ARCHIVIO NEWS ABRUZZO

   GIUGNO 2012  


 30 GIUGNO 2012 - Sabato 

Ore 18.15 - MUX TV SEI: TVSEI AB CHANNEL DIVENTA "SEI IN ABRUZZO".
UHF 43 Mux TV SEI:
Nuova denominazione per il quarto canale del mux TV SEI. Dopo AB CHANNEL, Tv6 AbChannel, TVSEI AB CHANNEL (solo per citare gli ultimi cambiamenti), ora è la volta di SEI IN ABRUZZO, sempre con LCN 634. Il canale continua a trasmettere AB CHANNEL / Rete Italia. Ringraziamo Nicolantonio di Chieti per la segnalazione.


Ore 11.40 - MUX ANTENNA 10: SU 10 INFORMA ARRIVA ANTENNA 10.
UHF 46 Mux ANTENNA 10:
Il canale 10 Informa (LCN 115) non è più a schermo nero ma trasmette ora la programmazione, e quindi è un duplicato, di Antenna10 (LCN 13).
Ringraziamo Samuele di Chieti per la segnalazione e per le immagini che vi alleghiamo.



Ore 10.00 - MUX ITR SORA (ABRUZZO): REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 31 Mux ITR SORA (ABRUZZO):
Grazie alla nuova collaborazione di Moaves di Avezzano, che curerà gli aggiornamenti della zona marsicana, abbiamo realizzato la nuova pagina con la griglia dei canali e lo z@pping del mux ITR SORA (ABRUZZO). Questa versione abruzzese del multiplex è diversa rispetto a quella che abbiamo pubblicato alcuni giorni fa in quanto contiene meno canali del mux laziale ITR SORA (LAZIO) e sono diverse le numerazioni LCN. Da segnalare che nel mux, che irradia ad Avezzano e parte della provincia aquilana sul canale 31 UHF, sono sintonizzabili quattro tv e una radio, e I.T.R. Ragazzi HD (LCN 685) trasmette la sua versione in SD anche se è denominata con la sigla dell'alta definizione. Questa è la composizione del multiplex:

94 - I.T.R.
198 - I.T.R. NEWS
608 - I.T.R. MAGAZINE
685 - I.T.R. RAGAZZI HD
- Radio Fantastica



 29 GIUGNO 2012 - Venerdì 

Ore 23.30 - TELEPONTE DI TERAMO DIVENTA INTERREGIONALE.
Dal telegiornale e sul ticker dell'emittente TELEPONTE apprendiamo che dalla prossima settimana la tv teramana sarà visibile in tutto l'Abruzzo e il Molise. Pertanto sarà veicolata da un multiplex regionale che irradierà il suo segnale in queste due regioni.
TELEPONTE occupa in Abruzzo l' LCN 15 del telecomando. Restiamo in attesa di conoscere su quale mux si appoggerà.



































































 27 GIUGNO 2012 - Mercoledì 

Ore 22.50 - MUX RTVA: VA VIA TELE 9 E ARRIVA TELE 9 CANALE 3.
UHF 33 Mux RTVA:
Nuovo assetto nel mux RTVA, che trasmette sul canale 33 UHF solo dalla postazione di San Silvestro a Pescara. E' stato eliminato il canale TELE 9, con LCN 74, che ora rimane sintonizzabile solo nel mux TRSP sul canale 29 UHF. Inoltre è stato aggiunto TELE 9 CANALE 3, con LCN 296, che trasmette la stessa programmazione di TELE 9, così come TELE 9 Canale 2, LCN 186, che non è più a schermo nero. Questa è l'attuale configurazione:

87 - RETE AZZURRA (schermo nero)
95 - RTVA
186 - TELE 9 canale 2 (trasmette TELE 9)
296 - TELE 9 CANALE 3
(trasmette TELE 9)

Ore 14.30 - MUX TVQ: ARRIVA TVQ GO SHOPPING.
UHF 28 Mux TVQ:
Cambia ancora l'identificativo del quarto canale del mux TVQ. Nella posizione LCN 649 TV 4 diventa TVQ Go Shopping, in onda ci sono sempre le barre colorate.




Ore 11.20 - MUX TVQ: ARRIVANO GENIO TV, ON TV E TV 4.
UHF 28 Mux TVQ:
Alcune novità nel mux pescarese TVQ. Il canale TVQ 1, con LCN 172, è stato rinominato in Genio TV, ma al momento trasmette la programmazione di TVQ, quindi è un duplicato del canale con LCN 19; sulla LCN 292 non c'è più TVQ 2 ma è arrivato ON TV, che ora trasmette un proprio palinsesto; il quarto canale del multiplex è stato rinominato da TVQ 3, che era senza LCN, a TV 4, ed ora si sintonizza nella posizione del telecomando 649, in onda ci sono solo delle barre colorate. Ringraziamo Samuele di Chieti per la segnalazione e per le immagini che vi alleghiamo.










Ore 00.25 - MUX ANTENNA 10: ARRIVA DAN PRODUCTION.
UHF 46 Mux ANTENNA 10:
Arriva un nuvo canale nel mux ANTENNA 10. Ce lo segnala il nostro lettore Massimo di Teramo ed è Dan Production, sintonizzabile nella numerazione LCN 631. Al momento trasmette solo delle barre colorate.












 26 GIUGNO 2012 - Martedì 

Ore 12.40 - MUX ITR SORA: CAMBIO DI FREQUENZA A ROMA, REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI.
UHF 31-34-35-68 Mux ITR SORA:
Abbiamo realizzato la pagina con la griglia dei canali del mux ITR SORA, emittente di Sora, in provincia di Frosinone. Da segnalare che da alcuni giorni ha cambiato frequenza nella zona di Roma e precisamente dalla postazione di Vermicino a Frascati (Roma) passando dal canale 06 VHF, interferito dal mux di CANALE 10 che irradia da Monte Cavo, al canale 35 UHF. Sono stati risolti le interferenze con l'emittente di Ostia che duravano dai primi giorni dello switch off laziale del novembre 2009, e quindi ora è ben visibile in buona parte della città di Roma, non in tutta in quanto la postazione di Vermicino non è molto alta, circa 200 mt s.l.m. Il mux ITR SORA, collegata all'emittente nazionale 7 GOLD, trasmette in altre zone delle provincie di Roma, Frosinone e Latina anche sul canale 34 UHF. E' visibile anche in Abruzzo, in parte della provincia de L'Aquila, sul canale 31 UHF, sintonizzabile nella città di Avezzano dalla postazione di Monte Cimarani, e infine arriva anche in Campania coprendo la provincia di Caserta sul canale 68 UHF dalla postazione di Roccamorfina (CE). Il multiplex è composto da 7 canali:

