libero.it.
Vi anticipiamo che prevediamo una notevole quantità di mail che giungeranno nella sezione "SPORTELLO TV DIGIT@LE", risponderemo per quanto ci è possibile nei giorni a venire.
La raccomandazione è sempre la stessa e divulgatela per quanto vi è possibile a tutte le persone che sono in area switch off da domani al 30 giugno: risintonizzate il decoder o la tv con DTT, più volte. Occorre risintonizzare anche se attualmente ricevete già il segnale digitale, visto che quando il vostro comune sarà interessato al passaggio, le frequenze cambieranno del tutto. Da domani vi aspettiamo numerosi, BUON SWITCH OFF !

Ore 09.30 - SWITCH OFF ABRUZZO: ECCO LE TV A PESCARA DALL' 08 MAGGIO.
Dopo l'uscita del masterplan abbiamo potuto realizzare in anticipo la lista delle TV A PESCARA con tutti i mux, nazionali e locali, che potete sintonizzare dal prossimo martedì 08 maggio nel capoluogo pescarese. Forse non tutte le frequenze saranno attive subito e alcune verranno probabilmente accese nei giorni seguenti. Inoltre abbiamo realizzato una lista generica delle TV IN ABRUZZO sintonizzabili dopo lo switch off. Vi ricordiamo che per poter vedere tutti i nuovi canali occorre risintonizzare i propri decoder o tv con DTT e seguite sulle nostre pagine da domani tutti gli aggiornamenti in tempo reale. Con L'ITALIA IN DIGITALE IN DIRETTA lo switch off in ABRUZZO.

Ore 00.55 - MUX TELEMARE: NUOVA COMPOSIZIONE, AGGIORNATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 30-48-54-61-63-66-69 (Post switch off UHF 21) Mux TELEMARE:
Come vi abbiamo già segnalato nella giornata di ieri è cambiata la composizione di questo mux che prende nuove denominazioni e nuove numerazioni LCN. Dalla prossima settimana sarà sintonizzabile sul canale 21 UHF e quindi ricordiamo a tutti di risintonizzare i decoder e le tv. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV con nuove immagini del mux TELEMARE.



 05 MAGGIO 2012 - Sabato 

Ore 23.15 - SWITCH OFF ABRUZZO: INIZIA IL CONTO ALLA ROVESCIA, ATTIVATI NUOVI MUX, ECCO TUTTE LE NOVITA'.
Lo switch off in Abruzzo è ormai alle porte, lunedì finalmente si parte con la zona di Sulmona, Bussi e Caramanico. Intanto le tv locali stanno inziando a preparare i loro nuovi mux e, già in anticipo di qualche giorno, stanno attivando nuovi canali. Vediamo nel dettaglio cosa è successo nella giornata odierna:

Mux TELEMARE, già attivo in molte postazioni d'Abruzzo, ha cambiato la configurazione, ora è composto da sei canali:
11 - TELEMARE
113 - TELEMARE INFORMA (Trasmette RETE 8)
274 - TELEMARE SPORT (Trasmette RETE 8 SPORT)
625 - TELEMARE SHOW (Schermo nero)
626 - TELEMARE CULTURA
(Schermo nero)
627 - TELEMARE FORMAZIONE (Schermo nero)

Sul canale 55 UHF dalla Majella è stato attivato il mux di ANTENNA 10 denominato WINN-A10, composto da otto canali:
13 - Antenna 10
64 - Supertennis
68 - Play.me
115 - 10 Informa
124 - Telemarket
125 - Telemarket 2
130 - CHANNEL-24

286 - ABRUZZO INFORMA

Sui canali del mux TVSEI passa di continuo un crawl in cui si annuncia che da martedì 8 maggio la composizione del multiplex sarà la seguente:
14 - TVSEI
634 - 6 ONAIR
635 - 6 SPORT

636 - AB CHANNEL


Dalla postazione di Pietracorniale-Bussi (Pescara) sono stati attivati:
- Il mux ONDA TV denominato EKA 1-Network sul canale 23 UHF che contiene un solo canale
18 EKA 1-Service (trasmette ONDA TV di Sulmona)

- Il mux CANALE ITALIA sul canale 68 UHF.
I canali di entrambi i mux sono sintonizzanabili fino alla città di Chieti, come ci hanno segnalato i nostri collaboratori.

