ARCHIVIO NEWS ABRUZZO

  DAL 1° SETTEMBRE 2010 AL 13 DICEMBRE 2010



 13 DICEMBRE 2010 - Lunedì 

Ore 12.15 - TELEMAX, IL PROMO DELLE TRASMISSIONI IN DIGITALE.

In questi giorni è in onda su TeleMax di Lanciano, un promo che annuncia l'arrivo del DTT in Abruzzo nel primo semestre

del 2011, inoltre nello spot viene ricordata la digitalizzazione del proprio canale 27 da San Silvestro (PE)

e la posizione LCN.




 04 DICEMBRE 2010 - Sabato 

Ore 19.05 - SULMONA (AQ): ATTIVATO IL MUX MEDIASET 1.

Ci segnalano una nuova attivazione digitale per la zona di Sulmona (L'Aquila) e la valle Peligna.

E' stato acceso sul canale 67 dalla postazione di Monte San Cosimo il mux 1 di MEDIASET.


 28 NOVEMBRE 2010 - Domenica 

Ore 19.55 - RADIO STUDIO PIU' ACQUISISCE I 108.000 MHZ DALLA MAJELLA.
L'emittente radiofonica RADIO STUDIO PIU' di Desenzano del Garda (Brescia) ha acquisito dal
gruppo Media Hit la frequenza 108.000 mhz in fm, che irradia dalla postazione del Monte Majella
in località Mirastelle, nel comune di Pretoro, in provincia di Chieti, ad un'altitudine di 1.600 s.l.m.,
e che copre una vasta area di ricezione, tutta la fascia adriatica dalle Marche fino alla Puglia.
Pertanto non è più ascoltabile in Abruzzo Radio Cuore, che prima occupava questa frequenza,
e che da parecchio tempo risultava spenta. Continua quindi l'espansione della radio bresciana che,
ricordiamo, aveva pochi mesi fa, preso anche i 100.500 mhz dalla postazione di San Silvestro
ai colli di Pescara sud.
                                Sono state aggiornate di conseguenza la
LISTA FREQUENZE RADIO PESCARA, ordinata per frequenze,
                                la
LISTA FREQUENZE RADIO PESCARA, ordinata per postazione, e la  LISTA EMITTENTI RADIO RICEVIBILI A PESCARA.
               

 02 NOVEMBRE 2010 - Martedì 

Ore 13.30 - SPENTO IL CANALE 22 DA SAN SILVESTRO PESCARA.
Nella giornata di ieri il canale 22 analogico dell'emittente romana TELESTUDIO, che irradia dai colli di
San Silvestro Pescara, risultava spento.

 21 OTTOBRE 2010 - Giovedì 

Ore 16.15 - ERRATA CORRIGE DALLA MAJELLA SUL CANALE 53.
Nella notizia di ieri delle 12.50 avevamo riportato del cambio sulla Majella di CAPRI STORE al posto di RETECAPRI sul
canale 53. In parte è inesatto in quanto la notizia voleva riguardare solo l'aggiornamento nella lista
delle
  FREQUENZE TV DI PESCARA  che non era stato ancora effettuato e non l'effettivo cambio del canale analogico che si era
realizzato nel mese di agosto e già ne avevamo dato notizia nello speciale Notaresco del 27 agosto anche con uno scatto
fotografico del canale.
http://sites.google.com/site/abruzzodigitale/teramo/notaresco


 20 OTTOBRE 2010 - Mercoledì 

Ore 12.50 - AGGIORNATA LA LISTA DELLE FREQUENZE TV A PESCARA.
Ch.08 mux EUROPA 7 HD - Ch.34 / 39 mux TIMB 2 - Ch.53 CAPRI STORE:
E' stata modificata la lista delle   FREQUENZE TV DI PESCARA , con l'aggiornamento della nuova composizione dei mux digitali
di EUROPA 7 HD sul canale 8 dalla Majella, e del TIMB 2 sul canale 34 da San Silvestro e sul canale 39 dalla Majella.
Cambiamento anche di un canale analogico, sul canale 53 dalla Majella non è più presente RETECAPRI ma l'altra emittente
del gruppo, di sole televendite, CAPRI STORE.