68 - Play.me
90 - I.T.R.
124 - Telemarket
125 - Telemarket 2

272 - I.T.R. NEWS
623 - I.T.R. RAGAZZI
684 - I.T.R. MAGAZINE


Update ore 16.40: Abbiamo realizzato due cartine, la prima con la mappa di tutte le postazioni di emissione dell'emittente ITR SORA, la seconda più ristretta su Roma con le altre postazioni che irradiano sulla capitale e dintorni e la loro posizione rispetto a quella di Vermicino a Frascati. Cliccare sulle immagini per vederle ingrandite e leggere tutti i dettagli.




 22 GIUGNO 2012 - Venerdì 

Ore 14.50 - TVP ACQUISTA LE FREQUENZE DI TELE A+ E DIVENTA OPERATORE DI RETE.
SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP). Tvp Italia diventa operatore di rete acquistando come ramo d'azienda da Multiservice Interprise Spa le frequenze in uso per Tele A+, che consentiranno di irradiare un bouquet di 6 canali sugli interi territori di Marche e Abruzzo, con una copertura totale.
Il bouquet sarà composto dalla rete ammiraglia Tvp Italia, che sarà in onda sul canale 79 sia nelle Marche che in Abruzzo. Un canale generalista che offrirà, come fatto finora, un palinsesto ricco e sempre caratterizzato dalla grande attenzione per l'informazione. Tvp Italia nelle Marche e 694 in Abruzzo. Sui canali 187 per le Marche e 213 per l'Abruzzo, nascerà Vera News, rete che fornirà informazione h24, attraverso numerose edizioni di telegiornali che racconteranno i fatti di ogni singola provincia delle due regioni.
Sui canali 286 per le Marche e 613 per l'Abruzzo nascerà Vera Sport rete che fornirà esclusivamente informazione sportiva. Calcio, Basket, volley, tennis e tutte le altre discipline raccontate attraverso diretta e differite di eventi e soprattutto grazie a programmi di informazione quotidiana, approfondimenti e talk show. Sui canali 638 per le Marche e 692 per l'Abruzzo nascerà CRISHOP, rete completamente dedicata al commerciale: televendite televisive e online 24 ore al giorno. Sui canali 639 per le Marche e 693 per l'Abruzzo nascerà E20.TV, rete completamente dedicata agli eventi: spettacoli, cultura, politica, convegnistica, in collaborazione con i principali Enti della Regione.
Tratto da: http://www.cityrumors.it/rubriche/tecnologia/televisione-tvp-italia-diventa-operatore-di-rete-e-trasmettera-anche-in-abruzzo


 17 GIUGNO 2012 - Domenica 

Ore 17.10 - MUX TELEMAX: ATTIVATO IL FLAG PER IL 16:9 SU LAQTV.
UHF 51 Mux TELEMAX:
Segnaliamo che è stato attivato il flag per la corretta trasmissione in 16:9 di LAQTV (LCN 114), come potete vedere dalle immagini che vi alleghiamo qui sotto.




Ore 16.55 - PROPAGAZIONI: A GIULIANOVA (TE) C'E' RADIO DALMATIA.
FM 105.5 Mhz RADIO DALMATIA:
Nel pomeriggio di oggi a Giulianova nel teramano abbiamo ascoltato, in occasione di un'ottima propagazione, l'emittente radiofonica di Spalato, in Croazia, RADIO DALMATIA sui 105.500 Mhz che in alcuni tratti annullava anche il potentissimo FM 105.600 di Radio Maria dalla Majella (CH).



Ore 16.25 - MUX RETE 8: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 45 Mux RETE 8:
Abbiamo aggiornato con nuove immagini lo z@pping TV del mux RETE 8. Da segnalare che RETE8 Medicina, con LCN 623, trasmette sempre la programmazione di TELEMARE, mentre RETE8 Live (LCN 622) e RETE8 Meraviglie (LCN 624) continuano ad essere a schermo nero.


Ore 00.30 - RICEZIONE CON PROPAGAZIONE A CHIETI ALTA.
In una giornata particolare, ecco cosa è stato possibile ricevere da Chieti alta, ieri pomeriggio tra le 17 e le 19.30 circa. Ho omesso i canali RAI (eccetto il mux 1 a carattere regionale), Mediaset, TIMB e Rete A:
05 - RAI 1 Abruzzo (Pescara-San Silvestro)
21 - Telemare
22 - RTM (Ascoli Piceno-Monte Ascensione)
23 - ATV7
24 - RAI 1 Friuli Venezia Giulia (Triese-Monte Belvedere)
27 - Tivuitalia (fino alle 19.30 circa People TV, poi è stato attivato AB CHANNEL)
28 - TVQ
28 - HRT A (è stato eliminato Moja uprava) - (Ucka - HR)
29 - TRSP
31 - HRT D (Célevac-HR)
32 - RAI 1 Marche (Ascoli Piceno-Monte Ascensione/Ancona-Monte Conero)
33 - E' TV MARCHE (Ancona-Monte Conero)
33 - RTVA
34 - HRT D (Biokovo-HR)
34 - FREE TV (Faedis-Pedrosa-Prati della Chiesa-UD)
35 - Tele A+ Marche (Ancona-Monte Conero)
35 - RAI 1 Abruzzo (Bussi sul Tirino-Pietracorniale-PE)
39 - TV Centro Marche (Ascoli Piceno-Monte Ascensione)
41 - Tele A
43 - TVSEI
43 - TVRS (Ancona-Monte Conero)
45 - Rete8
46 - Teleadriatica (Ancona-Monte Conero)
46 - Antenna 10
51 - TeleMax
51 - HRT A (è stato eliminato Moja uprava)(Célevac-HR)
53 - Canale Italia (è stato eliminato Italia 135 con Lcn 283)
54 - HRT D (sintonizzato per la prima volta: regione interna D6) (Stipanov Gric o Licka Pljesivica-HR)
57 - Rete Capri (Majella/Ancona-Monte Conero)
59 - HRT B (Célevac-HR)
59 - Onda TV
63 - Triveneta TV (Trieste-Conconello-Via Bellavista)
65 - Canale Italia 2 (Trieste-Conconello-Via Bellavista)

Fonte: Nicolantonio (Chieti)


 16 GIUGNO 2012 - Sabato 

Ore 23.40 - MUX ANTENNA 10: IN ARRIVO ABRUZZO INFORMA.
UHF 46 Mux ANTENNA 10:
Su Antenna10 (LCN 13) è in onda uno spot che annuncia la partenza del nuovo canale Abruzzo Informa (LCN 286). Al momento sintonizzando il canale sono presenti le barre colore. Ringraziamo Samuele per la segnalazione e per lo spot che potete vedere qui sotto.