Il mux A della Rai sul canale 06 VHF, da San Silvestro Pescara, modifica l'identificativo dei suoi tre canali principali
. Ora hanno una denominazione provvisoria: RaiUno, RaiDue e RaiTre.

Il canale 24 UHF da San Silvestro-Pescara del mux TIVUITALIA risulta spento.
Sono attivi ancora il mux EURONEWS PUGLIA sul canale 11 VHF e il mux LA 9 sul canale 36 UHF, ma entrambi da martedì devono essere spenti e abbandonare l'Abruzzo in quanto non è stata concessa loro una frequenza, chissà se li rivredremo ospiti in altri multiplex.

Noi de L'ITALIA IN DIGITALE ci siamo trasferiti per questa settimana sulla costa adriatica così da lunedì vi racconteremo IN DIRETTA sulle nostre pagine tutto lo switch off minuto per minuto, con immagini, notizie ed ultim'ora in giro per l'Abruzzo e anche molto di più..... 
Per questa sera ci troviamo a Montesilvano (Pescara) e qui siamo riusciti a sintonizzare anche il mux TV CENTRO MARCHE sul canale 41 UHF e il mux 4 della Rai sul canale 40 UHF proveniente dal Monte Conero.
Nelle prossime ore vi poporremo anche le immagini di tutte le novità di cui vi abbiamo raccontato.

Ore 12.55
-  IN EVIDENZA  - ECCO IL MASTERPLAN PARZIALE DELLA REGIONE ABRUZZO.
OTGTV ha pubblicato su Digital Forum il masterplan parziale della regione Abruzzo.
Le altre zone dell'AT11 che non vi si trovano comprese (quindi Molise meno Pescopennataro per le nazionali; provincia di Foggia e Alta Val di Sangro) non sono state incluse in questo primo invio, alla luce della nota sentenza del Tar del Lazio. Lo ringraziamo per averlo divulgato. Ecco in allegato il documento.


 04 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 23.35 - PARZIALE RETTIFICA GRADUATORIA DEFINITIVA ASSEGNAZIONE FREQUENZE TV LOCALI ABRUZZO.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni - ha adottato il bando per l'assegnazione delle frequenze in tecnica digitale terrestre alle emittenti televisive locali della regione Abruzzo, area tecnica da digitalizzare nel corso dell'anno 2012, ai sensi dell'art. 4, del decreto legge 31 marzo 2011, n. 34, convertito con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75.
In data 3 maggio viene pubblicata la graduatoria definitiva per l'assegnazione delle frequenze alle tv locali per la regione Abruzzo.

In data 4 maggio viene pubblicata la parziale rettifica della graduatoria definitiva per l'assegnazione delle frequenze alle tv locali per la regione Abruzzo.



Ore 17.00 - MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO: SWITCH OFF ABRUZZO CONFERMATO DAL 7 AL 15 MAGGIO.
Il Ministero dello Sviluppo Economico, con determina direttoriale del 4 maggio 2012, ha confermato il regolare svolgimento del passaggio al digitale nella Regione Abruzzo dal 7 al 15 maggio 2012.
Con provvedimento cautelare monocratico n.1562/2012 del 3 maggio 2012, nell’ambito del giudizio n. 2941/12 avanti il TAR Lazio, era stato sospeso, nei limiti dell’interesse azionato in tale giudizio, il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico in data 14 dicembre 2011, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17 febbraio 2011, recante “Definizione delle scadenze relative al passaggio definitivo alla trasmissione televisiva digitale terrestre dell’area tecnica dell’Abruzzo e Molise (inclusa la provincia di Foggia)” con il quale le suddette scadenze sono state fissate a partire dal 7 maggio 2012 ed entro e non oltre il 23 maggio 2012. Il Ministero, esaminati gli elementi di fatto e di diritto, ha comunque disposto il regolare svolgimento del passaggio al digitale nella Regione Abruzzo secondo il calendario attuativo del citato decreto ministeriale, in quanto l’emittente che ha presentato ricorso non è titolare di impianti televisivi nella suddetta regione e pertanto non sussiste alcun interesse alla sospensione delle attività di transizione nella Regione Abruzzo.