 16 OTTOBRE 2010 - Sabato 

Ore 00.10 - DIGITALE TERRESTRE: CORECOM ABRUZZO INCONTRA EDITORI E DIRETTORI TV REGIONALI.
                 Da Newslinet.
Lunedì 18 ottobre 2010, a Pescara, presso la sede del Consiglio regionale di Piazza Unione (III piano), è previsto un
incontro tra il presidente del Corecom Abruzzo, Filippo Lucci, e i rappresentanti delle aziende televisive abruzzesi.
L’obiettivo è raccogliere problematiche, criticità ed iniziative intraprese dall’emittenti private abruzzesi in vista
del passaggio al digitale terrestre. A margine della riunione, alle ore 16,30, il Presidente del Corecom, Filippo Lucci,
ha convocato una conferenza stampa nel corso della quale presenterà le iniziative intraprese per agevolare
l’introduzione del digitale terrestre nel sistema televisivo abruzzese. Parteciperanno il Presidente del Consiglio
regionale, Nazario Pagano, il Presidente dell’Ordine dei giornalisti, Stefano Pallotta, e il Presidente della FNSI Abruzzo,
Ludovico Petrarca.

http://www.newslinet.it/notizie/digitale-terrestre-corecom-abruzzo-incontra-editori-e-direttori-tv-regionali


 05 OTTOBRE 2010 - Martedì 

Ore 00.20 - "EUROPA 7 HD" ARRIVA IN ABRUZZO CON DUE NUOVE ACCENSIONI.
Ch.08 mux EUROPA 7 HD:
Dopo Roma prosegue l'accensione di nuovi segnali del mux in DVB-T2 di EUROPA 7 HD.
Il canale 08 è stato attivato in due postazioni d'Abruzzo, dalla Majella con la copertura di tutta la fascia
adriatica abruzzese e molisana e da Monte Cimarani con la copertura di Avezzano e di tutta la Marsica.
                 In entrambe le postazioni utilizza gli impianti dell'emittente ATV7, che fa parte della stessa proprietà.
                 Da segnalare che dalla Majella mai nessun segnale è stato acceso in banda Vhf e pertanto il 100% degli
                 impianti che ricevono da quella postazione non sono dotati dell'antenna necessaria per quella banda
                 televisiva. Riuscirà Europa 7 HD a farsi notare in queste zone e a vendere i suoi decoder esclusivi ?
                 Chissà... il tempo forse ce lo dirà.
                 Aggiornata la lista delle frequenze TV a
  PESCARA  e  CHIETI .


 20 SETTEMBRE 2010 - Lunedì 

Ore 23.20 - ELETTROSMOG PESCARA: RIPETITORI IN MARE... SARA' UN FALLIMENTO ?
                 Da Newslinet e Primadanoi.
Dal sito di www.Newslinet.it si leggono due commenti riguardanti lo spostamento dei ripetitori di San Silvestro
a Pescara su una pattiaforma in mare, scritti da un esperto in materia, il pescarese Enzo Appignani.
Secondo il suo parere questa delocalizzazione in mare è alquanto dannosa e sarà sicuramente un fallimento.
Qui di seguito i testi integrali che potete leggere anche cliccalndo il link seguente: 

http://www.newslinet.it/notizie/elettrosmog-abruzzo-delocalizzazione-postazione-san-silvestro-pe