Ore 23.20 - RAI MUX 1 ABRUZZO: TGR, L'AUDIO IMPAZZISCE, IL TG SULLE NOTE DI SALVATORI.
VHF 05-09 / UHF 35-39 RAI Mux 1 - ABRUZZO:
Un'interferenza, forse causata dal recente passaggio al digitale terrestre, ha "trasformato" il telegiornale regionale: al posto dell'audio del giornalista è andato in onda l'audio e a tratti il video di un programma del critico musicale Dario Salvatori. Così gli abruzzesi hanno ascoltato musiche melodiche anni '60 al posto delle notizie del tg. Il video è subito diventato uno dei più cliccati su Youtube (da cui è tratto il video che pubblichiamo) e il fatto è stato subito uno dei più commentati sui social network.
Tratto da: http://ilcentro.gelocal.it/foto-e-video/abruzzo-rai-3-regione-impazzisce-il-tg-sulle-note-di-salvatori


 15 GIUGNO 2012 - Venerdì 

Ore 18.50 - MUX TV SEI: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 43 Mux TV SEI:
Abbiamo aggiornato con nuove immagini lo z@pping TV del mux TV SEI. I due nuovi canali TVSEI NEWS (LCN 635) e TERAMO CHANNEL (LCN 636) sono sempre a schermo nero.



Ore 18.10 - MUX TELEMAX: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 51 Mux TELEMAX:
Dopo l'arrivo della tv aquilana LAQTV (LCN 114), avvenuto la scorsa settimana, le cui immagini in 16:9 appaiono deformate in quanto non è attivo il flag e risultano nel formato errato 4:3, abbiamo aggiornato con nuove immagini lo z@pping TV del mux TELEMAX.


Ore 12.50 - MUX ATV7: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 23 Mux ATV7:
Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del mux ATV7, dopo l'arrivo di Teleregione (LCN 606) e di TVR Voxson, TVR Voxson +1 e TVR Voxson 2, queste ultime tre emittenti trasmettono la stessa programmazione e sono prive di LCN.




 14 GIUGNO 2012 - Giovedì 

Ore 11.10 - MUX TRSP (ABRUZZO): AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO):

Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del mux della tv vastese TRSP, che, come vi abbiamo segnalato una settimana fa, cambia composizione con l'ingresso di TELE 9 (LCN 74). La televisione di Silvi Marina (Teramo) è tornata così ad essere una emittente semiregionale.




 13 GIUGNO 2012 - Mercoledì 

Ore 23.05 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A LANCIANO (CH).
Abbiamo inserito nel nostro database della sezione ABRUZZO IN DIGITALE la lista delle emittenti televisive ricevibili nella città di LANCIANO in provincia di Chieti. Potete inoltre consultare la griglia dei canali e gli z@pping tv dei multiplex nazionali e locali. Vai alla nuova pagina delle TV A LANCIANO (CH).


 12 GIUGNO 2012 - Martedì 

Ore 22.35 - MUX TRSP (ABRUZZO): ATTIVATO DA MONTE SAN COSIMO A SULMONA (AQ).
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO):

Il mux TRSP, versione abruzzese con diversa composizione da quella molisana, è stato attivato anche dalla postazione di Monte San Cosimo nel comune di Prezza in provincia del L'Aquila, con la copertura della città di Sulmona e della valle Peligna. Abbiamo aggiornato la lista delle TV A SULMONA (AQ).

Ore 11.40 - TORNA IN ONDA IL MUX TELEMARE.
UHF 21 Mux TELEMARE:
E' stato riattivato questa mattina il mux TELEMARE. I tecnici dell'emittente ci hanno fatto sapere che hanno effettuato delle modifiche tecniche e altri problemi di emissione non ci dovrebbero più essere ed inoltre i sei canali del mux TELEMARE e anche i sei del mux RETE 8 trasmetteranno tutti al più presto.


 11 GIUGNO 2012 - Lunedì 

Ore 23.00 - MUX TELEMARE: SPENTO PER PROBLEMI TECNICI.
UHF 21 Mux TELEMARE:
E' stato nuovamente spento il mux TELEMARE. Il nostro Samuele di Chieti ha chiamato personalmente Rete 8 (associata a Telemare) e gli hanno risposto che ci sono problemi tecnici nella trasmissione dei due mux contemporaneamente dalla sede di Chieti Scalo. Domani dovrebbe tornare la normale ricezione e presto saranno visibili anche gli altri canali di questa emittente.


 09 GIUGNO 2011 - Sabato 

Ore 16.35 -  MUX NAZIONALI  - RAI MUX 1 ABRUZZO: DUE NUOVE ATTIVAZIONE A CARSOLI (AQ).
VHF 05-09 / UHF 35-39 RAI Mux 1 - ABRUZZO:
Una nostra lettrice di Carsoli (L'Aquila), Valentina, ci segnala, come già riportato correttamente nella pagina di Facebook da AG Brasc di Digital Forum, che da ieri, venerdì 8 giugno, è finalmente attivo il RAI Mux 1 - ABRUZZO anche dalla postazione di Carsoli Castello, che risolve i problemi di ricezione nella parte più interna del paese, e da Tufo Alto, frazione di Carsoli. Entrambi sono sintonizzabili sul canale 39 UHF. Pertanto abbiamo aggiornato la nostra lista delle TV A CARSOLI (AQ).


 08 GIUGNO 2012 - Venerdì 

Ore 22.45 - MUX ONDA TV: RITORNA TRSP SU ONDA TV PLUS.
UHF 59 Mux ONDA TV:
L'emittente TRSP è tornata oggi a trasmettere sul canale ONDA TV PLUS, LCN 646, nel mux della tv sulmonese ONDA TV.