Ore 16.45 -  ABRUZZO  - TG DI RETE 8: IL PRESIDENTE DEL CORECOM CONFERMA LO SWITCH OFF DAL 7 MAGGIO.
Nell'edizione delle 14.00 del TG8 di RETE 8 (Chieti) è stata intervistato telefonicamente il presidente del Corecom Abruzzo, Filippo Lucci, che ha
confermato la partenza dello switch off abruzzese dal prossimo 7 maggio. Vi alleghiamo il video.




Ore 15.15 - CORECOM: IN ABRUZZO SWITCH OFF CONFERMATO DAL 7 MAGGIO.
Comunicazione ministero sviluppo economico dopo dubbio rinvio.
(ANSA) - L'AQUILA, 4 MAG - Non riguarda il territorio dell'Abruzzo il provvedimento di rinvio dello switch off disposto dal Tar Lazio nell'ambito del giudizio promosso dall'emittente Napoli Canale 21. Lo annuncia il Presidente del Corecom Abruzzo Filippo Lucci.
Lo ha chiarito il ministero dello Sviluppo Economico. In Abruzzo la procedura sara' regolarmente avviata da lunedi' 7 maggio''. Lucci si dice ''soddisfatto per questa comunicazione che fa chiarezza sulla vicenda del passaggio della regione al digitale terrestre''.

Tratto da: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/abruzzo/2012/05/04/Tv-digitale-Corecom-Abruzzo-switch-off-confermato-7-5

Ore 14.45 - SWITCH OFF ABRUZZO: RINVIO DEL TAR. ANZI NO: MINISTERO E CORECOM CONFERMANO INIZIO IL 7 MAGGIO.
Sospeso il passaggio al digitale per accoglimento ricorso di un’emittente Tv ma il provvedimento non riguarderebbe l'Abruzzo.
Il digitale terrestre in Abruzzo slitterà. Bisognerà attendere e di sicuro nulla succederà il 7 maggio, data annunciata da oltre un anno.
Lo dice, a chiare lettere, una ordinanza di sospensione del Tar del Lazio che ha accolto il ricorso di un’emittente tv contro il Ministero dello Sviluppo Economico accusato di non aver assegnato ancora le frequenze a pochi giorni dal passaggio, mettendo in difficoltà le emittenti televisive.
Il giudice sospenderà il provvedimento ministeriale che fissa al 7 maggio l’entrata in vigore del digitale, fino alla Camera di Consiglio del 23 maggio 2012, giorno in cui verrà trattato il ricorso nel merito.
I giudici amministrativi hanno “congelato” il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico in data 14 dicembre 2011, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17 febbraio 2011, in cui si fissavano i termini (7 maggio e non oltre il 23 maggio) per il passaggio al digitale dell'Abruzzo e Molise.
Con l'istanza di sospensiva l'impresa televisiva ricorrente ha chiesto, in particolare, l'emanazione del provvedimento cautelare al fine del riesame del decreto impugnato da parte del Ministro dello Sviluppo Economico affinché quest'ultimo fissi le nuove date dello switch off nell'area tecnica n. 11 sul presupposto che dovrebbe intercorrere un intervallo di almeno tre/quattro mesi tra la data di rilascio dei diritti di uso delle frequenze e la data di inizio di tale switch off.
Nel ricorso si evidenzia, tra l'altro, che nonostante la fissazione dello switch off il Ministero non ha ancora provveduto al rilascio dei diritti di uso delle frequenze di trasmissione. Viene inoltre evidenziato che in relazione a ciò la situazione è insostenibile per la Tv ricorrente sia che la stessa ottenga l'assegnazione di tali diritti di uso, sia che venga esclusa da detta assegnazione.
Infatti, nell'ipotesi di assegnazione, non sarebbe possibile realizzare lo switch off nelle date previste dal decreto ministeriale impugnato poiché «non vi sarebbe il tempo per progettare la nuova rete di trasmissione (sulla base delle assegnazioni frequenziali ricevute), per procedere all'acquisto degli impianti, per chiedere le autorizzazioni urbanistiche, ambientali e igienico sanitarie».
Nel ricorso si spiega inoltre che la Tv ricorrente, in mancanza di sospensiva, sarebbe stata costretta a spegnere gli impianti analogici alla data prevista dal decreto ministeriale impugnato, cessando le relative trasmissioni senza potere, allo stesso tempo, attivare gli impianti digitali prima di alcuni mesi, con ogni evidente conseguenza.
Nel ricorso si evidenzia altresì che qualora la Tv ricorrente venisse invece esclusa dalle assegnazioni frequenziali, non vi sarebbero i tempi (cinquanta giorni) per la formazione, prima dello switch off, dell'accordo di “must carry” di cui all'art. 27 della delibera n.353/11/CONS della Agcom con un soggetto destinatario di assegnazione.
L'avvocato Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo e il Maurizio Giunco, presidente dell'associazione Tv Locali Frt, hanno espresso soddisfazione per la sospensiva concessa: «da sempre lamentiamo l'illegittimità di assegnazioni frequenziali pochi giorni o poche ore prima degli switch off. In tal modo, infatti, le Tv locali non sapendo, fino all'ultimo momento se avranno diritto all'assegnazione delle frequenze, non possono programmare investimenti e installazioni, organizzando le proprie reti per la transizione al digitale secondo i tempi calendarizzati. In relazione a ciò, le Tv locali spesso non riescono a far sintonizzare i propri programmi al momento dello switch off, rimanendo così escluse dalla ricezione televisiva per tempi indefiniti. Auspichiamo che il provvedimento odierno della Magistratura Amministrativa riapra la discussione su un tema fondamentale quale è quello della partecipazione a pieno titolo, da parte delle Tv locali, al processo di transizione digitale».
CORECOM: NESSUNO STOP