San Silvestro (I° commento personale)
Inserito da Vincenzo Appignani. Ven, 17/09/2010 - 21:03:
Primo commento personale: raramente ho letto un mare di idiozie così clamorose come questa della delocalizzazione degli impianti dal sito
di San Silvestro operante sin dal 1954 quando ancora non c'era l'abusivismo edilizio che ha poi contraddistinto l'area collinare sud pescarese
negli anni 70 e successivi. A parte il problema alimentazione elettrica dei tralicci che trovo secondario, il primo problema è che tutti gli impianti
saranno corrosi ogni 3 mesi dalla salsedine e dalle intemperie. già immagino tecnici e/o editori radiotv con pattini, pedalò, pilotine, ecc. andare a
riaccendere o a sostituire i dipoli o le direttive iperarrugginite col mare forza 7... Il problema delocalizzazione antenne si risolve alzandole.
Torino ed Ancona i cui siti sono notevolmente più freqentati da antenne hanno risolto e stanno costruendo torri da 140 metri. Perchè Ancona e
Torino sì e Pescara no? Le emittenti si sono costituite in consorzi. Esiste il progetto di una torre alta 140 metri su un'area verde di San Silvestro
che illuminerebbe da Vasto a San Benedetto del Tronto. La torre renderebbe nulli le emissioni 6 volt/metro che oggi sono l'aspetto negativo
del problema, fermo restando che non è stata sancita da nessun organismo scientifico l'equazione inquinamento elettromagnetico malattie
(cancro, leucemie, ecc) visto che uno studio a Conversano (Bari) non ha dimostrato questo nesso. Evidentemente il progetto del tecnico Scalpelli
non piacerà a qualcuno, ma è ovvio che la delocalizzazione in mare sia una gigantesca boutade e la figura che faranno coloro
(leggi i politici di centrodestra) che oggi promettono ciò (e che ho votato) sarà davvero deleteria con perdita di credibilità epocale.
Saluti a tutti,
Enzo Appignani

San Silvestro (II° commento personale)
Inserito da Vincenzo Appignani. Ven, 17/09/2010 - 21:06.
Secondo commento personale, email inviata ai funzionari Iris Flacco e Andrea Alessandrini del competente servizio della Regione Abruzzo
in data odierna alle ore 10,55:
Gent.mi Sigg. Flacco ed Alessandrini buongiorno, mi chiamo Enzo Appignani e, come potete immaginare
dal mio cognome (pescarese), sono un esperto di materia radiofonica nonostante la mia (giovane) età (45 anni) oltre che conduttore -
presentatore radiotelevisivo. Sui più importanti siti d'informazione tecnologica dedicati al mondo della radiotelevisione si parla di questo
studio effettuato da tale Dr. Fabio Graziosi del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'Informazione dell'Università dell'Aquila con la
partnership della Regione Abruzzo. Dopo aver scorso tutte e 65 le pagine del documento ed averne apprezzato vari errori è evidente
come la realtà differisca enormemente dalle teorie enunciate. Questo studio nei fatti è abbastanza ridicolo sebbene tecnicamente
ineccepibile o quasi. Per risolvere definitivamente il problema dei 6 v/m è sufficiente alzare il tx delle antenne con la costruzione di torri che
è la soluzione che i Comuni di Torino ed Ancona hanno deciso di intraprendere, primi in Italia, creando dei consorzi con le Emittenti.
I siti di Torino (Eremo e Colle della Maddalena) ed Ancona (Sirolo - Conero) sono molto più "popolosi" di tralicci rispetto ai vari siti esistenti
 nell'area di Pescara San Silvestro.
L'idea della piattaforma è stata già sperimentata all'estero e se ne è già sperimentato anche il fallimento.
Perchè quindi proporla qui? Esiste un progetto di una torre alta 140 metri del tecnico Scalpelli da costruire in un'area non abitata in San Silvestro
che per motivi a me sconosciuti non è stato preso in considerazione. Giova inoltre ricordare che il sito di San Silvestro è nato tale nel lontano
1954 (RAI) e che le prime antenne (locali) sono sorte prima delle case e dell'abusivismo edilizio che ha interessato la predetta area
(1974 e seguenti). Lo studio oltre a non considerare adeguatamente le interferenze provenienti dalla Croazia in primis
(conosce il fenomeno della propagazione il Dr. Fabio Graziosi?), segnale che il Professore si è preso la briga di ascoltare la banda FM con una
radio dotata di filtri, non tiene in conto che le apparecchiature trasmittenti poste su una ipotetica piattaforma al largo della costa pescarese si
vadano ad arrugginire con una media di 3/6 mesi comportando costi di manutenzione elevatissimi per sostituzione dipoli, direttive, cavi, ecc.
 per tacer della oggettiva difficoltà per raggiungerla in casi di interventi tecnici ostacolati dalle avverse condizioni climatiche.
Scherzando scrivo che se non altro non ci saranno più interruzioni di segnale causate da topi ingordi di cavi elettrici che poi restano fulminati...
 sugli impianti in mare si schianteranno gabbiani ed altre varie razze di volatili: una bella differenza, vero? Per tacer del fatto,
infine, che detta idea che sta avendo una larga eco che già si sa che sarà irrealizzabile sarà un boomerang clamoroso per coloro che stanno
sponsorizzando politicamente questa idea. Sarebbe molto più coerente parlare concretamente della torre che risolverebbe gli annosi problemi
che leggiamo sterilmente da vari anni e che andrebbe ad illuminare tutto il litorale adriatico da Vasto fino a San Benedetto del Tronto.
Con la speranza la lettura della presente email non Vi abbia troppo tediato e faccia ragionare qualcuno con una nuova "luce" mi è gradita
l'occasione per porgere cordiali saluti.