Ore 22.30 - MUX TRSP (ABRUZZO): ARRIVANO TELE 9 E SENTIERI TV.
UHF 29 Mux TRSP (Abruzzo):
Nuova configurazione per quanto riguarda il multiplex dell'emittente di Vasto (CH) TRSP, versione abruzzese sul canale 29 UHF. Oggi sono stati aggiunti due nuovi canali: TELE 9 con LCN 74, l'emittente di Silvi Marina (TE) torna così ad irradiare dalla postazione della Majella dopo aver venduto prima dello switch off le sue frequenze in analogico a Tivuitalia, e SENTIERI TV con LCN 119, che ripete la programmazione di TRSP. Questa è quindi l'attuale composizione del mux:
17 -TRSP
74 - TELE 9
119 - SENTIERI TV (trasmette TRSP)


Ore 16.00 - MUX TELEMAX: ARRIVA L'AQUILANA LAQTV.
UHF 51 Mux TELEMAX:
Al posto del canale TeleMax1, con LCN 114, che era una copia di TeleMax con LCN 12, è stata inserita l'emittente tv de L'Aquila LAQTV, visibile nel capoluogo abruzzese anche con LCN 666 nel mux TV UNO. Ci segnalano che l'immagine di LAQTV appare di una buona qualità, tuttavia non si può dire lo stesso dell'audio che, oltre ad avere problemi di sincronismo, risulta di basso campionamento e schiacciato verso le frequenze medio-alte.







 07 GIUGNO 2012 - Giovedì 

Ore 19.30 - MUX ONDA TV: VA VIA TRSP.
UHF 59 Mux ONDA TV:
E' stata eliminata la programmazione dell'emittente religiosa di Vasto (CH) TRSP sul canale ONDA TV PLUS, con LCN 646, che ora si presenta a schermo nero. Il canale ONDA TV SHOPPING, con LCN 291, manda in onda i test della futura attivazione dei canali News, Shopping, Sport e Plus. Questa è l'attuale configurazione del mux ONDA TV:

18 - ONDA TV
171 - ONDA TV NEWS
(schermo nero)
291 - ONDA TV SHOPPING
(test)
646 - ONDA TV PLUS
(schermo nero)
647 - ONDA TV SPORT
(schermo nero)
648 - ONDA TV L'AQUILA
(schermo nero)

Ore 19.15 - MUX TV SEI: ARRIVANO TVSEI NEWS E TERAMO CHANNEL.
UHF 43 Mux TV SEI:
Sono stati aggiunti due nuovi canali nel mux dell'emittente di Silvi Marina (TE) TV SEI. Sono arrivati TVSEI NEWS con LCN 635 e TERAMO CHANNEL con LCN 636, entrambI sono per il momento a schermo nero. Rinominata inoltre Tv6 AbChannel in TVSEI AB CHANNEL (LCN 634). Questa è l'attuale configurazione del multiplex:

14   - TVSEI
116 - TVSEI SPORT
287 - TVSEI ON AIR
634 - TVSEI AB CHANNEL
635 - TVSEI NEWS (schermo nero)
636 - TERAMO CHANNEL
(schermo nero)

Ore 16.50 - ORICOLA (AQ): ATTIVATI I TRE MUX TIMB, AGGIORNATA LA LISTA DELLE TV A CARSOLI.
Sono stati finalmente attivati i tre multiplex nazionali della Telecom, rispettivamente TIMB mux 1 sul canale 47 UHF,
TIMB mux 2 sul canale 60 UHF e TIMB mux 3 sul canale 48 UHF, dalla postazione del Monte Arnone ad Oricola, in provincia de l'Aquila, con la copertura di Carsoli e della Piana del Cavaliere. Abbiamo aggiornato la lista delle TV A CARSOLI (AQ).

Ore 16.00 -  IN EVIDENZA  - DELOCALIZZAZIONE ANTENNE SAN SILVESTRO PESCARA: COMUNICATO STAMPA EMITTENTI TV D'ABRUZZO.
Abbiamo ricevuto dall'amministratore dell'emittente televisiva di Lanciano (Chieti) TELEMAX un comunicato stampa delle tv d'Abruzzo sul problema della delocalizzazione dei ripetitori di San Silvestro e della piattaforma off-shore. Sono stati eletti i rappresentanti delle emittenti televisive che parteciperanno al prossimo tavolo tecnico indetto dalla Regione Abruzzo.
Ecco in allegato il documento.



 06 GIUGNO 2012 - Mercoledì 

Ore 09.40 - MUX ATV7: ARRIVANO TELEREGIONE E TVR VOXSON.
UHF 23 Mux ATV7:
Cambio di configurazione per il mux ATV7, non ci sono più i soliti 5 canali con la stessa denominazione e programmazione di ATV7. Ora il multiplex ha questa composizione: LCN 91 ATV7, LCN 606 Teleregione; senza LCN TVR Voxson, TVR Voxson +1 e TVR Voxson 2. Nicolantonio da Chieti ci segnala che ieri pomeriggio la programmazione dei tre canali TVR Voxson era diversa dagli altri due canali del mux, mentre in serata tutti e 5 i canali hanno trasmesso lo stesso film. Abbiamo aggiornato la pagina con la griglia dei canali del mux ATV7.


 04 GIUGNO 2012 - Lunedì 

Ore 23.55 - PESCARA, ANTENNE SAN SILVESTRO: COSTITUITO TAVOLO PER DELOCALIZZAZIONE.
“Il Tavolo tecnico che dovrà portare avanti materialmente la migrazione delle antenne da San Silvestro è stato finalmente e formalmente costituito: nel vertice odierno, al quale, peraltro, ha preso parte anche il Comitato antiantenne, anche le ultime emittenti radiotelevisive locali si sono dovute arrendere all’evidenza dei fatti, ossia all’ineluttabilità del trasferimento, e hanno dovuto giocoforza nominare i propri delegati al Tavolo.
Il vertice è stato aggiornato al prossimo 22 giugno, d’ora in avanti per il vertice ristretto, quando fisseremo il cronoprogramma che dovrà condurci, entro novembre, allo spostamento degli impianti, e soprattutto cominceremo a vagliare tutte le ipotesi dei nuovi siti, dalla soluzione off-shore agli altri 129 siti disponibili solo in Abruzzo. Il dato è tratto, ora comincia la maratona vera e propria che prima di Natale dovrà condurci al risultato tanto atteso”. Lo hanno detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e il consigliere regionale Lorenzo Sospiri al termine del nuovo vertice odierno convocato in Regione per la delocalizzazione delle antenne da San Silvestro. “La nostra amministrazione comunale – ha ribadito il sindaco Albore Mascia – ha raggiunto un risultato storico ottenendo la delocalizzazione delle antenne, ma non con una semplice promessa, bensì con la formalizzazione del provvedimento attraverso l’esclusione del sito di San Silvestro dal Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze. Ora però arriva la parte più difficile, ossia quella più tecnica, l’attuazione concreta del dispositivo normativo.