Secondo quanto emerso e confermato dal Ministero dello Sviluppo Economico non ci sarà alcuno stop allo switch off.
Il ministero ha chiarito - si legge in una breve nota del Corecom Abruzzo- che nell’ambito del giudizio pendente davanti al Tar Lazio – promosso dall’emittente Napoli Canale 21 – il provvedimento di rinvio dello switch off non riguarda il territorio dell’Abruzzo, dove la procedura sarà regolarmente avviata a partire da lunedì 7 maggio. Conferma anche il Presidente del Corecom, Filippo Lucci, che si dice «soddisfatto per questa comunicazione che arriva direttamente dal Ministero e che fa chiarezza sulla vicenda del passaggio della regione al digitale terrestre».

Tratto da: http://www.primadanoi.it/news/526693/-Switch-off-Abruzzo-rinvio-del-Tar-Slitta-il-digitale-Anzi-no-Ministero-e-Corecom-confermano-inizio-il-7-maggio

Ore 10.50 - EDITORIALE: QUANDO SI FARA' LO SWITCH OFF IN ABRUZZO?
Tutto da rifare, anzi tutto come prima perchè comunque non si era ancora fatto nulla. Addio passaggio al digitale, scordiamoci per ora di vedere le scene di ordinaria follia già viste gli scorsi anni in Italia a causa della scomparsa di qualche canale o le file ai centri commerciali per la caccia all'ultimo decoder.
Ieri sera quando in via del tutto confidenziale ci avevano comunicato la notizia stentavamo a crederci anche perchè ci avevano provato in molti negli scorsi switch off a segnalare ritardi di assegnazione delle frequenze e graduatorie, ma alla fine i lavori dello spegnimento dell'analogico si erano fatti rispettando le date prefissate. Si apre pertanto un pericoloso precedente perchè ora appellandosi a questa sentenza sospensiva anche altre emittenti potrebbero chiedere il rinvio per altre regioni. Ora la domanda è una sola: quando si farà lo switch off in Abruzzo, Molise e foggiano?
E' pensabile un doppio switch off? Ovvero se dopo il 23 maggio, la Camera di Consiglio darà il via libera, sarebbe possibile spegnere l'analogico in Abruzzo e contemporaneamente farlo anche in Puglia? Tecnicamente e sulla carta forse sì ma operativamente parlando sarebbe problematico gestire due switch off in contemporanea. Quindi azzardiamo alcune ipotesi: la prima è che finiscano i passaggi delle aree successivamente interessate e che dopo il 30 giugno si ritorni a pensare all'area tecnica 11. L'altra ipotesi è che si lasci passare l'estate e il tutto possa essere rimandato da settembre in poi. L'Europa ci obbliga a spegnere l'analogico entro il 1° gennaio 2013 quindi conoscendo i tempi burocratici non snelli e veloci non saremmo stupiti se alla fine si dovesse attendere anche il mese di novembre. Ma qui stiamo facendo solo delle ipotesi, l'unica certezza è che da lunedì non cambierà nulla, l'immagine emblematica che abbiamo inserito nella nostra homepage di un omino che prende a calci nel didietro il povero Nando è il simbolo di questa assurda vicenda. Pensate alla pianificazione da parte dei Broadcaster come Rai, Mediaset, Telecom e delle reti locali e ai costi già sostenuti per l'organizzazione e lo spostamento del personale tecnico, i mezzi noleggiati, consulenti convocati, tutta la macchina organizzativa già messa in piedi che ora si deve fermare a causa di un litigio di cortile. E i costi sostenuti per le campagne informative fatte fino ad ora?  Da lunedì i cittadini erano ormai consapevoli del cambio di tecnologia, ora l'utente che dalla prossima settimana cercherà il digitale cosa penserà? Chiamerà l'antennista dicendo che il digitale non lo vede ma la tv quella vecchia caspita se si vede bene! Un pasticcio insomma. Tra le nostre mail abbiamo ricevuto un messaggio degno di nota che ci ha messo una pulce nell'orecchio e recita quanto segue: il rinvio è una scusa, è stata messa in piedi una causa inesistente per frenare i processi di switch off e conseguentemente per ritardare anche la liberazione nelle altre regioni delle frequenze UHF 61 - 69. Meditate.