Enzo Appignani fa riferimento ad un altro progetto, una torre di cemento alta 175 metri da realizzarsi sempre
in località San Silvestro e commissionata per la realizzazione alla Fin.Sert di Franco Scalpelli.
Ma questo progetto era stato già bocciato dal consiglio regionale abruzzese nel luglio del 2009.
Vi riportiamo qui sotto la notizia che era stata pubblicata sul sito www.primadanoi.it

http://www.primadanoi.it/notizie/21819-Antenne-No-del-consiglio-regionale-alla-maxi-torre-a-San-Silvestro

Antenne. No del consiglio regionale alla maxi-torre a San Silvestro.
SAN SILVESTRO. Il consiglio regionale di ieri ha approvato un emendamento di Maurizio Acerbo, Rifondazione Comunista, che prevede il divieto
della realizzazione di una torre che abbia l'obiettivo della permanenza in località San Silvestro degli impianti discussi di trasmissione radio-tv.
La struttura, più precisamente un un manufatto dell'altezza di circa 175 metri, avrebbe senza dubbio rappresentato un nuovo ostacolo
per il paesaggio urbano e modificato lo skyline. A favore del provvedimento si sono schierati anche i consiglieri Saia, Sospiri, Federica Chiavaroli,
Verì e Sclocco. Secondo il progetto, discutibile per impatto ambientale e conseguenze sulla salute dei residenti che da anni protestano per
la presenza di ripetitori ed antenne, la maxi-torre in cemento avrebbe dovuto accogliere gli impianti delle emittenti radio-tv che al momento
sono dislocate sui terreni. L'immensa struttura era stata “commissionata” alla Fin.Sert da tutte quelle emittenti private costrette dalla regione
Abruzzo e dalle ultime sentenze del Tar a ridurre l'inquinamento elettromagnetico. Il provvedimento sul divieto di costruzione della maxi-torre
votato dalla maggioranza dei consiglieri, inevitabilmente, causerà non poche polemiche in quanto sia l'Arta e sia il Ministero delle Comunicazioni
erano favorevoli alla realizzazione del progetto. Sullo stesso l'amministratore delegato della Fin.Sert, Franco Scalpelli, aveva tranquillizzato
i residenti sulla pericolosità della super torre ed i possibili effetti negativi sulla salute degli individui. Scalpelli, inoltre, avrebbe sottolineato
il parere favorevole alla maxi-torre da parte di buona parte del comitato anti-antenne visto e considerato, a parer suo, che la sola trasmissione
orizzontale del segnale ad una altezza di oltre 150 metri avrebbe azzerato l'attuale inquinamento elettromagnetico.
Una costruzione forse oggi anche superflua poiché secondo le ultime disposizioni le antenne andrebbero dislocate in altri siti (per esempio
nei pressi di Bussi). Sul problema però è accesa una feroce battaglia tra le emittenti e gli enti locali. Anche una inchiesta della procura della
Repubblica avrebbe evidenziato irregolarità nella gestione amministrativa del problema. 22/07/2009 10.35