Da parte mia ho già sollecitato la Regione Abruzzo, e dal nostro punto di vista la competenza a dare attuazione al provvedimento è del Ministero per lo Sviluppo Economico che deve dire in concreto alle emittenti che devono trasferire i propri impianti. E già nel corso del precedente incontro a L’Aquila, lo scorso 24 aprile, il Ministero non ha usato giri di parole, e ha detto senza mezzi termini che le antenne devono lasciare San Silvestro, una riunione infuocata, in cui i titolari delle emittenti, 25 quelli presenti, non hanno ovviamente visto di buon occhio la posizione del Ministero, di Comune e Regione. E nonostante le opposizioni, il Ministero, rappresentato dal dottor Troisi e dal dottor Sambuco, ha mantenuta ferma la propria posizione, e ha ribadito che le antenne se ne devono andare, concordando un margine temporale congruo per lo spostamento.
Se quei termini temporali fissati non dovessero essere rispettati, scatterà la denuncia per omissione d’atti d’ufficio. Nel corso dell’incontro precedente – ha ancora ricordato il sindaco Albore Mascia -, ribadendo l’ipotesi di delocalizzazione delle antenne sulla piattaforma off shore già esistente, che dunque non dev’essere costruita, denominata ‘Francavilla’, abbiamo istituito un Tavolo tecnico di lavoro che dovrà operare in modo serrato per stabilire le modalità di migrazione dei ripetitori, un Tavolo di cui, come previsto, devono far parte un rappresentante della Regione Abruzzo, un rappresentante del Comune di Pescara, un rappresentante del Ministero per lo Sviluppo Economico, un rappresentante dell’Università de L’Aquila, un rappresentante dell’Agcom, 3 rappresentanti dell’emittenza televisiva locale e 2 dell’emittenza televisiva nazionale, un rappresentante dell’emittenza radiofonica nazionale e 2 di quella locale. La politica questa volta ha fatto tutto ciò che era possibile e abbiamo concesso sei mesi di tempo per completare la delocalizzazione, dunque entro novembre 2012.
Ma nella seconda riunione dello scorso 18 maggio qualcosa non è andato per il verso giusto: in sostanza le emittenti non sono state in grado di individuare i propri delegati a far parte del Tavolo tecnico e in quell’occasione si sono presentate in massa, ciascuna con un proprio rappresentante, a quella che di fatto non era più una riunione ‘tecnica’, ma una sorta di assemblea popolare, cercando peraltro anche di tentare di riaprire il dibattito sulla legittimità o meno della decisione assunta dall’Agcom di ‘spegnere’ il sito di San Silvestro. Una discussione però ampiamente superata, ormai dai fatti e dal tempo, e fortunatamente la Regione Abruzzo lo ha ribadito mantenendo un atteggiamento di massima fermezza”. “Anzi – ha aggiunto il consigliere Sospiri – anche il professor Graziosi, autore del progetto di delocalizzazione sulla piattaforma off-shore, adottata anche in altri 4 o 5 casi al mondo, per conto dell’Università de L’Aquila, ha di nuovo illustrato il progetto stesso, rispondendo punto punto ai quesiti posti dalle emittenti, specie in merito alle presunte interferenze con le onde dei ripetitori dell’altra sponda dell’Adriatico, perplessità tutte fugate con dati tecnici e non con semplici chiacchiere”. “A questo punto – ha ripreso il sindaco Albore Mascia – il Comune, rappresentato dal Direttore Ilari e dal consigliere Sospiri ha ricordato che l’ordine del giorno del vertice tecnico odierno non era stabilire la legittimità o meno del nuovo Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, ma piuttosto di dettare i tempi e le modalità della migrazione delle antenne, ovvero ha riportato la discussione nel suo binario, data ormai per scontata la delocalizzazione.
E lo stesso Dirigente Sorgi ha aggiornato la riunione a oggi, negli uffici di viale Bovio, dove la stessa Regione – hanno proseguito il sindaco Albore Mascia e il consigliere Sospiri -, di nuovo mettendo a tacere i tentativi di prendere tempo da parte delle emittenti, ha disposto l’individuazione dei delegati che, per le emittenti televisive nazionali sono Rai Way e Mediaset, rappresentata, quest’ultima, dal dottor Mazzetti. Da questo momento solo i delegati potranno prendere parte alle riunioni: il prossimo incontro ci sarà il 22 giugno, alle 15, e in quella sede fisseremo il cronoprogramma degli interventi da attuare e la scelta dei siti in cui delocalizzare gli impianti, un processo che dovrà concludersi, inderogabilmente, entro fine ottobre-inizio novembre, ricordando che, a parte la piattaforma off shore, ci sono comunque altri 129 siti in Abruzzo tra cui scegliere per lo spostamento, di cui 49 sono i più vicini”.