A cura di: Andrea Pomilio & Riccardo Gaffoglio.

Ore 10.35 - SOSPENSIONE SWITCH OFF: IL VIDEO DI "BUONGIORNO REGIONE".
Anche se lo switch off dell'Abruzzo è stato sospeso, su Rai 3 ricevuta via satelllite da Eutelsat 13° est da ieri è in onda il TGR abruzzese. Questa mattina nell'edizione di Buongiorno Regione è stata data la notizia del rinvio delle operazioni del passaggio alla tv digitale.


Ore 02.00 - GRADUATORIA DEFINITIVA ASSEGNAZIONE FREQUENZE TV LOCALI ABRUZZESI.
Anche se lo switch off abruzzese è stato rinviato, sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico è uscita la graduatoria definitiva per le assegnazioni delle frequenze alle tv locali dell'Abruzzo.
Eccola qui sotto.


Ore 00.55 - SOSPENSIONE SWITCH OFF ABRUZZO, MOLISE E FOGGIANO: ECCO I MOTIVI.
AGBrasc di Digital-Forum ha rintracciato nel mare magnum della rete, la sentenza della sospensione degli switch off in Abruzzo, Molise e provincia di Foggia. Come si legge dal documento, le cause del rinvio sarebbero da attribuire ad una causa intrapresa da Napoli Canale 21 nei confronti di TVI TeleIsernia. Per tutti i dettagli riportiamo per intero la sentenza del TAR.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Roma/Sezione%201/2012/201202941/Provvedimenti/201201562_06

In caso di estrema gravità ed urgenza tale da non permettere di attendere neanche la camera di consiglio, prima della trattazione della domanda cautelare da  parte  del collegio, il ricorrente può,
con la domanda cautelare o con distinto ricorso notificato alle controparti, chiedere al presidente del tribunale  amministrativo regionale,  o  della  sezione  cui  il ricorso è assegnato, di disporre misure cautelari  provvisorie. Il primo comma dell’art. 56 dispone che la domanda cautelare è improcedibile finché non è presentata l'istanza di fissazione d'udienza per il merito, salvo che essa debba essere fissata d'ufficio. A questo punto, il presidente o un magistrato da lui delegato verifica che la notificazione del ricorso si sia perfezionata nei  confronti dei destinatari o almeno della parte pubblica e di uno dei controinteressati e provvede con decreto motivato non impugnabile.
Qualora l’esigenza cautelare non consenta l'accertamento del perfezionamento delle notificazioni, per cause non imputabili al ricorrente, il presidente può comunque provvedere, fatto salvo il potere di revoca. Ove ritenuto necessario il presidente, fuori udienza e senza formalità, sente, anche separatamente, le parti che si siano rese disponibili prima dell’emanazione del decreto. Qualora dalla decisione sulla domanda cautelare derivino effetti irreversibili, il Presidente può subordinare la concessione o il diniego della misura cautelare, alla prestazione di una cauzione (anche mediante fideiussione), determinata con riguardo all'entità degli effetti irreversibili che possono prodursi per le parti e i terzi.
In caso di accoglimento dell’istanza cautelare, il decreto con cui viene disposta la misura cautelare è efficace sino alla camera di consiglio (indicata nello stesso decreto) e perde efficacia se il collegio non provvede sulla domanda cautelare. Fino  a  quando conserva efficacia, il decreto è sempre revocabile o modificabile su istanza di parte notificata. Se l’esigenza cautelare non consenta l’accertamento del perfezionamento delle notificazioni, per cause non imputabili al ricorrente, il giudice può comunque provvedere ma la misura cautelare perderà efficacia comunque se il ricorso non viene notificato per via ordinaria entro 5 giorni dalla richiesta delle misure cautelari provvisorie.