 15 SETTEMBRE 2010 - Mercoledì 

Ore 23.00 - ELETTROSMOG PESCARA: DELOCALIZZAZIONE DELLA POSTAZIONE DI SAN SILVESTRO.
                 Da Newslinet.
Sono stai pubblicati sul sito www.newslinet.it ancora due articoli riguardanti lo spostamento della postazione
di San Silvestro su una piattaforma in mare.
Elettrosmog, Abruzzo: grande interesse per la soluzione offshore della Regione per risolvere il problema di San Silvestro (Pe)
Elettrosmog, Abruzzo: delocalizzazione postazione San Silvestro (Pe) sul mare. Ecco lo studio di fattibilità della Regione.
Con un interessante pdf che illustra in dettaglio lo studio di fattibilità per la delocalizzazione degli impianti.
Lo potete scaricare nel link seguente:
http://www.planetmedia.it/san_silvestro_studio_delocalizzazione.pdf

Ore 00.10 - PESCARA: ANCORA SUI RIPETITORI DA SPOSTARE IN MARE.
                
Da Il Centro.
Ecco un articolo consultabile sul sito del giornale abruzzese "Il Centro" che tratta la vicenda dello spostamento
di tutti ripetitori di San Silvestro su una piattaforma in mare a largo di Pescara.
http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2010/09/14/news/san-silvestro-arriva-il-si


 14 SETTEMBRE 2010 - Martedì 

Ore 22.35 - LE TV SINTONIZZABILI NELLA PIANA DEL CAVALIERE.
                
Relizzata la lista delle frequenze tv sintonizzabili a Carsoli e nei pasei limitrofi della Piana del Cavaliere
                 in provincia de L'Aquila. La puoi consultare cliccando sul link delle
  FREQUENZE TV CARSOLI .
                     Puoi inviare novità, aggiornamenti e correnzioni scrivendomi un email. Vai alla pagina dei   CONTATTI .


Ore 19.00 - REGIONE ABRUZZO: OK ALLA PIATTAFORMA IN MARE PER I RIPETITORI DI SAN SILVESTRO.
                
Da Newslinet.
L'esecutivo regionale ha deliberato la delocalizzazione degli impianti di radiodiffusione sonora e televisiva
dall'attuale postazione in San Silvestro, colle di Pescara, ad una piattaforma offshore, prospiciente la costa abruzzese,
all'altezza del capoluogo adriatico. La proposta tecnica, elaborata dall'Universita' dell'Aquila, costituira' ''argomento
di confronto con il Ministero dello Sviluppo economico''. Il primo incontro e' gia' fissato per questa settimana,
 anche alla presenza del sindaco di Pescara. L'ufficialita' della decisione e' arrivata dal Presidente della Giunta
regionale d'Abruzzo, Gianni Chiodi, che ha cosi' commentato: ''Per la prima volta la Regione Abruzzo assume
una posizione ufficiale e coraggiosa sulle questioni legate alla protezione delle popolazioni dalle esposizioni ai campi
elettromagnetici, proponendo una soluzione alternativa, validata da argomentazioni scientifiche''.
Secondo il Presidente, la soluzione della Regione Abruzzo al problema dell'inquinamento elettromagnetico in contesti
altamente urbanizzati, come quelli costieri, potra' rappresentare un valido modello replicabile, atteso che il progetto,
anticipato in una riunione con le regioni adriatiche e transfrontaliere ''ha suscitato enorme interesse''.
 ''La collaborazione proficua con l'Universita' dell'Aquila, testimoniata una volta di piu' dalla elaborazione di questo
studio di fattibilita' per la delocalizzazione dei siti di broadcasting congestionati - ha aggiunto Chiodi -
rappresenta un viatico strategico per cercare strade innovative e soluzioni ad elevato standard tecnologico,
allo scopo di migliorare la qualita' della vita dei nostri concittadini''. Lo studio, dal punto di vista radioelettrico,
appare compatibile con il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, anche in considerazione del passaggio
dal sistema analogico a quello digitale.