Tratto da: http://www.leggimi.eu/quotidiano/pescara/31819-pescara-antenne-san-silvestro-costituito-tavolo-per-delocalizzazione

Ore 21.45 - SWITCH OFF IN ABRUZZO: ASSESTAMENTO TRAUMATICO ED ORA ALCUNE TV RISCHIANO IL CROLLO.
Gli utenti: «le nostre televisioni come soprammobili spenti». Qualche problema ancora da risolvere.
ABRUZZO. Poco switch ma tanto off. Nell’Abruzzo in digitale terrestre si riscontrano ancora problemi. Ad un mese dal passaggio “epocale” dal segnale analogico a quello digitale, intere zone, soprattutto la Marsica, registrano disservizi. I canali si accendono e spengono. Le segnalazioni continuano a riempire la nostra pagina Facebook http://www.facebook.com/DigitaleTerrestreAbruzzo dedicata e gli utenti sempre più esasperati non sanno più a chi rivolgersi. In molti è subentrata la rassegnazione ma c’è chi ancora si dà da fare in cerca di una soluzione. Dal numero verde creato ad hoc per il passaggio al digitale fioccano rassicurazioni, le stesse di un mese fa: «abbiate pazienza stanno facendo lavori».
LA RABBIA RASSEGNATA

«Antenna 10 e Atv7 non sono visibili», dice Danilo Erbaggi da Giulianova, «altri canali che a volte si vedono e poi assenza di segnale… Che schifo, professione e competenza zero».
Anche Pescara centro fluttua a ritmo di digitale. Daniela Bonfini dice che da giorni sono scomparsi la Rai e molti altri canali (La7, Real Time, La5). Lei ha risintonizzato la tv ma Canale 5, Italia 1 e Rete 4 saltano di continuo.
Anche a Vasto la situazione non è delle migliori: Eugenio Pavan che abita in zona San Paolo lamenta l’assenza totale di Rai 1,2,3 e News.
La situazione peggiore rimane nella Marsica la terra di mezzo tra Lazio ed Abruzzo dove un bacino di circa 22.000 telespettatori di Arsoli, Riofreddo, Vallinfreda, Vivaro Romano Camerata Nuova, Orvinio, Pozzaglia Sabina, Roviano, Anticoli Corrado, Collalto Sabino e i comuni abruzzesi di Rocca di Botte, Pereto, Oricola, Civita e tutta la Piana del Cavaliere fino a Carsoli e Tufo è rimasto a piedi.
Ma c’è chi per fortuna, trova la forza per scherzare. «Se la tv non si vede anche oggi», dice Massimiliano Zaccagnini, «mi toccherà recitare il rosario insieme a mia nonna».
I RIPETITORI CI SONO
Anche se i ripetitori in Abruzzo ci sono danno forfait. Ad Oricola, l’impianto si trova sul Monte Arnone, le postazioni di Montenero di Bisaccia e Montefarano sono attive e trasmettono male.
Dalla stazione Rai di Montenero di Bisaccia prima dello switch off venivano trasmesse le tre reti Rai in analogico, ora vanno e vengono.
Intanto si teme per le sorti delle piccole emittenti locali. Il passaggio al digitale terrestre in queste condizioni sta mettendo a dura prova i bilanci delle tv. «Nel vicino Lazio, gli anni trascorsi dal passaggio al digitale hanno già permesso di notare il crollo verticale di parecchie tv che, costrette a moltiplicare palinsesti e risorse, non hanno potuto fare altrettanto con gli introiti pubblicitari», dice Massimiliano Zaccagnini da Carsoli con la conseguente chiusura di parecchi canali storici e disoccupazione. Una conseguenza da tenere in considerazione ed esperienze di cui fare tesoro per evitare il replicarsi dei problemi.
Tutto questo nonostante gli aiuti stanziati dalla Regione Abruzzo per oltre 1mln di euro proprio per aggiornare le tecnologie dei vari impianti di trasmissione dall’analogico al digitale. Il bando in questione già scritto, approvato e controfirmato fino a poco tempo fa non era stato ancora ufficializzato.
Tratto da: http://www.primadanoi.it/news/527470/switch-off-assestamento-traumatico-ed-ora-alcune-tv-rischiano-il-crollo


 03 GIUGNO 2012 - Domenica 

Ore 22.40 - PESCARA, DELOCALIZZAZIONE ANTENNE SAN SILVESTRO: DOMANI NUOVO VERTICE TECNICO.
“Non consentiremo a nessuno di menare il can per l’aia sulla delocalizzazione delle antenne di San Silvestro, che va fatta con tempi certi e rigorosi. Domani, lunedì 4 giugno, lo ribadiremo con la Regione Abruzzo mantenendo un atteggiamento di assoluta fermezza dinanzi ai titolari delle emittenti radiotelevisive.
E domani parteciperò personalmente alla riunione fissata per le prime ore del pomeriggio dal dirigente regionale del settore Ambiente, quando sarà la Regione a nominare i rappresentanti-delegati delle emittenti. E nel frattempo il Comune di Pescara si costituirà contro il ricorso al Tar del Lazio presentato da Rai Way per impugnare il nuovo Piano Nazionale di assegnazione delle frequenze varato dall’Agcom che ha definitivamente escluso San Silvestro dai siti idonei a ospitare le antenne, obbligando i titolari a individuare un’altra sistemazione senza ulteriori tentennamenti. Noi, Comune e Regione, stiamo con i cittadini residenti sul colle”.