 03 MAGGIO 2012 - Giovedì 

Ore 23.40 - SOSPESO SWITCH OFF ABRUZZO, MOLISE E PROVINCIA DI FOGGIA: IL SERVIZIO DEL TG DI TELEMAX.


Ore 21.55 - SOSPESO DAL TAR LO SWITCH OFF IN ABRUZZO, MOLISE E PROVINCIA DI FOGGIA.
Con provvedimento cautelare monocratico n.1562/2012 reso in data odierna, nell’ambito del giudizio n. 2941/12 avanti il TAR Lazio, è stato sospeso, nei limiti dell’interesse azionato in tale giudizio, fino alla Camera di Consiglio del 23 maggio 2012, alla quale è stata fissata la trattazione in sede Collegiale dell’istanza cautelare, il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico in data 14 dicembre 2011, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17 febbraio 2011.
Detto provvedimento reca, come noto, la “Definizione delle scadenze relative al passaggio definitivo alla trasmissione televisiva digitale terrestre dell’area tecnica dell’Abruzzo e Molise (inclusa la provincia di Foggia)” con il quale le suddette scadenze sono state fissate a partire dal 7 maggio 2012 ed entro e non oltre il 23 maggio 2012. Con l’istanza di sospensiva, che verrà trattata in sede collegiale all’udienza del 23 maggio 2012 avanti la I sezione del TAR Lazio, l’impresa televisiva ricorrente ha chiesto, in particolare, l’emanazione del provvedimento cautelare al fine del riesame del decreto impugnato da parte del Ministro dello Sviluppo Economico affinché quest’ultimo fissi le nuove date dello switch off nell’area tecnica n.11 sul presupposto che dovrebbe intercorrere un intervallo di almeno tre/quattro mesi tra la data di rilascio dei diritti di uso delle frequenze e la data di inizio di tale switch off. Nel ricorso si evidenzia, tra l’altro, che nonostante la fissazione dello switch off dell’area 11 a partire dal 7 maggio 2012, il Ministero non ha ancora provveduto al rilascio dei diritti di uso delle frequenze di trasmissione. Viene inoltre evidenziato che in relazione a ciò la situazione è insostenibile per la tv ricorrente sia che la stessa ottenga l’assegnazione di tali diritti di uso, sia che venga esclusa da detta assegnazione. Infatti, nell’ipotesi di assegnazione, non sarebbe possibile realizzare lo switch off nelle date previste dal decreto ministeriale impugnato poiché non vi sarebbe il tempo per progettare la nuova rete di trasmissione (sulla base delle assegnazioni frequenziali ricevute), per procedere all’acquisto degli impianti, per chiedere le autorizzazioni urbanistiche, ambientali e igienico sanitarie. Nel ricorso si spiega inoltre che la tv ricorrente, in mancanza di sospensiva, sarebbe stata costretta a spegnere gli impianti analogici alla data prevista dal decreto ministeriale impugnato, cessando le relative trasmissioni senza potere, allo stesso tempo, attivare gli impianti digitali prima di alcuni mesi, con ogni evidente conseguenza. Nel ricorso si evidenzia altresì che qualora la tv ricorrente venisse invece esclusa dalle assegnazioni frequenziali, non vi sarebbero i tempi (cinquanta giorni) per la formazione, prima dello switch off, dell’accordo di “must carry” di cui all’art. 27 della delibera n.353/11/CONS della Agcom con un soggetto destinatario di assegnazione. Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo e Maurizio Giunco, presidente dell’Associazione Tv Locali Frt, nell’esprimere soddisfazione per la sospensiva concessa con il suddetto provvedimento cautelare monocratico, hanno dichiarato: “Aeranti-Corallo e Associazione Tv Locali Frt da sempre lamentano l’illegittimità di assegnazioni frequenziali pochi giorni o poche ore prima degli switch off. In tal modo, infatti – hanno proseguito Rossignoli e Giunco – le tv locali non sapendo, fino all’ultimo momento se avranno diritto all’assegnazione delle frequenze, non possono programmare investimenti e installazioni, organizzando le proprie reti per la transizione al digitale secondo i tempi calendarizzati. In relazione a ciò – hanno aggiunto Rossignoli e Giunco – le tv locali spesso non riescono a far sintonizzare i propri programmi al momento dello switch off, rimanendo così escluse dalla ricezione televisiva per tempi indefiniti. Auspichiamo che il provvedimento odierno della Magistratura Amministrativa – hanno concluso Rossignoli e Giunco – riapra la discussione su un tema fondamentale quale è quello della partecipazione a pieno titolo, da parte delle tv locali, al processo di transizione digitale.”
Tratto da: http://www.newslinet.it/notizie/dtt-sospeso-dal-tar-lo-switch-off-dell-abruzzo-del-molise-e-della-provincia-di-foggia

