ABRUZZO IN DIGITALE


                         ARCHIVIO NEWS ABRUZZO
                                   APRILE 2015


24 APRILE 2015
Venerdì

MUX NAZIONALI

Ore 09.10 - TIMB MUX 2: ATTIVATA LA FREQUENZA UHF 55 IN TUTTE LE POSTAZIONI TIMB DELL'ABRUZZO; I MUX RETE A SUI SITI TIMB.

UHF 55 TIMB Mux 2 / UHF 60 TIMB Mux 2 (PROVVISORIO)
La frequenza UHF 55 del TIMB Mux 2 è stata attivata in tutti i siti dell' ABRUZZO in cui era già acceso l' UHF 60 del TIMB Mux 2 (PROVVISORIO). Pertanto ad oggi salgono a 12 le regioni in cui l'attivazione dell' UHF 55 è già stata completata al 100 %, oltre all' ABRUZZO infatti tale passaggio è terminato, come abbiamo scritto qualche giorno fa, anche in VALLE D'AOSTA, LOMBARDIA, VENETO, TRENTINO ALTO ADIGE, FRIULI VENEZIA GIULIA, UMBRIA, MARCHE, MOLISE, PUGLIA, BASILICATA e SICILIA. In alcuni impianti di queste regioni l' UHF 60 del TIMB Mux 2 (PROVVISORIO) è già stato disattivato.
https://lh6.googleusercontent.com/-5XED0_Z2tms/VS7eauwd7ZI/AAAAAAAHaE8/1YrdZNdg04w/s1600/00%2520B%2520%252843%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-UQU7SOQWA0s/VS7eYSWddGI/AAAAAAAHaEw/bkxD8XSdX1c/s1600/00%2520B%2520%252842%2529.jpg

UHF 32-44 RETE A Mux 1
L'ufficio tecnico di Persidera - TIMB ci comunica inoltre che si stanno implementando le diffusioni di RETE A Mux 1 nei sistemi Ex TIMB al posto dell' UHF 60 già spenti, dove questa operazione è già possibile e dopo le necessarie autorizzazione. La regione più avanti con alcune postazioni già accorpate è la SICILIA.

https://lh5.googleusercontent.com/-ziplBcggRr4/VMtIfMa5NZI/AAAAAAAHB1g/sLyJC56HiuI/s1600/00%2520B%2520%25289%2529.jpg

Vi ricordiamo inoltre che è online il nuovo sito di Persidera raggiungibile all'indirizzo www.persidera.it, dove, tra le altre cose, è possibile verificare la copertura del segnale nei singoli comuni o effettuare segnalazioni di disservizi che saranno prese direttamente in carico dal relativo ufficio tecnico.


5 APRILE 2015
Domenica

Ore 11.30 - I 30 ANNI DI DON STELLERINO, PRETE CON IL PALLINO DELLA TV.
Festa del sacerdote fondatore di Tele Radio San Pietro (Trsp) con sede a Vasto Racconta agli abruzzesi il mondo della Chiesa, «dico grazie alla Provvidenza».
di Gino Di Tizio.
CHIETI - Sono passati trent’anni da quando Don Stellerino D'Anniballe «con un gruppo di incoscienti» come racconta il giornalista Donato Fioriti che per tutti questi anni gli è stato prezioso collaboratore per dare vita all'emittente Tele Radio San Pietro (meglio nota come Trsp) dovette acquistare molte cambiali, «e non avevo neppure i soldi per pagare materialmente quei titoli», don Stellerino. Era il 1985, allora dirigevo Tvl, e il panorama televisivo anche abruzzese era in piena evoluzione, Don Stellerino pensò di dare "voce e visibilità", attraverso radio e tv, a coloro che in un mondo dove prevalevano le televisioni generaliste difficilmente riuscivano ad avere. «C'era e c'è ancora gran bisogno di una buona parola da offrire alla gente che ogni giorno ci è vicina e che in tanti anni ci ha aiutato a crescere», dice Don Stellerino il cui 'impegno dichiarato, fin dall'inizio, è quello di dare spazio «all'Italia della cultura religiosa, tradizionale, artistica e turistica». Tutto per seguire una «missione di cultura e speranza».
Così Trsp irradia il suo segnale da 30 anni dalla splendida terrazza sul mare della città del Vasto. Redazioni sparse in tutto il centro sud d'Italia, anche con una referenza a Roma, che sforna da 10 anni i programmi "Alternews" e "Greensat", due programmi sociali ed agroalimentari coordinati dal Fioriti. Un’impresa enorme, come può ben valutare chi ha operato e opera nel settore dei media, che Don Stellerino porta avanti combattendo ogni giorno con problemi di natura tecnica e soprattutto economica, ma tenendo sempre dritta la barra, mentre tanti altri hanno dovuto chiudere i battenti. «É la Divina Provvidenza che ci ha aiutato e ci aiuta a portare a tutti la parola di Dio», dice Don Stellerino.
Con tutto il rispetto però dovuto a tutto ciò che è trascendente, a far raggiungere i trent'anni di attività sono piuttosto state la tenacia, la fede nei valori che vuole affermare, la capacità di offrire parole di speranza, la sua mano sempre tesa agli altri che lo hanno fatto amare da tutti e gli hanno aperto tante porte da dove sono arrivati gli aiuti che gli hanno concesso di andare avanti. Certo, problemi non mancano e non mancheranno anche dopo la giusta, anzi prestigiosa festa per i trenta anni di vita. Ha dovuto mettere fine, con dispiacere, al suo telegiornale, ma continua a dare attraverso l'etere grandi messaggi di fede e speranza.
Seguitissima, da tanti lustri, è la sua rubrica storica: L'Ora dello spirito. L'altra sua rubrica storica "Quaresima tempo di Rinnovamento" è in onda sino al 12 aprile ed è aspettata con ansia dai fedeli ogni sera alle 18 (R. h. 22,00 e h 12 del giorno successivo). «In quest'anno, poi», sottolinea Don Stellerino D'Anniballe, «Trsp offre l'attesa rubrica sul tema “Il Vangelo è gioia" nella sua 36ª edizione, con arcivescovi, vescovi e sacerdoti che offrono l'opportunità di riscoprire e aiutare i nostri fratelli cristiani a ritrovare la bellezza della nostra appartenenza a Gesù». La missione quindi va avanti, con la ferma volontà di continuare a dare forza a tutto quanto la fede può offrire attraverso un mezzo moderno come la Tv, grazie alla intuizione, alla forza, al coraggio di un personaggio come Don Stellerino D'Anniballe. Che sia festa per i trent'anni di vita di Trsp, ma che sia soprattutto la festa del tenace sacerdote che per tanti che operano in questo settore può davvero rappresentare esempio capace di aprire e soprattutto di indicare la strada perché anche dalla emittenza televisiva e radiofonica, come auspica lui, «nasca il bene».

Tratto da: http://ilcentro.gelocal.it/chieti/cronaca/2015/04/04/news/i-30-anni-di-don-stellerino-prete-col-pallino-della-tv