Lo hanno ribadito il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e il consigliere regionale del Pdl Lorenzo Sospiri, che domani prenderanno parte alla nuova riunione con il Direttore generale del Comune Stefano Ilari e l’assessore all’Ambiente Isabella Del Trecco.“La nostra amministrazione comunale – ha ribadito il sindaco Albore Mascia – ha raggiunto un risultato storico ottenendo la delocalizzazione delle antenne, ma non con una semplice promessa, bensì con la formalizzazione del provvedimento attraverso l’esclusione del sito di San Silvestro dal Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze. Ora però arriva la parte più difficile, ossia quella più tecnica, l’attuazione concreta del dispositivo normativo. Da parte mia ho già sollecitato la Regione Abruzzo, e dal nostro punto di vista la competenza a dare attuazione al provvedimento è del Ministero per lo Sviluppo Economico che deve dire in concreto alle emittenti che devono trasferire i propri impianti.
E già nel corso del precedente incontro a L’Aquila, lo scorso 24 aprile, il Ministero non ha usato giri di parole, e ha detto senza mezzi termini che le antenne devono lasciare San Silvestro, una riunione infuocata, in cui i titolari delle emittenti, 25 quelli presenti, non hanno ovviamente visto di buon occhio la posizione del Ministero, di Comune e Regione. E nonostante le opposizioni, il Ministero, rappresentato dal dottor Troisi e dal dottor Sambuco, ha mantenuta ferma la propria posizione, e ha ribadito che le antenne se ne devono andare, concordando un margine temporale congruo per lo spostamento. Se quei termini temporali fissati non dovessero essere rispettati, scatterà la denuncia per omissione d’atti d’ufficio. Nel corso dell’incontro precedente – ha ancora ricordato il sindaco Albore Mascia -, ribadendo l’ipotesi di delocalizzazione delle antenne sulla piattaforma off shore già esistente, che dunque non dev’essere costruita, denominata ‘Francavilla’, abbiamo istituito un Tavolo tecnico di lavoro che dovrà operare in modo serrato per stabilire le modalità di migrazione dei ripetitori, un Tavolo di cui, come previsto, devono far parte un rappresentante della Regione Abruzzo, un rappresentante del Comune di Pescara, un rappresentante del Ministero per lo Sviluppo Economico, un rappresentante dell’Università de L’Aquila, un rappresentante dell’Agcom, 3 rappresentanti dell’emittenza televisiva locale e 2 dell’emittenza televisiva nazionale, un rappresentante dell’emittenza radiofonica nazionale e 2 di quella locale.
La politica questa volta ha fatto tutto ciò che era possibile e abbiamo concesso sei mesi di tempo per completare la delocalizzazione, dunque entro novembre 2012. Ma nella seconda riunione dello scorso 18 maggio qualcosa non è andato per il verso giusto: in sostanza le emittenti non sono state in grado di individuare i propri delegati a far parte del Tavolo tecnico e in quell’occasione si sono presentate in massa, ciascuna con un proprio rappresentante, a quella che di fatto non era più una riunione ‘tecnica’, ma una sorta di assemblea popolare, cercando peraltro anche di tentare di riaprire il dibattito sulla legittimità o meno della decisione assunta dall’Agcom di ‘spegnere’ il sito di San Silvestro. Una discussione però ampiamente superata, ormai dai fatti e dal tempo, e fortunatamente la Regione Abruzzo lo ha ribadito mantenendo un atteggiamento di massima fermezza”. “Anzi – ha aggiunto il consigliere Sospiri – anche il professor Graziosi, autore del progetto di delocalizzazione sulla piattaforma off-shore, adottata anche in altri 4 o 5 casi al mondo, per conto dell’Università de L’Aquila, ha di nuovo illustrato il progetto stesso, rispondendo punto punto ai quesiti posti dalle emittenti, specie in merito alle presunte interferenze con le onde dei ripetitori dell’altra sponda dell’Adriatico, perplessità tutte fugate con dati tecnici e non con semplici chiacchiere”. “A questo punto – ha ripreso il sindaco Albore Mascia – il Comune, rappresentato dal Direttore Ilari e dal consigliere Sospiri ha ricordato che l’ordine del giorno del vertice tecnico odierno non era stabilire la legittimità o meno del nuovo Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, ma piuttosto di dettare i tempi e le modalità della migrazione delle antenne, ovvero ha riportato la discussione nel suo binario, data ormai per scontata la delocalizzazione. E lo stesso Dirigente Sorgi ha aggiornato la riunione a domani pomeriggio, negli uffici di viale Bovio, dove sarà la stessa Regione a individuare i delegati delle emittenti, gli unici che a quel punto potranno prendere parte agli incontri che, lo ribadiamo, entro novembre dovranno portarci al trasferimento di tutte le antenne che, a parte la piattaforma off shore, hanno comunque altri 129 siti in Abruzzo tra cui scegliere per lo spostamento, di cui 49 sono i più vicini”. Ma non basta: “Lo scorso 18 maggio – ha ancora detto il sindaco Albore Mascia – è stato anche ufficializzato che Rai Way ha presentato il ricorso al Tar del Lazio impugnando il Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze, una decisione che certamente non condividiamo, anche per rispetto delle migliaia di residenti di San Silvestro che aspettano da trent’anni di vedere le antenne lasciare il sito. Quel ricorso comunque non ci spaventa e soprattutto il Comune di Pescara si costituirà subito con i propri legali in qualità di ‘soggetti interessati’ contro il ricorso stesso”.

Tratto da: http://www.leggimi.eu/quotidiano/pescara/31775-pescara-delocalizzazione-antenne-san-silvestro-domani-nuovo-vertice-tecnico