Ore 01.20 - TVQ IN ONDA SU SKY SPORT 24.
Alcune ore fa il canale satellitare sky SPORT 24 HD ha mandato in onda delle immagini della partita PESCARA-COMO della stagione di serie B '83/'84, tratte dalla trasmissione AMARCORD dell'emittente pescarese TVQ.



 01 MAGGIO 2012 - Martedì 

Ore 23.55 - AVEZZANO (AQ): L'ULTIMO Z@PPING DELLE TV ANALOGICHE.
L'utente di Digital Forum, Moaves75 di Avezzano (L'Aquila), che ringraziamo, ha realizzato un video con una carrellata dei canali televisivi analogici ricevibili ad Avezzano dalle varie postazioni. E' l'ultimo z@pping delle tv analogiche visto che lo switch off al digitale terrestre è ormai alle porte.


Ore 23.40 - NANDO IL TELECOMANDO A CHIETI: NOSTRA INTERVISTA ALL'INGEGNERE LUCIDI DELLA FONDAZIONE BORDONI.
Il nostro collaboratore di Chieti, Samuele Giampietro, si è recato allo stand del digitale terrestre di Nando il telecomando che oggi faceva tappa nella città teatina. Nell'occasione ha intervistato l'ingegnere Fernando Lucidi della Fondazione Ugo Bordoni. Vi alleghiamo l'intera intervista e alcune foto che ha realizzato.


Chieti 1° Maggio 2012. Intervista all’Ingegnere Ferdinando Lucidi della Fondazione Ugo Bordoni.


A cura di Samuele Giampietro (Chieti)

Nella foto a sinistra l'ingegnere Ferdinando Lucidi (FUB)


Il 7 e l’8 Maggio, Chieti e Pescara passeranno al Digitale Terrestre. Come commentare lo spegnimento definitivo dell’analogico e l’entrata nell’era digitale?

“Lo spegnimento dell’analogico è sicuramente una cosa che è nelle regole europee e nelle regole italiane, nessun segnale televisivo analogico sarebbe ammesso oltre il 1° gennaio 2013, quindi la cosa è inevitabile da un punto di vista normativo ed inevitabile da un punto di vista tecnologico, poiché la tecnologia digitale consente numerosi vantaggi rispetto a quella analogica:
- Un primo vantaggio è la moltiplicazione dei programmi: la dove potevo trasmettere un solo programma televisivo in analogico, come ad esempio Rai 1, su quella frequenza, ora, posso trasmettere in digitale fino a 10 programmi televisivi e, nella stessa qualità di Rai 1, posso trasmettere almeno 5, tanto è vero che la Rai trasmetterà Rai1, Rai2, Rai3, Rai News e anche delle radio FD su una stessa frequenza.
- Il secondo vantaggio del Digitale terrestre è l’abbassamento dell’impatto elettromagnetico. L’inquinamento elettromagnetico è ridotto a ¼, poiché si può trasmettere a ¼ della potenza Digitale rispetto all’analogica. “