http://www.newslinet.it/notizie/elettrosmog-abruzzo-regione-ok


 13 SETTEMBRE 2010 - Lunedì 

Ore 12.35 - PESCARA: I RIPETITORI DI SAN SILVESTRO SPOSTATI IN MARE ?
                     Da Newslinet.
Oggi la Giunta Regionale Abruzzese si pronuncera' sull'annoso problema della delocalizzazione delle antenne
di San Silvestro a Pescara.

Il presidente della Regione, Gianni Chiodi, proporra' in Giunta l'adozione della delibera che prevede,
attraverso il recepimento di uno studio di fattibilita', di spostare gli impianti su una piattaforma offshore
antistante la costa abruzzese, all'altezza di Pescara.

http://www.newslinet.it/notizie/elettrosmog-abruzzo


11 SETTEMBRE 2010 - Sabato 

Ore 22.10 - "TELE A" SPENTO A TERAMO.
Ch.35 - TELE A:
Da qualche mese il canale 35 uhf analogico che irradia il segnale di TELE A per Teramo
da Colle Izzone è spento. Nonostante codesta emittente sia stata avvisata del problema non si capisce
perchè ancora non hanno provveduto.
Aggiornata la lista delle  FREQUENZE TV TERAMO .


 
07 SETTEMBRE 2010 - Martedì 


Ore 23.55 -
TV6 SPORT, ECCO UN'IMMAGINE.


Domenica scorsa TVQ, ha trasmesso un programma sportivo di TV6 SPORT.
Ricordiamo che TV6 ha digitalizzato il proprio impianto da San Silvestro sul canale 26,
facendo partire in concomitanza tre nuovi canali denominati TV6 News, Sport e Live.



Ore 23.40 - TV ATRI CON SOVRAIMPRESSIONE.

TV ATRI
,
l'emittente comunitaria della cittadina teramana, in alcuni orari trasmette inserendo
in sovraimpressione il numero telefonico e il fax della sede.



  01 SETTEMBRE 2010 - Mercoledì 

Ore 12.55 - RICORDI CON "TVQ STORY".
                      a cura di RICCARDO GAFFOGLIO

Abbiamo parlato del probabile abbandono della ripetizione di Europa7 da parte di TVQ,
anche nella giornata odierna non si sono visti programmi marchiati con il logo citato.
Seguendo la programmazione di TVQ e come detto anche qualche giorno fa dall'amico Andrea,
ogni tanto fa capolino un programma chiamato "TVQ Story",
ovvero anche le teche di TVQ hanno qualcosa da dire.
Se è vero che d'estate le repliche e la poca originalità dei palinsesti che ci propinano i canali nazionali portano alla
riproposizione continua e in blocco dei programmi e delle fiction invernali, osserviamo che uno dei programmi più seguiti
ed apprezzati in termini di ascolti di questa estate sia DADADA, un originale collage a tema montato con gusto, ironia e
senso logico dell'argomento trattato, in onda la sera dopo il TG1 delle 20 nella fascia di acces prime time.
Gli autori di DADADA hanno avuto la capacità di creare un programma originale e pertanto assolutamente nuovo:
insomma si è reso attuale un prodotto di magazzino attraverso un montaggio originale, prendendo brevi blocchi e
rendendoli ritmati e veloci.
Anche TVQ Story mi ha lasciato sorpreso perchè oltre a proporre brani di programmi che hanno costruito l'immagine
della tv locale, alterna cartoni animati, programmi che furono di attualità e costume negli anni 80.
E i contenuti ci sono, non sono affatto scarsi anzi sono decisamente originali, meglio forse di quelli attuali che non ci sono
più. Come dire: oggi (sigh) siamo così, ma guardate che cosa eravamo riusciti a fare...



 
   ARCHIVIO NEWS D'ABRUZZO