 01 GIUGNO 2012 - Venerdì 

Ore 10.55 - PIANA DEL CAVALIERE (AQ): UN SILENZIO ASSORDANTE.
Dopo aver temporeggiato un po’, per consentire a voi lettori il confronto sulla mia analisi elettorale, ora proprio non posso più esimermi dal procedere oltre, anche perché ho necessità di assecondare un nostro lettore che mi solleva un bel problema. Tornerò senza dubbio a completare quanto lasciato in sospeso, come da precisa richiesta presente in calce al mio precedente editoriale, ma ora i tempi mi sembrano discretamente maturi per darmi alla TV.
No, non in quel senso, anche perché rimasi folgorato dal piccolo schermo già tempo addietro e quindi… come dire, come alcuni di voi sapranno, il danno è fatto! Piuttosto invece ho necessità di soffermarmi su quello strano mistero chiamato switch off e sui suoi risvolti strettamente regionali e ancor più locali.
Per esempio, il signor Zaccagnini da Carsoli mi solleva un’annosa questione molto specifica e molto ben circostanziata scrivendomi questo: “Caro direttore Luca Di Giampietro, mi chiamo Massimiliano Zaccagnini, le scrivo dalla Piana del Cavaliere dove, dal 14 maggio 2012, sono stati staccati tutti i segnali analogici della zona, sono scomparse le tv Super 3, Atv7, Rete 8, Telesirio e Rai 3 Abruzzo. In digitale fino ad oggi è tornata solo la Rai con il mux1 dal ripetitore di Oricola, con un segnale che spesso e volentieri salta per brevi attimi e poi riparte. Ieri è tornata Telesirio, al momento con un solo canale senza lcn. Per tutti gli altri canali zero segnale!!!”
Molti misteri emergono dalle considerazioni di questo nostro lettore. Innanzitutto, quella che doveva essere un’opportunità è diventata un capestro. Una tecnologia che libera l’etere (tramite l’alternanza di semplici quanto geniali 0 e 1 del digitale, che sono molto poco ingombranti), ma che poi non lo rioccupa con altro è solo uno spreco. Inoltre, chiarito che il confine regionale rimane e che quindi è naturale che TV romane come Super 3 non si vedano più, chi doveva sostituirla non ha ancora fatto capolino (la mia Antenna 2 rimane nel limbo purtroppo…). E perciò, oltre a mettere nel cassetto la mia sete di protagonismo nella zona della Piana del Cavaliere, mi tocca cercare il bandolo della matassa dove non c’è.
Una riforma ammazza videoregistratori, svuota borselli, con limiti tecnologici (i ripetitori sembrano ancora più importanti che in passato… ma è un abominio!) e che mette in crisi i già esangui bilanci delle tv locali, non so dove voglia andare a parare. Nel vicino Lazio, gli anni trascorsi dal passaggio al digitale hanno già permesso di notare il crollo verticale di parecchie tv che, costrette a moltiplicare palinsesti e risorse, non hanno potuto fare altrettanto con gli introiti pubblicitari. Risultato? La chiusura di parecchi canali storici e la semi disoccupazione per il sottoscritto.
Ora però sto un po’ divagando e quindi torno immediatamente alle questioni prettamente geografiche che penalizzano, come al solito, aggiungerei, le zone di confine. Troppo abruzzese per essere Lazio e troppo laziale per essere Abruzzo? Sembra la condanna della Piana del Cavaliere, e di chi evidentemente non ha santi in paradiso e ha scoperto di averne bisogno persino per vedere un tg locale!
Eppure il signor Zaccagnini ci fa notare giustamente che “…abbiamo aspettato questo switch off con ansia. Calcoli che questa zona era passata al digitale terrestre solo parzialmente insieme al Lazio nel 2009, ma la zona e’ dimenticata dal segnale tv, ma non dal canone Rai. Infatti nonostante il ripetitore di Oricola, sul Monte Arnone, abbia un bacino di utenza di circa 22000 telespettatori (infatti raccoglie i paesi laziali di Arsoli, Riofreddo, Vallinfreda, Vivaro Romano Camerata Nuova, Orvinio, Pozzaglia Sabina, Roviano, Anticoli Corrado, Collalto Sabino e i comuni abruzzesi di Rocca di Botte, Pereto, Oricola, Civita e tutta la Piana del Cavaliere fino a Carsoli e Tufo) la Rai, fregandosene, non ha attivato nessun’altro mux. Solo il minimo sindacale e cioè Rai 1, Rai 2, Rai 3 con il Tg Abruzzo e Rai News”.
“Questo non e’ giusto visto che tutti paghiamo il canone… inoltre nessuna emittente privata locale è tornata in digitale, nonostante abbia avuto i finanziamenti pubblici dalla regione Abruzzo per circa un milione di euro proprio per aggiornare le tecnologie dei vari impianti di trasmissione dall’analogico al digitale. Insomma, siamo stati oscurati e poi abbandonati a noi stessi senza una notizia sui tempi di attivazione del segnale; le sembra giusto??? E questa è la grande tecnologia digitale terrestre che doveva garantire l’ottima ricezione di moltissimi canali e la pluralità dell’informazione!?! Noi come cittadini ci siamo attrezzati con tv con decoder e contro decoder, nuove antenne per il digitale e vari interventi da parte degli antennisti per vedere in pratica il nulla!!! La ringrazio per l’attenzione e spero voglia pubblicare un articolo per dare voce a questa zona di serie B”.
Io per non sbagliare ci ho fatto un editoriale, nell’auspicio che qualcuno raccolga la provocazione. D’altronde, è proprio il caso di dire che se Carsoli piange, il resto della Marsica presto non riderà. Sibillino? Aspettate un po’ e poi capirete…
Tratto da: http://www.marsicanews.it/jsps/135/Notizie/211/News

Ore 10.45 - LE POSTAZIONI DI MONTENERO DI BISACCIA (CB) E MONTEFARANO (CH).
Un nostro lettore, ADRIATICK, che ringraziamo, ci ha inviato alcune foto che ha scattato nelle postazioni di Montenero di Bisaccia, in provincia di Campobasso, e di Montefarano di Tufillo, in provincia di Chieti.


Qui sotto potete vedere le immagini della stazione RAI Montenero di Bisaccia (CB) che irradia:
RAI MUX 1 ABRUZZO - UHF 35 - Pol. orizzontale
RAI MUX 1 MOLISE - UHF 39 - Pol. orizzontale


Prima dello switch off venivano trasmesse le tre reti RAI in analogico sulle seguenti frequenze:
UHF 32 (559,19 mhz) - RAI 1
UHF 30 (543,25 mhz) - RAI 2
UHF 36 (591,00 mhz) - RAI 3 (MOLISE)









Qui sotto ci sono, invece, le foto della postazione di MONTEFARANO di Tufillo (CH) dove vengono irradiati:
RAI MUX 1 ABRUZZO - UHF 35 - Pol. verticale
RAI MUX 1 MOLISE - UHF 39 - Pol. verticale

e il mux TLT MOLISE - UHF 31


Ore 10.10 - MUX ONDA TV: ARRIVA TRSP SU ONDA TV PLUS.
UHF 59 Mux ONDA TV:
Ancora novità nel mux ONDA TV. L'emittente peligna, dopo il test su ONDA TV NEWS (LCN 171), che però ora si presenta a schermo nero, ci propone altre interessanti novità; sono cominciati i test anche per il canale ONDA TV SHOPPING (LCN 291), mentre ONDA TV PLUS (LCN 646) trasmette la programmazione di TRSP di Vasto. Regolare e ampia la programmazione di ONDA TV (LCN 18), ancora a schermo nero ONDA TV SPORT e ONDA TV L'AQUILA. Il sito internet dell'emittente è www.ondatv.tv.

Ore 01.50 - SPECIALE SWITCH OFF ABRUZZO: LE POSTAZIONI DI PIETRACORNIALE A BUSSI (PE) E MONTE SAN COSIMO A SULMONA (AQ).
Abbiamo realizzato uno speciale che riassume il nostro sopralluogo dello scorso 7 maggio 2012, primo giorno di switch off in Abruzzo, nelle postazioni di Pietracorniale a Bussi sul Tirino (PE) e a Monte San Cosimo nei pressi di Sulmona (AQ). Lo speciale è correlato da numerose immagini e video. Consulta lo SPECIALE PIETRACORNIALE-MONTE SAN COSIMO.

Ore 01.15 - REALIZZATA LA LISTA DELLE TV A BUSSI SUL TIRINO (PE).
Abbiamo inserito nel nostro database la lista delle emittenti televisive ricevibili a BUSSI SUL TIRINO, località in provincia di Pescara.
Vai alla nuova pagina delle TV A BUSSI (PE).