Nuovi servizi e nuovi canali; bisogna essere sempre aggiornati nell’arrivo di novità?
“Naturalmente c’è chi le novità le aspetta e cerca di anticiparle, c’è chi invece cerca di allontanare il più possibile. Al progresso non si può
fermare, diciamo che ognuno alla fine si deve adattare alle ultime novità che sono sempre in arrivo in tutta Italia.”
Quale sarebbe il migliore acquisto in casa? Tv Nuova o Decoder ?
“La scelta va fatta in questi termini:
- Se uno ha un televisore vecchio ma di cui ne è pienamente soddisfatto dai colori, dal funzionamento, non sarebbe necessario comprare una televisione nuova, basterà aggiungere a quel vecchio televisore un decoder che parte da circa i 15€ con il più semplice fino a 30€ e anche più se si sceglie un decoder interattivo.
- Se uno vuole fare il salto e prendersi il famoso schermo piatto e farne il principale televisore della casa può farlo tranquillamente.”
Quando ci sarà il passaggio al digitale terrestre, nel caso di non ricezione di qualche Multiplex o la visione ofuscata di qualche canale, chiamare subito l’antennista o attendere qualche giorno?
“Se i Multiplex che non vengono presi dal primo giorno o dal secondo giorno sono quelli di Rai e Mediaset, conviene telefonare al numero verde 800.022.000 (Numero del Ministero delle Telecomunicazioni), lì gli operatori sapranno distinguere se il problema è una mancata trasmissione del Multiplex perché ancora non è stato acceso il segnale digitale, oppure se il problema può riguardare l’antenna, in quel caso magari potranno anche suggerire di chiamare un tecnico, però diciamo che il tecnico viene dopo, nel senso che se uno in questo momento in analogico vede bene ed è soddisfatto del proprio piano d’antenna, non deve mettere mano all’antenna prima dell’arrivo del digitale. “
È meglio SKY o il Digitale Terrestre?
“Ognuno deve guardare le proprie esigenze e i propri interessi:
- La Piattaforma digitale terrestre c’è ed è gratuita, ci sono più di 45 programmi che sono gratuiti e possono soddisfare le esigenze di maggiorparte dei telespettatori.
- Se uno vuole qualcosa di più, a quel punto c’è SKY che trasmette programmi non solo italiani ma anche del Mondo, e poi sul Digitale c’è la Pay TV come Mediaset Premium che in questo momento sono in concorrenza tra Digitale e Satellitare.”
Quanto spendere per un decoder, anche di qualità ?
“Questo è un discorso delicato perché la qualità dei decoder, sono apparati fatti da norme serie e alcuni sono buoni dal punto di vista costruttivo, però non sono come le cose di un tempo che sono destinate a durare, a lungo andare potrebbero anche rompersi, come capita anche con i cellulari. Per spendere, anche lì, la spesa può garantire la qualità ma non sempre, il grande nome di una marca che conosce può garantire, ma non sempre. Se uno va a leggere sui giornali o su internet e sente parlare di bollini colorati, quelli dovrebbero assicurare la qualità maggiore e naturalmente uno può anche pensare di acquistare il prodotto conveniente, magari a 20-25€ con l’idea che se si dovesse rompere a quel punto lo ricompra, ma in genere la rottura può essere frequente come nei cellulari.”
Considerazioni del Digitale Terrestre
“È un qualcosa di inevitabile, un qualcosa che sicuramente aumenta la possibilità di fruire maggiori servizi e maggiori programmi, ad esempio ci sono sulla piattaforma gratuita più di 5 programmi di cartoni animati, di cui la pubblicità è ridotta proprio al minimo ed è per i bambini un enorme vantaggio. Ci sono poi altri programmi tematici come Rai Movie, Rai Premium, Iris, Class TV che possono interessare un’altra parte di pubblico e naturalmente c’è poi tutta la vecchia televisione generalista che conosciamo e vediamo tutt’oggi.”